Collegati con noi

Cultura

La Settimana Santa: riti, tradizioni, processioni e penitenze nel Sud Italia

Avatar

Pubblicato

del

È la settimana Santa, dopo la Pasqua con il Lunedi in Albis c’è la tradizione della gita fuori porta, della scampagnata o del pic-nic con gli avanzi del pranzo di Pasqua, che segue il giovedì con la classica zuppa di cozze e il venerdi rigorosamente magro, il sabato invece è preparatorio del pranzo Pasquale.

Queste giornate non sono solo scandite dalle portate a tavola, anzi, queste sono giornate di riti di penitenza e sacrificio.

Oggi vogliamo accompagnarvi in alcune delle processioni del sud Italia, quelle che coinvolgono tutta la popolazioni dei paesi che le ospitano e sono il frutto di una preparazione lunga l’intero anno.

Cominciamo con il Giovedi Santo di Verbicaro e il rito dei “Vattienti”, in questo paese nel Parco del Pollino i Battenti, si riuniscono verso le ore 22,00 e partono per la loro penitenza da una cantina, detto catuoio, insieme ad amici, strofinandosi le gambe con un panno di lana ruvido e schiaffeggiandole per far affluire il sangue più facilmente. Durante il tragitto si colpiscono violentemente le gambe con il “cardidd”: un tappo di sughero nel quale vengono conficcate schegge di vetro sottilissime, in numero dispari, ricavate da bottiglie rotte e tenute ferme da uno strato di cera d’api.

Il rito va avanti fino all’ uscita della processione che in genere è alle ore 3,00.

Possiamo poi spostarci a Nocera Terinese, dove altri “Vattienti” si battono, questa volta sui polpacci la sera del Venerdi Santo e la mattina del Sabato alla ricerca dell’Addolorata che è in processione durante la loro penitenza.

Penitenti anche a Taranto, nella città portuale, alla mezzanotte del Giovedi Santo, appena scocca il Venerdi inizia il Pellegrinaggio della Beata Vergine dell’Addolorata, poi il Venerdi si potrà assistere alla processione dei Misteri organizzata dalla Confraternita di Maria SS. Del Carmine. L’abito di rito dei confratelli chiamati i “Pappamusci” è composto dal camice bianco, una cinta nera, il rosario, lo scapolare ( simbolo distintivo dei devoti della Vergine del Carmine), la mozzetta di color crema, il cappello nero bordato di azzurro calato sulle spalle e il cappuccio bianco calato sul volto. Tutti i confratelli in abito di rito camminano rigorosamente scalzi. Questa processione ercorre il solo centro cittadino e dura complessivamente 15 ore.

Piu’ vicini a noi sono le processioni di Sorrento e Procida, quella, anzi, quelle di Sorrento sono due, una dei Bianchi e l’altra dei Neri, attraversano le strade della perla della costiera entrambe prendono il nome dal colore del saio indossato dagli incappucciati. La processione “Bianca”, organizzata dalla Venerabile Arciconfraternita di S. Monica con sede nella Chiesa della SS. Annunziata, percorre le vie del centro storico nella notte tra il Giovedì e il Venerdì Santo. Nella tradizione popolare rappresenta il peregrinare della Vergine alla ricerca del Figlio, tradito, arrestato e condannato alla morte in croce. La processione di Procida con i suoi carri dei Misteri all’alba del Venerdi Santo sveglia gli ultimi assonnati dell’isola con il rituale suono delle trombe che intonano pochissime note a ricordare la morte del Cristo velato che esce dall’alto di Terre Murate per sfilare fino al porto.

Tornando in Puglia sempre il Venerdi santo, sfilano con pesantissime croci sulle spalle i penitenti con il saio rosso di Francavilla Fontana, paese del Golfo di Taranto precedendo un Cristo ligneo deposto dalla croce.

Uno Stabat Mater cantato da oltre 360 donne rigorosamente in nero invece lo ascoltiamo durante la processione della Desolata del Sabato Santo a Canosa di Puglia, qui le penitenti sono soltanto donne, ma condotte nel loro canto da un direttore uomo.

Dopo il Sabato c’e’ la Pasqua, con le tante piccole processioni parrocchiali dove la Madonna esce e ritrova il suo Cristo Risorto, in un tripudio di fiori e fuochi d’artificio.

E’ solo il Lunedi, al Santuario della Madonna dell’Arco a Santa Anastasia che i riti penitenziali trovano il loro finale con l’arrivo al Santuario dei Fujenti, penitenti da tutta la Campania che arrivano scalzi e a passo veloce a dimostrare la loro devozione, a volte anche con crisi che rasentano l’isteria, alla icona di una Madonna dal volto tumefatto che sanguinò dopo essere stato colpito dai suoi aguzzini.

 

 

Fotogiornalista da 35 anni, collabora con i maggiori quotidiani e periodici italiani. Ha raccontato con le immagini la caduta del muro di Berlino, Albania, Nicaragua, Palestina, Iraq, Libano, Israele, Afghanistan e Kosovo e tutti i maggiori eventi sul suolo nazionale lavorando per agenzie prestigiose come la Reuters e l’ Agence France Presse, Fondatore nel 1991 della agenzia Controluce, oggi è socio fondatore di KONTROLAB Service, una delle piu’ accreditate associazioni fotografi professionisti del panorama editoriale nazionale e internazionale, attiva in tutto il Sud Italia e presente sulla piattaforma GETTY IMAGES. Docente a contratto presso l’Accademia delle Belle Arti di Napoli., ha corsi anche presso la Scuola di Giornalismo dell’ Università Suor Orsola Benincasa e presso l’Istituto ILAS di Napoli. Attualmente oltre alle curatele di mostre fotografiche e l’organizzazione di convegni sulla fotografia è attivo nelle riprese fotografiche inerenti i backstage di importanti mostre d’arte tra le quali gli “Ospiti illustri” di Gallerie d’Italia/Palazzo Zevallos, Leonardo, Picasso, Antonello da Messina, Robert Mapplethorpe “Coreografia per una mostra” al Museo Madre di Napoli, Diario Persiano e Evidence, documentate per l’Istituto Garuzzo per le Arti Visive, rispettivamente alla Castiglia di Saluzzo e Castel Sant’Elmo a Napoli. Cura le rubriche Galleria e Pixel del quotidiano on-line Juorno.it E’ stato tra i vincitori del Nikon Photo Contest International. Ha pubblicato su tutti i maggiori quotidiani e magazines del mondo, ha all’attivo diverse pubblicazioni editoriali collettive e due libri personali, “Chetor Asti? “, dove racconta il desiderio di normalità delle popolazioni afghane in balia delle guerre e “IMMAGINI RITUALI. Penitenza e Passioni: scorci del sud Italia” che esplora le tradizioni della settimana Santa, primo volume di una ricerca sui riti tradizionali dell’Italia meridionale e insulare.

Advertisement

Cultura

Fotografia artistica e artisti fotografi, seconda tappa del tour nel mondo della bellezza e della foto di Napoli

Avatar

Pubblicato

del

 

Il complicato esordio della fotografia che rispose con i ritratti modificando il carattere dell’arte

Il rifugio dei pittori falliti, quello che Baudelaire spietatamente attestava in merito alla fotografia, ritenuta una contumelia prontamente rintuzzata dalle gesta, dalle dichiarazioni e prima di tutto dalle immagini di Nadar, compresa quella del ritratto che gli fece nel suo studio di Parigi, fino ad oggi non ha tangibilmente trovato un strada o un viale dove eleggere la residenza. D’altronde, anche se potessero essere condivisibili alcune argomentazioni, come il disprezzo del suo legame con la società industriale (in definitiva si usa un apparecchio) e l’arte non presuppone che debba avere legami con l’industria, allora non si capisce il perché i pittori possano usare pennelli, tele, colori e cingere le loro opere in cornici di qualsiasi foggia e materiale e non siano rimasti alle dita immerse nei fanghi o addirittura nel sangue per dipingere rigorosamente pareti di caverne.

La fotografia dai suoi albori ha dimostrato si di poter riprendere perfettamente la realtà, ma anche di saper ritrarre i soggetti nella loro pienezza espressiva o illustrare il pensiero creativo del fotografo.

Proprio per questo, Benjamin, non si poneva il problema se la fotografia fosse o meno arte, ma ben più giustamente si interrogava sul fatto che la fotografia, questo artifizio meccanico, non avesse, con la sua forza e le sue caratteristiche, modificato il carattere complessivo dell’arte.

Ed è proprio di Fotografia Artistica ed Autoriale, che questa seconda tappa napoletana tenterà di affrontare cercando di esplorare le varie tendenze e i vari campi di intervento che animano questo settore della fotografia.

Non ce ne vogliano gli storici, o chi giustamente segue la storiografia e le sequenze cronologiche, ma non partiremo dai primi fotografi/artisti napoletani, che pure ad inizio secolo erano presenti sia sulla scena cittadina che quella nazionale, ma crediamo che l’arte non abbia una conseguenzialità scandita dal tempo ma dalle coscienze e dalle sensazioni. Allora partiremo dal contemporaneo, con uno degli artisti fotografici più conosciuti al mondo, il maestro Mimmo Jodice, che per tutta la vita, ma continua ancora a farlo, si è speso, anche in tempi non semplici, affinchè  si definisse il fotografo soggetto degno del rispetto che si deve tributare ai professionisti, agli artisti agli autori, creando fotografie irripetibili sia per la ricerca del perfetto che per la cura prodigata in essa, partendo dai momenti di preparazione dello scatto alla fruizione dell’opera impaginata.

Fotografi-Artisti, Artisti-Fotografi  

Fotografi artisti o artisti che usano la fotografia, non siamo solo noi utenti a chiedercelo, ma prima di tutto lo sono loro, tutti gli autori che comunicano le loro sensazioni con un apparecchio fotografico, quindi non ci addentreremo su questo sentiero semantico legato alle definizioni, ma tenteremo di illustrare il vivacissimo movimento che anima la città e che riesce a creare linguaggi fotografici inesplorati come fa Antonio Biasiucci che  con le sue opere ci ha abituato all’introspezione e alla scoperta della luce che si abbatte sugli elementi creando visioni a noi sconosciute e Raffaela Mariniello che nelle sue esplorazioni nel mondo reale e in quello artificiale, con la sua particolare visione ci ha raccontato aspetti che abbiamo poi interiorizzato e fatto nostri. La fotografia come arte, intesa come libera espressione e creazione di sogni sensazioni e stati d’animo a Napoli è sempre stata abbracciata  con grande  amore per il mezzo, ma anche per il grande bagaglio artistico/culturale che la città nelle sue mille sfaccettature offre. Pur mancando di un grande sistema museale e galleristico dedicato alla fotografia, escluso pochi luoghi tra i quali la galleria PrimoPiano e Kromia Photo Art Gallery, oggi si registra in città una tendenza che spinge alla valorizzazione dei giovani artisti che si cimentano in questo particolare settore. Questa tendenza è cominciata da tempo, ma un forte impulso è stato sicuramente l’istituzione dal oltre 10 anni del corso di fotografia come Linguaggio d’Arte istituito all’interno del Biennio Specialistico in Fotografia presso l’Accademia di Belle Arti di Napoli e fortemente voluto e creato da Fabio Donato, artista fotografo tra i più noti della città.  Accademia di Belle Arti che non poteva non formare e “sfornare” autori fotografici, come Barbara La Ragione, Ivan Piano, Susy d’Urzo, Paola di Domenico, Neal Peruffo, Myriam Altomonte e molti altri, tutti inseriti nei circuiti delle gallerie  locali e nazionali. Tantissimi sono gli autori Napoletani che nel tempo hanno conquistato posti nelle  collezioni in giro per l’Italia e nel mondo, e molti stanno ripercorrendo queste strade oggi. Libri, mostre, esposizioni, permanenti o temporanee, collettive o personali, dagli anni ottanta e novanta  ricordiamo Augusto de Luca, con le sue cromaticità e le sue polaroid di influenza americana intervallate dai ritratti della Napoli artistica e imprenditoriale di quegli anni, Sergio Riccio attivo ancora oggi con le sue mostre e pubblicazioni raffinate che ci raccontano Napoli e le sue luci.  Qual è     il discrimine, la differenza, quella sottile linea che delimita e determina un settore fotografico commerciale dal settore fotografico artistico, ne abbiamo accennato all’inizio, con le parole di Baudelaire che riteneva improponibile qualsiasi il rapporto con l’industria, sia dal punto di vista meccanico che di accondiscendenza ai suoi dettami. Quindi, se riteniamo che la vendita di fotografia o la creazione di esse siano atti meramente commerciali, anche se operati da autori affermati, possiamo affermare  che il fotografo/artista o l’artista/fotografo crei esclusivamente le sue opere assolutamente senza committenza e seguendo soltanto il proprio desiderio di imprimere su pellicola o attraverso l’obiettivo il suo pensiero. Ed è cosi che tanti fotografi operano, immergendosi, poi, nel mercato, molto ostico, dell’arte. Cosi si è sempre operato e cosi operano oggi i giovani autori Napoletani che tanta strada stanno facendo nella ricerca della loro identità e del loro segno.

Una città che ha sempre accolto per sviluppare la propria cultura

Ilaria Abbiento, con le sue “Corrispondenze” e le ricerche Mediterranee che la portano anche su coste lontane, ma sempre bagnate dal mare,  Cristina Cusani e Chiara Arturo, che a volte  dividono progetti che sviluppano a quattro mani e due fotocamere, Chiara Coccorese con le sue oniriche ricostruzioni care allo scrittore Jonathan Coe, Francesco Ciotola, che cura  anche un piccolo spazio dedicato alla foto d’arte,  Valentina de Rosa,  Vincenzo Pagliuca, Valerio Polici, Pasquale Autiero, Ivana Fabbricino e tutti gli altri partecipanti ai  laboratori Irregolari che Biasiucci  tiene da 3 edizioni. Tra i protagonisti più  attivi troviamo Massimo Pastore,  che con le sue opere a forte impegno sociale attraversa da sud a nord la nazione proiettato in contesti europei per la forza con la quale affronta temi d’attualità.  Una città che da sempre è fonte di  ispirazione e che  da sempre attrae anche artisti e autori stranieri, fino a adottarli e renderli cittadini nel suo ventre, che è sempre inclusivo e accoggliente. Fotografi come Alain Volut negli anni novanta e oggi Salvino Campos e Martine Devrient, Ana Gloria Salvia, Arash Radpour, questi ultimi due si spingono anche  nelle performance e nella scultura. Seguendo sempre quella sottilissima linea che separa e identifica il fotografo/artista e il fotografo autore, linea pronta a scomparire improvvisamente, la vivacità culturale e sociale napoletana fornisce spunti di eccellenza sia individuali che collettivi. Nella ricerca si sperimentano e si trovano nuovi spunti di comunicazione e tanti autori, anche partiti da altri settori della fotografia,  continuano a perfezionare i loro linguaggi, come Salvatore Esposito  o Adelaide di Nunzio, Claudio Morelli e Monica Biancardi,  questi ultimi tre potremmo definirli cervelli in fuga, vista la loro scelta di voler vivere in altre città, ma sempre legatissimi a Napoli che rivedono tante volte all’anno.  Scelta inversa operata  da Yvonne de Rosa, che dopo un lungo soggiorno all’estero ed im particolare a Londra, dove si è formata al suo ritorno in città ha   fondato Magazzini Fotografici, uno spazio dedicato interamente alla fotografia e al suo indotto.

E dalle istituzioni si aspettano più strumenti per tutta la Fotografia

Una ricerca e autorialità che in città affonda le radici nel antico passato, ma anche in quello piu’ prossimo, negli anni ’80, proprio in uno spazio che si chiamava Ricerca Aperta, gestito dal compianto Gianni Rollin e poi da Lucia Patalano, fotografa autrice di rara classe  e sensibilità, tanti sono stati i giovani autori che si sono cimentati e “testato” i loro lavori e il loro talento. Possiamo definirle   investigazioni autoriali perseguite  anche da Pacifico Mazzella con i suoi interventi pittorici sulle stampe fotografiche, ma più noto per la sua foto del baciamano al senatore Antonio Gava in pieno periodo di Tangetopoli. Marina Arlotta, che dalla fotografia di architettura, spaziava per le sue composizioni e studi sul corpo. E poi, Teodoro Bonavita, Franco Tanasi e Libero de Cunzo, diviso tra ricerca e fotografia d’ambiente, come Luciano Romano, che tra  architettura e foto delle produzioni del Teatro San Carlo di Napoli riesce a concentrare la sua attenzione anche sulla ricerca del proprio linguaggio ed uguale  percorso affronta Barbara Jodice dividendosi tra le sue riprese di meravigliose opere d’arte e  l’ esercizio del suo lessico. Autorialità, che negli anni ’80, con il non dimenticato Sergio Castellano, ci invitava  ad osservare la città dall’alto, leggendole un anima che oggi, anche  i droni di ultima generazione  non potranno mai restituire. Arte, autorialità, ricerca, lessici fotografici, pare si fondano nei lavori di Cesare Accetta, che ha attraversato tanti linguaggi fotografici, dal teatro alla comunicazione, dalle sale di posa alla documentazione musicale e di arte, ma sempre come attento, appassionato e “ossessionato” indagatore della luce che lo ha portato a diventare uno dei più affermati direttori della fotografia del cinema e del teatro italiano. Benché come accennato in apertura, Napoli non sia all’avanguardia nella valorizzazione e promozione dei suoi artisti/autori/fotografici, per la atavica mancanza di posti deputati alla fotografia, da queste due iniziali tappe di questo tour, si può evincere quanto sia enorme il bacino e la vivacità dei fotografi napoletani e mi  scusino gli autori/artisti/fotografi del primo novecento e della prima metà del secolo scorso, per non averli citati o ricordati, ma lo spazio di un articolo non può essere identico a quello di una ricerca scientifica che voglia essere tale, lascerò volentieri questa analisi e studio come  priorità delle  istituzioni,  affinché possano in tal modo rendersi conto della vitalità del movimento fotografico napoletano e riuscire a fornirgli gli strumenti o almeno potenziare realmente quelli già esistenti che con sforzi enormi e volontà individuali riescono ancora a resistere, riuscendo in quello che  altre e ben più attente amministrazioni cittadine sono state in grado di programmare e costruire.

Continua a leggere

Cultura

“Eau de Ancient Egypt”, ricreato in laboratorio il profumo di Cleopatra: è una essenza di mirra e cardamomo

amministratore

Pubblicato

del

Nessuno saprà mai se Cleopatra, ultima sovrana d’Egitto, fosse davvero bellissima come vuole la leggenda, ma oggi possiamo conoscere il suo profumo. Secondo quanto riportato dal sito dello Smithsonian, un team di esperti ha ricreato un’essenza dal fondo di una bottiglietta rinvenuta durante gli scavi. Per anni Robert Littman e Jay Silverstein, entrambi dell’Università delle Hawaii hanno scavato in un sito chiamato Tell-El Timai, l’antica città di Thmuis e terra natia di due dei profumi più conosciuti del mondo antico: Mendesian and Metopion. In pratica “Gli Chanel No.5” dei tempi di Cleopatra, ha commentato Littman in un’intervista ad Atlas Obscura .

Littman e Silverstein sono al lavoro sulla fragranza dal 2012, anno in cui, durante gli scavi, scoprirono quella che hanno ritenuto essere la casa di un mercante di profumi, con annesso il laboratorio contenente anfore e ampolle, alcune delle quali con dei residui di profumo. Sebbene le bottigliette non emanassero odore, gli scienziati sono riusciti a risalire ad alcuni ingredienti dalle analisi chimiche.

Con l’aiuto di due esperti di profumi dell’Antico Egitto, Dora Goldsmith e Sean Coughlin, i due archeologi hanno ricreato l’essenza, alla cui base c’è la mirra, una resina estratta da alberi spinosi tipici del Corno d’Africa e della penisola arabica. Altri ingredienti includono il cardamomo, l’olio d’oliva e la cannella. I profumi antichi tendevano a essere più collosi e appiccicosi sulla pelle, emanavano un odore più intenso e speziato, e addosso duravano di più rispetto a quelli moderni.

“Che emozione annusare l’odore di un profumo che nessuno ha più sentito per 2000 anni e che Cleopatra avrebbe potuto indossare”, ha commentato Littman. L’esperta di profumi Mandy Aftel, che nel 2005 ha contribuito a riprodurre un’essenza usata sulla mummia di un bambino, ritiene che la regina avesse la sua fabbrica di profumi per distinguersi dalle altre donne. E che quello che Littman e Silverstein hanno chiamato “Eau de Ancient Egypt” potrebbe essere davvero uno dei profumi della sovrana. La sua passione per le essenze era tale che, secondo una leggenda, Cleopatra cosparse le vele della nave reale con così tanto profumo che appena attraccò a Tarso Marco Antonio ‘fiutò’ il suo arrivo rimanendone stregato.

Di certo c’è solo che “Eau de Ancient Egypt” era un profumo speciale, indossato se non proprio da Cleopatra almeno dalle élite del mondo antico.

Continua a leggere

Cultura

I tesori di Pompei, dalla magnifica Regio V spunta la maschera che decorava una grondaia

Avatar

Pubblicato

del

Altri tesori emergono dalle viscere della terra di Pompei. Dalla Regio V, una delle più feconde di scoperte, dove è in corso da mesi una importante campagna di scavo è emersa una “gronda a forma di maschera dal compluvio di una casa della Regio V”, ha spiegato il professore Massimo Osanna, direttore generale degli Scavi. Osanna ha postato una foto sul suo profilo personale Instagram di questo oggetto bellissimo.

Altri tesori e segreti nascosti sotto la cenere della Regio V presto saranno svelati al mondo. Sono oggetti di grande valore artistico e scientifico  sotto il profilo storico che arrivano da dimore di pregio con preziose decorazioni sono emerse ridefinendo lo spazio urbano nella Regio V, grazie agli interventi di manutenzione e messa in sicurezza dei fronti di scavo finaziati dal “Grande Progetto Pompei”. Sono ritornate alla luce, integre dai lapilli e con diverse suppellettili, la casa con «Giardino», con il bel portico affrescato e gli ambienti decorati da vivaci megalografie, e la domus di «Giove», con le pitture in I stile e gli eccezionali mosaici pavimentali dalle raffigurazioni senza precedenti. Iscrizioni e ulteriori resti delle vittime hanno aggiunto inoltre dettagli alla storia dell’ eruzione e della città antica. Un’iscrizione a carboncino, in particolare, traccia tangibile di un momento di vita quotidiana, supporta la teoria che la data dell’ eruzione risalga all’ ottobre del 79 dopo Cristo e non al 24 agosto, come finora ritenuto.

Gli ultimi oggetti di valore scientifico sono quelli emersi dal tesoro della “fattucchiera” che preparava elisir d’amore per innamorati non corrisposti. Morbide ambre, lucidi cristalli, ametiste. Ma anche bottoni in osso, delicate fayence, scarabei dell’oriente, pettine in osso e tante altre cose. Amuleti, bamboline,  campanelle, una spiga di grano, un piccolo teschio, falli, pugni chiusi.

Decine di portafortuna accanto ad altri oggetti ai quali si attribuiva il potere di scacciare la malasorte. Le collane contenute nel piccolo forziere, certo bellissime ma non di grandissimo valore economico, sembrano quindi raccontare un’ altra storia, ancora più intrigante: Si potrebbe trattare, spiega Osanna, “di monili da indossare per occasioni rituali, più che per mostrarsi eleganti”.

 

 

Continua a leggere

In rilievo