Collegati con noi

Salute

In pandemia 1 su 8 ha avuto prima esperienza di depressione

Pubblicato

del

Un adulto over 50 anni su 8 ha sviluppato la depressione per la prima volta nella sua vita durante la pandemia Covid e la percentuale sale al 45% tra coloro che avevano già sperimentato depressione in passato. A evidenziare “il sostanziale tributo sulla salute mentale che la pandemia ha causato in un gruppo di adulti mentalmente sani” è la ricerca pubblicata sull’International Journal of Environmental Research and Public Health, che ha coinvolto oltre 20.000 individui over 50 in Canada. Sebbene l’aumento della prevalenza della depressione durante la pandemia sia ben noto, pochi studi avevano identificato la percentuale di persone che l’hanno sperimentata per la prima volta e quanti invece hanno avuto una ricaduta. Il team, guidato da Andie MacNeil, ricercatore dell’University of Toronto, ha identificato diversi fattori associati alla depressione, tra cui reddito, solitudine, dolore cronico, conflitti familiari. Gli adulti che prima della pandemia avevano un reddito inadeguato per soddisfare i propri bisogni primari, hanno avuto maggiori probabilità di sviluppare depressione di prima insorgenza nel 2020. Questo aspetto “evidenzia l’onere sproporzionato per la salute mentale sopportato dagli individui con uno status socioeconomico basso”, afferma la coautrice Margaret de Groh, responsabile scientifico dell’Agenzia per la salute pubblica del Canada. Inoltre, maggior probabilità di depressione è stata riscontrata in persone con dolore cronico e difficoltà ad accedere ad assistenza sanitaria o farmaci. “Questo sottolinea l’importanza di razionalizzare la fornitura di servizi per garantire una minore interruzione dei servizi medici in caso di future pandemie”, afferma il coautore della ricerca Paul J. Villeneuve, del dipartimento di Neuroscienze della canadese Carleton University.

Advertisement

Salute

Tumori: Aiom, subito la legge sul diritto a oblio oncologico 

Pubblicato

del

Subito una legge sul diritto all’oblio oncologico, perchè “servono maggiori garanzie legali per difendere i diritti fondamentali ed evitare discriminazioni”. E’ la richiesta lanciata dal convegno ‘Quando il cancro diventa una malattia cronica’, organizzato oggi a Roma da Fondazione Aiom (Associazione Italiana di Oncologia Medica) in occasione della Giornata Mondiale contro il Cancro. In Italia, affermano gli oncologi, il cancro è una malattia sempre più guaribile o cronica. Un paziente su quattro è riuscito a superare il tumore, non necessita più di trattamenti e presenta la stessa aspettativa di vita del resto popolazione. Al tempo stesso i malati oncologici cronici ammontano a 2 milioni: “per i primi si rende assolutamente necessaria l’approvazione a breve di una legge per il diritto all’oblio oncologico. Per i secondi invece una riorganizzazione della medicina territoriale in modo che l’assistenza sia la più vicina possibile al domicilio del paziente”. I malati oncologici nel nostro Paese “sono in costante crescita e ammontano ad oltre 3,7 milioni – sottolinea Giordano Beretta, presidente Fondazione Aiom -. Di questi circa un milione aspetta da tempo una legge che tuteli i loro diritti fondamentali ed eviti discriminazione nella vita di tutti i giorni. In molti Paesi europei esistono già delle norme specifiche per chi è riuscito a superare definitivamente il cancro. Queste persone all’estero riescono, senza troppi problemi, ad avere un prestito bancario o a stipulare un’assicurazione sulla vita. Da noi invece non esiste ancora alcuna garanzia legislativa. Come Fondazione Aiom, da oltre un anno promuoviamo ‘Io non sono il mio tumore’, la prima campagna nazionale per il diritto all’oblio oncologico”. Promossa anche una petizione on line e finora sono state raccolte oltre 105mila firme. “I pazienti sia cronici che guariti devono poter tornare alle normali attività lavorative – conclude Elisabetta Iannelli, segretaria della Favo (Federazione Italiana Associazioni Volontariato In Oncologia) -. Fondamentale è la riabilitazione fisica ma anche psicologica e sociale. Le associazioni dei pazienti chiedono dunque che, in linea con le indicazioni della Commissione Europea, venga garantita la riabilitazione oncologica e che questa sia inserita nei Livelli essenziali di assistenza Lea”. 

Continua a leggere

Salute

Tumore seno, Oms punta a meno 2,5 milioni vittime entro 2040 

Pubblicato

del

Un’iniziativa globale guidata dalle Nazioni Unite per combattere il cancro al seno potrebbe salvare 2,5 milioni di vite entro il 2040. A lanciarla nella Giornata mondiale contro il cancro è l’Organizzazione Mondiale delal Sanità (Oms), che vuole combattere le disuguaglianze nella prevenzione e nella cura di questa malattia che colpisce ogni anno 2,3 milioni di donne, rendendo quello al seno il cancro più comune al mondo. Nel 95% dei Paesi, il cancro al seno è la prima o la seconda causa di morte per tumore nelle donne.

Tuttavia, quasi l’80% dei decessi per cancro al seno e cervice uterine si verificano nei Paesi a basso e medio reddito. L’Oms rileva inoltre che se un numero limitato di Paesi ad alto reddito è stato in grado di ridurre la mortalità per cancro al seno del 40% dal 1990, per le donne nei Paesi più poveri, una delle sfide principali è ricevere una diagnosi tempestiva. “La sopravvivenza al cancro al seno è del 50% o meno in molti Paesi a basso e medio reddito”, ha diachiarato Bente Mikkelsen dell’Oms, ma il tasso è “superiore al 90% per coloro che possono ricevere le migliori cure nei paesi ad alto reddito”.

“I Paesi con sistemi sanitari più deboli non sono in grado di gestire il crescente onere del cancro al seno che provoca un grande onere sugli individui, le famiglie, le comunità, i sistemi sanitari e le economie. Ridurre l’incidenza di questa malattia deve quindi essere una priorità per i ministeri della salute e dei governi di tutto il mondo”, ha dichiarato Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’Oms. Per rispondere alle esigenze dei paesi più poveri e fornire orientamenti ai governi, la campagna lanciata dall’Oms vuole promuovere controlli sanitari per incoraggiare la diagnosi precoce e fornire trattamenti tempestivi con terapie efficaci. Entro il 2040, si prevedono oltre tre milioni di casi e un milione di morti ogni anno in tutto il mondo. Circa il 75% di questi decessi si verificherà nei paesi a basso e medio reddito. “Il cancro al seno è la ragione più probabile per cui una donna morirà di cancro in tutto il mondo, è il cancro più comune nelle donne nell’86% dei paesi. È quindi essenziale disporre di un programma di prevenzione nei prossimi anni” conclude l’Oms.

Continua a leggere

In Evidenza

Torna la giornata di raccolta del farmaco dal 7 al 13/2 

Pubblicato

del

Torna anche quest’anno la giornata di raccolta del farmaco: dal 7 al 13 febbraio in oltre 5.200 farmacie che aderiscono in tutta Italia (espongono la locandina dell’iniziativa e l’elenco è consultabile su www.bancofarmaceutico.org), sarà chiesto ai cittadini di donare uno o più medicinali da banco per i bisognosi. Lo rende noto un comunicato di Banco Farmaceutico Fondazione onlus. I farmaci raccolti (nel 2022, 479.470 confezioni, pari a un valore di 3.819.463 euro) saranno consegnati a 1.800 realtà assistenziali che si prendono cura di almeno 400.000 persone in condizione di povertà sanitaria offrendo gratuitamente cure e medicine. Il fabbisogno segnalato a Banco Farmaceutico da tali realtà supera il milione di confezioni di medicinali. 

Si invitano i cittadini – si legge in una nota – ad andare apposta in farmacia per donare un farmaco. Serviranno, soprattutto, analgesici e antipiretici, antiinfiammatori per uso orale, preparati per la tosse, farmaci per dolori articolari e muscolari, antimicrobici intestinali e antisettici. “La crisi internazionale ha causato un aumento del costo della vita che si ripercuoterà sulle famiglie povere, sulle stesse realtà assistenziali a cui si rivolgono quando hanno bisogno d’aiuto, ma anche su tante famiglie non povere- afferma Sergio Daniotti, presidente della Fondazione Banco Farmaceutico onlus -Donare un farmaco per chi non può permetterselo è un modo per esprimere, attraverso un semplice gesto di gratuità, il meglio della nostra umanità e per dare un segnale di speranza” La GRF si svolge sotto l’Alto Patronato della Presidenza della Repubblica, con il patrocinio di AIFA e in collaborazione con Cdo Opere Sociali, Federfarma, Fofi, Federchimica Assosalute, Egualia – Industrie Farmaci Accessibili e BFResearch. Intesa Sanpaolo è Partner Istituzionale dell’iniziativa e con il importante contributo incondizionato di IBSA Farmaceutici, Teva Italia, EG Stada Group e DHL Supply Chain Italia e al sostegno di DOC Generici, Piam Farmaceutici, Zentiva e Chiapparoli Logistica. La Raccolta è inoltre supportata da RAI per la Sostenibilità – ESG, Mediafriends, La7, Sky per il sociale, e Pubblicità Progresso. L’iniziativa è possibile grazie al sostegno di oltre 18.000 farmacisti (titolari e non) che oltre a ospitare la GRF la sostengono con erogazioni liberali. Anche quest’anno, sarà supportata da più di 22.000 volontari. 

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto