Collegati con noi

In Evidenza

Jim Morrison, il mito di King Lizard che resiste da 50 anni

Pubblicato

del

Il 3 luglio di cinquant’anni fa, a Parigi, moriva Jim Morrison. Aveva 28 anni. La stessa eta’ di Jimi Hendrix, che era morto nel settembre dell’anno prima, e un anno in piu’ di Janis Joplin, morta in ottobre, sempre del 1970. La triade maledetta del rock’n’roll. La verita’ definitiva e’ conosciuta solo sulla morte della povera Janis, fulminata da un’overdose di eroina. Attorno a quelle di Hendrix e Morrison si continua a discutere: qualcuno ritiene addirittura che, come d’altra parte si dice di Elvis, l’ex cantante dei Doors sia ancora vivo. Morrison e’ stato trovato cadavere nell’appartamento che divideva con Pamela Courson, la sua compagna storica, nonche’ erede unica. All’epoca non fu effettuata l’autopsia. La Courson e’ morta di overdose tre anni dopo Jim, portandosi dietro i segreti sull’ultima notte del Re Lucertola che e’ stato seppellito al Pere Lachaise, il cimitero degli artisti di Parigi. La sua tomba continua a essere uno dei luoghi piu’ visitati della citta’ e oggi e’ transennata per contenere gli eccessi dei fan. I 50 anni trascorsi, se e’ possibile, hanno ulteriormente rafforzato il mito di una delle icone piu’ potenti della storia della musica popolare. Un fenomeno impressionante, se si pensa che i Doors si sono formati nel 1965 e che il primo disco e’ uscito nel 1967, l’ultimo con Morrison nel ’71.

Complessivamente hanno inciso sei album di studio e un live leggendario: ma il mito Morrison continua a rimanere intaccato. Non si possono comprendere le ragioni di questo mito se non si parte dalla Los Angeles degli anni ’60, laboratorio di idee, musica e sperimentazioni sociali nonche’ chimico-lisergiche che ha offerto all’allora studente di cinema il terreno ideale per sviluppare la sua complessa personalita’. Jim era il figlio di un ufficiale della marina, poi diventato ammiraglio che, tanto per chiarire, sconsiglio’ al figlio di continuare la carriera di cantante dopo aver ascoltato il suo primo disco. Non e’ un caso che i suoi rapporti con la famiglia furono azzerati. Appassionato di cinema, ma anche fan accanito di Elvis e Sinatra, lettore avido di Rimbaud e Baudelaire, di William Blake, dei Beat (e’ stato amico personale di Michael McClure), Celine, Nietzsche, ammiratore di Artaud e studioso di psicologia e dei miti degli Indiani d’America, Morrison riusci’ a trasferire questo articolato universo culturale nella figura di uno dei piu’ sfrontati frontman della storia. Non va dimenticato che proprio in quegli anni il rock stava assumendo una nuova fisionomia: si era esaurita la fase eroica dei padri fondatori e, sotto la spinta della British Invasion, nasceva una nuova espressione musicale, che porta dritto alla musica di oggi. Bellissimo, inventore di un look – pantaloni di pelle, camicia aperta, cinturone con borchie, collane e Ray Ban a specchio – che e’ diventato ‘il look’ definitivo di certo rock, Morrison in fondo e’ stato il primo frontman a portare sul palco il misticismo dello ‘sregolamento dei sensi’. Sarebbe sufficiente raccontare che e’ stato guardando un concerto dei Doors che Iggy Pop e’ stato fulminato sulla via del rock’n’roll per riassumere l’effetto dirompente della sua presenza. Se dunque da subito Jim Morrison e’ diventato un simbolo della reazione dell’universo giovanile alle istituzioni, non si puo’ dimenticare la miracolosa simbiosi tra la sua voce e la sua personalita’ e la musica dei Doors, una della band piu’ influenti e originali della storia. E’ anche per questo che dopo 50 anni il mito del re Lucertola e’ ancora cosi’ vivo.

Advertisement

In Evidenza

Morto il comico Bruno Arena, dei Fichi d’India

Pubblicato

del

Mondo dello spettacolo in lutto. E’ morto a 65 anni Bruno Arena, il comico del duo Fichi d’India. La notizia e’ stata data dal figlio Gianluca su Instagram: “Non ero pronto, ma tanto non lo sarei mai stato. Buon viaggio papa’… lasci un vuoto immenso”. A ricordare l’attore anche Paolo Belli che ha pubblicato una loro foto insieme: “R.I.P. grande amico mio”. Arena, nel 2013 era stato colpito da un aneurisma che ne aveva compromesso le capacita’ motorie. Si era avvicinato al mondo dello spettacolo negli anni Ottanta. La svolta dopo l’incontro con Max Cavallari, con il quale fondo’ i Fichi d’India, presenza costante a Zelig.

Continua a leggere

In Evidenza

Samantha Cristoforetti assume il comando della Stazione Spaziale Internazionale

Pubblicato

del

Si terra’ oggi alle 15,35 ora italiana il passaggio di consegne sulla Stazione Spaziale Internazionale con cui Samantha Cristoforetti diventerà la comandante dell’Iss, subentrando al compagno russo dell’Expedition 67, Oleg Artemyev. La 45enne astronauta milanese dell’Esa diventa la prima donna europea a guidare la stazione spaziale dedicata alla ricerca scientifica nell’orbita terrestre. La cerimonia di consegna sara’ incentrata sul passaggio simbolico di una chiave da parte di Artemyev e sara’ trasmessa in diretta dalla Stazione Spaziale Internazionale su Esa Web TV e Nasa Tv.

Continua a leggere

Economia

Musk è l’uomo più ricco del mondo, tra i Paperoni Usa Zuckerberg va fuori da top 10

Pubblicato

del

La rivista Forbes ha pubblicato la sua lista annuale dei 400 Paperoni piu’ ricchi d’America e per la prima volta in assoluto in vetta c’e’ il patron di Tesla e SpaceX Elon Musk, che scalza l’ex Ceo di Amazon Jeff Bezos, il quale aveva mantenuto il primo posto per quattro anni consecutivi. Al terzo posto il fondatore di Microsoft Bill Gates (nonostante i 20 miliardi di donazioni alla sua Fondazione). Musk quest’anno e’ piu’ ricco di 60,5 miliardi di dollari grazie a un aumento dell’11% delle azioni Tesla e a nuovi round di finanziamento per SpaceX, mentre Bezos e’ stato colpito dal calo del 27% delle azioni Amazon. A seguire, al quarto posto, c’e’ il fondatore di Oracle Larry Ellison, e poi l’oracolo di Omaha Warren Buffett e Larry Page, fondatore di Google. Per la prima volta dal 2015, invece, il fondatore di Facebook Mark Zuckerberg e’ fuori dalla ‘top ten’ dei piu’ ricchi d’America, all’11esimo posto. Da settembre 2021 ha perso piu’ della meta’ della sua fortuna – l’incredibile cifra di 76,8 miliardi di dollari – con il crollo delle azioni di Meta (-57%). In generale, comunque, quest’anno i Paperoni sono un po’ meno ricchi. Secondo Forbes, “come molti americani, le 400 persone piu’ ricche del paese risentono del rallentamento del mercato azionario. Sono collettivamente l’11% piu’ ‘poveri’ di quanto non fossero un anno fa. Stanno comunque andando bene, per un valore complessivo di 4.000 miliardi di dollari, 1.000 miliardi di dollari in piu’ di quanto valessero nell’autunno 2019, appena prima della pandemia”. Ma e’ la prima volta dalla Grande Recessione che gli ultra-ricchi d’America non sono piu’ ricchi dell’anno prima. E anche il patrimonio netto minimo richiesto per entrare in lista e’ sceso di 200 milioni, a 2,7 miliardi di dollari.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto