Collegati con noi

Cronache

Il campanile della Basilica di San Lorenzo Maggiore di Napoli ripulito con il laser intelligente degli Angeli del Bello di Firenze

Avatar

Pubblicato

del

Lo chiamano laser intelligente”, ripulisce monumenti da spray e pitture o anche da agenti inquinanti senza intaccarne la bellezza. Restituisce all’arte l’antico splendore rovinato dai vandali. Questo laser è stato usato per far tornare il campanile di San Lorenzo Maggiore ai suoi colori originari. È stato ripulito dai graffiti e dagli scarabocchi dei soliti vandali e dallo smog che fa danni incalcolabili non solo ai polmoni.
L’iniziativa è della Fondazione Angeli del Bello che hanno usato un laser in fibra della società El. En., azienda che produce queste macchinario che “riconosce” e “rispetta” le superfici di valore e le patine originarie. É definito laser intelligente perchè è selettivo: sa cosa deve togliere. Ripulisce quello che c’è una superficie. L’operazione di ripulitura del bellissimo campanile di San Lorenzo è servita anche a riportare al centro dell’attenzione dei media il progetto Unesco nel centro antico di Napoli. Sono troppi i ritardi e le omissioni nella spesa dei fondi comunitari per restituire decoro e dignità ad un centro storico cittadino che è per intero patrimonio Unesco. Anche il restauro di San Lorenzo va per le lunghe, è bloccato, i lavori non sono mai iniziati e il ponteggio non sarà smontato prima del 20121″.

Da circa vent’anni il campanile non viene curato. Un campanile meraviglioso che ai turisti che lo ammirano si mostra con quella scritta “Mastiffs” che deturpa la basilica del XV secolo. Il laser intelligente quella scritta lasciata da qualche vandalo idiota l’ha fatta sparire.

“La tecnica di pulizia con l’uso del laser viene utilizzata per la prima volta nel centro storico di Napoli” ha spiegato il direttore del laboratorio di restauro del museo Biagio Greco. “É stato un lavoro molto duro e delicato svolto senza uso di agenti chimici, nel rispetto assoluto del monumento che è tornato a nuova vita” ha ribadito la restauratrice Marianna Musella. Il laser, usato tra l’altro per ripulire gli interni di Capodimonte o il Ponte Vecchio a Firenze non ha costi proibitivi, in ogni caso questa operazione è a carico degli Angeli del Bello di Firenze come atto di amore verso Napoli città d’arte. “Coinvolgere tutti i cittadini nel prendersi cura del patrimonio comune, ricchezza della collettività, sono i valori fondanti degli Angeli del Bello – ha commentato il Presidente della Fondazione fiorentina, Giorgio Moretti -. Il civismo, l’educazione alla bellezza ed al rispetto sono i pilastri dello sviluppo delle civiltà, e per questo non potevamo mancare in questa giornata a Napoli. Ci riempie di orgoglio essere stati coinvolti ed esser di esempio, perché vorremmo che il civismo fosse una bandiera nel nostro paese. Del resto abbiamo territori meravigliosi, storia, arte e cultura perché chi è venuto prima di noi è stato molto rispettoso di quello che ha ricevuto in eredità. 

Oggi siamo chiamati a riflettere su questo tema, soprattutto in momenti come questo, in cui tante persone si uniscono per amore del bene comune, con la voglia di affermare il rispetto e l’educazione su tutto. Quando siamo partiti a Firenze eravamo 10 persone, oggi siamo 3000 volontari e tanti affiliati nelle altre città che operano tutti i giorni sulla strada con azioni concrete. Mi auguro che il bello contagi anche i cittadini napoletani!”. Il lavoro sul campanile non è finito ieri, ci sarà una seconda tappa di completamento entro un mese. Poi si potrà dire che il campanile sarà come nuovo. Cosa che rende orgoglioso anche Giampiero Perrella, presidente della IV Municipalità, che parla di “un gesto d’amore verso la città”.

Advertisement

Cronache

L’ex pm antimafia Ingroia in un video: non ero ubriaco in aeroporto, solo false notizie

Avatar

Pubblicato

del

Con un video pubblicato sul suo profilo Facebook, l’ex pm Antonio Ingroia ha dato la sua versione su quanto accaduto il 19 aprile all’aeroporto di Parigi. “Siamo qui per smentire false notizie – afferma Ingroia accanto alla moglie Giselle Oberti -. Uno dei problemi principali che abbiamo nel nostro Paese e’ quello della disinformazione e delle fake news. Spesso in nome della sicurezza si fanno abusi e poi la stampa fa la sua parte. Sono stato anche io vittima di questo uso pretestuoso della sicurezza. C’e’ stato un banale litigio per una questione di posti a sedere sull’aereo di Air France, il comandante ha preso ovviamente posizione a favore del membro dell’equipaggio con cui avevo litigato e si é arrivati al punto che ha deciso che io costituissi un pericolo per la sicurezza. Si sono inventati che io fossi ubriaco: tutto falso. Come e’ falso che sia stato ‘rispedito’ in Italia: ho proseguito poi il mio viaggio e sono qui in America Latina”.

https://m.facebook.com/profile.php?id=1540150460

Continua a leggere

Cronache

Pasqua tragica a Monopoli per un 26enne: gli va per traverso un boccone e muore soffocato

amministratore

Pubblicato

del

Un boccone di carne ha causato la morte per soffocamento di un 26 enne di Monopoli, Bari. Il giovane era a casa dello zio per il pranzo pasquale e quando i commensali riuniti a tavola si sono accorti che stava soffocando hanno provato a fare le manovre per liberargli la gola ma non ci sono riusciti così hanno allertato il 118. Giunto in ospedale però neppure i medici sono riusciti ad estrarre il pezzo di carne che nel frattempo aveva istruito le vie respiratorie del giovane ed hanno effettuato una tracheotomia ma ormai era troppo tardi e il giovane è morto. Sulla vicenda indaga la polizia anche se con ogni probabilità si è trattato di una tragica fatalità.

Continua a leggere

Cronache

Salerno, donna accoltellata al cuore per strada dal suo stalker

Avatar

Pubblicato

del

Tragedia della follia  a Salerno.  Un uomo ha accoltellato una giovane romena. La donna è ora al pronto soccorso dell’ospedale San Giovanni di Dio e ruggi d’Aragona e la sua vita è appesa ad un filo: alla 39enne è stato inferto un colpo al cuore. L’uomo è stato invece bloccato da alcuni carabinieri di pattuglia in centro che sono accorsi sul luogo della tragedia ed hanno fermato l’accoltellatore nell’immediatezza dei fatti. La donna era da tempo oggetto di morbose attenzioni di quell’uomo che ha precedenti proprio per stalking..

Continua a leggere

In rilievo