Collegati con noi

Musica

La popstar Madonna lascia la Puglia e saluta l’Italia con un video in un treno storico

Pubblicato

del

Pubblicando un video a bordo di un treno storico della Fondazione Ferrovie dello Stato, con i suoi amici, la famiglia e il fidanzato, Madonna saluta la Puglia dove è arrivata nei giorni scorsi. La star ha visitato la sua regione preferita girovagando spesso a piedi come una comune turista, dopo aver festeggiato il suo 63esimo compleanno, il 16 agosto, in un resort di lusso nel Brindisino. “Ciao Italia, ciao Puglia”, dice la pop star nel video, affacciandosi dal finestrino del treno. Durante il viaggio si balla e si canta, mentre alcuni si baciano negli scompartimenti. Le immagini, pubblicate sul profilo Instagram di Madonna, sono accompagnate dalla musica di Claudio Villa. Madonna ha preso il treno da Fasano (Brindisi), vicino al resort di Savelletri, dove ama soggiornare. Prima di salire a bordo le e’ stato donato un mazzo di rose.

Il viaggio inizia in musica, con alcuni chitarristi che suonano in treno per accoglierla. Poi, la star sale a bordo e si siede con il suo giovane fidanzato, il 26enne ballerino Ahlamalik Williams. Da qui ha inizio la festa. Madonna, conquistata dalla bellezza del treno storico, si esibisce anche in alcune pose nell’ultimo vagone, mentre alle sue spalle si vede il paesaggio scorrere via accanto ai binari. Nei giorni scorsi, a bordo di questo treno, ha raggiunto Lecce dove ha visitato il centro storico e il Duomo. “La star internazionale Madonna – sottolinea la Fondazione Fs – ha scelto ancora una volta il nostro paese per trascorrere le vacanze tra le bellezze del patrimonio storico e culturale.

Questa volta, in Puglia, ha arricchito la sua permanenza con l’esperienza di un viaggio a bordo di un treno storico della Fondazione Fs, diventando cosi’ ambasciatrice per un giorno del turismo dolce e sostenibile, tra le bellezze artistiche del barocco leccese”. Madonna ha condiviso sui social anche la visita a Ostuni di due giorni fa, questa volta raccontandola sulle note di ‘Nel blu dipinto di blu’ di Modugno. Con il fidanzato, i figli e il suo staff, Madonna ha cenato nella ‘citta’ bianca’ e ha cantato ‘Bella ciao’ con il gruppo di musicisti locali ‘Terraross’.

Advertisement

In Evidenza

Addio a Christine McVie, voce dei Fleetwood Mac

Pubblicato

del

Christine McVie, cantante, cantautrice e tastierista dei Fleetwood Mac, e’ morta a 79 anni dopo una breve malattia. L’annuncio e’ arrivato su Facebook per conto della famiglia che era con lei in ospedale negli ultimi momenti: “Se ne e’ andata in pace stamattina”, si legge nella dichiarazione che chiede “il rispetto della privacy dei familiari in questi giorni di grande dolore”. I Fleetwood Mac, una band britannico-americana, sono nati musicalmente a Londra nel 1967 e hanno venduto oltre cento milioni di album in tutto il mondo. I membri superstiti – Peter Green, uno dei co-fondatori, e’ morto due anni fa a 73 anni – hanno reso omaggio alla McVie: “Non ci sono parole per descrivere la nostra tristezza. Christine e’ stata una persona unica, speciale e piena di talento”. L’anno scorso, seguendo l’esempio di altri musicisti come Bob Dylan, Neil Young e Paul Simon, Christine aveva venduto il suo catalogo musicale a Hipgnosis.

Questo significa che 48 delle 68 canzoni negli album piu’ di successo del gruppo sono passati di mano, tra questi brani come ‘Don’t Stop’ e ‘Little Lies’. Hipgnosis, fondata da Marck Meruriadis, ex manager di artisti come Elton John e Beyonce, pochi mesi prima aveva comprato il catalogo di un altro membro dei Fleetwood Mac, il chitarrista Lindsay Buckingham, tra i cui credito c’era ‘Go Your Own Way’. E anche altri membri della band, Stevie Nicks e Mick Fleetwood, avevano venduto la loro parte per decine di milioni di dollari. Nata professionalmente col nome da ragazza, Christine Perfect, McVie aveva sposato il bassista della band John McVie e nel 1971 si era unita al complesso. Aveva lasciato il gruppo nel 1998, ma era tornata nel 2014 per un concerto all’insegna della nostalgia al Madison Square Garden. I Fleetwood Mac sono stati uno dei complessi rock piu’ amati negli anni Settanta e Ottanta (Bill Clinton, che era cresciuto con la loro musica, aveva fatto di ‘Dont’t Stop’ l’inno della sua prima campagna elettorale). Nel 1977 il loro album pop rock ‘Rumours’, ispirato dalle separazioni dei McVie (lei si era innamorata del responsabile delle luci) e dell’altra coppia della band, Buckingham e Stevie Nicks, e’ diventato uno dei piu’ grandi successi di tutti i tempi con oltre 40 milioni di copie vendute in tutto il mondo.

Continua a leggere

In Evidenza

Gigi D’Alessio, trent’anni di carriera e un nuovo concerto in piazza del Plebiscito

Pubblicato

del

Gigi D’Alessio ritorna ancora una volta in piazza del Plebiscito per festeggiare i suoi trent’anni di carriera, lo farà in primavera, in occasione del nuovo tour che lo vedrà protagonista in tante città d’Italia: nel 2022 i suoi concerti sono stati tutti sold out. Dovunqe: a Bari come a Milano, a Roma come a Biella. Sempre circondato dall’affetto dei fans e dalla simpatia dovuta al suo carattere schietto, un successo crescente che lo ha portato perfino all’incursione, simpatica, negli studi del TG1, pianoforte compreso.

L’appuntamento a Napoli è in Piazza del Plebiscito a Napoli il 26 maggio 2023 alle ore 21 con “Gigi – Uno come te – Ancora insieme”. Gigi D’Alessio torna con un nuovo eccezionale show. Musica, grandi ospiti, ricordi e tante sorprese, per cantare ancora insieme le sue canzoni più amate e trascorrere una serata magica tra parole e note. I biglietti saranno disponibili in prevendita dalle ore 11 di giovedì 17 novembre.

 

 

 

Continua a leggere

Musica

Grammy: Beyoncé guida nomination, una chance ai Maneskin

Pubblicato

del

Beyoncé spopola alle nomination per i Grammy 2023: la cantante, che con 28 statuette è già l’artista donna più premiata nella storia della Recording Academy, ha ottenuto nove nomination, una di più di Kendrick Lamar e davanti ad Adele e Brandi Carlile alla pari con sette. Una buona notizia per i Maneskin: Victoria, Damiano, Thomas e Ethan sono entrati in gara nella categoria ‘miglior nuovo artista’. E’ la prima volta che la band italiana, il cui nuovo album ‘RUSH!’ uscira’ in gennaio pochi giorni prima della cerimonia dei premi (il 5 febbraio dalla Crypto.com Arena di Los angeles) conquista una candidatura pur essendo stata coinvolta l’anno scorso per presentare le nomination. Quattro artisti sono usciti dagli annunci di oggi con sei candidature a testa: Future, Harry Styles, Mary J. Blige, DJ Khaled e il producer e cantautore The-Dream. La diretta sul sito e sui profili social della Recording Academy ha offerto nel complesso poche sorprese con Beyoncé, Adele, Styles, Lamar e Lizzo nella cinquina candidata nelle tre categorie piu’ importanti – disco, album e canzone dell’anno – in cui hanno fatto meglio del previsto Mary J. Blige e Abba con due nomination su tre. Per la Blige era la prima volta in 16 anni. Le nove nomination – otto per l’album ‘Renaissance’ e una per la canzone ‘Be Alive’ dal film ‘King Richard-Una famiglia Vincente’) mettono Beyonce’ alla pari con il marito Jay-Z per l’onore di artista piu’ candidato nella storia dei premi: ben 88 volte. Il derby con Adele per album dell’anno e’ un replay del 2017 nella stessa categoria quando ’25’ della britannica sconfisse ‘Lemonade’ di ‘Queen Bey’. Beyonce’ non ha mai vinto per l’album dell’anno, Adele ne ha due alle spalle: aprendo la strada a ’30’ che potrebbe essere il terzo della serie. I Maneskin hanno di fronte un gruppo agguerrito di rivali: sono candidati come nuovi artisti dell’anno Anitta, Omar Apollo, Latto, Muni Long, Wet Leg e i meno prevedibili Domi & JD Beck, Samara Joy, Molly Tuttle e Tobe Nwigwe. Due candidature hanno fatto discutere: Dave Chappelle e Louis CK, hanno ricevuto nomination per l’album comico dell’anno a dispetto delle controversie di cui sono stati recentemente investiti, il primo per battute di sapore antisemita e anti-trans, l’altro per accuse di molestie sessuali che nel 2017 avevano travolto la sua carriera salvo poi tornare in pista alla grande a dispetto di quanti lo avevano messo all’indice per il suo comportamento.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto