Collegati con noi

Salute

In un probiotico una potenziale arma contro il Parkinson

Avatar

Pubblicato

del

In un batterio intestinale comunemente in vendita come probiotico, il Bacillus subtilis, potrebbe nascondersi una possibile arma per frenare o bloccare del tutto il morbo di Parkinson. Lo suggerisce uno studio su animali pubblicato sulla rivista Cell Reports da scienziati delle Universita’ di Edimburgo e Dundee, secondo cui il probiotico bloccherebbe la formazione di ammassi di proteina tossica nel cervello e favorirebbe anche lo scioglimento degli accumuli gia’ addensati. Negli ultimi anni e’ stato un susseguirsi di studi che hanno dimostrato una forte connessione tra il microbioma intestinale e il morbo di Parkinson, la malattia neurologica che cresce piu’ rapidamente nel mondo. Trovare una terapia basata sulla modulazione della flora intestinale potrebbe avere moltissimi vantaggi nel controllo dei sintomi e della progressione del morbo, nonche’ nella prevenzione stessa della malattia. Gli esperti hanno verificato l’efficacia di diversi probiotici su un modello animale di malattia (un vermetto molto usato nei laboratori scientifici), selezionando il Bacillus subtilis. Il batterio impedisce la formazione di ammassi proteici nel sistema nervoso dell’animale e contribuisce a sciogliere quelli gia’ formati, migliorandone le capacita’ motorie. Il prossimo passo sara’ testare il Bacillus subtilis su topolini e, se i risultati positivi visti finora saranno confermati anche su roditori, si potra’ dare avvio in tempi rapidissimi a un trial clinico su pazienti, essendo il probiotico gia’ in commercio.

Advertisement

In Evidenza

Covid, la vitamina D difende dalle complicanze: -55% rischio morte

Avatar

Pubblicato

del

Avere buoni livelli di vitamina D nel sangue (30 nanogrammi per millilitro di plasma) protegge da complicanze e riduce del 55% il rischio di morte in caso di Covid-19. La buona notizia e’ la prima evidenza diretta dell’effetto protettivo della vitamina D contro l’infezione che arriva da uno studio condotto presso la Boston University School of Medicine e pubblicato sulla rivista Plos One. Nei mesi scorsi, studi di popolazione avevano indotto ad avanzare l’ipotesi dell’azione protettiva della vitamina D contro complicanze tipiche del Covid, dalla perdita di conoscenza all’ipossia, dall’eccesso di infiammazione ad alterazioni della risposta immunitaria fino anche al rischio di morte. Ma in questo lavoro per la prima volta e’ stato direttamente confrontato l’esito clinico di pazienti ricoverati per covid e con deficit di vitamina D al momento del ricovero con l’esito di pazienti simili ma senza carenza vitaminica.

E’ emerso che questi ultimi avevano meno probabilita’ di ipossia e perdita di conoscenza, meno infiammazione e piu’ linfociti; avevano inoltre un rischio di morte inferiore del 55%. Holick in un precedente lavoro aveva gia’ dimostrato anche che livelli adeguati di vitamina D nel sangue riducono del 54% il rischio di infettarsi con il Sars-CoV-2. “Questo studio fornisce una prova diretta che avere un buon livello plasmatico di vitamina D riduce le complicanze del covid, inclusa la tempesta citochinica e da ultimo il rischio di morire per Covid-19” – sottolinea Holick. “Poiche’ la carenza di vitamina D o anche una lieve insufficienza sono molto diffuse nel mondo tra bambini e adulti – conclude – specie nei mesi invernali, e’ prudente per ognuno assumere un integratore di vitamina D per ridurre il rischio di essere infettato e di avere complicanze in caso di Covid-19”.

Continua a leggere

In Evidenza

Prima immunoterapia contro la Leucemia linfoblastica acuta

Avatar

Pubblicato

del

E’ la prima immunoterapia contro la Leucemia linfoblastica acuta (Lla) – tumore aggressivo del sangue che colpisce gli adulti ma soprattutto i bambini, con 400 casi l’anno in Italia – in grado di aggredire il ‘residuo minimo di malattia’, ovvero le cellule tumorali ‘sopravvissute’ e invisibili agli esami standard dopo che la malattia è andata in remissione, diminuendo cosi’ il rischio di ricadute e dando nuove speranza ai pazienti pediatrici che vanno incontro a recidive. Il nuovo trattamento (blinatumomab), gia’ in uso contro la Lla negli adulti, ha appena ottenuto il via libera dell’Agenzia italiana del farmaco per l’estensione d’uso sia sugli adulti con malattia residua da Lla sia sui bambini quando la malattia si ripresenta o non regredisce dopo 2 precedenti linee di trattamento o dopo essere stati sottoposti a trapianto di cellule staminali. E’ stato presentato a Venezia, nell’incontro ‘Un ‘ponte’ verso il futuro dell’oncoematologia‘, dal direttore del Dipartimento di Oncoematologia dell’Ospedale Bambino Gesu’ di Roma Franco Locatelli e dal direttore dell’Unita’ di Ematologia dell’Aulss Serenissima Renato Bassan. Proprio l’attacco alla malattia residua, spiegano gli esperti, e’ la premessa per arrivare in futuro all’eradicazione della Lla.

Infatti, in circa il 30% dei pazienti adulti con Lla da precursori delle cellule B anche dopo la remissione della patologia (che non da’ piu’ segni evidenti) permane un residuo di malattia, ovvero un piccolo numero di cellule leucemiche rilevabili solo con tecniche di citofluorimetria o di biologia molecolare e potenzialmente in grado di dar vita a una ripresa o recidiva di malattia. Per questi pazienti la sopravvivenza mediana e’ di circa 2 anni. E’ a questo punto che entra in azione la nuova immunoterapia, il cui meccanismo d’azione e’ basato sull’innovativa tecnologia BiTE che consente alla molecola immunoterapica, un anticorpo a ‘doppio bersaglio’, di legarsi contemporaneamente proprio a due bersagli, costruendo un “ponte” che connette le cellule T, gli agenti piu’ potenti del sistema immunitario, alle cellule tumorali bersaglio. Grazie a questo “ponte”, le cellule T possono agire a distanza ravvicinata sulle cellule tumorali, riconoscendole e rilasciando molecole che ne provocano la morte. Ad evidenziarne l’efficacia e’ il recente studio BLAST, in cui oltre la meta’ dei pazienti che avevano ottenuto una negativizzazione della malattia residua dopo il primo ciclo di trattamento con blinatumomab era ancora in vita a 5 anni. Inoltre, il 91% dei pazienti pediatrici rispondenti al trattamento raggiunge uno status di negativita’ alla malattia residua, e questo permette di procedere tempestivamente al trapianto con piu’ possibilita’ di successo.

Lo studio effettuato sui bambini (studio 215), spiega Locatelli, e’ stato addirittura sospeso prematuramente per la manifesta superiorita’ dei risultati del nuovo trattamento rispetto alla sola chemioterapia. Nei bambini refrattari alle cure convenzionali, sottolinea, “le chance di recupero erano fino ad oggi marcatamente basse. Da adesso, abbiamo a disposizione un’arma in piu’ e blinatumomab rappresenta uno dei maggiori esempi di successo dell’immunoterapia, una forma innovativa di trattamento che sta rivoluzionando l’oncologia pediatrica dando nuove speranze alle famiglie”. Quanto all’eradicazione definitiva della malattia, “questo dovra’ essere confermato da studi su numeri piu’ ampi di pazienti e monitoraggi molto lunghi nel tempo; tuttavia – rileva Bassan – i dati attuali sono abbastanza consistenti, perche’ disponiamo di un monitoraggio di alcuni anni, e vanno in questa direzione. Vi sono numerosi soggetti che sono confermati essere senza malattia residua e senza recidiva dopo 4-5 anni”. Gli anticorpi BiTE sono attualmente allo studio anche per diversi altri tumori, come il mieloma multiplo, il tumore alla prostata, il glioblastoma e il carcinoma polmonare a piccole cellule.

Continua a leggere

In Evidenza

Ricerca sul mesotelioma, gruppo di ricercatori coordinato dal professor Antonio Giordano identifica dei nuovi biomarcatori

Avatar

Pubblicato

del

Fa importanti passi avanti la ricerca scientifica sul mesotelioma, il tumore causato soprattutto dallesposizione alle fibre di amianto. In Italia il tumore è perlopiù conosciuto per la sua diffusione nella zona di Casale Monferrato, in provincia di Alessandria, dove aveva sede uno dei più grandi stabilimenti Eternit del Paese. Le novità arrivano dal gruppo di ricerca coordinato dal professor Antonio Giordano. Ricercatore e oncologo napoletano di fama mondiale, Giordano è attualmente direttore dello Sbarro Institute di Philadelphia e professore di anatomia e istologia patologica allUniversità di Siena.

Il team di ricerca ha di recente pubblicato uno studio sulla rivista scientifica Cell Death & Disease, che ha analizzato lespressione di minuscole molecole di RNA, le microRNA, e ha identificato un set di 48 microRNA espressi in modo differenziale fra il mesotermo normale e i casi di mesotelioma.

Fra questi nuovi potenziali biomarcatori, la ricerca si è focalizzata sul miR 320a, in quanto membro di una famiglia di microRNA, nella quale vari membri hanno mostrato lo stresso trend di deregolazione nel mesotelioma, anche se localizzati su cromosomi diversi. Il miR-320a inibisce lespressione di PDL1, un attore coinvolto nella risposta immunitaria antitumorale e bersaglio delle strategie di immunoterapia sviluppate di recente.

Giordano ha spiegato che identificare dei biomarcatori capaci di intercettare la malattia in una fase precoce potrebbe risultare decisivo, poiché questo tipo di tumore a prognosi infausta viene generalmente diagnosticato in uno stadio già avanzato, in cui le strategie terapeutiche finora sperimentate risultano inefficaci. Lauspicio è dunque che, identificando i meccanismi dazione di questi microRNA, si possa arrivare a diagnosticare per tempo il mesotelioma e a mettere a punto nuove e più efficaci strategie terapeutiche.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto