Collegati con noi

Esteri

Il ‘codice verde’, la chiave per riaprire la Cina

Avatar

Pubblicato

del

Azzerati i nuovi contagi interni del Covid-19, la Cina affida la riapertura al suo ‘Health qr code’, mettendo in campo tutta la tecnologia che spazia dai big data all’intelligenza artificiale e al riconoscimento facciale. Per avere un controllo rafforzato sulla tracciabilita’ del nuovo coronavirus, le autorita’ di Pechino hanno messo a punto, partendo dalla provincia dell’Hubei e dal suo capoluogo Wuhan, il focolaio della pandemia, un complesso sistema che, grazie a una app via AliPay o WeChat assegna a ogni residente un colore sul suo stato di salute, previa scannerizzazione del documento di riconoscimento. Il rosso, naturalmente, vale un caso confermato di infezione da sottoporre a immediato trattamento medico, il giallo certifica un contatto ravvicinato con un caso di contagio (quindi obbligo di quarantena e divieto di viaggiare), mentre il verde certifica l’assenza di rischi e quindi la possibilita’ di effettuare spostamenti. I timori principali della leadership del Partito comunista sono legati all’imprevedibilita’ degli asintomatici e all’ondata dei contagi di ritorno. “La guerra di popolo” al coronavirus, come l’ha chiamata il presidente Xi Jinping, e’ stata per il momento vinta, ma la insidie che restano sono numerose. La Cina ha registrato sabato 45 nuovi casi di contagio di cui 44 importati e uno nella provincia dell’Henan. Secondo la Commissione sanitaria nazionale (Nhc), le infezioni di ritorno sono salite a 693. Mentre l’Hubei e Wuhan, aree a “nuove infezioni azzerate”, si avviano alla progressiva apertura, il bilancio dei decessi nazionale e’ salito a 3.300 (+5 casi, tutti nell’ Hubei), mentre i contagi totali si sono portati a 81.439, di cui 2.691 sotto trattamento medico e 75.448 guariti. Se il codice e’ necessario per poter viaggiare, la visita alla prima sezione della Grande Muraglia, quella popolare di Badaling appena riaperta dopo la chiusura del 25 gennaio, comporta ugualmente il possesso del ‘green code’ per l’acquisto del biglietto e l’accesso a un simbolo con flussi consentiti pari al 30% di quelli tradizionali. Proprio in serata, il Global Times ha confermato il caso di coronavirus di una persona dell’Hubei spostatasi nella provincia del Gansu una settimana fa: malgrado fosse in possesso del codice verde, e’ stato classificato come un asintomatico sfuggito alle maglie dei controlli. E sempre il Gansu ha avuto in giornata anche un’infezione importata dalla Gran Bretagna. Insomma, le due tipologie piu’ temute che mettono a rischio la vittoria finora centrata contro il coronavirus.

Advertisement

Esteri

L’Austria pronta a riaprire all’Italia a metà giugno

Avatar

Pubblicato

del

L’Europa riparte dal turismo. Si delinea infatti un’estate senza grosse limitazioni alla circolazione. Vienna, che fino all’ultimo sembrava irremovibile, ora prospetta l’apertura del confine con l’Italia a partire da meta’ giugno, “qualora l’andamento epidemiologico lo consentira’”, in concomitanza con la ripresa della libera circolazione con gli altri Paesi confinanti. Se cosi’ non fosse, Vienna valutera’ almeno la ripresa degli spostamenti con le regioni italiane che possono vantare dati positivi. Gia’ domani Berlino potrebbe invece revocare i cosiddetti ‘sconsigli’ per i Paesi dell’Unione europea.

“Il nostro obiettivo e’ sostituire l’allerta sui viaggi per i Paesi europei e per gli Stati associati in avvisi sui viaggi sui singoli Paesi” che tengano conto delle diverse situazioni, ha annunciato il ministro degli Esteri tedesco Heiko Maas. Prima del 15 giugno, ha spiegato, ci sara’ un nuovo colloquio con i Paesi vicini, che fanno parte della top list delle destinazioni dei turisti tedeschi, “per accordarci sui principi” e fare in modo che “sia possibile fare vacanze in sicurezza per le persone che viaggiano e per chi vive sul posto”. Un assist importante per un ritorno alla libera circolazione e’ arrivato anche dalla Commissione europea, che ha presentato le linee guida agli Stati sulla riapertura delle frontiere e nelle sue “intense discussioni con tutti” i Paesi in “un accresciuto sforzo” di coordinamento, “ha insistito sul principio di non discriminazione, nel senso che se uno Stato apre le sue frontiere ad una regione, deve fare altrettanto con le altre regioni che hanno la stessa situazione epidemiologica”.

La Svizzera, almeno per il momento, non sembra intenzionata a rivedere la sua posizione sull’Italia. Mentre il Brennero, luogo simbolo di divisione e unione, presto riaprira’. Il 10 marzo sono iniziati qui i controlli sanitari. Da quasi tre mesi chi vuole entrare in Austria deve presentare un test Covid negativo oppure stare 14 giorni in quarantena. Ma il cancelliere Sebastian Kurz ha ribadito al segretario della Svp Philipp Achammer che Vienna e’ “pronta a ristabilire la piena liberta’ di circolazione con l’Italia appena la situazione epidemiologica lo consentira’, forse gia’ a meta’ mese”.

Se questo non dovesse essere possibile, sara’ valutata la proposta avanzata dall’Alto Adige di consentire gli spostamenti “verso l’Alto Adige e le altre regioni che hanno un andamento positivo”. La questione sara’ valutata di nuovo domani dal governo austriaco. “Le affermazioni di Kurz sono un segnale importante per un ulteriore passo verso il ritorno alla normalita’”, ha commentato Achammer. E anche il governatore Arno Kompatscher ha ribadito che la liberta’ di spostamenti “e’ fondamentale per l’Euregio” Trentino, Alto Adige e Tirolo.

Continua a leggere

Esteri

L’ufficio nazionale statistica rivede a 43837 numero totale decessi da covid 19 nel Regno Unito

Avatar

Pubblicato

del

Sono circa 44.000 le vittime da coronavirus registrate sino ad ora in Inghilterra e Galles. Lo rivelano le cifre ufficiali pubblicate oggi dall’ufficio nazionale di statistica secondo cui alla data del 22 maggio i decessi erano pari a 43,837 unita’ di cui 12.733 avvenuti in case di cura, ovvero il 29% del totale. Per la sola Inghilterra, il totale dei decessi e’ di 42.210 persone morte per casi confermati o sospetti di Covid, ben al di sopra dei 32.666 delle stime ufficiali del governo che includono solo i casi in cui le vittime sono risultate positive al coronavirus mentre quelli dell’ufficio nazionale di statistica includono tutti i casi in cui il covid e’ menzionato nel certificato di morte, quindi non necessariamente come causa principale. Secondo le stime del Guardian, che hanno preso in considerazione anche le statistiche relative alla Scozia e all’Irlanda del Nord oltre che i dati degli ultimi dieci giorni, il totale e’ invece ancora piu’ alto, vicino alle 50.000 unita’, esattamente a 49.324.

Continua a leggere

Esteri

Oms, nostro sostegno a Congo in lotta a Ebola

amministratore

Pubblicato

del

L’Organizzazione Mondiale della Sanita’ “continua a sostenere la Rebubblica Democratica del Congo nella lotta all’Ebola, insieme alla risposta al covid-19 e alla maggiore epidemia al mondo di morbillo”. Lo ha sottolineato il direttore generale dell’Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus, reagendo alla notizia di una nuova epidemia di Ebolanel nord-ovest del Congo.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto