Collegati con noi

Economia

I lavoratori Whirlpool a Roma per ricordare la loro vertenza nel giorno della fiducia a Draghi

Avatar

Pubblicato

del

Oggi 140 lavoratori della Whirlpool in rappresentanza di tutti i loro colleghi sono andati a Roma. Mentre il governo voterà per la fiducia, spiegano “Noi lavoratori della Whirlpool saremo in presenza sotto il Mise a ricordare che nonostante 21 mesi e 3 governi ancora non è cambiato nulla, le vertenze come le nostre sono ancora aperte e molti lavoratori rischiano di perdere il loro futuro. Nel giorno della fiducia per ribadire che si deve partire da subito nella difesa dei nostri diritti per garantire il lavoro e permettere attraverso di esso la ripresa ed il futuro del nostro Paese”.

 

Advertisement

Economia

Stralcio cartelle da 5000 euro, è una sanatoria da quasi 2 miliardi ma eviterebbe un contenzioso mostruoso

Avatar

Pubblicato

del

Costerebbe 1,8 miliardi la cancellazione delle cartelle sotto i 5.000 euro inviate ai contribuenti tra il 2000 e il 2015, ma consentirebbe un recupero di efficienza negli anni successivi che farebbe calare il costo a 930 milioni alla fine del 2025. Il ”magazzino” del fisco si alleggerirebbe infatti di 61,5 milioni di atti di contestazione, rendendo piu’ facile la riscossione successiva. E’ questo uno dei dati elaborati dal governo per valutare il possibile ‘stralcio’ delle richieste fatte nel passato ai contribuenti in vista della messa a punto del decreto Sostegni. I partiti non sono ancora concordi sulla misura, tant’e’ che anche nella bozza circolata nelle ultime ore, non viene indicato un importo sotto il quale il governo potrebbe tirare un tratto di penna. I conti sono pero’ stati fatti su un ampio ventaglio di possibilita’, dal mandare in soffitta le mini cartelle sotto i 3.000 euro al passare un colpo di spugna su tutto l’arretrato delle contestazioni inviate fino al 2015. L’intervento meno oneroso per l’erario sarebbe quello di cancellare le cartelle fino a 3.000 euro: nel 2021 costerebbe 1,62 milioni, ma a fine 2025 avrebbe un ‘costo’ stimato di 730 milioni e manderebbe al rogo 57,3 milioni di cartelle, lasciando nel ‘magazzino’ del fisco 79,7 milioni di atti da inviare tra quelli successivi al 2015 e quelli precedenti superiori alla soglia scelta. Nel confronto politico l’attenzione sembra essersi concentrata soprattutto sul ‘taglio’ delle richieste sotto i 5.000 euro (compresi interessi e sanzioni). Rientrano in questo gruppo ben 61,5 milioni di cartelle e il costo stimato dell’operazione, a regime, sarebbe di 930 milioni, con un saldo negativo nel primo anno di 1,83 miliardi,. Di quest’ultimo importo, che avrebbe subito impatto sui conti di quest’anno, 700 milioni sarebbero cartelle fiscali, 460 milioni contestazioni Inps e Inail, il resto di 240 milioni altre iscrizioni a ruolo. Le simulazioni del governo contengono anche il costo dell’operazione ‘colpo di spugna’ per le richieste sotto i 10mila, 30mila e 50mila euro. E anche la possibilita’ di una cancellazione di tutti gli importi contestati tra il 2000 e il 2015. Il ‘costo’ e’ via via crescente, ma non in modo esponenziale. Se si guarda al 2021 si passa dai 2,08 miliardi delle cartelle fino a 10.000 euro ai 2,3 dei 30 mila euro, ai 2,5 miliardi dei 50 mila euro. Alla fine del 2025, con la maggiore efficienza recuperata, il costo totale sarebbe pero’ rispettivamente di 1,53, di 2,08 e di 2,34 miliardi. Lo ‘stralcio’ totale tra il 2000 e il 2015 avrebbe invece un costo immediato di 3,31 miliardi e a fine 2025 di 3,76 miliardi. Ma consentirebbe di gettare al rogo 70,5 milioni di cartelle. Di certo, pero’, gli esattori non rimarrebbero disoccupati: nel magazzino del fisco ne rimarrebbero ancora 66,5 milioni da riscuotere.

Continua a leggere

Ambiente

I robot ‘agricoltori’ si preparano a scendere nei campi

Avatar

Pubblicato

del

E’ un braccio robotico esperto nella potatura della vite a guidare la carica dei ‘robot agricoltori’, che si preparano a scendere letteralmente in campo: accade nel nuovo laboratorio di robotica per l’agricoltura inaugurato a Piacenza dall’Universita’ Cattolica del Sacro Cuore insieme all’Istituto Italiano di Tecnologia (IIT), con l’obiettivo di rendere piu’ sicuro e sostenibile il lavoro nel settore agro-alimentare. Il laboratorio congiunto e’ frutto di un accordo tra i due enti nato “per sviluppare approcci innovativi nell’ambito delle scienze agrarie, alimentari e ambientali, con particolare attenzione alla messa a punto di metodi diagnostici molecolari rapidi, di nuovi materiali derivati da sottoprodotti dell’industria agro-alimentare e di sistemi robotici per il monitoraggio e la gestione dei sistemi colturali”, spiega Pier Sandro Cocconcelli, responsabile del programma di ricerca per l’Universita’ Cattolica. “Introdurre applicazioni robotiche in ambito agricolo significa favorire la crescita sostenibile delle produzioni agricole, aiutando ad affrontare il problema della carenza di manodopera”, sottolinea Matteo Gatti, docente di viticoltura e referente del laboratorio per l’Universita’ Cattolica, che precisa come il perfezionamento di soluzioni robotiche in ambito agrario sia orientato principalmente verso tre aree applicative: la navigazione autonoma, il monitoraggio con sensori e la manipolazione delle colture.

Continua a leggere

Economia

Bagnoli, ecco come “ri-costruire per il futuro” a otto anni dal rogo di Città della Scienza

Avatar

Pubblicato

del

A otto anni dal rogo che il 4 marzo 2013 distrusse il vecchio Science Centre di Città della Scienza a Bagnoli, la ricostruzione è ancora un miraggio. Per fare il punto della situazione, si è svolta questa mattina la tavola rotonda “Ri-costruire per il futuro”. Riccardo Villari, presidente di Città della Scienza, centra immediatamente uno dei nodi centrali della vicenda. “Si era addivenuti ad un accordo, ma nel 2017 il Comune di Napoli assume una posizione diversa: la ricostruzione deve realizzarsi a monte, vicino Coroglio. Oggi a distanza di otto anni siamo alla paralisi; l’area in cui si dovrebbe ricostruire è da bonificare, così rischiamo di perdere i soldi per la ricostruzione”. Nella giornata di ieri è arrivata la sentenza del Tar che ha ribadito la necessità di costruire il nuovo museo lontano dalla linea di costa. “Al di là del Tar – prosegue Villari – vogliamo promuovere un confronto fra le istituzioni per una soluzione condivisa. La posizione naturale del museo, per noi, è lì dov’era prima. Non demandiamo alla giustizia amministrativa la soluzione, ma troviamola col dialogo fra le istituzioni. Mi auguro che da questo confronto si individui un sentiero per poter ripartire”.

Impossibilitata a presenziare alla conferenza, svoltasi ovviamente da remoto, la ministra per il Sud Mara Carfagna affida ad un video il suo contributo. “Città della Scienza poteva correre il rischio di essere una cattedrale nel deserto, invece ha saputo attrarre giovani professionisti e visitatori da tutto il mondo, coniugando economia e conoscenze, attività museale e di ricerca da un lato, incubatore di impresa dall’altro. In questa storia straordinaria, l’incendio è una ferita non ancora rimarginata”, sottolinea Carfagna. “Le risorse per la costruzione di un nuovo spazio espositivo ci sono e serve la collaborazione di tutti affinché non vengano sprecate. Le istituzioni devono trovare un’intesa condivisa – prosegue la neo ministra -; con questo spirito convocherò presto una cabina di regia per Bagnoli, così da verificare insieme lo stato della bonifica del sito e individuare le misure necessarie per procedere in modo spedito”. 

Per il ministro alla Cultura Dario Franceschini, ad otto anni dall’incendio “va dato atto a chi ha guidato il museo di aver fatto un’importante opera di rivitalizzazione, che ha portato 200mila visitatori all’anno, iniziative didattiche e formative. Ora tutte le parti coinvolte devono remare nella stessa direzione per accelerare il progetto di ripartenza. Il ministero della Cultura è disponibile a collaborare con tutte le istituzioni locali e nazionali”. 

All’assessore all’istruzione del Comune di Napoli Annamaria Palmieri, chiamata a fare le veci del sindaco de Magistris, il direttore del Mattino nonché moderatore del convegno Federico Monga, chiede conto del cambio di rotta dell’amministrazione sulla collocazione del nuovo museo: dapprima favorevole al progetto lungo la linea di costa, dov’era prima, poi l’orientamento verso una scelta diversa. Per Palmieri si tratta di “un progetto condiviso, elaborato ed approvato con il contributo di tutte le amministrazioni locali e nazionali coinvolte: non solo l’autorità commissariale, ma quattro ministeri, le soprintendenze, il Comune, autorità portuale, Regione, Città Metropolitana. Quel piano oggi è legge dello Stato”. 

Non le manda a dire il presidente della giunta regionale Vincenzo De Luca. “Città della Scienza sarebbe già morta se la Regione non avesse deciso di tenerla in vita, stanziando tre milioni di euro all’anno. Abbiamo scelto di sostenerla per un periodo medio per permetterne il decollo, poi dovrà camminare con le sue gambe”.

Per De Luca Bagnoli può rappresentare il cuore di un grande programma di sviluppo integrato, che coniughi economia, cultura, ambiente, socialità e urbanistica. Il governatore propone inoltre di “legare la vicenda di Bagnoli al Recovery Fund, il grande programma di ricostruzione che viene dall’Europa”, così da poter dare vita a “questo grande progetto di sviluppo che potrebbe cambiare il destino di un’intera comunità”. De Luca non sembra porre veti sulla collocazione del nuovo museo. “Non assumo posizioni di principio. Se non ci sono le condizioni per realizzare il progetto sulla linea di costa, prendiamo altre decisioni, ma che siano cose possibili e praticabili, non inventate”. 

Ad arricchire il convegno contribuisce la partecipazione del cantautore Eugenio Bennato, originario proprio di Bagnoli. “Assistiamo ad un fatto bizzarro: l’incendio ha annullato il museo che era sulla costa, ora la burocrazia dice che lì non si può più costruire; è come se si desse peso al malfattore che ha incendiato il museo”, commenta Bennato. “Da piccolo andavo a mare coi miei fratelli sulla spiaggia di Coroglio. L’Eternit era una polvere bianca e il mare nascondeva pali di acciaio che affioravano dalla sabbia sommersa. All’inizio del Novecento il miraggio dello sviluppo industriale aveva portato a creare una fabbrica di acciaio in uno dei luoghi più belli della costa campana. Ora i tempi sono cambiati – conclude l’autore – e s’è preso coscienza che quell’area s’è trasformata in uno spazio di spettacolo, cultura ed esibizione delle grandi conquiste scientifiche”. 

Per lo scrittore e sceneggiatore di successo Maurizio De Giovanni, è inspiegabile come a Napoli si continui “a non puntare sull’industria del pensiero, disorganizzata ma ugualmente fruttuosa. Si guarda spesso a Bagnoli per la creazione di un polo del cinema, un settore che funziona tanto in questa città: è il successo della città che racconta sé stessa. Si lasci che la cultura abbia voce in capitolo. È assurdo che Bagnoli non venga anzitutto presa in considerazione per un’industria culturale di questa città, l’unica che può essere immediatamente produttiva e a costo zero”.

Il commissario straordinario del Governo Francesco Floro Flores si difende dalle accuse di immobilismo che riaffiorano ogni qualvolta si parla di Bagnoli. “In due anni di attività commissariale, insieme ai colleghi di Invitalia, abbiamo fatto la bonifica dei cumuli Morgan, lasciati in giro per l’insediamento del SIN da Bagnoli Futura. Le bonifiche si stanno facendo tutte con una certa velocità. La bonifica sarà realizzata anche in quel pezzetto di area in cui dovrebbe insediarsi il nuovo museo”. 

Sulla medesima lunghezza d’onda anche l’Ad di Invitalia Domenico Arcuri. “Ritenere che a Bagnoli non stia accadendo nulla è falso; si consideri poi che fino a luglio 2019 l’area era sequestrata ed era complicato intervenire fattivamente. Il PRARU (Programma di Risanamento Ambientale e di Rigenerazione Urbana, ndr) prevede funzioni d’uso, tempi, risorse e attività da svolgere. Il progetto c’è. In questi anni noi abbiamo fatto 64 gare, avviato 11 cantieri, alcuni dei quali conclusi. Stiamo realizzando la bonifica Eternit. Dire che non è stato fatto niente è ingeneroso. Nei prossimi mesi dobbiamo correre per realizzare i punti del piano; esistono risorse e bisogna utilizzare. Ci tengo a lanciare una parola di concretezza”, ha concluso Arcuri. 

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto