Collegati con noi

In Evidenza

La Farnesina all’ambasciatore russo Razov: condanniamo i referendum farsa

Pubblicato

del

L’Italia “condanna i referendum farsa” organizzati dai russi nei territori occupati dell’Ucraina. E lo fa in modo ufficiale e diretto, attraverso le parole del segretario generale della Farnesina Ettore Sequi di fronte all’ambasciatore Serghey Razov, convocato stamattina al ministero degli Esteri. Un “messaggio comune, fermo, inequivocabile” dell’Ue, perche’ frutto di un’iniziativa coordinata, che dovrebbe portare tutti i 27 a denunciare le annessioni “illegali”. La protesta italiana, come era prevedibile, e’ stata pero’ “respinta categoricamente” dal diplomatico russo. Ad ulteriore conferma che i tradizionali buoni rapporti tra i due Paesi sono ormai un ricordo lontanissimo. Dopo il voto nei territori di Zaporizhzhia, Kherson, Lugansk e Donetsk, l’Ue ha deciso di fare muro in modo compatto contro lo strappo di Mosca, invitando tutte le cancellerie degli Stati membri a convocare gli ambasciatori russi. La macchina si e’ gia’ messa in moto in alcuni Paesi, dalla Francia alla Germania, dalla Polonia ai baltici. Inclusa l’Italia. Con Razov Sequi ha chiarito che Roma “non riconosce i referendum e non ne riconoscera’ l’esito”. Ed ha “esortato le autorita’ russe a revocare tali atti illeciti ed a ritirare immediatamente, completamente e senza condizioni” i soldati dall’Ucraina. Avvertendo che “la minaccia di impiegare armi nucleari e le gravissime violazioni dei principi e delle regole Onu minano la sicurezza globale”. Allo stesso tempo, Sequi ha ribadito che “l’Ucraina ha il diritto di liberare i territori occupati” e l’Italia “continuera’ a fornirle un forte sostegno per tutto il tempo necessario”. Proprio domani, al Copasir, e’ in programma l’audizione del ministro della Difesa Lorenzo Guerini che potrebbe illustrare i contenuti del quinto decreto per l’invio di materiali d’armamento a Kiev. Il rinnovato sostegno agli ucraini passera’ anche attraverso un rafforzamento della pressione economica su Mosca. L’ottavo pacchetto di sanzioni e’ arrivato sul tavolo del Coreper, i rappresentanti dei 27 all’Ue, con particolare attenzione al punto del price cap al petrolio. Con l’Italia “pienamente allineata ai partner nel valutare ulteriori misure restrittive”, ha assicurato il segretario generale della Farnesina. La replica russa al colloquio tra Sequi e Razov e’ stata affidata ad una nota piuttosto scarna, in cui si e’ spiegato che l’ambasciatore ha “respinto categoricamente le dichiarazioni della parte italiana e ha esposto le sue posizioni in merito alle questioni toccate nello spirito di quanto disposto dal discorso” di Vladimir Putin al Cremlino, nel giorno della cerimonia di annessione delle 4 regioni ucraine. Quello che conta, in ogni caso, e’ che per Razov si tratta della terza convocazione alla Farnesina in sei mesi. E l’intransigenza di Roma nei confronti di Mosca e’ destinata probabilmente a rimanere tale anche con un governo di centrodestra a guida Meloni. Alla Farnesina, ha puntualizzato infine Sequi, non e’ stato affrontato il tema del sabotaggio al Nord Stream, al contrario di quanto ipotizzato alla vigilia dal ministro Roberto Cingolani. Ma la crisi energetica resta tra le appendici piu’ spinose della guerra. Come dimostra, nel caso specifico dell’Italia, l’interruzione dei flussi di gas russo dall’Austria verso il Tarvisio. Questione ancora irrisolta.

Advertisement

Esteri

Leader Isis ucciso da ribelli nel sud della Siria

Pubblicato

del

Il leader dello Stato islamico , la cui morte e’ stata annunciata da un portavoce del gruppo islamico estremista, e’ stato ucciso da militanti ribelli nel sud della Siria. Lo ha riferito il comando militare Usa in Medio Oriente (Centcom). “Questa operazione e’ stata condotta a meta’ ottobre dall’Esercito Siriano Libero nella provincia di Daraa in Siria”, ha detto il comando americano, aggiungendo che “la morte di Abu al-Hassan al-Hashimi al-Qurashi e’ un nuovo colpo per l’Isis”.

Continua a leggere

Esteri

Epstein: vittoria Isole Vergini, riceveranno 105 mln di dollari

Pubblicato

del

La società che gestisce il patrimonio di Jeffrey Epstein, trovato impiccato nell’agosto 2019 nel carcere di New York dove era detenuto, ha accettato di pagare alle Isole Vergini americane oltre 105 milioni di dollari mettendo così fine ad una causa durata tre anni. Lo riporta New York Times. I rappresentanti del finanziere, condannato per abuso e traffico di minori, hanno accettato di rimborsare in contanti più di 80 milioni di dollari di agevolazioni fiscali che una delle sue società aveva ricevuto dalle Isole Vergini. L’accordo consentirà inoltre al governo di ottenere circa la metà dei proventi della prevista vendita della tenuta di Little Saint James, l’isolata isola privata dove risiedeva Epstein. La vendita potrebbe fruttare circa 55 milioni di dollari. La procuratrice del territorio Usa Denise George, che ha intentato una causa civile contro il patrimonio del finanziere nel gennaio 2020, aveva sostenuto che il governo delle Isole era stato frodato al fine di ottenere lucrosi vantaggi fiscali per la Southern Trust Company di Epstein. Questo ha permesso inoltre al finanziere di utilizzare per anni la sua residenza sull’isola per abusare sessualmente di giovani donne e finanziare il suo stile di vita. “All’inizio di questo caso, ho avuto la fortuna di incontrare tre giovani donne molto coraggiose che sono state vittime di traffico e abusi a Little St. James. Il nostro lavoro è stato ispirato e incoraggiato dalla forza di tutte coloro che sono sopravvissute agli abusi di Epstein”, ha dichiarato la procuratrice in una nota dopo la sentenza.

Continua a leggere

Esteri

Von der Leyen lancia una Norimberga per i crimini russi

Pubblicato

del

Una nuova Norimberga sui crimini della Russia. Un tribunale speciale che arrivi dove la Corte Penale Internazionale non può intervenire. In un breve video lanciato di prima mattina Ursula von der Leyen prova a sferzare il fronte europeo pro-Ucraina dopo settimane di segnali di affaticamento, soprattutto finanziario. Lo fa puntando ad un duplice obiettivo: da un lato rendere i vertici russi perseguibili, dall’altro confiscare gli asset congelati di Mosca come forma di risarcimento delle devastazioni portate alle città ucraine. La proposta della Commissione è destinata a fare rumore a Bruxelles e non solo. Perché si tratta dell’inizio di un percorso difficile, dal punto di vista giuridico e politico. Un percorso che non potrà prescindere dal sostegno della comunità internazionale. La Commissione ha lanciato due ‘paper’ differenti come base della discussione; il primo riguarda il tribunale speciale, il secondo il sentiero legale per arrivare alla confisca dei beni congelati in ossequio alle sanzioni. “Ci assicureremo che la Russia paghi per la devastazione che ha causato, con i fondi congelati degli oligarchi e i beni della sua banca centrale”, ha sottolineato von der Leyen, assicurando che sulla creazione del tribunale ad hoc sarà cercato “il più ampio consenso possibile”. La proposta verrà presentata alla riunione dei Rappresentanti dei 27 di giovedì e ha già innescato due importanti reazioni. Da un lato quella degli Usa, che hanno assicurato il loro sostegno “all’idea di uno sforzo internazionale per mettere Mosca di fronte alle sue responsabilità”. Sul fronte opposto la risposta dei russi non si è fatta attendere: “Se i beni dei nostri cittadini saranno confiscati ci saranno misure adeguate”, ha avvertito la portavoce del ministero degli Esteri Maria Zakharova. In realtà la proposta della Commissione ha tempi di attuazione lunghi e un esito incerto. “E’ innanzitutto un messaggio politico, è importante dire che la Russia può essere perseguita e che deve risarcire i danni arrecati”, ha frenato un alto funzionario europeo. Sull’istituzione di un tribunale speciale l’obiettivo dell’Ue è avere il sostegno dell’Onu. Non del Consiglio di Sicurezza, dove il veto della Russia (e della Cina, molto probabilmente) farà franare la richiesta di Bruxelles, ma dell’Assemblea Generale. Una delle basi da cui partire, viene raccontato dalla Commissione, potrebbe essere la risoluzione dell’11 novembre in cui, nel paragrafo 4, l’Assemblea generale Onu ha raccomandato la creazione da parte degli Stati membri, in collaborazione con l’Ucraina, di un registro internazionale dei danni. Nell’idea di Bruxelles il tribunale potrebbe essere ibrido (composto da giudici stranieri e ucraini) o internazionale. E opererebbe laddove la Corte penale internazionale, il cui Trattato non è stato ratificato da Mosca, non può agire. Il primo passo giuridico per la confisca degli asset russi è stato invece l’inserimento delle violazioni delle sanzioni anti-russe nella categoria degli ‘eurocrimini’. Se c’è un crimine, c’è una condanna che, nella strategia della Commissione, potrebbe includere la confisca dei beni di chi ha violato le misure restrittive. Sul reato non ci può essere retroattività ma sul congelamento degli asset sì. Il punto è che sarebbero confiscabili solo gli asset liquidi. E dei 300 miliardi delle riserve della banca centrale russa – 19 sono invece i miliardi congelati di cittadini privati – bloccati dall’Ue, al momento, i tecnici della Commissione non sanno quale sia la parte liquida. Sarà necessaria, in ogni caso, la collaborazione degli Stati membri. Von der Leyen, tuttavia, ha assicurato massima determinazione. Inciampando anche in un errore: nel video ha parlato di 100mila vittime tra i soldati ucraini. Poco dopo il frame è stato rimosso. Il dato, ha spiegato la portavoce Dana Spinant, era inesatto.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto