Collegati con noi

Cronache

Kessie e Bakayoko “sfottono” Acerbi per il rigore ed esibiscono la sua maglia sotto la curva, Immobile: piccoli uomini

Avatar

Pubblicato

del

Procura Federcalcio, “prova tv per Kessie e Bakayoko” che hanno preso in giro Acerbi per il rigore

Dopo la tensione in campo al fischio finale, Milan-Lazio ha avuto anche una coda polemica, con un episodio rimbalzato sui social. I milanisti Bakayoko e Kessie, festeggiando assieme ai compagni sotto la Curva Sud, hanno mostrato ai tifosi come un trofeo la maglia del difensore della Lazio Acerbi, che a inizio settimana sempre sui social aveva acceso la sfida dialettica (“Andiamo a San Siro per vincere, siamo più forti: a singoli non c’è paragone”). “Ok, ci vediamo in campo”, gli ha replicato Bakayoko, che poi dopo la vittoria ha festeggiato in un modo non gradito da Acerbi. “Sono dispiaciuto perchè ho scambiato la maglia per mettere fine alla questione, fomentare odio non è sport ma un segno di debolezza”, ha scritto il difensore della Lazio, pubblicando la foto dei rossoneri con in mano la sua maglietta. Un episodio stigmatizzato anche da Rino Gattuso: “Bisogna chiedere scusa, queste cose non si fanno – ha detto l’allenatore rossonero -. Si smanetta troppo e un professionista deve usare meno possibile i social network e concentrarsi a fare un’ora di allenamento in più”.

“Due piccoli ‘uomini’ che mostrano la maglia di un campione sia in campo che nella vita… Sei un grande Leone, non ci pensare Francesco Acerbi”. Questo il messaggio via Instagram dell’attaccante della Lazio Ciro Immobile al compagno di squadra, con la cui maglia hanno festeggiato sotto la Curva i milanisti Tiemoue’ Bakayoko e Franck Kessie, che poi hanno chiesto scusa, come auspicato dal loro allenatore, Rino Gattuso. Dopo il mea culpa di Bakayoko, e’ arrivato infatti quello di Kessie: “Orgoglioso di indossare questa maglia…di questi tifosi…di questa societa’. Le mie scuse piu’ sincere a Francesco Acerbi Volevo semplicemente scherzare, niente di piu’. Massimo rispetto per tutti”, ha scritto su Instagram.

Advertisement

Cronache

L’ex pm antimafia Ingroia in un video: non ero ubriaco in aeroporto, solo false notizie

Avatar

Pubblicato

del

Con un video pubblicato sul suo profilo Facebook, l’ex pm Antonio Ingroia ha dato la sua versione su quanto accaduto il 19 aprile all’aeroporto di Parigi. “Siamo qui per smentire false notizie – afferma Ingroia accanto alla moglie Giselle Oberti -. Uno dei problemi principali che abbiamo nel nostro Paese e’ quello della disinformazione e delle fake news. Spesso in nome della sicurezza si fanno abusi e poi la stampa fa la sua parte. Sono stato anche io vittima di questo uso pretestuoso della sicurezza. C’e’ stato un banale litigio per una questione di posti a sedere sull’aereo di Air France, il comandante ha preso ovviamente posizione a favore del membro dell’equipaggio con cui avevo litigato e si é arrivati al punto che ha deciso che io costituissi un pericolo per la sicurezza. Si sono inventati che io fossi ubriaco: tutto falso. Come e’ falso che sia stato ‘rispedito’ in Italia: ho proseguito poi il mio viaggio e sono qui in America Latina”.

https://m.facebook.com/profile.php?id=1540150460

Continua a leggere

Cronache

Pasqua tragica a Monopoli per un 26enne: gli va per traverso un boccone e muore soffocato

amministratore

Pubblicato

del

Un boccone di carne ha causato la morte per soffocamento di un 26 enne di Monopoli, Bari. Il giovane era a casa dello zio per il pranzo pasquale e quando i commensali riuniti a tavola si sono accorti che stava soffocando hanno provato a fare le manovre per liberargli la gola ma non ci sono riusciti così hanno allertato il 118. Giunto in ospedale però neppure i medici sono riusciti ad estrarre il pezzo di carne che nel frattempo aveva istruito le vie respiratorie del giovane ed hanno effettuato una tracheotomia ma ormai era troppo tardi e il giovane è morto. Sulla vicenda indaga la polizia anche se con ogni probabilità si è trattato di una tragica fatalità.

Continua a leggere

Cronache

Salerno, donna accoltellata al cuore per strada dal suo stalker

Avatar

Pubblicato

del

Tragedia della follia  a Salerno.  Un uomo ha accoltellato una giovane romena. La donna è ora al pronto soccorso dell’ospedale San Giovanni di Dio e ruggi d’Aragona e la sua vita è appesa ad un filo: alla 39enne è stato inferto un colpo al cuore. L’uomo è stato invece bloccato da alcuni carabinieri di pattuglia in centro che sono accorsi sul luogo della tragedia ed hanno fermato l’accoltellatore nell’immediatezza dei fatti. La donna era da tempo oggetto di morbose attenzioni di quell’uomo che ha precedenti proprio per stalking..

Continua a leggere

In rilievo