Collegati con noi

Salute

La sai l’ultima? L’uso prolungato di cellulari non aumenta il rischio cancro: lo dice l’Istituto superiore di Sanità

Avatar

Pubblicato

del

Nuova assoluzione per i telefoni cellulari e rischio cancro, dopo vari studi che affermavano il contrario: l’uso prolungato dei telefoni cellulari, su un arco di 10 anni, “non è associato all’incremento del rischio di tumori maligni (glioma) o benigni (meningioma, neuroma acustico, tumori delle ghiandole salivari)”. E’ questa la conclusione del nuovo Rapporto Istisan ‘Esposizione a radiofrequenze e tumori’ curato da Istituto superiore di sanita’ (Iss), Arpa Piemonte, Enea e Cnr-Irea. I dati attuali, tuttavia, rileva lo studio, “non consentono valutazioni accurate del rischio dei tumori intracranici e mancano dati sugli effetti a lungo termine dell’uso del cellulare iniziato durante l’infanzia”. In base alle evidenze epidemiologiche attuali, spiegano i ricercatori, “l’uso del cellulare non risulta associato all’incidenza di neoplasie nelle aree piu’ esposte alle Radiofrequenze durante le chiamate vocali. La meta-analisi dei numerosi studi pubblicati nel periodo 1999-2017 non rileva, infatti, incrementi dei rischi”. Anche rispetto alla valutazione dell’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (Iarc) dell’Onu nel 2011 – che ha classificato le Radiofrequenze nel gruppo 2B (“possibili cancerogeni”) – le stime di rischio considerate in questa meta-analisi, si precisa nel Rapporto, “sono piu’ numerose e piu’ precise”.

Gli esperti affermano inoltre nel Rapporto che “i notevoli eccessi di rischio osservati in alcuni studi non sono coerenti con l’andamento temporale dei tassi d’incidenza dei tumori cerebrali che, a quasi 30 anni dall’introduzione dei cellulari, non hanno risentito del rapido e notevole aumento della prevalenza di esposizione”. Attualmente “sono in corso ulteriori studi – precisano i ricercatori – orientati a chiarire le residue incertezze riguardo ai tumori a piu’ lenta crescita e all’uso del cellulare iniziato durante l’infanzia”. Nel rapporto si evidenzia inoltre che “l’ipotesi di un’associazione tra Radiofrequenze emesse da antenne radiotelevisive e incidenza di leucemia infantile, suggerita da alcune analisi di correlazione geografica, non appare confermata dagli studi epidemiologici con dati individuali e stime di esposizione”. Il Rapporto non convince pero’ l’associazione a tutela dei consumatori Codacons: lo studio, afferma il presidente Carlo Rienzi, “e’ clamorosamente smentito da tutte le ricerche e dai dati elaborati dai piu’ prestigiosi istituti internazionali, e si scontra addirittura con le leggi italiane e con le sentenza dei tribunali che obbligano lo Stato ad informare i cittadini circa i rischi per la salute legati all’uso del cellulare. Sembra sia partita la campagna a favore della tecnologia 5G avviata dalle multinazionali delle tlc che forse hanno trovato nell’Iss un valido alleato”. Dallo Iarc all’Oms, “la posizione dell’Iss e’ isolata. Chiediamo quindi un intervento del Ministro della salute Giulia Grillo – conclude Rienzi – affinche’ verifichi eventuali legami tra la ricerca dell’Istituto e la campagna pro 5G avviata in Italia”.

Advertisement

In Evidenza

Virus cinese trasmissibile uomo-uomo, controlli su voli

Avatar

Pubblicato

del

Il nuovo coronavirus, della stessa famiglia della Sars, comparso in Cina nella citta’ di Wuhan, che dallo scorso dicembre ha gia’ fatto registrare tre vittime e circa 200 casi confermati, e’ trasmissibile da uomo a uomo. La conferma della temuta modalita’ di trasmissione interumana, gia’ ritenuta verosimile dal direttore Dipartimento di malattie infettive dell’Istituto superiore di sanita’ Gianni Rezza, e’ giunta da un rinomato esperto della Commissione della salute pubblica del governo cinese, Zhong Nanshan. Cresce dunque l’allerta internazionale, a pochi giorni dal Capodanno cinese, e negli aeroporti sono scattati i controlli, incluso l’aeroporto di Roma Fiumicino con misure di monitoraggio e locandine informative per i viaggiatori. Intanto, il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanita’ (Oms), Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha convocato il Comitato di emergenza in merito al nuovo coronavirus. Il comitato si riunira’ il 22 gennaio a Ginevra per accertare se il focolaio di casi “rappresenti un’emergenza di salute pubblica di livello internazionale e quali raccomandazioni dovrebbero essere fatte per fronteggiarla”. Il pensiero va infatti inevitabilmente all’epidemia di Sars che, secondo l’Organizzazione mondiale della sanita’ (Oms), tra il 2002 e il 2003 fece registrare 813 decessi e 8.437 contagi in una trentina di Paesi: anche in questo caso alla base dell’infezione respiratoria era un coronavirus comparso in Cina. Gli esperti invitano pero’ alla cautela nelle similitudini e invitano a non creare allarmismo, sottolineando come si tratti ora di un nuovo ceppo del virus. Dopo vari casi di ‘polmonite misteriosa’ segnalati lo scorso dicembre a Wuhan (con un legame con il mercato di Huanan Seafood, un mercato all’ingrosso di frutti di mare e animali vivi), il 9 gennaio 2020 il CDC cinese ha reso nota infatti l’identificazione di un nuovo coronavirus (2019-nCoV) come agente che ha causato le polmoniti ed e’ stata resa pubblica la sequenza genomica. Ad oggi, due casi sono stati segnalati anche a Pechino ed uno a Shenzhen al Sud, ed alcuni si registrano pure fuori dalla Cina ed associati a viaggi: due in Thailandia, uno in Giappone ed uno in Corea del Sud.

Insomma, il virus sta circolando e secondo una stima dell’Imperial College di Londra i casi reali potrebbero essere circa 1.700. “Il fatto che casi si siano verificati anche fuori dalla Cina e dalla citta’ di Wuhan, centro del focolaio – spiega Rezza – induce a pensare che da Wuhan si sia determinata una certa trasmissione, ed e’ inverosimile che sia riconducibile al solo bacino animale. Inoltre, notizie non ufficiale parlano anche di alcuni casi del virus, ma molto limitati, in persone che non hanno visitato o soggiornato a Wuhan. Tutti elementi che ci fanno pensare ad una trasmissione interumana”. A questo punto, avverte, “non si puo’ escludere che casi possano arrivare anche in Europa e in Italia, ma l’importante e’ identificarli ed isolarli subito. Se si interviene con rapidita’ si puo’ infatti bloccare la diffusione, isolando gli infetti e procedendo alla quarantena dei contatti, ma e’ chiaro – precisa – che questo si puo’ fare solo se gli infetti non sono tanti”. E sono cinque, in 16 anni, i virus che hanno fatto il ‘salto di specie’, ossia che dagli animali che li ospitavano sono diventati capaci di trasmettersi da uomo a uomo, rileva la virologa Ilaria Capua, secondo la quale si tratta di un “forte campanello d’allarme”. Quanto al rischio che il virus possa arrivare anche in Occidente, “la probabilita’ di introduzione del virus nell’Unione Europea e’ considerata bassa, anche se – afferma il ministero della Salute – non puo’ essere esclusa”. L’Italia, all’aeroporto di Fiumicino, ha 3 voli diretti con Wuhan, e numerosi voli non diretti. Come previsto dal Regolamento Sanitario Internazionale, dunque, a Fiumicino e’ in vigore una procedura sanitaria per verificare l’eventuale presenza a bordo degli aerei provenienti da Wuhan di casi sospetti sintomatici e il loro eventuale trasferimento in bio-contenimento all’Istituto Spallanzani di Roma. Nell’aeroporto sono state anche affisse locandine informative. Da parte sua, l’Oms incoraggia tutti i Paesi a rafforzare la sorveglianza delle infezioni respiratorie acute acute ma, al momento, non raccomanda alcuna restrizione per i viaggi ed il commercio.

Continua a leggere

Salute

Pronti i super globuli rossi, saranno usati come navette per trasportare farmaci nel corpo

Avatar

Pubblicato

del

Super globuli rossi modificati diventano navette per trasportare farmaci all’interno del corpo. Descritti sulla rivista Advanced Biosystems, sono stati sviluppati dal gruppo dell’Università canadese McMaster, coordinato da Maikel Rheinstaedter e Sebastian Himbert. I globuli rossi, spiegano gli autori dello studio, sono stati ridisegnati con speciali etichette molecolari in grado di riconoscere specifici bersagli, e svuotati per contenere i farmaci da trasportare. Sono capaci di circolare diverse settimane all’interno dell’organismo, alla ricerca di specifici bersagli, che possono essere batteri, cellule tumorali oppure organi.

Questi globuli rossi possono, ad esempio, essere modificati “con l’aggiunta in superficie di molecole in grado di riconoscere i batteri. In questo modo – chiarisce Rheinstaedter – possono trasportare al loro interno degli antibiotici, e liberarli solo sui batteri, dove occorre che agiscano”. Un altro vantaggio di questi speciali vettori è evitare l’aggressione da parte delle difese dell’organismo. “I globuli rossi – precisa Rheinstaedter – permettono di aggirare i problemi rappresentati dagli attuali sistemi di trasporto basati su molecole sintetiche, che spesso non riescono a raggiungere i loro bersagli perchè vengono scartati dall’organismo. Questi super globuli rossi invece – conclude l’esperto – sono capaci di superare in astuzia il sistema immunitario dell’ospite”, evitando così qualsiasi forma di rigetto.

Continua a leggere

In Evidenza

È arrivato il picco dell’influenza anche tra i bambini: ecco quali sono le indicazioni per i genitori

Alessandra Cioffi

Pubblicato

del

Da qualche settimana si è osservato in Campania un rapido aumento del numero di casi di sindrome simil influenzale tra i più piccoli. Gli studi medici e i pronto soccorsi sono sempre affollatissimi.
La raccomandazione va ai genitori per prevenire il peggioramento della situazione: mantenere la calma è fondamentale.
Il genitore in base all’età del piccolo dovrebbe assumere diversi atteggiamenti.
Per i più piccoli, in particolare sotto i 3 mesi, è necessaria la visita immediata perché rappresentano la fascia di bambini più ad alto rischio.


Per i bambini più grandi bisogna ricordare che l’uso immediato degli antibiotici è inutile e spesso deleterio perché responsabile dell’antibiotico-resistenza ovvero l’impossibilità nel tempo la di curare alcuni ceppi di batteri che diventano resistenti ai principi attivi usati in modo sconsiderato ed inutile in precedenza.
Insomma, bisogna fare attenzione.
La prima indicazione è l’uso dell’antipiretico ed il contatto con il pediatra di riferimento soprattutto in caso di presenza di alcuni sintomi di allarme: disidratazione, comparsa di sintomi neurologici e manifestazioni cutanee.

*L’autrice di questo articolo è un medico pediatra

Continua a leggere

In rilievo