Collegati con noi

Economia

Il no dei sindacati, la Fiom proclama 8 ore di sciopero

Pubblicato

del

Pronti alla piazza. La manovra non convince i sindacati, insoddisfatti innanzitutto sul fronte delle pensioni: Quota 102 solo per il 2022 non risponde alla richiesta di una riforma complessiva e strutturale del sistema che consenta di uscire prima e di superare la legge Fornero. E, in attesa di decidere le risposte, tra loro la Fiom-Cgil rompe le righe e si lancia in avanti proclamando un pacchetto di otto ore di sciopero. Otto ore da decidere come articolare e se unitariamente o meno. Il primo giudizio non e’ positivo. Cgil, Cisl e Uil si riservano una valutazione piu’ compiuta aspettando di leggere il testo definitivo della legge di Bilancio varata dal Consiglio dei ministri e intanto i segretari generali Maurizio Landini, Luigi Sbarra e Pierpaolo Bombardieri si danno appuntamento sabato per una riunione in cui fare il punto sulle risposte da dare e sulle eventuali mobilitazioni da mettere in campo. Nel frattempo Bombardieri e’ chiaro: sulla scelta di Quota 102 per le pensioni “la Uil non ci sta ed e’ pronta se necessario a scendere in piazza”. Sabato “ci vedremo e valuteremo quali strumenti di mobilitazione mettere insieme” con l’obiettivo di “avere la forza di fare pressione” e “convincere il Parlamento a cambiare le scelte” durante l’iter della manovra. E resta il pressing perche’ il governo apra “subito” il tavolo di confronto con i sindacati sulla previdenza, come rimarca Sbarra: tra le richieste, quella di poter uscire dal mondo del lavoro a partire da 62 anni, con 41 anni di contributi a prescindere dall’eta’ e costruire una pensione di garanzia per i giovani, “intrappolati” tra il sistema contributivo puro e carriere lavorative frammentate e discontinue. Anche sul fisco la questione e’ aperta con la richiesta unitaria che il taglio delle tasse questa volta riguardi i lavoratori ed i pensionati. I metalmeccanici della Cgil pero’ vanno avanti, ritenendo “urgente” la mobilitazione delle lavoratrici e dei lavoratori per chiedere al Governo ma anche alle imprese risposte sulle crisi industriali e occupazionali, contro la precarieta’ del lavoro, sul sistema degli appalti e subappalti, sulla lotta all’evasione fiscale, oltre che sulle pensioni. Nei prossimi giorni definiranno le modalita’ con cui mettere in campo le otto ore di sciopero “anche nel confronto con Fim e Uilm e in relazione al percorso di mobilitazione e di sciopero che Cgil, Cisl e Uil decideranno”, dice la Fiom, non escludendo che l’iniziativa possa essere allargata.

Advertisement

Economia

Coldiretti: il braccio di ferro sui porti del Mar Nero fa salire il prezzo del grano

Pubblicato

del

Con il braccio di ferro sullo sblocco dei porti del Mar Nero sono tornati a salire i prezzi del grano e del mais che nell’ultimo girono di contrattazione hanno raggiunto rispettivamente 11,57 dollari al bushel e a 7,77 dollari al bushel alla chiusura settimanale della borsa merci future di Chicago che rappresenta il punto di riferimento mondiale del commercio delle materie prime agricole. E’ quanto emerge dall’analisi della Coldiretti che evidenzia gli effetti della richiesta della Russia di superare le sanzioni per consentire il trasporto dei cereali che e’ stata per adesso rigettata dall’alleanza atlantica e dalla stessa Ucraina. La partenza delle navi – sottolinea la Coldiretti – significa lo svuotamento dei magazzini dove si stima la presenza di oltre 20 milioni di tonnellate di cereali tra grano, orzo e mais destinati alle esportazioni sia in Paesi ricchi che in quelli piu’ poveri dove il blocco rischia di provocare rivolte e carestie. Paesi come Egitto, Turchia, Bangladesh e Iran che acquistano piu’ del 60 per cento del proprio grano da Russia e Ucraina ma – precisa la Coldiretti – anche Libano, Tunisia Yemen, e Libia e Pakistan sono fortemente dipendenti dalle forniture dei due Paesi.

Una necessita’ per lasciare spazio nei magazzini per accogliere i nuovi raccolti in arrivo tra poche settimane per un quantitativo di grano stimato di 19,4 milioni di tonnellate, circa il 40 per cento in meno rispetto ai 33 milioni di tonnellate previsti per questa stagione, che collocano comunque l’Ucraina al sesto posto tra gli esportatori mondiali di grano. Una situazione che riguarda direttamente anche l’Unione europea nel suo insieme dove – precisa la Coldiretti – il livello di autosufficienza delle produzione comunitaria varia dall’82 per cento per il grano duro destinato alla pasta al 93% per i mais destinato all’alimentazione animale fino al 142 per cento per quello tenero destinato alla panificazione secondo l’analisi della Coldiretti sull’ultimo outlook della Commissione europea che evidenzia l’importanza di investire sull’agricoltura per ridurre la dipendenza dall’estero e non sottostare ai ricatti alimentari.

L’emergenza mondiale colpisce l’Italia che e’ un Paese deficitario ed importa addirittura il 64 per cento del proprio fabbisogno di grano per la produzione di pane e biscotti e il 53 per cento del mais di cui ha bisogno per l’alimentazione del bestiame, secondo l’analisi della Coldiretti. In particolare l’Italia ha acquistato dall’Ucraina 122 milioni di chili di grano tenero per la panificazione ma anche 785 milioni di chili di mais, secondo l’analisi Coldiretti su dati Istat relativi al 2021. “L’Italia e’ costretta ad importare materie prime agricole a causa dei bassi compensi riconosciuti agli agricoltori che hanno dovuto ridurre di quasi un terzo la produzione nazionale di mais negli ultimi 10 anni durante i quali e’ scomparso anche un campo di grano su cinque con la perdita di quasi mezzo milione di ettari coltivati”, afferma il presidente della Coldiretti, Ettore Prandini, nel sottolineare l’importanza di intervenire per contenere il caro energia ed i costi di produzione con misure immediate per salvare aziende e stalle e strutturali per programmare il futuro.

Continua a leggere

Economia

Bonomi, partiti e sindacati affossano il Patto

Pubblicato

del

Dopo “due anni tremendi”, a meta’ mandato la Confindustria di Carlo Bonomi appare in trincea: la barra e’ ferma in una “costante e appassionata ricerca di incalzare istituzioni e partiti nella scelta delle misure e delle riforme piu’ adeguate”; ha due riferimenti solidissimi, alti, per la fiducia piena nel Presidente Sergio Mattarella e nel premier Mario Draghi; ma la politica dei partiti e ‘parte’ dei sindacati non sono stati disponibili a cercare punti di contatto su cui costruire un percorso comune, “preferiscono rapporti bilaterali” direttamente con il Governo. E’ cosi’ archiviata – nelle parole del leader degli industriali all’assemblea privata di Confindustria – la prospettiva di quel Patto per l’Italia proposto e perseguito dallo stesso Carlo Bonomi fin dalla sua prima assemblea da presidente. All’assemblea privata, la prima in presenza dall’inizio della presidenza Bonomi, hanno partecipato 580 imprenditori, con il “record di presenze degli ultimi 30 anni”. Il piu’ importante appuntamento annuale interno all’associazione e’ per il presidente di Confindustria anche l’occasione per lanciare un monito alla stessa platea di industriali. Lo fa prima con un invito alla coesione: “E’ capitato, talvolta, che io non la avvertissi intorno a me, questa determinazione a battersi”; Poi, anche con un forte richiamo alla distanza dalla politica: “Non ci puo’ essere spazio per alcun collateralismo politico e partitico. In alcune parti d’Italia, a un occhio attento, le imprese sono troppo vicine a questo o quel sistema di potere politico. Dobbiamo tutti guardarcene come da un contagio pericoloso”. Sembra pronunciato oggi, dice Bonomi, il “monito solenne” che Guido Carli lancio’ agli industriali tra il 1977 ed il 1978: “Occorre scongiurare ogni rischio di subalternita’ alle politiche dei partiti”, “Il compito delle imprese e di chi le rappresenta e’ di non piegarsi mai alle ragioni di questa o quella coalizione, questo o quel partito”. Sono nette le critiche di Carlo Bonomi alla politica ed arriva ancora una stoccata al ministro del Lavoro, Andrea Orlando. “I partiti dell’eterogenea coalizione dell’attuale Governo non hanno mai davvero condiviso uno spirito di concordia e cooperazione nazionale”, antepongono le loro “bandierine identitarie”: e’ un “fenomeno crescente e via via sempre piu’ difficilmente contenibile per la necessita’ di evitare folli crisi di governo”. Il presidente di Confindustria ripercorre le tappe di “questo andazzo”: boccia le misure fiscali in legge di bilancio, ricorda la proposta di taglio del cuneo contributivo “rimasta inascoltata” come altre, elenca i passi indietro fatti con “misure figlie della necessita’ di copertura della nuova ondata di conferme di bonus avanzate dai partiti”, dal reddito di cittadinanza a quota100, alla facolta’ per gli autonomi di avere ancora anni prima di rientrare in tassazione Irpef sopra i 65mila euro di fatturato (con un costo di “circa 70 miliardi dal 2020 al 2026”). Cosi’, dice il leader degli industriali, “si inabissava anche la prospettiva su cui avevamo insistito tanto: la necessita’ di affrontare la ripresa italiana attraverso un grande patto per l’Italia, pubblico e privato, imprese e sindacati, tutti insieme”. L’attacco e’ ai partiti ed a quella parte del sindacato (Confindustria sembra ‘assolvere’ solo la Cisl che con il segretario Sbarra si dice pronta ad un confronto senza ideologie che va fatto ”se non ora quando’ ) che “ha sempre risposto che avrebbe solo parlato con il Governo, e non certo con noi: disconoscendo ogni possibilita’ di uno scambio di comune convergenza tra produttivita’ e salari, nuove politiche attive del lavoro e nuovi ammortizzatori volti alla formazione e non piu’ meri sussidi. Atteggiamento che il ministro Orlando ha del resto sempre incoraggiato, avendo a propria volta la stessa visione per cui il lavoro non va delegato alle parti sociali ma e’ la politica che lo decide, spesso ideologica”.

Continua a leggere

Economia

Parte il riordino degli incentivi, obiettivo Sud

Pubblicato

del

Semplificazione e tempi certi. E’ con questi obiettivi che il governo si prepara a riordinare la selva degli incentivi alle imprese, un sistema stratificato anno dopo anno, diventato ormai troppo complesso e caratterizzato da misure disomogenee spesso di difficile accesso: attualmente circa 1.500 interventi di incentivazione. A questo fine, in linea con i target fissati nel Pnrr, il consiglio dei ministri ha approvato un disegno di legge, proposto dai ministri Giancarlo Giorgetti e Mara Carfagna, che delega il Governo ad adottare uno o piu’ decreti legislativi per l’attuazione della riforma che punta anche ad aumentare l’efficacia degli interventi agevolativi per le imprese del Mezzogiorno. “L’approvazione di questo provvedimento rappresenta un concreto passaggio per una vera semplificazione nel mondo degli incentivi spesso inaccessibili per troppa burocrazia”, sottolinea il titolare dello sviluppo economico Giorgetti, che ha fortemente voluto il provvedimento e fin dal suo insediamento insiste sull’esigenza, poi prevista anche nel Pnrr e nella legge di bilancio 2022, di procedere ad una riduzione degli oneri per le imprese, con una semplificazione e velocizzazione delle procedure amministrative per l’accesso alle agevolazioni, garantendo cosi’ ai beneficiari la certezza dei tempi. La revisione consentira’ di riorganizzare profondamente un sistema “farraginoso”, “in modo che ogni singolo imprenditore possa accedere con facilita’ alle misure a cui ha diritto ‘sulla carta’ ma che spesso risultano impraticabili nella realta’”, aggiunge la ministra del Sud Carfagna, precisando che nel Mezzogiorno “le agevolazioni concesse dallo Stato ‘valgono’ circa il 30 per cento del totale” ma non hanno avuto effetti significativi sulla “riduzione dei divari produttivi”. Incentivi piu’ semplici e veloci potranno invece assicurare vantaggi importanti soprattutto alle piccole e medie imprese insediate nelle aree meno sviluppate. Tra i criteri che verranno seguiti nella delega, su proposta del ministro del lavoro Andrea Orlando, c’e’ peraltro anche il rispetto della normativa in materia di salute e sicurezza sul lavoro da parte delle imprese che accedono agli incentivi, con l’obiettivo di “rafforzare e incentivare la responsabilita’ delle imprese nel garantire il lavoro sicuro”. E ci sara’ anche “maggiore attenzione all’inclusione lavorativa delle persone con disabilita’”, evidenzia la ministra per le Disabilita’ Erika Stefani. Un altro criterio, su indicazione della ministra per le pari opportunita’ Elena Bonetti sono poi gli incentivi per la certificazione e per promuovere lavoro e imprenditoria femminile. Prevista anche l’introduzione di tecnologie gestionali innovative per l’interoperabilita’ dei dati e funzionali ad evitare la duplicazione e la sovrapposizione degli interventi previsti. Nel provvedimento viene infine indicata l’importanza di facilitare la conoscenza da parte delle imprese degli strumenti disponibili, favorendo il potenziamento e una maggiore sinergia tra il Registro nazionale degli aiuti di Stato e il portale incentivi.gov.it che il Mise rendera’ operativo a partire dal prossimo 2 giugno. I decreti legislativi per l’attuazione della riforma, uno o piu’, dovranno essere adottati entro 12 mesi dall’entrata in vigore del disegno di legge. “Ci impegniamo nei prossimi mesi a tradurre la delega in decreti legislativi per avviare una approfondita ricognizione del sistema. – ha aggiunto Carfagna – Consegneremo questo lavoro al prossimo governo: costituira’ un tassello importantissimo e permanente del lavoro avviato per dare all’Italia uno sviluppo piu’ certo e all’impresa un futuro piu’ solido”.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto