Collegati con noi

Cronache

Investito e ucciso mentre andava in bici il pm Marcello Musso, i funerali domani ad Agliano

Avatar

Pubblicato

del

“Che ingiustizia. Che disgrazia. Il dottor Marcello Musso è morto a pochi passi da casa. Una tragedia che colpisce una famiglia per bene del paese. Per bene, a modo, come chi lo ha investito. Sono due drammi, diversi, ma due drammi”. C’è poca voglia di parlare dell’incidente di venerdì 16 agosto. Agliano Terme è un paese contadino. Un borgo dove tutti si conoscono e nessuno vuole rendere pubblico il dolore. Lo si commenta a capannelli, in piazza, ma solo tra compaesani. È un incidente senza ombre. La data del funerale è già stata fissata. Si terrà martedì 20 agosto, alle 10, nella parrocchiale di Agliano . Marcello Musso, 67 anni compiuti l’8 luglio, è morto in vacanza. Investito da una Fiat Stilo guidata da un agricoltore di 47 anni, mentre in bicicletta tornava verso la casa di famiglia tra Agliano e Costigliole, nell’Astigiano. Un destino beffardo per lui che si concedeva una sola settimana di ferie all’anno, da trascorrere accanto alla madre 94enne.

Il sostituto procuratore Musso era stato investito da una visibilità pubblica negli ultimi anni, nell’ inchiesta e nei processi sulla “coppia dell’acido”, i due fidanzati che iniziarono a sfigurare tutti gli ex della ragazza. Quell’ indagine gli finì sul tavolo nella notte del 28 dicembre 2014, perché la polizia arrestò Alexander Boettcher che inseguiva la sua vittima con un martello, e Musso era il pm di turno in Procura.
Piemontese di Asti, carattere non malleabile, Musso amava definirsi come figlio di contadini. E a quella terra era rimasto legatissimo. Uomo di una rettitudine quasi manichea che in questi anni lo aveva portato spesso a scontrarsi con chi al profondo senso della giustizia anteponeva trame di potere e di palazzo. Odiato o amato dalla polizia giudiziaria, Marcello Musso pretendeva dagli altri, così come da sé, un impegno che lo aveva portato a sacrificare gli affetti, la famiglia (il suo cruccio) e ogni distrazione. La notizia della sua scomparsa ha commosso i moltissimi colleghi che dietro una apparente freddezza di carattere avevano scoperto un uomo e un amico leale. Ma anche i tanti «avversari», avvocati e indagati, che del magistrato avevano apprezzato l’ instancabile ricerca della verità, per lui inscindibile compagna della giustizia.
Nel suo ufficio viveva quasi venti ore al giorno, sommerso dai fascicoli. Fuori dalla sua porta si sono a lungo alternati agenti della scorta che ancora negli ultimi anni gli era stata assegnata dopo una lettera di minacce ricevuta nella sua casa di Porta Vittoria. Musso, che ha lavorato anche a Palermo, è stato l’ ultimo magistrato ad ottenere una condanna all’ ergastolo per il capo di Cosa nostra, Totò Riina. Una faida di mafia degli anni Ottanta che aveva insanguinato Milano e che il magistrato ha inseguito quasi in una solitaria battaglia per la verità. Poi le inchieste sul clan Crisafulli di Quarto Oggiaro, sugli ‘ndranghetisti Muscatello e sulla cattura del latitante Francesco Castriotta.

Advertisement

Cronache

Sant’Antimo, la camorra entra in caserma: 5 carabinieri arrestati e tre sospesi

Avatar

Pubblicato

del

Ci sono carabinieri arrestati, carabinieri indagati, carabinieri sospesi dal servizio. Sono carabinieri accusati di corruzione, rivelazione di segreti d’ufficio, omissioni di atti d’ufficio per agevolare esponenti della camorra. Parliamo di accuse di una gravita inaudita. Questa volta, però, prim’ancora di spiegare nel dettaglio le accuse contestate a presunti infedeli servitori dello Stato, scegliamo di usare la parole del procuratore di Napoli, Giovanni Melillo, che ci consente di dare l’esatta dimensione dell’inchiesta che per quanto grave non deve inficiare minimamente l’immagini di una Istituzione serie come l’Arma dei carabinieri.

“La fiducia nei confronti dell’Arma dei carabinieri è stata sempre massima e intatta” ha infatti spiegato il procuratore Melillo nel commentare gli arresti dei militari della stazione di Sant’Antimo, un paesone alle porte di Napoli.

L’inchiesta è coordinata dall’ufficio inquirente napoletano ed ha fatto luce sulle condotte “infedeli” di otto militari, quand’erano in servizio nella zona di Sant’Antimo. Per cinque carabinieri – che secondo gli inquirenti avrebbero favorito il clan Puca – il gip di Napoli, Valentina Gallo, ha disposto gli arresti domiciliari. Per altri tre invece una misura interdittiva della durata di un anno. Le indagini e gli arresti sono stati eseguiti dai militari di Castello di Cisterna. Sono stati arrestati e posti ai domiciliari con  l’accusa di corruzione i carabinieri Michele Mancuso e Angelo Pelliccia, l’ex presidente del consiglio comunale di Sant’Antimo Francesco Di Lorenzo, e ad altri tre militari dell’Arma: Raffaele Martucci, Vincenzo Palmisano e Corrado Puzzo.

Misura cautelare anche  per il boss Pasquale Puca alias o minorenne (il minorenne) che però è già sepolto in carcere al 41 bis. Il giudice ha escluso per tutti l’aggravante mafiosa ma la procura di Napoli farà appello. La misura interdittiva della durata di un anno è stata disposta per altri tre carabinieri: Vincenzo Di Marino, indagato per rivelazione del segreto d’ufficio e omissione, il capitano Daniele Perrotta, che deve difendersi dall’accusa di omissione di atti d’ufficio, e Carmine Dovere, indagato per abuso d’ufficio. Anche per loro è stata esclusa l’aggravante mafiosa. Anche in questo caso, per quel che ne sappiamo, la procura ricorrerà perchè vuole contestare agli indagati il fatto che i reati sono stati commessi per agevolare la struttura camorristica che fa capo a Pasquale Puca, il boss già in cella.

Per la Procura di Napoli ci sarebbe il concorso esterno in associazione mafiosa e altre ipotesi di reato nei confronti dei carabinieri, ma la richiesta non è stata accolta dal giudice  Valentina Gallo.

Per gli inquirenti napoletani le indagini hanno evidenziato la sistematicità e la spregiudicatezza delle condotte, ritenute particolarmente gravi. È emerso praticamente, da quel che si legge nell’ordinanza di custodia cautelare, un vero e proprio asservimento dei carabinieri nei confronti dei clan della zona di Sant’Antimo, il clan Puca.

In particolare nei confronti di Pasquale Puca, che aveva a disposizione anche Francesco di Lorenzo, finito ai domiciliari. Il Di Lorenzo è stato anche presidente del Consiglio comunale di Sant’Antimo e fungeva – è scritto nell’ordinanza –  da trait d’union tra i militari “infedeli” e la camorra. Sarebbe stato l’ex presidente del Consiglio Comunale di Sant’Antimo Di Lorenzo, per il quale il giudice ha disposto i domiciliari a consegnare ad alcuni dei carabinieri indagati i capretti per Pasqua o altre utilità.

Di Lorenzo era informatissimo riguardo a quanto accadeva nella stazione: dalla visite degli alti ufficiali alle notizie più riservate. I militari inedeli, sempre secondo l’accusa, ricevevano una sorta di stipendio mensile, secondo un collaboratore di giustizia, pari a circa mille euro. E poi quelle che abbiamo definito altre utilità, che pure erano il prezzo della presunta corruzione: pesce, capretti , champagne. In una caso di parla anche di una casa che il boss Pasquale Puca avrebbe promesso di fare avere ad un militare ad un prezzo risibile. Sarebbe pure accaduto che gli affiliati non venissero sanzionati benchè colti alla guida senza avere mai conseguito la patente o peggio con la patente ritirata perchè camorristi. In un’altra occasione uno dei carabinieri avrebbe evitato l’inasprimento della misura cautelare dell’obbligo di firma per uno degli affiliati, ricalcando a penna gli orari sul registro.  I carabinieri arrestati consentivano, secondo gli investigatori, di godere di una  sorta di immunità alla camorra locale. In cambio di denaro e altre utilità, secondo quanto emerge dagli atti di inchiesta, i carabinieri indagati informavano i camorristi (alcuni di loro) di attività di indagini sul loro conto e di eventuali controlli di routine o anche mirati ordinati dai vertici dell’Arma per contrastare l’arroganza della camorra.

La ricostruzione dei fatti oggetto di indagati fu avviata grazie alle dichiarazioni di due collaboratori di giustizia. Negli atti d’inchiesta emergono una serie di comportamenti di natura criminale che certo non t’aspetti da un servitore dello Stato. In una conversazione tra carabinieri intercettata dagli investigatori il 28 febbraio 2018m  registrata grazie a una “cimice” sistemata nell’auto di servizio di due dei militari indagati, si sente uno dei militari dice: “Lamino (si parla di un collaboratore di giustizia, ndr) ha fatto proprio da infame, la faccia verde…”. E il collega incalza: “Ma quello si vedeva che era infame, non lo vedevi. Ogni cosa: ‘vado a Castello di Cisterna, ma dove vai…'”. L’altro carabiniere a quel punto osserva che era meglio se fosse morto in un agguato scattato nel 2016: “L’ultima volta che ci avemmo a che fare è quando gli spararono nella scarpa lè, ebbe pure il culo che.. ebbe pure il culo che lo presero sotto il tacco.. almeno gliela davano una botta in fronte”. Insomma parole non proprio edificanti che sono niente rispetto ad attività di dossieraggio e ad un attentato contro un maresciallo dell’Arma che dava fastidio ai camorristi, che dava filo da torcere ai boss.

Sempre dall’ordinanza che consta di 154 pagine è emersa una attività di dossieraggio, costruzione di accuse a luci rosse e un vero e proprio attentato nei confronti di un maresciallo, Giuseppe Membrino, che si opponeva con tutte le sue forze al clan Puca.

Il maresciallo, particolarmente attivo nella lotta alla camorra di Sant’Antimo, venne pedinato e ripreso mentre si incontrava con una donna, sua informatrice. Le registrazioni vennero poi fatte recapitare nella cassetta della posta dell’abitazione del militare. Era un tentativo di minare la vita familiare del maresciallo. Ciononostante l’attività del maresciallo è proseguita con la stessa intensità. Ed è stato così che il clan ha poi deciso di far esplodere sotto la vettura del carabiniere una potente bomba carta. Questo episodio ha indotto l’Arma dei Carabinieri a disporre il trasferimento del maresciallo, per tutelare la sua incolumità. Ed è questo carabinieri che rappresenta l’Arma a Sant’Antimo e ovunque in Italia, certamente non chi piega la testa o si inginocchia ai boss della camorra per utilità o per viltà.

“La condotta dei carabinieri arrestati non ha inficiato l’azione di contrasto alla camorra dell’Arma” ha sottolineato con fermezza il generale Canio Giuseppe La Gala, comandante provinciale dei carabinieri di Napoli, commentando gli arresti.

“I fatti sono un po’ datati (risalgono al 2017) – ha aggiunto – e alcuni militari non fanno più in servizio a Napoli. Grazie agli anticorpi dell’Arma siamo riusciti a fare luce sulle azioni infedeli dei carabinieri”, ha concluso il generale La Gala.

 

Continua a leggere

Cronache

Due cagnolini erano caduti in una tana sul Monte Taburno: salvati dai Vigili del Fuoco

Avatar

Pubblicato

del

Erano spariti da quasi 24 ore: due cagnolini si erano infilati in una tana sul Monte Taburno, nel Beneventano. Gli animali, pochi mesi d’età, erano usciti in ‘esplorazione’ e correndo e giocando si erano ritrovati in un brutto guaio. Per fortuna gli è andata bene. Li hanno ritrovati i Vigili del Fuoco che scavando con le mani sono riusciti a trarli in salvo. Quando sono usciti i cuccioli scodinzolavano felici per la libertà ritrovata.

Continua a leggere

Cronache

Corruzione, omissione e rivelazione di atti d’ufficio: 5 carabinieri ai domiciliari e 3 sospesi per un anno

Avatar

Pubblicato

del

Corruzione, omissione in atti di ufficio e rivelazione di segreti: queste le accuse che la DDA di Napoli contesta, a vario titolo, a otto carabinieri nei confronti dei quali sono stati notificati cinque arresti domiciliari e tre sospensioni, della durata di un anno, dall’esercizio del pubblico ufficio. Le indagini, coordinate dalla DDA, che hanno portato all’emissione delle misure cautelari da parte del Gip di Napoli, sono state condotte dal Nucleo Investigativo dei Carabinieri di Castello di Cisterna (Napoli).

Continua a leggere

In rilievo