Collegati con noi

Sport

La pandemia mette in crisi i top club del calcio, persi 2 miliardi di ricavi

Avatar

Pubblicato

del

Il Barcellona si conferma la societa’ di calcio dal maggior fatturato al mondo, ma la crisi legata alla pandemia del Covid ha avuto un impatto pesante sui conti dei miglior club. E’ quanto emerge dalla 24/a edizione della Football Money League, l’annuale classifica dei ricavi delle societa’ di calcio pubblicata dallo Sports Business Group di Deloitte. La top 20 mondiale dei club per fatturato ha generato 8,2 miliardi di euro di ricavi complessivi nel 2019/20, in calo del -12% rispetto alla stagione precedente (9,3 miliardi). La contrazione di 1,1 miliardi e’ dovuta principalmente alla riduzione dei proventi da diritti tv (-937 milioni o -23%) legato al differimento di alcune entrate e agli sconti concessi alle tv e al crollo dei ricavi da stadio (-257 milioni o -17%). I top 20 club hanno cosi’ generato in media 409 milioni di ricavi, 55 milioni in meno rispetto al 2018/19 (464 milioni). E la crisi legata alla pandemia si sentira’ ulteriormente nel 2020/21: secondo Deloitte, le piu’ ricche societa’ al mondo entro la fine della stagione 2020/21 avranno perso oltre 2 miliardi in termini di mancate entrate, a causa non solo della prolungata chiusura degli stadi ma anche di ulteriori sconti alle emittenti per complessivi 1,2 miliardi. Decisivo, quindi, sara’ “il rientro in sicurezza dei tifosi negli stadi”, dato che, secondo Deloitte, “la dimensione dell’impatto finanziario globale della pandemia sull’industry del calcio dipendera’ in gran parte dal ritorno dei tifosi allo stadio”. L’impatto pesante della pandemia e’ quindi evidente gia’ nella graduatoria della stagione 2019/20 (resa difficile dagli approcci diversi utilizzati dai club nella redazione dei bilanci), in cui il dominio in termini di ricavi e’ rimasto spagnolo: in testa infatti troviamo il Barcellona (715,1 milioni di euro) e Real Madrid ( 714,9), con una differenza di soli 0,2 milioni. Seguono al terzo posto Bayern Monaco (634,1 milioni), Manchester United (580,4) e Liverpool (558,6). Primo club italiano, e unico nella top ten, e’ la Juventus, decima con un fatturato pari a 397,9 milioni (-13% con -36% per i ricavi da matchday), precedendo tra i club della Serie A l’Inter (14/a con 291,5, -20%) e il Napoli (19/o con 176,3, -15%). Fuori dalla top 20 invece il Milan (30/o con 148) mentre la Roma, 16/a nel 2018/19, esce addirittura dalla top 30 a causa della mancata partecipazione alla Champions League. Tra i migliori 20 club, soltanto Zenit (15/o con 236,5) ed Everton (17/o con 212 milioni) hanno visto crescere i propri ricavi.

Advertisement

In Evidenza

Ghoulam, rottura del crociato: non c’è pace per il terzino del Napoli

Valeria Grasso

Pubblicato

del

Rottura del legamento crociato anteriore del menisco mediale del ginocchio sinistro per Faouzi Ghoulam. Operazione immediata per l’algerino a Villa Stuart a Roma ad opera del professor Pier Paolo Mariani assistito dal responsabile dello staff medico azzurro, dottor Raffaele Canonico. Ieri al 22’ Faouzi aveva lasciato il campo nel corso di Napoli – Bologna allo stadio Maradona, a seguito di una corsa sulla fascia, nell’intento di recuperare su un avversario rossoblù. Apparentemente un’azione normale per un atleta del suo calibro: il giocatore visibilmente provato si lasciava cadere facendo temere il peggio. Trauma distorsivo il primo responso, poi stamane la diagnosi dopo la risonanza magnetica. Non c’è pace per il terzino sinistro, 30 anni, a Napoli da gennaio 2014, giocatore dalle potenzialità enormi, sia fisiche che tecniche, con una carriera purtroppo funestata da stop per infortunio dal 2017 ad oggi.

Un vero peccato per il ragazzo che sembrava finalmente aver ritrovato se stesso – dopo tanto patire – e anche meritatamente un posto da titolare nella squadra diretta da Rino Gattuso. Nulla da fare, campionato chiuso ieri per lo sfortunato terzino.
Il 1º novembre all’apice della sua condizione, durante l’incontro di Champions League tra Napoli e Manchester City riportò la rottura del legamento crociato del ginocchio destro, e si fermò per 4 mesi. Ma il calciatore non vedeva l’ora di tornare in campo. A febbraio 2018 nel corso di un allenamento, si infortunava di nuovo allo stesso ginocchio già operato subendo stavolta una frattura trasversale della rotula.


Il 2 novembre dello stesso anno, dopo un anno di stop per infortunio, venne convocato per la partita con l’Empoli ma rimase in panchina. Scese poi in campo dopo 400 giorni dall’ultima presenza in azzurro contro il Frosinone vestendo per la prima volta – dopo l’uscita dal campo di Marek Hamsik – la fascia di capitano della squadra azzurra. E ancora: pure la stagione 2019-2020 è stata compromessa da problemi muscolari che l’hanno tenuto lontano dal campo per molti mesi, alla ricerca della migliore condizione. A febbraio scorso a peggiorare la salute del terzino oltre al suo morale è subentrato il contagio da covid-19 da cui è uscito soltanto da qualche settimana fa. Infine con il Bologna la nuova tegola.

Continua a leggere

Sport

Barcellona, Joao Laporta incontra le squadre e i tecnici

Avatar

Pubblicato

del

Poche ore dopo la sua elezione a presidente del Barcellona con il 54% dei voti dei soci, Joan Laporta e’ andato alla Ciutat Deportiva per incontrare la squadra maschile, femminile e la maschile B, e i loro tecnici. La formazione guidata da Ronald Koeman e’ attesa mercoledi’ prossimo ad un difficile impegno, il ritorno degli ottavi di Champions a Parigi dopo la sconfitta per 4-1 subita in casa. In una intervista concessa in mattinata a RAC1, Laporta ha affermato che diversi giocatori della squadra, tra i quali Leo Messi, si sono congratulati con lui. E proprio sul futuro dell’argentino, Laporta ha voluto rassicurare i tifosi, spiegando che la questione del suo rinnovo e’ in cima alla lista degli impegni piu’ importanti e urgenti. “Sono convinto che Messi voglia restare”, ha ribadito Laporta, sottolineando come il fuoriclasse sia andato ieri personalmente a votare insieme con uno dei figli. “Dimostra che siamo piu’ di un club, e’ stata una delle migliori cose della giornata. Messi ama il Barca e quel che ha fatto ieri e’ stata una prova in piu'”.

Continua a leggere

Sport

Calcio, Gravina: i campionati devono essere portati a termine

Avatar

Pubblicato

del

“I campionati di A, B e C? Il protocollo funziona perfettamente: consente di giocare. Ogni tanto qualche partita puo’ saltare su intervento della Asl. Ma il campionato deve essere portato a termine”. Lo ha detto il presidente della FIGC, Gabriele Gravina, a Cagliari nella prima tappa di un tour nazionale dopo il rinnovo della carica che tocchera’ tutte le realta’ calcistiche del Paese.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto