Collegati con noi

Cronache

Il titolare di Lamina, azienda metallurgica milanese, evita il carcere con il patteggiamento della pena e il risarcimento dei familairi dei morti e dell’Inail

Avatar

Pubblicato

del

Ha raggiunto un accordo con la Procura per patteggiare una pena sospesa di 1 anno e 10 mesi, dopo aver risarcito le famiglie delle vittime e l’Inail per un totale di oltre 4 milioni di euro, Roberto Sanmarchi, il titolare della Lamina, l’azienda metallurgica milanese dove il 16 gennaio dello scorso anno morirono quattro operai a causa di una fuoriuscita di gas argon nella vasca di un forno. E’ quanto e’ emerso dall’udienza preliminare, davanti al gup di Milano Manuela Scudieri, a carico dell’imprenditore, difeso dai legali Roberto Nicolosi Petringa e Elena Benedetti e accusato di omicidio colposo plurimo con l’aggravante di aver commesso il fatto in violazione della normativa in materia di sicurezza sul lavoro. Oggi hanno chiesto di entrare nel procedimento come parti civili la Fiom-Cgil e l’Anmil, associazione mutilati e invalidi. Il gup decidera’ nella prossima udienza del 19 marzo se ammettere le due parti e poi se ratificare o meno il patteggiamento che ha avuto l’ok dei pm Letizia Mocciaro e Gaetano Ruta.

I legali del titolare della Lamina hanno spiegato che “in una tragedia di questa portata essere arrivati in 8 mesi a risarcire tutte le famiglie e’ un risultato di grande rilievo dal punto di vista umano e della solidarieta’ e anche processuale”. Nel procedimento e’ imputata anche la stessa societa’ per la legge sulla responsabilita’ amministrativa degli enti. Gia’ lo scorso giugno si era saputo che Sanmarchi aveva risarcito i familiari di una delle vittime, Giuseppe Setzu, e poi erano state chiuse anche le transazioni extragiudiziali con le famiglie dei fratelli Arrigo e Giancarlo Barbieri, anche loro dipendenti Lamina. Poi sono stati risarciti anche i familiari di Marco Santamaria, elettricista di una ditta esterna e la stessa societa’ che collaborava con Lamina per la perdita del lavoratore. Risarcimento versato, poi, anche all’Inail. L’inchiesta, coordinata dall’aggiunto Tiziana Siciliano, aveva evidenziato una serie di falle nei sistemi di sicurezza della fabbrica, messi in luce da una complessa consulenza tecnica. Era stato accertato che nella fabbrica, infatti, non c’erano nemmeno “procedure di sicurezza sulla utilizzazione della centralina di allarme del livello di ossigeno” e “sulla gestione della funzione di tacitazione” dell’allarme stesso che quel giorno suono’ al mattino e venne probabilmente disattivato da uno dei quattro operai, che poi scesero nella vasca del forno e morirono uno dopo l’altro. L’Anmil, chiedendo oggi di entrare come parte civile, ha presentato una richiesta danni di un milione di euro. I legali della Lamina si sono opposti alle nuove richieste di parti civili. “L’azienda – hanno spiegato i difensori – sta continuando a lavorare, il forno e’ ancora sotto sequestro e lo stiamo adeguando alle prescrizioni di sicurezza in accordo con l’Ats”.

Advertisement

Cronache

Pasqua tragica a Monopoli per un 26enne: gli va per traverso un boccone e muore soffocato

amministratore

Pubblicato

del

Un boccone di carne ha causato la morte per soffocamento di un 26 enne di Monopoli, Bari. Il giovane era a casa dello zio per il pranzo pasquale e quando i commensali riuniti a tavola si sono accorti che stava soffocando hanno provato a fare le manovre per liberargli la gola ma non ci sono riusciti così hanno allertato il 118. Giunto in ospedale però neppure i medici sono riusciti ad estrarre il pezzo di carne che nel frattempo aveva istruito le vie respiratorie del giovane ed hanno effettuato una tracheotomia ma ormai era troppo tardi e il giovane è morto. Sulla vicenda indaga la polizia anche se con ogni probabilità si è trattato di una tragica fatalità.

Continua a leggere

Cronache

Salerno, donna accoltellata al cuore per strada dal suo stalker

Avatar

Pubblicato

del

Tragedia della follia  a Salerno.  Un uomo ha accoltellato una giovane romena. La donna è ora al pronto soccorso dell’ospedale San Giovanni di Dio e ruggi d’Aragona e la sua vita è appesa ad un filo: alla 39enne è stato inferto un colpo al cuore. L’uomo è stato invece bloccato da alcuni carabinieri di pattuglia in centro che sono accorsi sul luogo della tragedia ed hanno fermato l’accoltellatore nell’immediatezza dei fatti. La donna era da tempo oggetto di morbose attenzioni di quell’uomo che ha precedenti proprio per stalking..

Continua a leggere

Cronache

Pasqua a Napoli: tutti in fila per Caravaggio a Capodimonte

Avatar

Pubblicato

del

Lunghe file al museo di Capodimonte per la mostra “Caravaggio Napoli”: solo nel lunedi’ in albis 2396 ingressi. Molti visitatori hanno scelto il biglietto integrato (con 1 solo euro di differenza infatti e’ possibile visitare anche il museo con le preziose collezioni e le altre due mostre in corso: Depositi di Capodimonte e Jan Fabre). A dieci giorni dall’inaugurazione, l’esposizione ha superato i 10mila ingressi e si prepara alle prossime festivita’: 25 aprile e 1 maggio. Positivo anche il confronto con lo scorso anno: nonostante la Pasqua 2018 coincidesse con la prima domenica ad ingresso gratuito, tutto il weekend di Pasqua 2019 fa registrare un incremento del 30%. Soddisfatto il direttore Sylvain Bellenger: “Siamo giunti a queste festivita’ con un’offerta culturale variegata: ben 3 mostre (Caravaggio, Fabre e Depositi) e un museo sempre piu’ accessibile con tutte le sezioni aperte, dalla ritrovata collezione De Ciccio all’Armeria Farnesiana e borbonica fino all’arte contemporanea”.

Continua a leggere

In rilievo