Collegati con noi

Esteri

La Cina sfida i dazi di Trump, lunedì nero sui mercati mondiali

Avatar

Pubblicato

del

La Cina sfida Donald Trump e annuncia nuovi dazi su 60 miliardi di dollari di prodotti ‘Made in Usa’. Una mossa, quella di Pechino, che affonda le piazze finanziarie mondiali alle prese con un vero e proprio lunedi’ nero: le borse europee chiudono tutte in rosso con Milano in calo dell’1,35%, mentre a Wall Street le perdite superano il 3%. A preoccupare e’ l’ipotesi di una guerra commerciale a tutto campo che rischia di travolgere la gia’ debole economia mondiale, innescando una recessione globale e mettendo all’angolo le banche centrali. Nonostante l’avvertimento di Trump a non lasciarsi tentare da rappresaglie perche’ – avverte – sarebbe “solo peggio”, la Cina va dunque avanti per la sua strada ed e’ pronta, secondo indiscrezioni, ad alzare anche il tiro: nel mirino di Pechino ci sarebbero infatti i titoli di stato americani e Boeing. Pechino e’ il maggior creditore estero statunitense, con in portafoglio 1.100 miliardi di dollari di debito Usa.

Xi Jinping. Il presidente cinese

Un’arma potente da poter giocare nelle trattative. Ma allo stesso tempo un’arma rischiosa: se la Cina dovesse decidere di ‘scaricare’ o di ridurre gli acquisti di Treasury le ripercussioni sarebbero mondiali, e il rischio per Pechino sarebbe quello di perdere credibilita’ a livello globale. Un rischio, quindi, che Pechino potrebbe decidere di correre solo come ultima spiaggia. Ma un’altra strada che la Cina starebbe valutando di percorrere per colpire l’amministrazione Trump e’ Boeing, per la quale potrebbe ridurre gli ordini. Nel caso in cui decidesse di farlo, Pechino infliggerebbe uno schiaffo doloroso al gigante dell’aviazione: gia’ in difficolta’ per i due incidenti degli ultimi mesi e alle prese con una crisi di reputazione, un taglio degli ordini da parte della Cina sarebbe un segnale di sfiducia e un colpo duro per i conti. E il timore che questo possa accada affonda Boeing in Borsa, dove i titoli arrivano a perdere oltre il 5%. Trema a Wall Street anche Apple: Cupertino, considerata un’altra delle possibili vittime di una guerra commerciale, perde oltre il 5%. Non si salva neanche Tesla: il colosso delle auto elettriche di Elon Musk affonda ai minimi degli ultimi anni con gli investitori che temono che le la guerra dei dazi possa travolgere anche l’industria automobilistica. Trump via Twitter tenta di rassicurare ma senza successo. In una serie di cinguettii il presidente americano prova a stemperare i timori e ai consumatori americani dice: acquistate ‘Made in Usa’ cosi’ eviterete l’impatto negativo dei dazi. Un messaggio diretto Trump lo invia anche alla Cina: “L’accordo era quasi fatto e avete fatto un passo indietro. Evitate ritorsioni, o sara’ solo peggio”, scrive avvertendo Pechino sul rischio di una fuga delle aziende verso il “Vietnam o altri stati asiatici” per evitare i dazi americani. L’avvertimento del tycoon pero’ non ferma Pechino. Non passa neanche un’ora dai tweet di Trump che la Cina annuncia la stretta: a partire dall’1 giugno i dazi su una serie di prodotti americani saliranno al 20 o al 25% dall’attuale 10%. E questo – spiega il ministero del commercio cinese – in risposta “all’unilateralismo e al protezionismo commerciale americano”. “Non soccomberemo alla pressione straniera”, dice chiaramente il portavoce del ministero: “Siamo determinati e capaci di salvaguardare i nostri legittimi diritti e interessi. Continuiamo ad augurarci che gli Stati Uniti ci vengano incontro a meta’ strada”. Al momento non e’ chiaro quale possa essere un possibile compromesso per sbloccare l’impasse delle trattative. Una debole speranza e’ affidata per ora al G20 del Giappone di giugno, quando Trump e Xi Jinping potrebbero incontrarsi.

Advertisement

Esteri

Coronavirus, al matrimonio decine di invitati contagiati: morti i genitori degli sposi

Avatar

Pubblicato

del

La storia arriva dall’Iran. Ed è una storia tragica i cui tempi vengono dettati dal Coronavirus, epidemia non ancora sotto controllo nel Paese del golfo persico. Alla festa di matrimonio decine di invitati sono stati contagiati e sono poi morti i genitori  di entrambi gli sposi. Morti dopo essere stati contagiati dal Covid19 durante una festa di matrimonio a Urmia, nell’ovest dell’Iran. A rendere nota la vicenda è stato il rettore dell’università di Scienze mediche della città, Javad Aghazadeh. Lo scienziato rettore, citato dall’agenzia ufficiale di Stato Irna, ha aggiunto che decine di altri invitati sono risultati positivi al test del nuovo coronavirus. Mercoledì scorso le autorità iraniane sono tornate a vietare le cerimonie per i matrimoni e i funerali dopo una recrudescenza nella diffusione del virus, che fino ad ora ha provocato quasi 13.000 morti nel Paese. Almeno stando alle cifre ufficiali.

Continua a leggere

Esteri

Ragazzo di 17 anni dilaniato da uno squalo mentre faceva il surf

Avatar

Pubblicato

del

Un po’ come nei film di Steven Spielberg che hanno terrorizzato una generazione intero. Solo che non è fiction ma realtà, Uno squalo ha attaccato un ragazzo mentre faceva surf e lo ha ucciso. Nulla da fare per il 17enne, morto in seguito alle ferite. Il dramma è avvenuto, come spesso succede, in Australia a Coffs Harbour, presso la Wooli Beach, sulla costa nord del Nuovo Galles. Tutto è accaduto alle 14.30 (ora australiana) di venerdì. “Sembrava una scena di un film dell’orrore”, hanno commentato i testimoni, mentre la polizia recuperava il corpo del giovane dilaniato dalle ferite inferte dai denti della bestia. Il ragazzo ha subito gravi lesioni alle gambe e nonostante i soccorsi siano stati immediati, è morto sulla spiaggia. A dare la notizie, i principali quotidiani australiani. Enormi segni di morso sono stati riscontrati anche sulla tavola (si parla anche di un pezzo di fibra di vetro divelto) della vittima. Le spiagge della costa tra Wooli, Diggers Camp e Minnie Water sono state chiuse dalle autorità. Non si tratta, va detto, di un caso isolato. Quest’ultimo attacco mortale arriva dopo che un surfista di 60 anni è morto lo scorso 7 giugno dopo essere stato morso a una gamba da uno squalo di tre metri a Salt Beach vicino a Kingscliff.

Continua a leggere

Esteri

Trump commuta la pena a Roger Stone, Biden attacca

amministratore

Pubblicato

del

Nuova bufera su Donald Trump per la decisione di commutare la pena del suo vecchio amico e consigliere Roger Stone, condannato in febbraio a 3 anni e 4 mesi per aver mentito al Congresso, ostacolato la giustizia e corrotto testimoni nel Russiagate. Il provvedimento, a differenza della grazia, non estingue i reati ma gli evita il carcere. L’ennesima mossa controversa del presidente nel campo della giustizia e’ aggravata dal sospetto di aver usato i suoi poteri di clemenza nei confronti di un sodale che con le sue bugie lo ha protetto nelle indagini sulle collusioni tra la sua campagna e la Russia: fu Stone a contattare WikiLeaks, l’organizzazione che diffuse le mail di Hillary Clinton e del partito democratico hackerate da Mosca. Lo stesso Stone aveva lanciato un ambiguo appello a Trump, quattro giorni prima di dover entrare in carcere: “Sono rimasto fedele, non ho ceduto alle pressioni degli investigatori, sarebbe stato facile mettersi contro il presidente per evitare il processo”, ha detto il 67enne ex consulente di Richard Nixon e Ronald Reagan che si autodefini’ “uno sporco imbroglione”. I dem sono indignati. “Trump ha nuovamente abusato del suo potere sperando ancora di evitare il controllo mentre devasta le norme e i valori che rendono il nostro Paese un faro luminoso per il resto del mondo”, ha attaccato il candidato dem alla Casa Bianca Joe Biden.

“Con questa commutazione Trump chiarisce che ci sono due sistemi di giustizia in America: uno per i suoi amici criminali e un altro per tutti gli altri”, gli ha fatto eco il presidente della commissione Intelligence della Camera, Adam Schiff. “Dimostra che e’ il presidente piu’ corrotto della storia”, ha rincarato la senatrice Elizabeth Warren. Ma per la Casa Bianca “Roger Stone e’ una vittima della bufala russa che la sinistra e i suoi alleati nei media hanno perpetuato per anni nel tentativo di minare la presidenza Trump”. La presidenza accusa il pool del procuratore speciale Robert Mueller di averlo “accusato per la sua condotta durante l’indagine” solo per la frustrazione di non essere riuscito a provare la “fantasia” che la campagna di Trump era collusa con il Cremlino. E denuncia “lo spettacolo vergognoso del suo arresto”, avvenuto all’alba in stile militare sotto le telecamere della Cnn. Inoltre mette in dubbio l’imparzialita’ della giuria del processo. “Stone ha gia’ sofferto grandemente. E’ stato trattato molto ingiustamente, come molti altri in questo caso, ora e’ un uomo libero”, ha spiegato la Casa Bianca. Gli altri cui si allude sono l’ex capo della campagna elettorale Paul Manafort, condannato a 7,6 anni per reati fiscali e finanziari, e l’ex consigliere per la sicurezza nazionale Michael Flynn, che l’attorney general William Barr sta cercando di salvare chiedendo l’archiviazione delle accuse di aver mentito all’Fbi sui suoi rapporti con i russi. Barr era intervenuto anche per ridimensionare la pena proposta per Stone, causando le dimissioni dei procuratori preposti al caso. Trump non e’ il primo presidente a concedere grazie o commutazioni per amici e sostenitori ma gran parte dei suoi predecessori hanno atteso gli ultimi giorni della loro presidenza per non farsi travolgere dalle polemiche. Per il tycoon pero’ si trattava forse di salvare, insieme ad un vecchio amico e collaboratore di lunga data che lo ha incoraggiato a candidarsi, anche se stesso.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto