Collegati con noi

In Evidenza

La Lega vuole imporre per legge una canzone italiana su tre in radio? C’è chi dice no!

Pubblicato

del

Una canzone su tre in radio deve essere italiana? La proposta della Lega divide il mondo delle radio. Per capire che aria tira, che cosa ne pensano quelli che in radio ci lavorano, quelli che la musica da ascoltare la scelgono, abbiamo raccolto le opinioni di alcune delle voci più belle delle radio che hanno commentato, con schiettezza, la proposta di legge firmata e depositata a Montecitorio dal presidente della Commissione Trasporti della Camera, che poi è l’ex direttore di Radio Padania, Alessandro Morelli.

Il 33% delle canzoni trasmesse devono essere italiane, sostiene la Lega citando la Legge Toubon, una legge francese, votata nel 1994, che prende il nome dall’allora Ministro della Cultura che mirava a salvaguardare la lingua francese in vari ambiti e che obbligava le radio a trasmettere il 40% di musica in francese nell’airplay giornaliero.

“Lavoro in una radio che trasmette solo musica italiana, radio Kiss Kiss Italia, ma credo che la libertà di espressione e quella artistica debba passare per una scelta personale ed editoriale e non imposta da fuori”, sostiene Daniele Decibel Bellini. “La musica italiana – dice Bellini – gode di ottima salute e riesce a farsi ascoltare da sé. Dico no – conclude – ad una legge che pretende di imporla”.

 

 

Per Marco Sabene di Radio 1 Rai, quella della Lega “è una scelta bizzarra”. Perchè? “Ma perché è il mercato che deve decidere le hit, non una legge. Stabilire a tavolino quale canzone deve essere trasmessa, significa non conoscere le radio”. Per il giornalista Rai, autore di belle inchieste per Inviato Speciale di Rai Radio 1 “bisognerebbe trovare altri incentivi per incentivare la musica italiana, non credo che sia questa la strada giusta da percorrere”.

 

 

 

 

Sfavorevole alla proposta anche Rita Manzo di Radio Kiss Kiss. “Credo che la musica italiana passi regolarmente in tutte le emittenti ma solo se le canzoni sono belle e la musica è di qualità. E lo stesso discorso vale per la musica internazionale. Imporre musica è un diktat che non può essere accettato”. Insomma il mondo della radio è un mondo libero, non accetta imposizioni esterne. Anche perché la musica ha un linguaggio universale,  che valica il confine della lingua. “Tante radio, tra cui Kiss Kiss, trasmettono tanta musica italiana, anche in quantità superiore al 33% proposto dalla Lega. In un mondo come la radio dove c’è tanta libertà di pensiero e di espressione – chiosa Rita Manzo – dico no ai diktat”.

 

Anche Gianni Simioli, voce di Radio Marte, autore, anima e conduttore di un programma cult, “la Radiazza”, è contro la proposta della Lega. “Sono inorridito da questa proposta. La musica italiana è abbondantemente passata sulle radio. I leghisti ancora una volta si mostrano extraterrestri. E poi le emittenti private devono seguire le regole degli editori, cioè dei proprietari, non certo di un partito politico”. Simioli, rilancia, difendendo il made in Naples: “Qualche anno fa ho lanciato una proposta nei confronti della musica napoletana che rappresenta un’eccellenza alla pari della mozzarella, della pizza e della sfogliatella. Qualche volta capita di incontrare dell’ostracismo nei confronti della nostra musica. Ed allora la proposta è questa: ogni due ore le emittenti campane devono mandare in onda un pezzo prodotto a Napoli o fatto da un napoletano”.

 

A favore della proposta della Lega è Valter De Maggio direttore di Radio Kiss Kiss Napoli. “Al di là della polemica politica, che non mi interessa, sono favorevole a questa proposta. Mi piace. Condivido l’idea di trasmettere più musica italiana. Ognuno deve avere la cultura musicale che più ritiene appropriata, ma oggi con tutta l’offerta musicale che c’è e con tutti i modi che ci sono per ascoltarla (YouTube, Spotify), l’idea di far ascoltare più musica italiana nelle radio, mi piace. L’idea della Lega la sposo in pieno. E sarei davvero entusiasta se dovesse entrare in vigore”. Per De Maggio “d’altronde qualche segnale c’è già. La presenza nel mondo della Radio di emittenti come Radio Italia o Radio Kiss Kiss Italia, dimostra un’attenzione speciale verso la musica italiana che, secondo me, è fatta anche di grandissimi talenti. Aumentando il range di canzoni italiane da proporre, quindi, potrebbero essere aperte finestre ad artisti italiani interessanti che magari oggi non sono venuti fuori e che sono penalizzati”.

Meno netta è la posizione di Boris Mantova, voce di Radio Montecarlo. “Questa proposta non rappresenta una novità. Basta guardare in Francia dove il 40% del palinsesto deve essere occupato da musica francese. Oggi però i gusti musicali sono dettati sicuramente dalle radio, ma non solo. Ci sono i social ed altri mezzi come YouTube, Spotify. Il fruitore della musica sceglie quale musica ascoltare. Questa proposta potrebbe essere importante per tutelare gli autori italiani, in quel caso sarei favorevole”. Ed ancora: “Su 24 ore di programmazione viene miscelata a seconda dei gusti. L’ascoltatore, in ogni caso, cerca ciò che più gli piace e ciò che vuole ascoltare. Possiamo anche bilanciare come in cucina gli ingredienti, ovvero le canzoni, ma lasciamo la libertà a chi si occupa di musica di decidere ciò che deve andare in onda”.

Advertisement

Esteri

La Nato avverte Mosca, 300mila soldati nella forza rapida

Pubblicato

del

La Nato del futuro nascera’ a Madrid, in quello che sara’ il summit piu’ importante dalla fine della Guerra Fredda. A dare la linea e’ il segretario generale Jens Stoltenberg, che ha messo nero su bianco l’entita’ dell’improrogabile rafforzamento del fianco est, in subbuglio dopo l’invasione dell’Ucraina decisa da Mosca: ben 300mila unita’ per le forze d’intervento rapido a disposizione del comando supremo (nome in codice: Saceur). Ovvero un aumento di sette volte rispetto allo stato attuale. Ma a contare non sono solo i numeri, bensi’ la modifica dell’intera postura di difesa e deterrenza. Cioe’ come la Nato intende usare uomini e mezzi per garantire la sicurezza degli alleati. La chiave di volta, spiegano fonti alleate, e’ il “nuovo modulo”. L’inquadramento infatti avverra’ su tutti e cinque i domini (terra, aria, mare, spazio e cyber) e sara’ all’insegna della “flessibilita’”. Perche’ lo Strategic Concept duri nel tempo – il documento-bussola a cadenza decennale secondo per importanza solo al Trattato di Washington, la Magna Carta dell’Alleanza – non deve diventare una camicia di forza, ma adattarsi alla bisogna. Ecco perche’, nonostante le pressioni eccezionali dei Paesi dell’est, Polonia e Baltici in testa, la Nato ha deciso di non optare per ‘boots on the ground’ permanenti a vigilare sui confini orientali. I battaglioni saranno portati si’ al livello di brigata (circa 5mila uomini) ma gli effettivi in piu’, in maggioranza, non saranno dislocati nei vari Paesi, bensi’ roteranno – per contenere i costi e per essere piu’ “reattivi” sul lungo periodo. La nuova dottrina, come ha spiegato Stoltenberg, prevede al contempo “piu’ equipaggiamenti pre-posizionati e scorte di forniture militari; piu’ capacita’ avanzate, come la difesa aerea; centri di comando rafforzati; piani di difesa aggiornati, con forze pre-assegnate alla difesa di specifici alleati”. Diverse fonti diplomatiche consultate dall’ANSA assicurano che la strategia e’ mutata, l’obiettivo ora e’ quello di difendere “ogni centimetro” di suolo alleato fin da subito e che il piano e’ ritenuto “valido ed efficace”, anche se non contemplera’ caserme e fortini alle frontiere, considerati orpelli del passato. Inoltre ci sono le esigenze degli alleati mediterranei da tenere in considerazione, visto che la Russia e la Cina, per quanto in modo diverso, sono presenti e attive anche in Africa. Gia’, Pechino. Nel Concept non verra’ indicata come “minaccia diretta” – definizione riservata alla Russia – ma non ci saranno dubbi sulla mutata natura del rapporto tra gli alleati e la potenza asiatica. Non a caso, per la prima volta, a Madrid ci saranno anche i leader di Australia, Nuova Zelanda, Sud Corea e Giappone. La Nato non si ampliera’ nell’indopacifico (lo statuto prevede solo Paesi europei e nordamericani) ma di certo fara’ di piu’ in quell’area, sempre piu’ cruciale per le sorti del mondo. Pero’ di allargamento, benche’ su altri fronti, se ne parlera’ eccome. Il segretario generale tentera’ domani una mediazione in extremis con i leader di Turchia, Svezia e Finlandia per sciogliere il veto di Erdogan – forse anche Joe Biden vedra’ il sultano – e trasformare Madrid nel vertice dove ufficialmente la Nato dara’ il via libera alle procedure di ratifica dei due nuovi membri: un accordo tripartito e’ in lavorazione e si fara’ il possibile per chiudere in tempo. C’e’ di piu’. Kiev otterra’ un pacchetto di aiuti “strutturato e di lungo periodo”. Perche’ gli aruspici del comando militare prevedono alla fine una vittoria dell’Ucraina sulla Russia e dunque, dopo, serviranno armi moderne e capacita’ occidentali (Zelensky si colleghera’ in videoconferenza); nuove misure di sostegno sono infine previste per Georgia, Bosnia-Erzegovina, Moldavia, Mauritania e Tunisia. Perche’ appunto, la Nato non solo fara’ di piu’ ma ‘sara” di piu’ nel 21esimo secolo e il nascituro “fondo alleato per l’innovazione” da un miliardo di euro dedicato “alle tecnologie emergenti a duplice uso” va sempre in questo senso. Dittature e autocrazie flettono i muscoli ovunque, persino in settori dirompenti come “intelligenza artificiale” e “calcolo quantistico”, e alle democrazie tocca reagire: nella Nato l’Occidente esteso fara’ testuggine.

Continua a leggere

Esteri

Suora uccisa ad Haiti: il dolore dei vescovi italiani

Pubblicato

del

La Chiesa che e’ in Italia esprime “profondo dolore” per la morte di suor Luisa Dell’Orto, uccisa ieri durante un’aggressione armata alla periferia di Port-au-Prince, ad Haiti, dove era impegnata in un progetto di accoglienza dei bambini poveri. “L’intera comunita’ ecclesiale si stringe attorno alle Piccole Sorelle del Vangelo di Charles de Foucauld delle quali suor Dell’Orto faceva parte e alle missionarie e ai missionari italiani che spendono generosamente la propria vita in diverse parti del mondo, anche in contesti difficili e di guerra”, si legge in una nota della Cei. Nel partecipare al lutto dei familiari e della comunita’ religiosa, la Chiesa in Italia “eleva preghiere perche’ la morte violenta di questa sua figlia, cosi’ simile a quella di san Charles de Foucauld, sia fonte di riconciliazione nella martoriata terra haitiana che vede un forte impegno della Cei a favore delle fasce piu’ deboli della popolazione”. “Come il chicco di grano che muore per dare frutto, cosi’ il sacrificio di suor Dell’Orto, che rappresenta una testimonianza di dono totale di se’, possa contribuire ad un futuro di giustizia e di pace per Haiti e per il mondo intero, ferito da lacerazioni e divisioni”, afferma il cardinale Matteo Zuppi, arcivescovo di Bologna e presidente della Cei.

Continua a leggere

Cronache

Anziano morto in casa di riposo abusiva, 5 arresti

Pubblicato

del

Una “straordinaria crudeltà manifestata nei confronti delle vittime”. Usa parole che non lasciano spazio all’interpretazione il gip di Reggio Calabria che ha firmato l’ordinanza di custodia agli arresti domiciliari per le due titolari e tre dipendenti della casa di riposo “La Casa del sole” di Reggio dove, a causa dei maltrattamenti e delle privazioni inflitte a 15 ospiti anziani e non autosufficienti, uno di loro avrebbe visto aggravarsi a tal punto le proprie condizioni di salute fino a morire nonostante il ricovero in ospedale. Uno scenario da incubo portato alla luce dai carabinieri del Nas di Reggio Calabria che hanno eseguito l’ordinanza del Gip con l’ausilio di militari del Comando provinciale Carabinieri del capoluogo e degli altri Nas del Gruppo Tutela Salute di Napoli. Le condotte degli indagati sono state “prive di ogni scrupolo e realizzate nei confronti di soggetti del tutto incapaci di potersi difendere” scrive il gip Valerio Trovato. Su richiesta del procuratore Giovanni Bombardieri, ai domiciliari sono finite le titolari della casa di risposo abusiva, Giovanna Scarfo’ e Cecilia Prestipino, e tre dipendenti della struttura, Margherita Battaglia, Emanuele Maria Candido e Florentina Lencautan. Altri sette soggetti sono stati denunciati in stato di liberta’ per esercizio abusivo della professione sanitaria, sostituzione di persona e falsita’ ideologica. Quest’ultima accusa riguarda una geometra che avrebbe attestato falsamente la presenza, nello stabile di quattro distinte casa-famiglia che rispettavano i requisiti minimi strutturali. Gli anziani, secondo l’accusa, sarebbero stati tenuti senza riscaldamento e acqua calda, in ambienti privi di abbattimento architettonico ed gli sarebbero stati somministrati arbitrariamente medicinali senza consulto medico. L’inchiesta, denominata “La signora”, condotta da gennaio a maggio 2021, e’ partita dalla denuncia di una donna il cui marito, affetto da malattia neurodegenerativa, era morto in ospedale dopo un periodo di degenza nella casa di riposo. L’ipotesi e’ che l’uomo sia stato vittima di maltrattamenti e abbandono che avrebbero causato un peggioramento irreversibile della sua condizione. Stando alle indagini, anche gli altri 15 ospiti venivano maltrattati. Erano tutti affetti da gravi patologie e non autosufficienti. A loro venivano somministrate scarse quantita’ di cibo, anche scaduto e mal conservato, tali da cagionare deperimento e malnutrizione. Inoltre sarebbero stati abbandonati e chiusi nelle stanze dove espletavano i propri bisogni su se’ stessi e sul letto provocando casi di scabbia. Per renderli “gestibili” sarebbero stati somministrati psicofarmaci. Per questo agli indagati, e’ stato contestato pure il reato di esercizio abusivo della professione sanitaria. Tra le accuse mosse dai pm c’e’ pure quella di epidemia colposa. Sarebbe emerso che le titolari la cuoca e un’altra dipendente avrebbero agevolato il propagarsi di un focolaio Covid, cercando in tutti i modi di nascondere i contagi agli altri dipendenti, ai familiari delle vittime, alla Prefettura ed all’Asp. Le angherie, secondo gli investigatori, comprendevano anche la sostituzione di persona. Stando alle intercettazioni, infatti, due dipendenti avrebbero fatto credere ad una anziana, intenzionata a lasciare la casa di riposo, di parlare al telefono con il figlio, che l’ha rassicurata sulla “buona qualita’” dell’assistenza. Il gip ha disposto il sequestro preventivo della casa di riposo e gli ospiti sono stati trasferiti dai familiari o in altre strutture individuate dai carabinieri e dai servizi sociali del Comune.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto