Collegati con noi

Politica

Il bivio di Conte: i parlamentari vogliono uscire dal Governo, Mattarella gli ha detto che ci sono elezioni

Pubblicato

del

Ora Giuseppe Conte e’ davanti a un bivio. E’ crescente il pressing dei parlamentari M5s per l’appoggio esterno al governo, sull’onda delle tensioni nei confronti di Mario Draghi. E si attende di capire quale sara’ la prossima mossa del leader, di fronte al messaggio chiaro del premier, secondo cui non esiste altro esecutivo senza il Movimento. Quasi come fosse una partita di poker, Conte viene sfidato a mostrare le carte, nonche’ i “riscontri oggettivi”, inesistenti secondo Draghi, delle richieste a Beppe Grillo di estromettere il presidente del Movimento. Per ora non filtrano reazioni alla conferenza stampa di Draghi, ne’ dall’entourage di Conte ne’ da altri esponenti del partito. Un silenzio dietro il quale molto probabilmente si stanno effettuando riflessioni sulla gestione di quello che nelle scorse ore e’ stato definito “un problema politico”. La partita e’ delicata. Dopo la tesa telefonata di ieri, in una giornata di forti fibrillazioni, si annuncia indispensabile un incontro fra l’avvocato pugliese e l’ex governatore della Bce, i cui rapporti personali non sono comunque mai stati idilliaci. L’appuntamento non e’ ancora in agenda e, fino al pomeriggio, non era proprio all’orizzonte, stando ai ragionamenti in ambienti del Movimento. Se il fine settimana aiutera’ a stemperare il clima, lunedi’ potrebbe essere il giorno giusto. Fino a quel momento, resta sotto osservazione l’atteggiamento verso il governo da parte del Movimento: non dei suoi tre ministri, ma della gran parte di deputati, senatori e dei vicepresidenti. Lo stesso Conte, secondo fonti del Quirinale, avrebbe escluso lo scenario dell’appoggio esterno ieri sera nel suo colloquio con Sergio Mattarella. “Il club” – come vengono chiamati dai grillini i vice del leader – starebbe esercitando su di lui una decisa moral suasion per andare verso l’uscita dal governo e mantenere eventualmente l’appoggio esterno, anche a costo di perdere un’altra trentina di parlamentari, dopo quelli che hanno gia’ scelto di seguire Luigi Di Maio in Ipf. L’atmosfera e’ resa da tweet come quello di Luigi Gallo, vicecapogruppo del M5s alla Camera: “Operazioni di palazzo a tutela dell’e’lite, ecco cosa significano le indiscrezioni su Draghi, che sta agendo fuori dal mandato che ha ricevuto da Mattarella. Il M5s restera’ la forza che tutela i cittadini”. Si sta al governo finche’ saremo ascoltati, altrimenti l’appoggio esterno e’ un’opzione in campo, si ragionava fra i graduati del partito poco prima della conferenza di Draghi. Fra deputati e senatori 5s si studia il calendario dei provvedimenti delicati all’esame delle Camere, quasi a prevedere il prossimo potenziale incidente parlamentare che potrebbe mandare definitivamente in crisi il rapporto con l’esecutivo. In cima alla lista c’e’ la questione superbonus, e sono intense le interlocuzioni per trovare una soluzioni alle criticita’ modificando l’emendamento del governo al dl aiuti. Nello stesso decreto, c’e’ la norma sul termovalorizzatore a Roma, contrastata dal M5s, e fra i grillini c’e’ il sospetto (concreto) che possa confluirne un’altre sulle trivelle nel Nord Adriatico, considerate strategiche dal Ministero della Transizione ecologica ma altrettanto indigeribili per il Movimento. Lontano dai riflettori, Conte ha dovuto anche affrontare la candidatura alle primarie del centrosinistra per le Regionali in Sicilia, per settimane in stallo per il dibattito sulla deroga ai due mandati, poi sfumata, senza la quale ieri ha dovuto fare un passo indietro il sottosegretario Giancarlo Cancelleri. Dopo una serie di lunghe riunioni con gli eletti siciliani, nell’ultimo giorno disponibile per la presentazione, il leader ha ricevuto il mandato a esprimere la scelta, destinata a cadere su Nuccio Di Paola, capogruppo all’Ars.

Advertisement

Politica

Di Maio: “con Impegno Civico oltre il 3 per cento. Conte ha scelto l’autodistruzione”

Pubblicato

del

“Impegno Civico andrà oltre il 3% : saremo la sorpresa di queste elezioni”. Lo ha detto Luigi Di Maio in un’intervista a ‘Il Corriere della Sera’. “Ci sarà spazio per tutti quelli che vorranno correre nelle liste”, ha detto il Ministro degli Esteri e capo politico di Impegno Civico. “Noi ci poniamo come coloro che intercettano il voto moderato, con un partito fatto di proposte, pragmatismo e concretezza. Non credo – ha detto ancora Di Maio- ci possa essere compatibilità tra la coalizione progressista e il partito di Conte, che ha scelto l’autodistruzione”.

Continua a leggere

Politica

Dem snobbano terzo polo, “la sfida è con Meloni”

Pubblicato

del

L’accordo fra Carlo Calenda e Matteo Renzi non cambia l’impronta della campagna elettorale Pd: il voto sara’ polarizzato, quindi l’avversario resta Giorgia Meloni. La sintesi e’ contenuta nelle parole del coordinatore dei sindaci Pd, Matteo Ricci, l’unico dem che commenta la novita’ al centro: “Non c’e’ spazio per terzi o quarti poli. Quelle di settembre saranno elezioni politiche spartiacque. O si sta con i democratici e progressisti o con le destre sovraniste. Gli italiani faranno il voto utile”. Un ragionamento che vale per la lista di Azione e Iv, ma anche per il M5s. Il refrain e’: un voto a loro e’ un voto a Meloni. L’obiettivo del Nazareno e’ mettere presto i motori a regime. Entro Ferragosto – quindi una settimana prima della scadenza – dovrebbero essere chiusi gli elenchi dei candidati. Intanto c’e’ il simbolo della lista Democratici e Progressisti, quella del Pd che ospita Articolo Uno, Psi, Demos. E infatti, alla presentazione, con Enrico Letta c’erano anche Roberto Speranza e la vicepresidente dell’Emilia Romagna, Elly Schlein, interprete nella campagna partecipativa delle Agora’ dem. Il logo e’ il simbolo del Pd, con il ramoscello d’ulivo, e sotto una parte con sfondo rosso e la scritta: Italia democratica e progressista. “Insieme possiamo raggiungere l’obiettivo di essere il 25 settembre la prima lista nel Paese”, ha detto Letta, che poi si e’ spinto piu’ in la’: “In queste elezioni, cosi’ come nella vita, noi crediamo che nessun destino sia gia’ scritto”, perche’ “questa destra puo’ essere battuta solo dalla lista dei democratici e dei progressisti”. Certo, lo strappo di Calenda pesera’ eccome sugli uninominali, ma la speranza del Pd e’ che la capacita’ del terzo polo di grattare i voti a sinistra non sia incisiva. “La ‘prateria’ al centro di cui da tempo parla Matteo Renzi non esiste, lo vedremo alle urne”, avverte un deputato. Secondo i dem, lo strappo di Calenda dal Pd non sara’ indolore per il Terzo polo. “Calenda si e’ bruciato una chance che non torna piu’ indietro – ragionava Enrico Borghi, della segreteria Pd, alla vigilia dell’accordo fra Iv e Azione – Nel quadro di una coalizione improntata alla responsabilita’, alla serieta’ e alla stabilita’, poteva essere il soggetto che parlava ai ceti moderati. Ma i ceti moderati e i mondi produttivi, le partite iva non vogliono gli sfasciacarrozze”. In ambienti dem, i commenti sono al vetriolo: l’accordo Iv-Azione fa comodo soprattutto a Renzi per i seggi – e’ il ragionamento, che poi viene allungato con una dose di veleno – e quelli si portano dietro anche l’immunita’ parlamentare. Continua il lavoro di limatura di liste e programma. E’ il momento difficile della scelta della squadra. Al Nazareno si sono fatti sentire anche i giovani del partito, con un appello che ha raccolto mille firme: “I Giovani Democratici – c’e’ scritto – hanno il diritto e il dovere di esigere spazio, ottenendo candidature eleggibili”. Anche se, fanno notare nel Pd, fra i candidati c’e’ un’espressione proprio dei Giovani democratici, Caterina Cerroni. Sui temi della campagna, i punti sono riassunti in una risposta al leader della Lega Matteo Salvini che, in un tweet ha, ironizzato: “Il programma del Pd? Una serie di linee vuote e alla fine una sintesi: Senno’ vince la destra”. “Battere le destre – e’ la replica Pd – e’ solo uno dei punti” del programma. Segue un lungo elenco degli altri, fra cui: un mese di stipendio in piu’ all’anno, parita’ salariale tra uomini e donne, salario minimo obbligatorio, aumento dello stipendio per gli insegnanti, 45 mila medici di famiglia in piu’, 500.000 nuovi alloggi popolari in 10 anni, avanti sui diritti civili come Ddl Zan e ius scholae.

Continua a leggere

Politica

Da nucleare a ponte Stretto, il programma del centrodestra

Pubblicato

del

A 44 giorni dal voto, il centrodestra chiude il suo programma elettorale e i leader mettono il sigillo al testo, dando il via libera. E’ un documento diviso in 15 punti che spazia dalla conferma dell’atlantismo e l’impegno a un’Europa “piu’ politica e meno burocratica”, al nucleare, passando per l’ok al ponte sullo Stretto di Messina, i decreti sicurezza e la flat tax ma senza aliquote mirabolanti se non la promessa di estendere il tetto per le partite Iva. “E’ il programma di governo che la coalizione realizzera’ dopo le elezioni del 25 settembre quando, finalmente, l’Italia potra’ avere un governo coeso e capace di dare al Paese delle risposte concrete”, annunciano in serata all’unisono i big di Forza Italia, Lega e Fratelli d’Italia. Il documento conferma l’ultima bozza circolata nei giorni scorsi ma cambia titolo: “Per l’Italia”, si legge sulla prima pagina in grassetto blu. Uno slogan netto ma asettico, diverso da quello iniziale che era “Italia domani” e ricalcava il nome scelto dal governo Draghi per il portale sul Pnrr. In cima, campeggiano i simboli dei tre principali partiti e quello dell’ultimo arrivato ossia “Noi moderati”, la lista che raggruppa i quattro ‘centristi’. Gli impegni vanno dalla politica estera – che e’ il primo punto, e descritto dai piu’ come un puntiglio di Giorgia Meloni – fino all’ultimo che riguarda “giovani, sport e sociale”. In politica estera, il faro della coalizione e’ “la tutela dell’interesse nazionale e la difesa della Patria”. Non manca il riferimento alla Nato, “anche in merito all’adeguamento degli stanziamenti per la difesa”. Nero su bianco e’ il ribadito “sostegno all’Ucraina di fronte all’invasione della Federazione russa e il sostegno a ogni iniziativa diplomatica volta alla soluzione del conflitto”. Un accenno pure alla “revisione delle regole del Patto di stabilita’ e della governance economica al fine di attuare politiche in grado di assicurare una crescita stabile e duratura e la piena occupazione”. Sul fronte energetico, l’obiettivo e’ l’autosufficienza da garantire con la transizione energetica sostenibile, il sostegno alle politiche di price-cap a livello europeo (su cui si e’ speso tanto il premier Mario Draghi) e il ricorso al nucleare. Qui, in realta’, il riferimento e’ sfumato citando solo la “creazione di impianti di ultima generazione senza veti e preconcetti, valutando anche il ricorso al nucleare pulito e sicuro”. Sulle infrastrutture, la promessa e’ racchiusa soprattutto nel “potenziamento della rete dell’alta velocita’ per collegare tutto il territorio nazionale dal Nord alla Sicilia, realizzando il ponte sullo Stretto”. Il terzo capitolo si concentra su riforme istituzionali e giustizia ed e’ stato riformulato di recente al tavolo dei partiti. Primo impegno citato e’ l’elezione diretta del presidente della Repubblica – provvedimento-bandiera per FdI – seguito dal riconoscimento delle autonomie, che e’ invece la storica battaglia della Lega e dei suoi governatori. Sulla giustizia si conferma la riforma del Csm e la separazione delle carriere su cui il partito di Salvini si e’ speso in prima persona lanciando un referendum. Sul fisco, la parola d’ordine e’ ‘meno tasse’ declinato per famiglie, imprese e lavoratori autonomi e condito dal no ferreo a “patrimoniali dichiarate e mascherate”, si legge nel documento. Sulla tassa piatta, che ancora divide i tre principali alleati su aliquote e tempi di realizzazione, il compromesso e’ stato raggiunto omettendo ogni percentuale. Si legge solo di un’estensione della flat tax per le partite Iva fino a 100.000 euro di fatturato, flat tax su incremento di reddito rispetto alle annualita’ precedenti (quest’ultimo aspetto fortemente voluto da FdI, ndr), con la prospettiva di ulteriore ampliamento per famiglie e imprese”. Altre misure promesse riguardano gli aiuti a famiglia e natalita’. Qui al primo punto si cita l’allineamento alla media europea della spesa pubblica per infanzia e famiglia”, che e’ un punto fermo dei neo Moderati di Lupi, Cesa, Toti e Brugnaro. Seguono asili nido gratuiti e aziendali. Nel programma non manca l’impegno per sicurezza e lotta all’immigrazione illegale: “passa” la linea della Lega che ottiene al primo punto la voce “decreti sicurezza”, gli stessi voluti dall’allora ministro degli Interni e che sogna il loro ripristino. Ribadita, inoltre, la difesa dei confini nazionali ed europei, ma non c’e’ il blocco navale che e’ il chiodo fisso del partito dei ‘patrioti’, ma solo un generico “controllo delle frontiere e blocco degli sbarchi per fermare, in accordo con le autorita’ del nord Africa, la tratta degli esseri umani”, oltre alla creazione di hot-spot nei territori extra-europei, gestiti dall’Unione Europea”. Non manca la lezione tratta dal Covid con l’impegno a interventi come “la ventilazione meccanica controllata e il potenziamento dei trasporti”, ma “senza compressione delle liberta’ individuali”. Sul lavoro, la promessa e’ il taglio del cuneo fiscale per imprese e lavoratori, insieme agli interventi per calmierare i prezzi dei beni di prima necessita’. La lotta al reddito di cittadinanza viene affidata a una generica sostituzione con “misure piu’ efficaci di inclusione sociale e politiche attive di formazione e inserimento nel mondo del lavoro”. Un capitolo a parte e’ riservato all’ambiente, definito “una priorita’” ma un po’ asciugato rispetto alle ultime bozze. Il programma accenna genericamente al rispetto e aggiornamento degli impegni internazionali presi dall’Italia contro i cambiamenti climatici, cita la piantumazione di alberi, ma senza indicare il milione promesso da Berlusconi, e sull’educazione ambientale sparisce l’idea di farne una materia curricolare scolastica.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto