Collegati con noi

In Evidenza

Il richiamo di Mattarella, bene comune non è libro Cuore

Avatar

Pubblicato

del

C’e’ un clima generale nel Paese che preoccupa il presidente della Repubblica e che ancora piu’ profondamente disturba il cittadino Sergio Mattarella. Un’operazione strisciante nel Paese che ha l’obiettivo di derubricare a torta mielosa ogni atto positivo, a svilire azioni collettive solidali con una terminologia aggressiva costruita su slogan da spin doctor. Una involuzione sentimentale che attraverso tutto il Paese da Nord a Sud e che si manifesta con sempre meno vergogna nei banchi della politica e dell’editoria. E oggi il capo dello Stato ha deciso di dire la sua in una riflessione che si colloca a meta’ strada tra un richiamo da capo dello Stato e il rimbrotto di un padre ai propri figli. “Sempre piu’ spesso leggo e sento considerazioni piene di ironia nei confronti dei buoni sentimenti. Voglio dire con garbo ma con chiarezza che preoccuparsi del bene comune non e’ una espressione buonista da libro Cuore. Bisogna tutti attivarsi concretamente per il bene comune, per la solidarieta’ che porta progresso al Paese”, ha detto Mattarella dai saloni del Quirinale, a sorpresa. Non e’ certamente un caso che il presidente abbia scelto di esprimersi cosi’ nettamente proprio oggi, al termine di una lunga cerimonia che ha premiato gli “eroi civili”, cioe’ alcuni dei cittadini che maggiormente si sono distinti per opere e azioni di coraggio, per il loro impegno verso il prossimo o anche per aver mostrato una straordinaria forza di reazione alle avversita’. Il presidente e’ apparso particolarmente stanco di un clima nel Paese che tende, attraverso un linguaggio elementare, a svilire rozzamente i valori fondanti della Repubblica, la voglia di aggregazione e finanche i sentimenti positivi dei singoli. Il linguaggio come arma, che con diminutivi o sinonimi prosciuga in un attimo il senso profondo della realta’. Il “buonismo” per denigrare il bene pubblico, ad esempio.

 

I “professoroni” per mettere alla berlina il mondo accademico, per farne un altro. Parole che distruggono con poco e che irrompono in un tessuto sociale gia’ disgregato dalla crisi economica e dalla compressione delle tutele sociali. E’ l’Italia che vive in pieno quell'”epica del disincanto” descritta dal Censis recentemente. Un Paese che troppo spesso semplifica i problemi declinandoli con il gelido “mors tua vita mea”. Parole e comportamenti che alimentano divisioni, che aumentano i fossati sociali e dileggiano i buoni comportamenti, quasi fossero un polveroso orpello del passato. Il nord contro il sud, anziani pensionati contro giovani disoccupati, individualismo che sfocia nella celebrazione del menefreghismo. E su tutto questo che si basa la riflessione “urbi et orbi” del presidente che si rivolge non solo alla politica ma anche ai corpi intermedi. Con una particolare attenzione ai giornalisti ai quali ricorda l’importanza della professione. “Raccontare quel che di buono succede nel Paese e’ necessario e facendolo si rende un servizio alla verita’ e un servizio alla Repubblica”. I valori sono valori, fa capire il presidente. E non si possono relativizzare, sminuire o disgregarli con l’uso infido della parola. La solidarieta’ non e’ qualcosa di fine a se stessa, e’, anzi, parte del motore di una societa’ in salute. “Impegnarsi per far superare condizioni di sofferenza, di emarginazione, impegnarsi per la cultura e la ricerca scientifica, adoperarsi per la difesa dell’ambiente, attivarsi per la legalita’: questo e’ cio’ che significa avvertire il senso di un destino comune della nostra convivenza in Italia. La convivenza e’ questione comune. La solidarieta’ – assicura il presidente – consente al Paese di crescere e progredire”.

Advertisement

Economia

Colf e badanti, ecco come tutelare il lavoro e anche le famiglie italiane in difficoltà

amministratore

Pubblicato

del

Finora niente tutele per loro nei decreti. Eppure colf e badanti che lavorano nelle nostre case in queste settimane hanno visto stravolgere la loro quotidianità. Così come le famiglie che sono i loro datori di lavoro. Tante le domande dall’una e dall’ altra parte, cosa prevede il contratto (per chi lo ha), cosa possono fare le famiglie se preferiscono per paura o motivi di sicurezza non far lavorare la colf durante l’emergenza sanitaria. Tanto per dare un ordine di grandezza, secondo Assindatcolf, circa il 60% dei circa 860mila lavoratori regolari del settore in Italia hanno interrotto l’attività lavorativa. Come? Gli strumenti a disposizione sono essenzialmente quattro. Si può infatti ricorrere alle ferie, magari anticipando anche quelle maturate, “questo consente al lavoratore di avere un reddito e di mantenere in essere il rapporto di lavoro – spiega Paolo Fiumana, coordinatore tecnico di Acli in famiglia – ed è la soluzione che le famiglie stanno attuando di più, nell’ordine dell’ 80% dei casi”. Anche perché, spiega, “stando l’intera famiglia a casa, si tende a far da sé le pulizie. Ma il consiglio è sempre mettere per iscritto qualsiasi modifica al contratto”.


Altra ipotesi è il permesso non retribuito, che anche in questo caso tutela la continuità del rapporto di lavoro, ma che certo indebolisce le tasche del collaboratore domestico. Altra strada, percorribile in particolar modo in caso di colf con poche ore settimanali è l’utilizzo di un periodo di permesso retribuito, qualora non si voglia far pesare economicamente la sospensione al collaboratore. Ma che non sembra adesso la scelta che le famiglie stanno percorrendo. Ultima soluzione è l’anticipazione di quote del trattamento di fine rapporto. Percorrendo queste strade si lascia inoltre aperta la possibilità di accesso del collaboratore al Fondo per il reddito di ultima istanza che dovrebbe fornire misure di sostegno al reddito ai lavoratori che hanno cessato, ridotto o sospeso l’ attività a seguito dell’ emergenza coronavirus. Questo sostegno per colf e badanti dovrebbe arrivare con il decreto di aprile, “e dovrebbe aiutare con un contributo di 600 euro per due mesi le lavoratrici domestiche, ma per ora siamo solo alle buone intenzioni espresse dal governo” spiegano all’Acli .
C’ è poi tutto un mondo di aiutanti di famiglia che non hanno un contratto regolare, visto che le stime parlano di 2 milioni di colf e badanti e solo 860mila con contratto registrato. Per chi non è in regola, tuttavia, questo potrebbe essere il momento buono per pensare al contratto. Anche per questi collaboratori domestici infatti dovrebbero essere previsti degli aiuti, circa 4-500 euro per due mesi, ma non a pioggia, probabilmente invece seguendo il criterio del minimo di giornate lavorate nel 2019.

Continua a leggere

Corona Virus

Torna l’incubo virus in Cina, isolati in 600mila nella provincia dell’Henan

Avatar

Pubblicato

del

Torna l’incubo coronavirusin Cina: la contea di Jia, nella provincia dell’Henan che confina a sud con quella dell’Hubei, epicentro della pandemia, e’ stata sottoposta a isolamento con provvedimento d’urgenza, secondo quanto comunicato dalle autorita’ sanitarie locali sui social media, a causa della rilevazione di “diversi casi di infezione”. Mentre l’Hubei e il capoluogo Wuhan stanno sperimentando il graduale ritorno alla normalita’ dopo due mesi di quarantena totale, i residenti di Jia, circa 600mila persone, dovranno invece essere in possesso di permessi speciali per uscire di casa o andare al lavoro, sottoponendosi al controllo della temperatura corporea e indossando le mascherine a copertura facciale. Il South China Morning Post, citando un funzionario locale dei trasporti, ha confermato le misure prese contro l’ipotesi di una ondata di ritorno. Nella contea, secondo un modello ampiamente sperimentato, tutte le aziende sono state chiuse, ad eccezione di quelle strategiche: dalle utility a quelle che producono materiale sanitario, dagli operatori della logistica alle aziende attive nel settore alimentare. Disposta, invece, l’apertura dei servizi primari tra supermercati, farmacie, stazioni di benzina ed hotel, mentre un solo componente per famiglia sara’ autorizzato a uscire ogni due giorni per acquistare beni necessari. La temuta ondata di ritorno in Cina, oltre che col fenomeno dei casi importati dall’estero, e’ legata alla diffusa presenza degli asintomatici, di coloro cioe’ che risultano contagiati dal Covid-19 ma che non mostrano (e non e’ detto che accada in futuro) i segnali tipici dell’infezione. Zhong Nanshan, uno dei massimi epidemiologi cinesi impegnato nella lotta alla Sars del 2003, ha affermato la scorsa settimana in un’intervista ai media statali che ogni asintomatico puo’ potenzialmente infettare “da 3 a 3,5 persone”. Sia online che attraverso varie istituzioni si e’ rafforzato il pressing sulle autorita’ sanitarie centrali per diffondere il numero degli asintomatici. Oggi c’e’ stata la prima volta, con la comunicazione della Commissione sanitaria nazionale: 130 nuovi casi per totali 1.367 persone tenute sotto osservazione. L’allerta e’ aumentata su scala generale dopo diversi episodi, tra cui uno relativo al weekend citato dalle autorita’ sanitarie locali secondo cui una donna e’ rimasta contagiata, proprio nell’Henan, dopo essere stata a stretto contatto con tre asintomatici. Che, a differenza di Corea del Sud e Giappone, la Cina somma alle infezioni complessive ufficiali soltanto se si manifestano i sintomi in modo chiaro.

Continua a leggere

Esteri

Spagna al collasso, medici costretti a scegliere chi intubare e chi far morire. A Parigi ospedali al collasso

Già oltre i 100mila casi di contagio in Spagna. A Parigi, invece, gli ospedali sono al collasso. Una delle notizie più agghiaccianti che arrivano dalla Spagna è che in Catalogna i medici sono costretti a scegliere chi intubare. Angela Merkel, invece, proroga le restrizioni.

Avatar

Pubblicato

del

Rallentamento dei nuovi contagi e dei ricoveri. La Spagna si aggrappa a questi due dati per resistere al coronavirus, che finora ha prodotto numeri spaventosi: oltre centomila contagi e novemila morti, con una situazione sanitaria talmente grave che in Catalogna va in terapia intensiva solo chi ha piu’ chance di sopravvivere. E’ allarme rosso ospedali anche a Parigi ed in Germania si tenta di evitare il peggio prolungando le misure di contenimento. In Spagna per il quinto giorno consecutivo ci sono stati oltre 800 morti in piu’ ed il numero di vittime complessivo e’ inferiore solo all’Italia a livello globale. Quasi 8.000 i nuovi contagi, con il bilancio aggiornato a oltre 102.000. Allo stesso tempo, le autorita’ sanitarie iniziano a intravedere un filo di luce. “In questo momento il problema centrale non e’ se abbiamo raggiunto il picco o no, sembra che siamo gia’ li’, e i numeri stanno scendendo”, ha affermato con prudenza il capo dei servizi di emergenza Fernando Simon, che si trova in quarantena dopo aver contratto il virus. Il tasso di nuove infezioni e’ in ribasso da una settimana (8% rispetto al 20%), cala anche la mortalita’ e soprattutto il numero di pazienti che entrano in ospedale o vengono ricoverati in terapia intensiva. E’ proprio questa la priorita’ al momento: ottimizzare la capacita’ del sistema sanitario per curare tutti al meglio e scongiurarne il collasso. Una corsa contro il tempo, se si considera che in Catalogna le autorita’ hanno suggerito ai medici (a cui comunque spettera’ l’ultima parola) di dare la precedenza in terapia intensiva a chi ha la possibilita’ di vivere un numero maggiore di anni rispetto ad un ultraottantenne. Anche nel resto d’Europa, dove i contagi crescono ovunque, la preoccupazione principale e’ la tenuta degli ospedali. A Parigi, ad esempio, sono sul punto di scoppiare, con tutti i letti in rianimazione occupati. E si stima che in tutta la regione della capitale, l’Ile-de-France, entro una decina di giorni ci siano gli stessi numeri della Lombardia. Cosi’ il premier Edouard Philippe ha espresso una linea di cautela riguardo alla fine del lockdown in vigore fino al 15 aprile: “Probabilmente non avverra’ tutta in una volta, ovunque e per tutti” e si studia “la possibilita’ di fine dei confinamenti su base regionale, o in funzione dei risultati dei test o di classi di eta’”. In Germania, invece, il governo ha gia’ deciso di prolungare le misure di contenimento almeno fino al 19 aprile. In accordo con i Land. “Una pandemia non conosce giorni festivi”, ha sottolineato la cancelliera Angela Merkel, rilevando che “la diffusione del coronavirus e’ ancora troppo alta”. Stesso scenario in Gran Bretagna, dove si e’ registrata un’altra giornata nera nella battaglia contro il Covid-19: 563 morti in piu’ in 24 ore e i contagi arrivati quasi a 30.000. E quest’anno, per la prima volta dalla fine della seconda guerra mondiale, i campi in erba di Wimbledon non ospiteranno il torneo di tennis piu’ glamour del pianeta.

Continua a leggere

In rilievo