Collegati con noi

Economia

Italiani sfiduciati e ansiosi, la metà vuole uomo forte

Avatar

Pubblicato

del

La crisi economica lascia le sue cicatrici dopo essere penetrata non solo nelle abitudini quotidiane degli italiani, ma anche nel loro modo di pensare, di comportarsi e di concepire la vita pubblica. Impoveriti, dominati dall’incertezza sul proprio futuro, presi dall’ansia e “macerati” dalla sfiducia, negli ultimi anni gli italiani hanno accentuato il loro individualismo e fatto ricorso a “stratagemmi individuali” di autodifesa, oggi sfociati in “crescenti pulsioni antidemocratiche” e nell’attesa “messianica dell’uomo forte che tutto risolve”. Di fronte ad una politica che non decide, o che decide “senza produrre effetti”, il 48% del Paese crede che la soluzione a tutti i mali passi dunque per “l’uomo forte al potere”, che non debba preoccuparsi né del Parlamento nè delle elezioni. Il quadro che emerge dall’ultimo rapporto del Censis non e’ piu’ solo di un Paese opportunistico, ma ormai soggiogato da uno “stress esistenziale, logorante perche’ riguarda il rapporto di ciascuno con il proprio futuro”. La relazione con il prossimo e’ entrata in crisi, al punto che il 75% non si fida piu’ degli altri, soprattutto se considerati ‘diversi’. Secondo il Centro studi, ad essere montata nell’ultimo anno e’ una pericolosa deriva verso l’odio, l’intolleranza e il razzismo nei confronti delle minoranze, percepita a livello diffuso. Il 70% degli italiani e’ infatti convinto che siano aumentati gli episodi di intolleranza e razzismo verso gli immigrati, dovuti per poco meno di un quarto della popolazione al fatto che gli extracomunitari sono troppi. E per il 58% e’ aumentato anche l’antisemitismo. A minare la sicurezza e’ stata nel tempo “la rarefazione” della protezione del welfare pubblico, ma anche la rottura dell’ascensore sociale, considerato bloccato dal 69% degli italiani, disamorato anche verso due capisaldi degli investimenti famigliari: i Bot, dai rendimenti ormai infinitesimali, e la casa, andata progressivamente perdendo valore. Il nerbo della crescita, il lavoro, per quanto apparentemente in crescita, si e’ peraltro rivelato incapace di assicurare vero benessere. Il Censis giudica l’aumento dell’occupazione del 2018 e dei primi mesi del 2019 “un bluff”, creato dal boom dei lavori part time (spesso non voluti ma obbligati) o a basso reddito. Il bilancio della recessione, calcola il rapporto, e’ di 867.000 occupati a tempo pieno in meno e 1,2 milioni in piu’ a tempo parziale. Il part time involontario riguarda 2,7 milioni di lavoratori, con una vera e propria impennata tra i giovani (+71,6% dal 2007). Dall’inizio della crisi al 2018, le retribuzioni del lavoro dipendente sono scese di oltre 1.000 euro l’anno. E i lavoratori che guadagnano meno di 9 euro l’ora lordi sono oggi 2,9 milioni. Complicato e’ anche il rapporto con l’Unione europea. Il 62% degli italiani e’ convinto che dall’Ue non si debba uscire, ma il 25%, uno su quattro, e’ invece favorevole all’Italexit. A quasi 18 anni dall’introduzione dell’euro, il 61% dice no al ritorno della lira e il 24% e’ invece favorevole. Inoltre, se il 49% si dice contrario alla riattivazione delle dogane alla frontiere interne della Ue, considerate un ostacolo alla libera circolazione di merci e persone, il 32% sarebbe invece per rimetterle. La nota positiva arriva invece dalla crescere attenzione al clima dei giovani. Il Censis ha intervistato i dirigenti scolastici e il risultato e’ che secondo il 74% dei presidi, l’etica ambientalista negli studenti e’ cresciuta grazie all”effetto Greta”. Il 60,9% ritiene che i propri alunni siano molto sensibili e partecipi delle esperienze che la scuola propone sul tema. Il 17,4% riferisce che sono loro stessi a farsi promotori di una nuova etica ambientale presso le famiglie e per il 12,9% spesso si fanno latori di nuove iniziative presso le scuole.

Advertisement

Economia

Al debutto il Btp Futura, finanzierà il post covid

Avatar

Pubblicato

del

Pronto al debutto il Btp Futura, il nuovo titolo di Stato dedicato ai piccoli risparmiatori che servira’ a finanziare la ripresa post Covid-19 e che prevede un “premio fedelta’” a chi li terra’ dall’emissione alla scadenza. Il collocamento parte il 6 luglio e andra’ avanti fino a venerdi’ 10, salvo chiusura anticipata, ma solo dopo il terzo giorno. “I proventi del Btp Futura saranno interamente destinati a finanziarie le diverse misure previste post Covid-19” ha ripetuto in questi giorni il il responsabile della Direzione Debito pubblico del Mef, Davide Iacovoni, dagli strumenti di sostegno al reddito come la cassa integrazione agli interventi per il rafforzamento del sistema sanitario nazionale fino ai pacchetti di misure per il sostegno a famiglie e imprese. Il Btp Futura, che il Tesoro affianca al Btp Italia per diversificare l’offerta e cercare di riportare a casa i vecchi cari ‘Bot People’ ha una durata di 10 anni e avra’ tassi cedolari minimi garantiti e crescenti pari all’1,15% dal 1/o al 4/o anno, l’1,30% dal 5/o al 7/o anno e l’1,45% dall’8/o al 10/o anno. I rendimenti definitivi saranno annunciati alla chiusura del collocamento, ma non potranno essere inferiori a quelli minimi garantiti. Inoltre, il tasso dei primi 4 anni restera’ invariato, mentre in base alle condizioni di mercato potranno essere rivisti a rialzo solo i tassi successivi al primo. E’ anche previsto un “premio fedelta’” pari all’1% del capitale investito, che potra’ aumentare fino ad un massimo del 3% dell’ammontare sottoscritto, sulla base della media del tasso di crescita annuo del Pil, per coloro che lo acquistano all’emissione e lo detengono fino a scadenza. Un metodo quindi per incentivare i risparmiatori retail a tenersi il titolo fino al rimborso. Sul Btp Futura “ci sono buone aspettative. Ho parlato con diverse reti bancarie, c’e’ molto interesse quindi siamo positivi. Ma in questo momento e’ difficile fare delle stime”, dice il responsabile dei mercati obbligazionari di Borsa Italiana, Pietro Poletto. Non verranno applicate commissioni sugli aquisti nei giorni di collocamento, mentre sul rendimento si continuera’ ad applicare l’usuale tassazione agevolata sui titoli di Stato pari al 12,5%. Il Btp Futura potra’ essere acquistato, oltre che in banca o all’ufficio postale, anche online attraverso l’home-banking.

Continua a leggere

Economia

Benzina, Codacons: Italia tra primi in Ue per caro-carburanti

Avatar

Pubblicato

del

I ritocchi ai listini di benzina e gasolio registrati nel nostro paese nelle ultime settimane portano di nuovo l’Italia ai vertici della classifica europea del caro-carburante”. Lo afferma il Codacons, che ha rielaborato i dati forniti dalla Commissione Europea relativi all’andamento dei prezzi alla pompa in tutta l’Ue nell’ultima settimana. “L’Italia si piazza al secondo posto della classifica dei paesi europei dove il gasolio costa di piu’ – denuncia il presidente Carlo Rienzi – Con una media ai distributori di 1,285 euro al litro il nostro paese si colloca in seconda posizione, preceduto solo dalla Svezia (1,359 euro/litro). Non va meglio sul fronte della benzina: con un prezzo medio alla pompa di 1,399 euro, l’Italia e’ al quarto posto in Europa, dietro Paesi Bassi, Danimarca e Grecia”. Nei calcoli dei consumatori rispetto alla media Ue la benzina costa oggi nel nostro paese l’11% in piu’, mentre per il gasolio gli italiani spendono addirittura il 14% in piu’. Una differenza quella tra i listini italiani ed europei determinata “dall’elevata tassazione che vige sui prezzi di benzina e gasolio nel nostro paese, e che raggiunge il 70% su ogni litro di carburante venduto in Italia – attacca il Codacons – Basti pensare che al netto di Iva e accise benzina e gasolio costano nel nostro paese addirittura meno della media europea (0,418 euro al litro la verde e 0,436 il diesel contro una media Ue rispettivamente di 0,432 euro e 0,452 euro)”.

Continua a leggere

Economia

L’alta formazione professionale internazionale in un mondo che cambia, Vittoria Ponzetta spiega progetti e didattica della MACCT

Avatar

Pubblicato

del

A Malta è nata una realtà internazionale ma dalla forte impronta italiana. Si tratta della MACTT (Mediterranean Academy of Culture, Technology and Trade) un nuovo istituto di alta formazione con sede a Malta e licenza rilasciata dalla National Commission for Futher and Higher Education (license no. 2020-005), che ha nel suo programma la realizzazione di progetti educativi di ampio respiro.

Gli obiettivi

Parte dall’Italia l’avventura dei fondatori, ed è un’italiana il direttore degli studi. Si chiama Vittoria Ponzetta, già direttore del Formed “Ente di formazione didattica e cultura” e direttore e coordinatore della “Scuola di osteopatia Formed-Belso”, pronta a scrivere oggi un nuovo importante capitolo della sua vita professionale in un contesto, il Mediterraneo, culla della civiltà, dell’incontro tra popoli e culture, di scambi commerciali e di uno sviluppo sostenibile. Siamo in un’area geopolitica strategica che guarda al futuro con la forza di un passato che non ha eguali al mondo.

Mediterranean Academy of Culture, Technology and Trade. La sede di Malta

La professoressa Ponzetta spiega come le attività formative di MACTT saranno legate a principi e valori universali come la crescita armoniosa ed equilibrata delle comunità per il benessere reale delle persone. Un grande obiettivo da perseguire attraverso le competenze dei giovani.

A loro vogliono fornire gli strumenti non soltanto per arricchire un curriculum e avere un più facile accesso al mondo del lavoro in contesti di respiro internazionale, ma anche per ideare, creare e progettare un futuro sempre più ambizioso, sicuro e sostenibile attraverso startup e forme di imprenditorialità a servizio di un mondo più equo ed efficiente. Tra i progetti formativi si prevedono quelli mirati alla crescita professionale e personale, come la conoscenza delle lingue e la cultura tecnologica. Per poi proseguire con argomenti di attualità a livello globale.

La formazione

Tra gli argo- menti su cui stanno lavorando ci sono: la psicologia in ambito legale, la blockchain, l’amministrazione aziendale, il giornalismo di ultima generazione, la pianificazione di politiche economiche sovranazionali, la costruzione delle città del futuro, lo sviluppo sostenibile e l’efficienza energetica. Ma anche iniziative di specializzazione su professioni del futuro co- me l’osteopatia, una terapia sanitaria riconosciuta nel sistema maltese che arricchirà il bagaglio professionale di fisioterapisti, terapisti della riabilitazione, massofisioterapisti e medici-chirurghi attraverso una formazione di eccellenza.

Perché Malta? Perché rappresenta il patrimonio valoriale del Mediterraneo ed è la base ideale per pianificare progetti formativi internazionali accreditati, che possano garantire ai futuri studenti una preparazione ed un trasferimento di competenze spendibili in tutto il mondo, a partire dall’Europa e dall’area del Commonwealth, due macro aree politiche strategiche che con Malta hanno un legame profondo.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto