Collegati con noi

Cronache

La Procura di Patti chiede di archiviare: Gioele ucciso dalla madre dj che poi si è suicidata

Pubblicato

del

Viviana Parisi avrebbe ucciso il figlio Gioele Mondello e poi si sarebbe suicidata. E’ la tesi che la Procura di Patti, a conclusione delle indagini, ritiene “piu’ probabile e fondata” per la morte della Dj torinese di 43 anni e del bambino di quattro, i cui corpi sono stati trovati nell’agosto del 2020 nelle campagne di Caronia, nel Messinese. La magistratura non esclude altre ipotesi legate a un “evento accidentale”, ma le ritiene “residuali”. Per il procuratore Angelo Cavallo l’inchiesta, che si avvia a concludere con la richiesta di archiviazione del fascicolo aperto contro ignoti, ha portato pero’ a una lettura univoca e certa: “Viviana, senza ombra di dubbio si e’ volontariamente lanciata dal traliccio dell’alta tensione, con chiaro ed innegabile intento suicidario”. Una ricostruzione contestata dalla famiglia Mondello, tramite il criminologo Salvatore Lavorino, che “critica profondamente il lavoro degli inquirenti e dei loro consulenti” ed “esclude categoricamente l’ipotesi ‘omicidio-suicidio'”. “Madre e figlio – e’ l’ipotesi del criminologo – sono precipitati in un invaso profondo circa 5 metri con acqua sul fondo e li’ hanno trovato la morte. Una combinazione criminale, dopo qualche ora, ha estratto i corpi e li ha traslati, la madre sotto il traliccio, sperando che gli inquirenti cadessero nella trappola”. Per il procuratore Cavallo l’autopsia ha escluso, tra l’altro, il decesso per avvelenamento o per asfissia da annegamento e il cadavere di Viviana non e’ stato spostato e non c’e’ stato l’intervento di terze persone. Il magistrato fornisce un movente alla tragedia che, secondo quanto emerso “da indagini a 360 gradi”, e’ da collegare “al precario stato di salute mentale” della donna che, scrive in un comunicato, “purtroppo non e’ stato compreso fino in fondo, in primo luogo dai suoi familiari piu’ stretti”. Un disagio che, ricorda il Pm, aveva portato il 18 marzo del 2020 la donna in ospedale con richiesta di assistenza sanitaria obbligatoria in paziente con “riferita agitazione psicomotoria e con delirio mistico e di persecuzione” e ricondotta il 28 giugno successivo per “riferita ingestione volontaria di farmaci”. Viviana avrebbe avuto “manie di persecuzioni e timori vari, come quelli di essere controllata da sconosciuti, anche attraverso la televisione e il cellulare, e di essere pedinata da auto di grossa cilindrata”. Ci sarebbe il suo stato di salute, per la Procura, dietro alla sua ‘fuga’ nelle campagne il 3 agosto del 2020 dopo che con l’auto che guidava ha avuto un incidente con un furgone sull’autostrada Messina-Palermo vicino alla galleria Pizzo Turda. “Viviana – ricostruisce la Procura – esce dalla vettura, recupera Gioele e si allontana volontariamente, nascondendosi tra la fitta vegetazione e non risponde ai richiami delle persone che la cercavano”.

Giallo di Caronia. Nella foto Daniele Mondello, Viviana Parisi ed il piccolo Gioele prima della tragedia

Perche’ non si fa aiutare? Per la Procura la risposta e’ nelle paure della donna che vuole “scappare da inesistenti aggressori o che temeva il marito potesse toglierle la potesta’ genitoriale”. Divergenze di vedute con il coniuge emergono in alcune registrazioni fatte di nascosto da Daniele Mondello, agli atti dell’inchiesta, in cui Viviana gli chiede “chi deve morire qua? Deve morire qualcuno”. Il marito le manda messaggi sul cellulare scrivendo ” prendi le pillole se ami tuo figlio” e “curati!”. Secondo le perizie medico-legali disposte dalla Procura di Patti, Gioiele sarebbe morto lo stesso giorno della scomparsa. Ma cosa e’ accaduto a madre e figlio? Per il Pm sono “due gli scenari plausibili, in sintonia con quanto sostenuto in sede di autopsia psicologica”. Secondo la prima, Viviana, una volta rifugiatasi nel bosco di Pizzo Turda, ha visto che Gioele era morto e, “in preda a un’insopportabile angoscia, si e’ tolta la vita”. Il Pm “non esclude a priori che Gioele, durante il suo vagare per le campagne assieme alla madre abbia subito un incidente di tipo traumatico che abbia comportato una possibile lesione ad un organo interno da determinarne, poco tempo dopo, il decesso”, ne’ che il bambino “possa aver subito un arresto cardio-circolatorio semplicemente dovuto a affaticamento eccessivo, stress emotivo, colpo di calore, sete”. Ma lo scenario maggiormente credibile, per la Procura di Patti, e’ che la donna “ha commesso un figlicidio di tipo psicotico o altruistico, ponendo fine alla stessa alla vita del figlio mediante strangolamento o soffocamento”. Per il Pm e’ “sintomatico il fatto che l’unico materiale rinvenuto sotto le unghie delle mani di Viviana sia stato il profilo genetico di Gioele”. Per questo ha chiesto al Gip di archiviare l’inchiesta e ha emesso il nulla osta al seppellimento dei due corpi.

Advertisement

Cronache

Spray su figlia di 16 mesi per farla ricoverare, madre arrestata

Pubblicato

del

Per tre volte era stata portata in vari ospedali con delle gravi irritazioni sulle braccia e sul corpo. Durante l’ultimo ricovero, il quarto, in un ospedale milanese, gli agenti della Squadra mobile, a seguito anche dei sospetti dei medici, hanno accertato che era la madre a procurare intenzionalmente alla figlia di 16 mesi spruzzandole dello spray deodorante al borotalco in quantità tale da richiedere le cure in ospedale. La donna, 29 anni, dopo le indagini coordinate dal Dipartimento che tutela minori e fasce deboli della Procura di Milano, è stata arrestata per maltrattamenti aggravati. La piccola è stata affidata ai Servizi sociali. Non si esclude che la donna soffra di disagi psichici da approfondire. Appartiene a una famiglia non problematica e si ipotizza che facesse ciò perché la piccola fosse ricoverata. La bimba presentava le irritazioni da alcuni mesi.

06 FEB – Sono state le telecamere poste dagli investigatori in ospedale a dimostrare come la donna, più volte al giorno, spruzzasse il deodorante sul corpo della bambina. La piccola aveva sempre delle forti irritazioni delle quali i medici di più ospedali non riuscivano a capire le ragioni. Così la donna è stata indirizzata in un altro ospedale e sono stati avvertiti gli investigatori . E’ quindi stata presentata una richiesta di ordinanza di custodia cautelare accolta dal gip Patrizia Nobile che domani sentirà la 29enne nell’interrogatorio di garanzia.

Continua a leggere

Cronache

Abusò della moglie segregata in casa, arriva condanna definitiva

Pubblicato

del

Pretendeva che la moglie fosse ubbidiente e assecondasse i suoi desideri senza fare storie. E per questo, con l’aiuto del padre e del fratello, l’aveva tenuta segregata in casa per mesi, costringendola a subire percosse e anche ripetute violenze sessuali, oltre a tentare di farla abortire.

Per la vicenda, che venne scoperta nell’autunno 2019 a Crevalcore, nel Bolognese, è diventata definitiva la condanna di un 35enne di origine marocchina: l’uomo, che dopo essere stato all’epoca arrestato era tornato a piede libero, deve scontare una pena residua di due anni e sette mesi per maltrattamenti, lesioni personali e violenza sessuale.

E’ stato rintracciato a Bologna dai carabinieri e portato in carcere. “Vuoi uscire di casa solo per farti gli affari tuoi” era una delle frasi che la donna, una connazionale sui 30 anni, si sentiva rivolgere dal marito, che l’aveva anche costretta a bere infusi a base di spezie, preparati da alcuni familiari, con presunti effetti abortivi. La vittima, dopo aver trovato il coraggio di rivolgersi ai carabinieri per chiedere aiuto, era stata affidata a una struttura protetta.

Continua a leggere

Cronache

Tragedia in Francia, sette bambini morti con la madre in un incendio

Pubblicato

del

Dramma a Charly-sur- Marne, a 100 km a est di Parigi: 7 bambini, di età fra 2 e 14 anni sono morti con la loro mamma in un incendio scoppiato nella loro abitazione. Che cosa sia accaduto e come ancora non è dato capirlo ma l’intervento dei vigili del fuoco purtroppo non ha consentito di salvare nessuno dei piccoli, il papà di tre bambini è stato estratto ancora vivo e portato in ospedale: è ustionato in modo grave. Gli altri 4 piccoli erano nati da una precedente relazione della loro mamma. Su questa tragedia indaga la gendarmerie parigina ed è stata aperta un’inchiesta.

 

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto