Collegati con noi

In Evidenza

Il dossier sul Tav consegnato al Governo dice che “è un’opera inutile e costosa che non porta alcun beneficio”

Pubblicato

del

Si parla di uno “spreco di soldi pubblici con pochi precedenti nella storia italiana”. Siamo di fronte ad un effetto negativo (sbilancio tra costi-benefici) che va dai 5,7 miliardi agli 8 miliardi. L’ analisi costi-benefici – prevista dal contratto di governo – sul Tav Torino-Lione è ormai completata. Il dossier già in mano ai francese,  oggi sarà analizzato in una riunione tra il premier Giuseppe Conte e i due vice Luigi Di Maio e Matteo Salvini che avranno avuto tutto il tempo per leggere il dossier che il ministro dei Trasporti Danilo Toninelli ne aveva affidato la stesura ad una squadra di cinque esperti capitanati dall’economista Marco Ponti.

Il Fatto di Marco Travaglio ne ha anticipato per larghi tratti i contenuti essenziali e l’esito del dossier: il Tav è pressoché una opera inutile, uno spreco di miliardi di euro. Una stroncatura. Il Tav si è ormai di fatto ridotto al solo tunnel di base tra le stazioni di Bussoleno e Saint Jean de Maurienne – 9,6 miliardi, di cui 3 a carico dell’ Italia, il 35% dei lavori per un tunnel per due terzi in territorio francese.

A questi si aggiungono gli 1,7 miliardi del collegamento italiano al tunnel. In totale: poco meno di 12 miliardi. Il risultato dell’analisi costi benefici dell’opera è negativo,  un bluff che viene offerto sui media da 25 anni senza un  minimo dei discussione.
Nel primo scenario si assume che il traffico merci ferroviario fra Torino e Lione (oggi fermo ai livelli del 2004 e inferiore a 20 anni fa) si moltiplicherebbe di 25 volte, passando dai 2,7 milioni di tonnellate annue del 2017 ai 51,8 del 2059; i passeggeri diurni sui percorsi internazionali passerebbero invece da 0,7 a 4,6 milioni e quelli regionali raddoppierebbero dagli 4,1 a 8 milioni all’ anno. Questo miracolo avverrebbe grazie allo “spostamento modale” dalla strada (e dall’aereo per i passeggeri) alla ferrovia che sarebbe innescato dall’ opera.ù
I fan dell’opera – scrive il Fatto –  attaccano il lavoro di Marco Ponti e compagnia perché considera tra i costi il mancato gettito fiscale dello Stato: le merci si spostano su rotaia, con meno pedaggi pagati ai concessionari autostradali e quindi minori tasse pagate. L’accusa è che così si truccano i conti e si ignorano i benefici ambientali. Si tratta però di una scelta perfettamente logica in una analisi economica, infatti è ormai una prassi consolidata a livello internazionale, al punto da essere incorporata anche nelle analisi dell’ Osservatorio, che addirittura le sovrastima rispetto ai numeri della commissione ministeriale. Ovviamente l’ analisi di Ponti e colleghi tiene conto dei benefici ambientali (sicurezza, rumore, inquinamento, effetto serra, decongestione stradale etc.) usando gli standard Ue: ogni tonnellata in meno di Co2 immessa nell’ atmosfera, per dire, genera un effetto positivo (90 euro) di minori danni ambientali ma al contempo comporta una riduzione delle entrate fiscali di circa 400 euro che hanno un impatto pesante sui conti dello Stato (meno incassi, minori esercizi statali oppure incremento di altre forme di prelievo). I benefici ambientali appaiono risibili, spiegano i tecnici. Parliamo, nello scenario ottimistico, di 7-800mila tonnellate annue di Co2 in meno (500 mila in quello realistico), quando il solo traffico di Roma ne genera 4,5 milioni. Non più dello 0,5% sul totale nazionale dei trasporti.

A conti fatti il risultato è negativo, bene che vada, per 7 miliardi, praticamente inesistenti. L’ analisi è spietata: anche assumendo che servano 1,5 miliardi per ripristinare i luoghi dei cantieri e ammodernare la vecchia linea del Frejus, come sostiene il costruttore italo-francese Telt ma che rappresentano in realtà l’ipotesi di gran luna più pessimistica (il conto potrebbe risultare assai più lieve), il risultato resta negativo per 5,7 miliardi.

La stroncatura nasce dal fatto che una vera domanda di traffico non sembra esserci. Nel tunnel autostradale del Frejus, che secondo i fans dell’ opera dovrebbe essere decongestionato, passano 2.154 mezzi pesanti al giorno, una miseria (sulla tangenziale di Torino sono 80 mila). Secondo Ponti & C. la riduzione dei costi di trasporto generata dal Tav, come ipotizzata dall’ Osservatorio (7 euro per tonnellata trasportata e un’ ora di tempo risparmiato) “non è sufficiente a spostare rilevantissime quantità di domanda da gomma a ferro. Perché ciò accadesse il beneficio del tunnel dovrebbe essere molto superiore” alle stime.

Advertisement

In Evidenza

Neuromed celebra Marc Verstraete, padre della moderna terapia nell’infarto, intitolandogli una sala e con una conferenza di Valentin Fuster altra eccellenza mondiale della medicina

Pubblicato

del

Per omaggiare un’eccellenza ci vuole qualcuno che possa stare al suo livello: così sarà Valentin Fuster, cardiologo di fama internazionale, a tenere la “Memorial Lecture” in occasione dell’intitolazione della Sala Convegni dell’I.R.C.C.S. Neuromed a Marc Verstraete, scienziato belga recentemente scomparso, che aprì orizzonti completamente nuovi nella terapia delle malattie cardio e cerebrovascolari. La manifestazione si terrà giovedì 21 febbraio a partire dalle ore 17.00 e verrà trasmessa in diretta su Juorno.it.

Marc Verstraete fu una delle figure centrali di una vera e propria rivoluzione medica che, attraverso la conoscenza approfondita dei meccanismi della coagulazione del sangue, portò alla terapia trombolitica dell’infarto: la possibilità di sciogliere i coaguli nelle arterie coronarie. Con il suo lavoro ha salvato centinaia di migliaia di vite.

Il suo cammino scientifico lo portò dal Belgio agli Stati Uniti fino a tornare nella sua università d’origine, a Lovanio. Qui fondò il Laboratorio di emostasi, coagulazione e trombolisi, protagonista di numerose innovazioni nella terapia cardiovascolare. Oltre duecentocinquanta ricercatori si sono formati in quel laboratorio, tra i quali Giovanni de Gaetano, attuale Presidente dell’I.R.C.C.S. Neuromed, e Maria Benedetta Donati, Direttore Scientifico del Polo di Ricerca Neurobiotech di Caserta. Proprio a loro Verstraete decise di donare la sua biblioteca medica personale, ora ospitata nella sala convegni che porterà il suo nome: nell’occasione della cerimonia per ricordare la figura dello scienziato scomparso ci sarà una Memorial Lecture, una consuetudine quando si tratta di celebrare  la scomparsa di una figura così importante.

“Quella per Verstraete – dichiara con soddisfazione Maria Benedetta Donati – sarà tenuta da Valentin Fuster, cardiologo americano di origine spagnola, un medico ricercatore di fama internazionale che con lo scienziato belga collaborò a lungo. Fuster, che fu il cardiologo di Giovanni Paolo II, è attualmente Direttore del Centro Cardiologico del Mount Sinai Hospital di New York e Direttore del Centro Nazionale di Ricerche Cardiologiche di Madrid, nonché Direttore del Journal of American College of Cardiology”.

Una figura di altissimo spessore: il professor Fuster poche settimana fa ha rinunciato a presiedere il  Consejo Asesor de Sanidad, cioè il Consiglio Superiore della Sanità in Spagna e si è dimesso perché  è “un organismo che non funziona”, cioè poco concreto.

L’intervento di Fuster sarà rivolto a una vera e propria transizione che sta avvenendo nel mondo della ricerca cardio e cerebrovascolare. Fino ad oggi l’attenzione è stata prevalentemente rivolta al fenomeno della trombosi, l’evento che può scatenare un infarto o un ictus. Ma ora le conoscenze e le metodologie scientifiche permettono di esplorare un panorama più ampio: a cominciare da quando la patologia non è ancora così evidente (subclinica, in gergo medico). È qui che le interrelazioni tra genetica e stili di vita diventano fondamentali, mentre gli avanzamenti tecnologici nel campo della diagnostica per immagini permettono di avere risposte precoci.

“Questa manifestazione in memoria di uno scienziato che ha notevolmente influenzato la mia vita e la mia attività di ricerca – ricorda Giovanni de Gaetano, che fu il primo degli 80 ricercatori di vari Paesi che ottennero il dottorato di ricerca (PhD) sotto la guida del prof Verstraete – mi riempie di emozione; sarà una piccola espressione di riconoscenza da parte di tutti quelli che lo hanno conosciuto, apprezzato e amato”.

L’IRCCS Neuromed

L’Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico (I.R.C.C.S.) Neuromed di Pozzilli (IS) rappresenta un punto di riferimento a livello italiano ed internazionale per la ricerca e la terapia nel campo delle malattie che colpiscono il sistema nervoso e cardiovascolare. Un centro in cui i medici, i ricercatori, il personale e gli stessi pazienti formano una alleanza rivolta a garantire il miglior livello di assistenza possibile e cure all’avanguardia, guidate degli sviluppi scientifici più avanzati.

 

Continua a leggere

Cronache

Cadono calcinacci nel cortile della scuola, ferito uno studente

amministratore

Pubblicato

del

Attimi di panico nell’ ‘istituto professionale Casanova di Napoli, in pieno centro storico: sono caduti alcuni  calcinacci e uno studente che si trovava nel cortile della scuola è rimasto ferito. Fortunatamente il ragazzo ha rimediato solo una botta, sono stati allertati i soccorsi e chiamato il suo papà ma non è la prima volta che nel Casanova succede qualcosa del genere: qualche mese fa a cadere è stato un neon che finì sul banco di uno studente che per fortuna non venne colpito. Adesso bisognerà verificare la struttura, soprattutto i cornicioni per vedere se ci sono altri pericoli.

 

Continua a leggere

Cronache

Salvatore Calleri, presidente della fondazione Caponnetto: la mafia non è un affare del Sud

Pubblicato

del

“La mafia nell’Italia settentrionale, ed in Veneto in particolare, non rappresenta una novità”. Così Salvatore Calleri, presidente della Fondazione Caponnetto commenta l’indagine che ha portato a 50 arresti tra il Veneto e Casal di Principe, nel Casertano. Calleri fotografa anche l’Italia delle mafie. “La Mafia non esiste solo al sud. È diffusa in tutta Italia. Negli ultimi tempi, inoltre, ci sono alcune forme ‘nuove’ come la mafia nigeriana o quella cinese che devono ancora ben essere inquadrate”. Quando chiediamo, poi, al presidente della fondazione Caponnetto se la mafia sarà mai sconfitta la risposta è immediata: “Non c’è la volontà politica. Si fa tutto, ma fino ad un certo punto. Non si va mai fino in fondo. Possiamo e dobbiamo continuare a parlarne per non abbassare mai la guardia”.  

 

 

I casalesi in Veneto avevano alle loro dipendenze anche i picciotti della mala del Brenta. I magistrati antimafia: clan radicato grazie a omertà e connivenze di insospettabili professionisti locali

Continua a leggere

In rilievo