Collegati con noi

Cronache

La copertina del nuovo disco di Daniele Sepe censurata dalle regole dei negozi online

Avatar

Pubblicato

del

Ma sul serio eravate convinti che con il  tentativo di  censura sessista a Rula Jebrael, le invettive contro Achille Lauro, l’accanimento sulla primigenia del Cantico dei Cantici e l’invito  ritirato a Roger Waters  fosse esaurita la fantasia dei censori nostrani?

No, nemmeno per sogno, anzi, le crociate continuano. Appena al secondo mese, del ventesimo anno del secondo millennio, si tenta di riportare il mondo in epoche che avevamo pensato fossero oscurantiste, ma evidentemente, erano epoche di grandi sconvolgimenti e lotte sociali evolutive, che ci hanno alla fine consegnato un mondo sociale che tutto sommato non è cosi male.

La restaurazione, questa volta veramente martellante, subdola e tenutaria di tecnologie raffinate ci propone giorno dopo giorno, anzi, ora dopo ora la sua morale, che se non fosse disgraziatamente vera, sarebbe ridicola solo a pensarla.

E’ forte questa tornata censoria, non solo perché usa e sfrutta mezzi medianici che controlla e gestisce a suo piacimento, ma si fa forte dell’assoluto silenzio di chi dovrebbe opporsi e fa passare di tutto, pensando che da sola si autodistruggerà o per mero calcolo politico di avvicinamento ad un populismo becero e bigotto. Non è vero, non funziona cosi, lo sapevano bene i regimi totalitari e lo conoscono ancora meglio chi i regimi vuole costruirli, bisogna contrastarla, sempre e dovunque.

Ultima, ma forse non più ultima, se nel frattempo in cui si scrivono queste note non ne sia arrivata un’altra, è la notizia della censura, questa volta visuale di cui è stato fatto oggetto la copertina del disco del Maestro Daniele Sepe con la sua ciurma di oltre 100  splendidi musicisti tra i quali  tanti giovanissimi, che hanno dato vita al disco “Le nuove avventure di Capitan Capitone” .

La copertina non va, deve essere cambiata.

Motivo? Il seno scoperto di una ballerina nel fumetto che compone la copertina. Si avete inteso bene, il FUMETTO, ossia, il disegno, la figurazione, lo schizzo, il tratteggio. Questo particolare della copertina pare sia  considerato “illegale” per le regole molto rigide dei negozi on-line, bisognerebbe capire se queste regole contemplino poi, per i più grandi di essi, anche il pagamento delle tasse in Italia, ma questo e taciuto…

Non vogliamo soffermarci a scrivere di pittura, scultura, fotografia, storia dell’arte e di esempi nel corso dei secoli che vedono seni scoperti nelle opere d’arte dei più svariati e diversi artisti nazionali e internazionali, cattolici o di  altre religioni lontane migliaia di chilometri e di anni evolutivi. Non vogliamo scrivere di libertà o privacy o senso comune del pudore.

Vogliamo scrivere del ridicolo che investe e schiaccerà chi si arroga il diritto di voler riscrivere le regole che l’umanità si è data nel corso dei millenni. Loro ci stanno tentando, sta a tutti noi, affondare questa volontà di restaurazione.

Fotogiornalista da 35 anni, collabora con i maggiori quotidiani e periodici italiani. Ha raccontato con le immagini la caduta del muro di Berlino, Albania, Nicaragua, Palestina, Iraq, Libano, Israele, Afghanistan e Kosovo e tutti i maggiori eventi sul suolo nazionale lavorando per agenzie prestigiose come la Reuters e l’ Agence France Presse, Fondatore nel 1991 della agenzia Controluce, oggi è socio fondatore di KONTROLAB Service, una delle piu’ accreditate associazioni fotografi professionisti del panorama editoriale nazionale e internazionale, attiva in tutto il Sud Italia e presente sulla piattaforma GETTY IMAGES. Docente a contratto presso l’Accademia delle Belle Arti di Napoli., ha corsi anche presso la Scuola di Giornalismo dell’ Università Suor Orsola Benincasa e presso l’Istituto ILAS di Napoli. Attualmente oltre alle curatele di mostre fotografiche e l’organizzazione di convegni sulla fotografia è attivo nelle riprese fotografiche inerenti i backstage di importanti mostre d’arte tra le quali gli “Ospiti illustri” di Gallerie d’Italia/Palazzo Zevallos, Leonardo, Picasso, Antonello da Messina, Robert Mapplethorpe “Coreografia per una mostra” al Museo Madre di Napoli, Diario Persiano e Evidence, documentate per l’Istituto Garuzzo per le Arti Visive, rispettivamente alla Castiglia di Saluzzo e Castel Sant’Elmo a Napoli. Cura le rubriche Galleria e Pixel del quotidiano on-line Juorno.it E’ stato tra i vincitori del Nikon Photo Contest International. Ha pubblicato su tutti i maggiori quotidiani e magazines del mondo, ha all’attivo diverse pubblicazioni editoriali collettive e due libri personali, “Chetor Asti? “, dove racconta il desiderio di normalità delle popolazioni afghane in balia delle guerre e “IMMAGINI RITUALI. Penitenza e Passioni: scorci del sud Italia” che esplora le tradizioni della settimana Santa, primo volume di una ricerca sui riti tradizionali dell’Italia meridionale e insulare.

Advertisement

Cronache

Inps: sito in tilt, Garante Privacy avvia istruttoria

Avatar

Pubblicato

del

Che cosa è successo al sito dell’Inps? Perché è andato in tilt nel giorno in cui era utile funzionasse e recepisse le domande di accesso al bonus? Il Garante per la Privacy ha avviato un’istruttoria sulla violazione dei dati personali legata alla ‘falla’ che si e’ aperta ieri nel sito dell’Inps, “allo scopo di effettuare opportune verifiche e valutare l’adeguatezza delle contromisure adottate dall’ente e gli interventi necessari a tutelare i diritti e le liberta’ degli interessati”. L’Autorita’ sottolinea anche l'”assoluta necessita’ che chiunque sia venuto a conoscenza di dati personali altrui non li utilizzi ed eviti di comunicarli a terzi o diffonderli, ad esempio sui canali social”. “A seguito delle numerose segnalazioni pervenute e della notifica di data breach effettuata dall’Inps, in relazione alla violazione di dati personali che ha riguardato il suo sito istituzionale, il Garante per la protezione dei dati personali – si legge in una nota diffusa dall’organismo di garanzia – ha avviato un’istruttoria allo scopo di effettuare opportune verifiche e valutare l’adeguatezza delle contromisure adottate dall’Ente e gli interventi necessari a tutelare i diritti e le liberta’ degli interessati”. “Al fine di non amplificare i rischi per le persone i cui dati personali sono stati coinvolti nel data breach e non incorrere in possibili illeciti, l’Autorita’ – sottolinea ancora la nota – richiama l’attenzione sulla assoluta necessita’ che chiunque sia venuto a conoscenza di dati personali altrui non li utilizzi ed eviti di comunicarli a terzi o diffonderli, ad esempio sui canali social, rivolgendosi piuttosto allo stesso Garante per segnalare eventuali aspetti rilevanti”.

Continua a leggere

Cronache

Anche la Guardia Costiera a supporto dell’emergenza sanitaria nazionale

amministratore

Pubblicato

del

In questi giorni di emergenza sanitaria nazionale, la Guardia Costiera non ha diminuito il proprio impegno nell’assolvimento dei propri compiti istituzionali, al fine di continuare a garantire l’operatività dei porti, la sicurezza e la regolarità dei trasporti marittimi, oltre alla salvaguardia della vita umana in mare. L’attuale situazione di emergenza legata al Covid19 ha comportato la necessità di rimodulare molti dei servizi legati al settore marittimo. Il Corpo ha così introdotto adeguate semplificazioni nella gestione della sicurezza della navigazione delle navi mercantili e dei relativi equipaggi. La Guardia Costiera ha assunto, altresì, il ruolo di raccordo tra Ministero delle politiche agricole e forestali e imprese di pesca, al fine di permettere a quest’ultime di accedere alla corresponsione dei contributi previsti dal Decreto “Cura Italia”. I Comandanti di porto, in queste settimane, sono stati anche chiamati a svolgere il proprio ruolo in situazioni complesse e inedite. In diverse occasioni, secondo le direttive della Ministra delle Infrastrutture e dei Trasporti, hanno garantito alle navi da crociera battenti bandiera italiana, di ritorno nei porti nazionali, approdi idonei per lo sbarco in sicurezza degli equipaggi e dei passeggeri ancora presenti a bordo, in piena sintonia con le Autorità di sistema portuali e con le Autorità locali.

Ma non solo. A seguito delle misure messe in atto dal Governo per il contenimento del contagio da Coronavirus, in numerose realtà territoriali, uomini e donne del Corpo sono stati inseriti nei dispositivi di ordine pubblico, lavorando quotidianamente al fianco delle Forze di Polizia per il rispetto delle disposizioni che limitano gli spostamenti, in particolare da e per le isole, e in molte realtà portuali quali ad esempio: Reggio Calabria, Messina, Milazzo, Salerno, Cagliari, Livorno, Termoli, Portoferraio, Viareggio, Piombino, Capraia, Carloforte, Portoscuso e Calasetta.

Nel porto di Ancona, poi, grazie alla stipula di un protocollo d’intesa con l’Autorità di Sistema portuale del Mare Adriatico centrale e l’Ufficio di sanità marittima aerea e di frontiera, il Corpo si è reso parte attiva per la stesura di procedure standard d’intervento per la gestione di eventuali casi sospetti di coronavirus a bordo dei vettori marittimi.

Molti, inoltre, gli interventi operativi sul territorio italiano nel quadro del dispositivo di Protezione Civile nazionale. Nei giorni scorsi, tramite il Dipartimento della Protezione Civile e su richiesta dell’Ufficio del dott. Arcuri, Commissario straordinario per l’emergenza Coronavirus, un aereo “Manta” ATR 42 della Guardia Costiera è decollato dalla Base Aeromobili di Pescara, per assicurare il trasporto urgente di dispositivi di protezione individuale (DPI) in diverse località delle regioni meridionali e delle isole maggiori. Il Manta, dopo uno scalo all’aeroporto di Fiumicino per imbarcare il materiale necessario, ha raggiunto le destinazioni di Cagliari, Palermo, Lamezia Terme e Bari, dove i DPI sono stati consegnati alle autorità regionali di Protezione Civile, per la successiva distribuzione sul territorio.

Non manca il costante supporto alle comunità isolane, pochi giorni fa, la Motovedetta CP 324 di Lampedusa ha permesso al direttore del poliambulatorio locale e a due sanitari dell’A.S.P. di Palermo, di raggiungere l’isola di Linosa per effettuare delle visite mediche finalizzate al contenimento dell’attuale emergenza epidemiologica.

Lo sforzo del Corpo non diminuisce, oggi più che mai. Come l’impegno di tutti gli uomini e le donne della Guardia Costiera che può ben riassumersi nelle parole del Comandante Generale, l’Ammiraglio Ispettore Capo (CP) Giovanni Pettorino: “È un momento particolarmente difficile, nel quale siamo tutti chiamati a compiere un grande sforzo. Grazie agli uomini e alle donne del Corpo, che in questi giorni, oltre ad assicurare i compiti istituzionali, stanno dando il loro contributo al Paese per affrontare questa emergenza eccezionale”.

Continua a leggere

Cronache

Aveva in casa gioielli Lollobrigida, arrestato operaio

Avatar

Pubblicato

del

Quando i poliziotti hanno trovato in un armadio nel salotto della sua abitazione un borsone con dentro svariate medaglie e francobolli che raffiguravano l’attrice Gina Lollobrigida, oltre a gioielli, orologi e penne ha provato a giustificarsi: “Me li ha regalati lei”. Ma la sua versione non ha convinto gli investigatori. L’uomo, un operaio romeno di 33 anni che aveva effettuato recentemente dei lavori di ristrutturazione in casa della nota attrice, e’ stato arrestato per furto e per detenzione illegale di arma da fuoco. In un altro armadio gli agenti hanno anche scoperto una pistola calibro 7,65 priva del caricatore ma funzionante, non censita in banca dati. Tutto e’ nato ieri mattina quando la polizia e’ intervenuta in un’abitazione in zona Spinaceto, nel quadrante sud di Roma, per una lite in famiglia. A dare l’allarme era stata una ragazza che ha chiesto aiuto perche’ stava litigando furiosamente con la madre e il suo compagno, e ha detto di temere per la sua incolumita’. All’arrivo della polizia la giovane, che li aspettava in strada, ha raccontato di aver avuto paura perche’ il compagno della madre era in possesso di tre pistole. Entrati nell’appartamento l’uomo ha mostrato ai poliziotti due repliche di pistole (un revolver e una semiautomatica) entrambe con la canna occlusa.

Mancando all’appello la terza arma di cui la ragazza aveva parlato poco prima, i poliziotti hanno perquisito l’abitazione e cosi’ in un armadio hanno trovato una pistola calibro 7,65, priva del caricatore ma funzionante e non censita in banca dati mentre in un altro c’era un borsone con dentro svariate medaglie con raffigurazioni sacre che riportavano il nome della nota attrice, un set di francobolli con la sua raffigurazione, orologi, penne d’argento, collane, monete emesse dalla Repubblica di San Marino e un binocolo di grosse dimensioni. Interrogato sulla provenienza di quegli oggetti, il 33enne ha riferito di aver effettuato dei lavori a casa della Lollobrigida e di averli ricevuti in dono. Ma l’attrice, confermando di conoscerlo perche’ aveva lavorato nella sua abitazione da settembre a marzo per una ristrutturazione, ha negato di avergli regalato quelle cose. Gina Lollobrigida avrebbe riconosciuto come proprio tutto il materiale ritrovato – tranne la pistola – spiegando di non aver sporto denuncia in quanto fino a quel momento non si era accorta che quegli oggetti mancassero in casa. Gli oggetti provento del furto le sono stati restituiti mentre il 33enne e’ stato portato nel carcere di Regina Coeli, a disposizione dell’Autorita’ Giudiziaria.

Continua a leggere

In rilievo