Collegati con noi

Musica

I re del pop Bee Gees: arriva il film sui fratelli Barry, Robin, Maurice Gibb

amministratore

Pubblicato

del

Barry, Robin, Maurice Gibb, nati nel Regno Unito, cresciuti in Australia, diventati i Bee Gees, tra le band pop iconiche dalla fine degli anni ’60 a tutti i ’70 e ’80, con quel falsetto inimitabile e quel ritmo che induce immediatamente a ballare anche se non sei Tony Manero della Febbre del sabato sera, quel Saturday Night Fever con John Travolta che li consacro’. Il loro ‘restare vivo’, Staying Alive ci suona alla pancia ancora oggi e se una parola ‘disco music’ ha un senso lo si deve in tanta parte a loro.  Sulla scia dei documentari biopic delle star della musica arriva, finalmente, anche quello sui tre fratelli Gibb: THE BEE GEES HOW CAN YOU MEND A BROKEN HEART con la regia di Frank Marshall, selezionato al festival di Telluride e disponibile sulle piattaforme Prime Video, Apple Tv e Google Play dal 14 dicembre. Quaranta album, oltre 1.000 canzoni e venti hit in testa alle classifiche, piu’ di 220 milioni di dischi venduti, i Bee Gees sono stati protagonisti di anni in cui le band del rock erano The Rolling Stones, Led Zeppelin, Pink Floyd, Deep Purple e molto altro e loro erano considerati ‘minori’ a dispetto dei fenomenali record di vendite al pari dei Beatles e successivamente di Michael Jackson. Il cuore del film e’ proprio questo: dove, esattamente, i Bee Gees si inseriscono nella storia del pop? Quanto sono stati davvero grandi? Se all’epoca la risposta era appunto un piano sotto l’Olimpo, a distanza di decenni la pensiamo ugualmente cosi’?

Barry Gibb, Eric Clapton, Mark Ronson, Noel Gallagher, Lulu, Nick Jonas, Chris Martin e Justin Timberlake rispondono sul tema. Il film racconta l’affascinante storia di tre fratelli che hanno inseguito un’emozione fin da bambini: la gioia di cantare insieme e creare canzoni dal sound unico capaci di influenzare grandi musicisti. Una storia non solo di incredibili successi, ma anche di cadute e sconfitte e un’occasione per esplorare la creativita’ alla base del fenomeno intramontabile e senza tempo. La voce dei tre inconfondibile, acuta, ‘angelica’ ha elevato la melodia pop all’ennesima potenza, al pari non a caso di Jacko. Presentato da Polygram Entertainment, prodotto da Kennedy/Marshall e White Horse Pictures, e’ stato scritto da Mark Monroe (“The Beatles: Eight Days a Week). “Cosi’ come molte altre persone nel mondo, ho amato la musica dei Bee Gees per tutta la mia vita. Ma e’ solo quando ho intervistato Barry per la prima volta, circa 3 anni fa, che ho scoperto il loro straordinario istinto creativo, il loro dono musicale, lo humor e il legame tra fratelli che li ha resi cosi’ unici. E’ un grande onore per me far parte di questo film e poter celebrare l’enorme influenza che i Bee Gees hanno avuto sulla musica pop” ha dichiarato Frank Marshall, il regista e produttore nominato al Premio Oscar (Il Curioso Caso di Benjamin Button). (ANSA). MA 14-DIC-20 13:59 NNN

Advertisement

In Evidenza

Achille Lauro annuncia il contratto con Amazon

Avatar

Pubblicato

del

Achille Lauro annuncia di aver siglato uno dei piu’ importanti Overall Deal d’Europa con Amazon Prime, che prende il via con la partecipazione al programma Celebrity Hunted, disponibile su Amazon Prime Video. Per due anni l’artista partecipera’ alla produzione di film, serie tv, documentari e formati in collaborazione con Amazon Prime. “Ho avuto l’onore di partecipare al film Anni da Cane e alla serie Prisma anche producendo colonne sonore e inediti.- sottolinea l’artista – Mi preme l’obbligo di ringraziare Nicole Morganti, Head Italian Originals Prime Video, una manager visionaria e creativa come poche ne ho incontrato. Grazie anche a Francesca Bianchini che ha negoziato insieme al mio manager Angelo Calculli un contratto cosi importante per la mia carriera artistica”.

Continua a leggere

Musica

Eurovision Song Contest 2021, l’Italia trionfa con i Maneskin: accuse a Damiano di aver sniffato coca

Il gruppo italiano ha vinto con il, brano “Zitti e buoni” grazie al televoto. Così è stata ribaltata la classifica delle giurie di qualità. Lo zampino dei Ferragnez e l’aiutino sui social.

Avatar

Pubblicato

del

I Maneskin vincono l’Eurovision Song Contest 2021 con il brano Zitti e buoni, con 524 voti. Al secondo posto Francia e poi Svizzera.  La band romana era quarta dopo il voto della giuria di qualità, ma ha rimontato su Svizzera, Francia e Malta grazie al televoto. I Maneskin riportano l’Eurovision in Italia dopo 31 anni: sono i terzi artisti italiani a vincere la competizione europea dopo Gigliola Cinquetti nel 1964 e Toto Cutugno nel 1990.

“Rock’n’roll never die”. Il rock and roll non morirà mai. Cosi’ Damiano, il carismatico frontman dei Maneskin, ha commentato a caldo la vittoria all’Eurovision Song Contest con Zitti e Buoni sul palco dell’Ahoy Arena di Rotterdam. Nell’esibizione finale, con il trofeo in mano, la band ha cantato nuovamente il brano, stavolta senza censurare le parolacce che erano state tolte come richiesto dal regolamento.

Neanche il tempo di festeggiare e sui Maneskin si abbatte la bufera. Nel mirino dei social finisce Damiano, accusato di aver sniffato cocaina durante la diretta tv (in un video lo si vede abbassarsi sul tavolino) e in molti chiedono la squalifica dell’Italia. Ma il cantante non ci sta e nella conferenza stampa della notte rimanda al mittente ogni accusa: “Io non uso droghe. Non dite una cosa del genere. Niente cocaina”.

Continua a leggere

In Evidenza

“Come vorrei” è il nuovo brano di Giada Lepore e Angelica Borrelli: noi cantanti non vedenti ci guardiamo attraverso la musica

Avatar

Pubblicato

del

“Ci siamo incontrate per caso su Facebook. Ne è nata una bella amicizia e pochi giorni fa abbiamo inciso una canzone insieme. Con Angelica mi trovo benissimo e non vediamo l’ora di farvi ascoltare la nostra canzone”.

A parlare è Giada Lepore, cantante diciassettenne di Benevento, che pochi giorni fa ha registrato un brano inedito con la cantante napoletana Angelica Borrelli. Durante il primo lockdown Giada aveva incominciato a interpretare delle cover di canzoni famose dal balcone di casa, emozionando i vicini con la sua voce e palesando il suo talento naturale per il canto. I video di quelle performance improvvisate fecero il giro del web, riscuotendo un enorme successo e incassando complimenti da ogni parte del mondo. 

A luglio 2020 Giada presentava al Gambrinus il suo primo album di cover dal titolo “Dal balcone di casa mia”. Una raccolta che ha sancito l’entrata di Giada nel mondo della musica e ha rappresentato il coronamento di un percorso irto di ostacoli. Giada è nata infatti con una malformazione oculare che l’ha portata col tempo a perdere completamente la vista. La musica e il canto hanno quindi giocato un ruolo decisivo nella sua formazione, rappresentando uno stimolo per inseguire i propri sogni senza mai arrendersi. Il suo destino ora si è incrociato con quello di un’altra cantante non vedente, Angelica Borrelli. 

“È nato tutto in modo casuale. Su Facebook mi sono imbattuta in una canzone di Angelica, “famme vedè”. Parlava della cecità di Angelica. Ho pensato subito che stessa raccontando anche la storia di mia figlia”, racconta la mamma di Giada, Apollonia Botticella. “Ci siamo scritte ed è nata questa bella amicizia. Da lì la proposta di questo duetto con Giada. La canzone è stata scritta da Angelica, mentre la musica è del fratello Pasquale. Sono voci molto diverse fra loro ma che si fondono bene insieme. Sabato scorso Angelica e Pasquale ci hanno raggiunto qui a Benevento ed hanno registrato la canzone”.

Anche Giada è molto entusiasta del progetto e dell’amicizia nata con la collega napoletana. “Mi sono trovata benissimo con Angelica, anche se lei ha molta più esperienza di me. È la prima volta che faccio un duetto. Intanto sto anche lavorando ad un mio progetto di inediti che sperò uscirà molto presto”, spiega l’interprete beneventana. Il brano – una canzone d’amore – si intitola “come vorrei” e uscirà per la fine di giugno. Nei prossimi giorni sarà invece girato il videoclip della canzone. 

“Noi due non siamo accomunate solo dalla cecità ma anche da una smodata passione per la musica. La nostra unione serve a rafforzare il nostro messaggio positivo di speranza: far capire alle persone che noi possiamo farcela; con forza e coraggio si può fare qualunque cosa”. L’esordio musicale di Angelica risale al 2010, quando incide il primo disco, “La voce del mio cuore”, otto brani inediti scritti insieme al fratello Pasquale. Al primo album segue un secondo nel 2011 e un terzo nel 2015. Tra il 2016 e nel 2017 partecipa a due puntate della serie “Camorriste” con due sue canzoni. Sempre nel 2017 partecipa ad Area Sanremo Tour, arrivando alle semifinali nazionali. 

Anche nella vita di Angelica – così come in quella di Giada – la musica ha giocato e continua a giocare un ruolo decisivo. “La passione per la musica è una cosa che mi porto dentro da una vita. Per me è uno sfogo, quando canto sto bene. È come una droga che non fa male. Sono contenta di questa collaborazione. Io e Giada attraverso la musica ci guardiamo, è un modo di comunicare i propri sentimenti, ciò che hai dentro”.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto