Collegati con noi

Cinema

Il ritorno di Sofia Loren con la regìa di suo figlio Edoardo Ponti nel film per Netflix

Avatar

Pubblicato

del

Il grande ritorno della mitica Sofia Loren sul grande schermo con suo figlio Edoardo Ponti, regista del film “La vita davanti a sé” di Netflix: l’ultima apparizione al cinema della Loren è stata 7 anni fa con “Nine”.
La star torna con un storia emozionante tratta da un romanzo di Romain Gary, secondo i primi rumors  il film potrebbe essere candidato all’ Oscar. La Loren ha già vinto due statuette, nel ’62 e nel ’91.


“La vita davanti a sé”, è stato proiettato al cinema nei giorni 3, 4 e 5 novembre e disponibile su Netflix da oggi.
La pellicola ambientata a Bari racconta la storia di Madama Rosa interpretata da Sophia Loren, una sopravvissuta all’olocausto ebreo e scampata da Auschwitz. Che usa il suo modesto appartamento per prendersi cura dei figli delle prostitute. La protagonista si prende cura anche di Momò, un bambino di dodici anni. I due sono diversi in tutto: età, etnia e religione. Per questo all’inizio la loro relazione è molto conflittuale, ben presto però il loro incontro si trasformerà in un’inaspettata e profonda amicizia, quando, nonostante tutto, si renderanno conto di essere anime affini, legate da un destino comune che cambierà le loro vite per sempre.

In questa pellicola partecipa anche Laura Pausini che sui social ha annunciato la sua interpretazione della colonna sonora. Il brano si intitola ” Io si” un testo scritto con Niccolò Gagliardi, e musicato dall’ iconica Diane Warren. Alla presentatazione della cover del singolo sui social ha già ottenuto decine di migliaia di like sul profilo Instagram dell’artista che conta oltre 3.300.000 follower.

Advertisement

Cinema

Indiana Jones 5, il primo ciak la prossima settimana

amministratore

Pubblicato

del

Ciak si gira! Le riprese del prossimo, attesissimo, “Indiana Jones 5” cominceranno la prossima settimana. Lo riporta il sito Deadline Hollywood citando fonti vicine alla produzione. Il nuovo film della serie sull’avventuriero archeologo sara’ girato negli studi Pinewood fuori Londra e in altre localita’ del Regno Unito tra cui lo spettacolare Bamburgh Castle sulla costa del Northumberland. Harrison Ford tornera’ dunque a recitare in uno dei suoi ruoli piu’ famosi accanto a Mads Mikkelsen (“Un altro giro” di Thomas Vintenberg), Phoebe Waller Bridge (di “Fleabag”), Boyd Holbrook (“Logan”), Shaunette Rene’e Wilson (“The Resident”) e Thomas Kretschmann (“Avengers: Age Of Ultron”). James Mangold, il regista di “Logan” e “Ford contro Ferrari”, sara’ dietro la macchina da presa al posto di Steven Spielberg, che resta comunque coinvolto nella produzione. Tornera’ anche John Williams, che ha lavorato a tutte le colonne sonore del franchise negli ultimi 40 anni. I particolari della trama sono ancora top-secret, mentre l’uscita nelle sale e’ il 29 luglio 2022. L’ultima volta che il 78enne Ford ha indossato il vecchio Borsalino e la giacca di pelle del personaggio creato da George Lucas in omaggio agli eroi d’azione dei film degli anni ’30 e’ stato nel 2008 con “Indiana Jones e il Regno del Tempio di Cristallo”. Ford aveva debuttato nella parte nel 1981 con “I predatori dell’arca perduta” diventando uno dei personaggi piu’ famosi della storia del cinema. I primi quattro film della serie, che includono anche “Indiana Jones e il Tempio della Paura” del 1984 e “Indiana Jones e l’Ultima Crociata” del 1989, hanno incassato oltre due miliardi di dollari al box office globale.

Continua a leggere

Cinema

Tom Cruise e la saga di Missione Impossible, in arriva altre due puntate della saga

Avatar

Pubblicato

del

Era il 22 maggio del 1996 e il primo ‘Mission Impossible’ usciva nelle sale. Il film, con protagonista Tom Cruise, sarebbe diventato uno dei franchise di maggior successo della storia del cinema: da allora sono usciti altri cinque capitoli della saga, mentre il settimo e l’ottavo saranno rispettivamente in sala il 27 maggio del 2022 e il 7 luglio del 2023. Il primo film e’ tornato nei cinema in versione restaurata proprio in occasione del 25/o anniversario.

Ispirato alla serie televisiva Missione Impossibile ideata da Bruce Geller nel 1966, il film ruota intorno alla figura di Ethan Hunt (Tom Cruise), un membro della IMF (Impossible Mission Force), una speciale sezione segreta della CIA incaricata di svolgere le missioni ritenute piu’ delicate e pericolose. Fu immediatamente un enorme successo al botteghino. All’indomani della sua uscita riscosse quasi 12 milioni di dollari superando il record di Terminator 2 – Il giorno del giudizio (1991) che aveva accumulato 11 milioni e 7 mila dollari. Cruise e’ rimasto fedele al suo ruolo per tutti i capitoli del franchise, mentre solo il primo, di cui lo stesso attore fu produttore, e’ stato diretto da Brian De Palma.

Dietro la macchina da presa si sono alternati John Woo in Mission: Impossible II (2000), J.J. Abrams in Mission: Impossible III (2006), Brad Bird con Mission: Impossible – Protocollo fantasma (2011) e Christopher McQuarrie sia in Mission: Impossible – Rogue Nation (2015) che in Mission: Impossible – Fallout (2018). McQuarrie dirigera’ anche Mission: Impossible 7. Mission Impossible e’ inoltre il solo franchise presente nel curriculum di Cruise. Prima di essere Ethan Hunt, l’attore rifiuto’ di girare Top Gun 2 e scelse invece di fare Il colore dei soldi e Rain Man. L’eta’ anagrafica non sembra essere un problema per la saga: il pubblico non si stanca delle acrobazie di Hunt e la fedelta’ premia anche al botteghino. Nel 2018 Mission: Impossible – Fallout, l’ultimo della serie, ha superato i 790 milioni di dollari in incassi a livello mondiale, a fronte di un budget da 180 milioni. Riuscira’ Mission Impossibile 7 a mantenere le aspettative? Non si puo’ fare altro che attendere il 2022. (

Continua a leggere

Cinema

David speciale alla Bellucci icona bellezza italiana

Avatar

Pubblicato

del

Dopo quello a Diego Abatantuono di sei giorni fa, arriva oggi a Monica Bellucci il David Speciale 2021 che le sara’ consegnato nel corso della 66/a edizione dei Premi David di Donatello, il prossimo 11 maggio in diretta in prima serata su RAI 1. Una sorta di giusto riconoscimento da parte dell’Accademia del cinema italiano verso un’attrice, vera icona di bellezza al livello internazionale, ma con pochissimi premi e comunque nessun David. Per lei solo una candidatura a questo premio nel 2003 per ‘Ricordati di me’ di Gabriele Muccino. Poi nel 1988 due Globi d’oro della stampa estera come miglior attrice per ‘L’ultimo Capodanno’, un Globo d’oro europeo nel 2005 e, infine, due Nastri d’argento dal Sindacato Nazionale Giornalisti Cinematografici ottenuti rispettivamente come attrice non protagonista in ‘Ricordati di me’ nel 2003 e nel 2017 per ‘Sulla via lattea’. Tra i privilegi di questa attrice nata a Citta’ di Castello 56 anni fa, il fatto di piacere anche molto alle donne, non aver utilizzato per ora mai ritocchi estetici e non aver paura di invecchiare. Dalla sua ha anche una grande capacita’ di autoironia: In ‘Chiami il mio agente’, la serie tv cult di Netflix, un uomo che non la riconosce le dice: “Lo sai che assomigli a Monica Bellucci? Ma e’ una tale cretina, non ha niente da dire”. Due figlie, Deva, sedici anni e mezzo, e Le’onie, undici, entrambe avute dall’attore Vincent Cassel, l’hanno resa, ha affermato in diverse interviste, piu’ saggia e meno in conflitto anche con il mondo maschile. Nel giugno 2017 l’Academy of Motion Picture Arts and Sciences l’ha invitata come membro fisso in rappresentanza dell’Italia a far parte della giuria di votanti responsabili di assegnare i Premi Oscar. Nel suo ultimo film, ‘The Girl in the Fountain’, diretto da Antongiulio Panizzi, interpreta Anita Ekberg. Qui la Bellucci, in versione bionda, si misurera’ nella celebre scena della Fontana di Trevi. Si tratta di una biopic sulla star svedese che coniuga realta’ e mito. “Una carriera stellare e tuttavia saggia, che parte da Citta’ di Castello e dalla nostra commedia, e si lascia valorizzare da grandi autori come Francis Ford Coppola e Giuseppe Tornatore diventando subito internazionale, con in piu’ la devozione del cinema francese dalla sua parte – cosi’ Piera Detassis, Presidente e Direttore Artistico dell’Accademia del Cinema Italiano – Il David Speciale a Monica Bellucci – continua la Detassis – riconosce la sua bellezza unica ma soprattutto la capacita’ di giocare d’azzardo e provocazione, come nel caso di Irre’versible, alternando registi riconosciuti a giovani debuttanti o innovatori e scegliendo quasi sempre lo slancio d’autore, dai Wachowski a Virzi’, da Sam Mendes a Maria Sole Tognazzi, da Terry Gilliam a Kusturica, da Claude Lelouch a Kaouther Ben Hania. Bellucci incarna la rara capacita’ di essere icona globale, senza perdere di vista il lavoro creativo e la comunita’ artistica. Carismatica, cosmopolita e insieme profondamente italiana”.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto