Collegati con noi

Ben'essere

Guida Michelin 2023: ecco i 385 ristoranti stellati d’Italia

Pubblicato

del

Un numero record di stelle, ben 385, per la Guida Michelin 2023 : il segno della grande qualità del cibo in Italia con l’età degli chef che scende sempre. Ben 20 fra gli stellati sono sotto i 35 anni.

 

12 ristoranti 3 stelle

Alba – Piazza Duomo
Alta Badia / San Cassiano – St. Hubertus
Brusaporto – Da Vittorio
Canneto sull’Oglio / Runate – Dal Pescatore
Castel di Sangro – Reale
Firenze – Enoteca Pinchiorri
Milano / Navigli – Enrico Bartolini al Mudec
Orta San Giulio – Villa Crespi
Modena – Osteria Francescana
Roma / San Pietro-Città del Vaticano – La Pergola
Rubano – Le Calandre
Senigallia – Uliassi

Un piatto di Antonino Cannavacciuolo: con il suo Villa Crespi ha ottenuto la terza stella Michelin

 

38 ristoranti 2 stelle

Anacapri – L’Olivo
Brusciano – Taverna Estia
Campagna Lupia – Antica Osteria Cera
Cervere – Antica Corona Reale
Colle di Val d’Elsa – Arnolfo
Concesio – Miramonti l’Altro
Cornaredo – D’O
Firenze – Santa Elisabetta
Gargnano – Villa Feltrinelli
Imola – San Domenico
Ischia – daní maison
Licata – La Madia
Longiano – Magnolia
Lonigo – La Peca
Massa Marittima – Bracali
Milano – Il Luogo di Aimo e Nadia
Milano – Seta by Antonio Guida
Montemerano – Caino
Mules – Gourmetstube Einhorn
Nerano – Quattro Passi
Paestum – Tre Olivi
Penango – Locanda Sant’Uffizio Enrico Bartolini N
Ragusa – Duomo
Roma – Acquolina N
Roma – Enoteca La Torre N
Roma – Il Pagliaccio
Sarentino – Terra
Senigallia – Madonnina del Pescatore
Taormina – St. George by Heinz Beck N
Telese – Krèsios
Tirolo – Castel finedining
Trieste – Harry’s Piccolo
Udine – Agli Amici
Venezia – Glam Enrico Bartolini
Verbania – Piccolo Lago
Verona – Casa Perbellini
Viareggio – Il Piccolo Principe
Vico Equense – Torre del Saracino

335 ristoranti 1 stella

Abruzzo:

Civitella Casanova – La Bandiera
Guardiagrele – Villa Maiella
Roseto degli Abruzzi – D.One Restaurant
San Salvo Marina – Al Metrò

Basilicata:

Matera – Vitantonio Lombardo
Lavello – Don Alfonso 1890 San Barbato

Calabria:

Strongoli – Dattilo
Santa Cristina d’Aspromonte – Qafiz
San Giovanni in Fiore – Hyle
Marina di Gioiosa Ionica – Gambero Rosso
Lamezia Terme – Luigi Lepore
Isola di Capo Rizzuto – Pietramare Natural Food
Catanzaro – Abbruzzino

Campania:

Amalfi – Glicine
Amalfi – La Caravella dal 1959
Amalfi – Sensi N
Ariano Irpino – Maeba Restaurant N
Bacoli – Caracol
Capri – Le Monzù
Capri – Mammà
Castellammare di Stabia – Piazzetta Milù
Conca dei Marini – Il Refettorio
Eboli – Il Papavero
Lacco Ameno – Indaco
Maiori – Il Faro di Capo d’Orso – Andrea Aprea
Massa Lubrense – Relais Blu
Napoli – ARIA
Napoli – George Restaurant
Napoli – Il Comandante
Napoli – Palazzo Petrucci
Napoli – Veritas
Nerano – Taverna del Capitano
Nola – Re Santi e Leoni
Nola – Rear Restaurant
Paestum – Le Trabe
Paestum – Osteria Arbustico
Pompei – President
Positano – La Serra
Positano – Li Galli
Positano – Zass
Quarto – Sud
Ravello – Il Flauto di Pan
Ravello – Rossellinis
Salerno – Re Maurì
Sant’Agnello – Don Geppi
Somma Vesuviana – Contaminazioni Restaurant
Sorrento – Il Buco
Sorrento – Lorelei
Sorrento – Terrazza Bosquet
Telese – La Locanda del Borgo
Torre del Greco – Josè Restaurant – Tenuta Villa Guerra
Vallesaccarda – Oasis – Sapori Antichi
Vico Equense – Antica Osteria Nonna Rosa
Vico Equense – Cannavacciuolo Countryside

Emilia-Romagna:

Bagno di Romagna – Da Gorini
Bologna – I Portici
Borgonovo Val Tidone – La Palta
Castel Maggiore – Iacobucci
Cesenatico – La Buca
Codigoro – La Capanna di Eraclio
Codigoro – La Zanzara
Modena – L’Erba del Re
Parma – Inkiostro
Pennabilli – Il Piastrino
Polesine Parmense – Antica Corte Pallavicina
Quattro Castella – Ca’ Matilde
Rimini – Abocar Due Cucine
Rimini – Guido
Rubiera – Arnaldo – Clinica Gastronomica
Rubiera – Osteria del Viandante N
Savigno – Trattoria da Amerigo
Torriana – Osteria del Povero Diavolo

Friuli-Venezia Giulia:

Cormons – Trattoria al Cacciatore – La Subida
Dolegna del Collio – L’Argine a Vencò
Ruda – Osteria Altran
San Quirino – La Primula
Sappada – Laite

Lazio:

Acquapendente – La Parolina
Acuto – Colline Ciociare
Ariccia – Sintesi N
Fiumicino – Il Tino
Fiumicino – Pascucci al Porticciolo
Genazzano – Aminta Resort
Labico – Antonello Colonna Labico
Pontinia – Mater1apr1ma
Ponza – Acqua Pazza
Rivodutri – La Trota
Roma – All’Oro
Roma – Aroma
Roma – Glass Hostaria
Roma – Idylio by Apreda
Roma – Il Convivio Troiani
Roma – Imàgo
Roma – La Terrazza
Roma – Marco Martini Restaurant
Roma – Moma
Roma – Per Me Giulio Terrinoni
Roma – Pipero Roma
Roma – Pulejo N
Roma – Zia
Terracina – Essenza

Vitorchiano – Casa Iozzìa

Liguria:

Alassio – Nove
Ameglia – Locanda Tamerici N
Cavi di Lavagna – Impronta d’Acqua
Genova – San Giorgio
Genova – The Cook
Imperia – Sarri
Moneglia – Orto by Jorg Giubbani
Noli – Vescovado
San Remo – Paolo e Barbara
Ventimiglia – Balzi Rossi N
Ventimiglia – Casa Buono N

Lombardia:

Albavilla – Il Cantuccio
Bergamo – Casual
Bergamo – Impronte
Calvisano – Al Gambero
Campione d’Italia – Da Candida
Cavernago – Il Saraceno
Cernobbio – Materia
Como – I Tigli in Theoria
Como – Kitchen
Corte Franca – Due Colombe
Crema – Vitium N
Desenzano del Garda – Esplanade
Fagnano Olona – Acquerello
Gardone Riviera – Lido 84
Gargnano – La Tortuga
Lallio – Bolle N
Laveno – La Tavola
Lomazzo – Trattoria Contemporanea N
Madesimo – Il Cantinone e Sport Hotel Alpina
Manerba del Garda – Capriccio
Mantello – La Preséf
Milano – AALTO
Milano – Andrea Aprea N
Milano – Anima N
Milano – Berton
Milano – Contraste
Milano – Cracco
Milano – Felix Lo Basso home & restaurant
Milano – Iyo
Milano – Joia
Milano – L’Alchimia
Milano – Sadler
Milano – Tano Passami l’Olio
Milano – Viva Viviana Varese
Oggiono – Bianca sul Lago by Emanuele Petrosino
Olgiate Olona – Ma.Ri.Na.
Orzinuovi – Sedicesimo Secolo
Pavia – Lino N
Pralboino – Leon d’Oro
San Paolo d’Argon – Umberto De Martino
Sirmione – La Rucola 2.0
Sirmione – La Speranzina Restaurant & Relais
Sorisole – Osteria degli Assonica
Stradella – Villa Naj
Torno – Il Sereno Al Lago N
Trescore Balneario – LoRo
Treviglio – San Martino
Viganò – Pierino Penati
Vigevano – I Castagni
Villa d’Almè – Osteria della Brughiera
Villa di Chiavenna – Lanterna Verde

Marche:

Gabicce Monte – Dalla Gioconda N
Loreto – Andreina
Montemonaco – Il Tiglio N
Pesaro – Nostrano
Porto San Giorgio – L’Arcade
Porto San Giorgio – Retroscena

Piemonte:

Acqui Terme – I Caffi
Alba – Locanda del Pilone
Alessandria – La Fermata
Caluso – Gardenia
Canale – All’Enoteca
Domodossola – Atelier
Guarene – La Madernassa
Isola d’Asti – Il Cascinalenuovo
La Morra – Damiano Nigro
La Morra – Massimo Camia
Monforte d’Alba – Borgo Sant’Anna
Monforte d’Alba – Fre
Novara – Cannavacciuolo Cafè & Bistrot
Novara – Tantris
Orta San Giulio – Andrea Monesi – Locanda di Orta
Pinerolo – Zappatori
Piobesi d’Alba – 21.9
Pollone – Il Patio
Priocca – Il Centro
San Maurizio Canavese – La Credenza
Santo Stefano Belbo – Il Ristorante di Guido da Costigliole
Sauze di Cesana – RistoranTino & C. N
Serralunga d’Alba – Guidoristorante
Soriso – Al Sorriso
Tigliole – Ca’ Vittoria
Torino – Andrea Larossa N
Torino – Cannavacciuolo Bistrot
Torino – Carignano
Torino – Casa Vicina
Torino – Condividere
Torino – Del Cambio
Torino – Magorabin
Torino – Piano 35
Torino – Spazio7
Torino – Unforgettable
Torino – Vintage 1997
Treiso – La Ciau del Tornavento
Venaria Reale – Dolce Stil Novo alla Reggia
Vernante – Nazionale

Puglia:

Trani – Quintessenza
Trani – Casa Sgarra
Savelletri – Due Camini
Putignano – Angelo Sabatelli
Peschici – Porta di Basso
Ostuni – Cielo
Manduria – Casamatta
Lecce – Primo Restaurant
Lecce – Bros’
Conversano – Pashà
Carovigno – Già Sotto l’Arco

Sardegna:

San Teodoro – Gusto by Sadler
San Pantaleo – Il Fuoco Sacro N
Pula – Fradis Minoris
Porto Cervo – ConFusion
Cagliari – Dal Corsaro
Baia Sardinia – Somu

Sicilia:

Bagheria – I Pupi
Bagheria – Līmū N
Caltagirone – Coria
Catania – Sapio
Linguaglossa – Shalai
Modica – Accursio
Palermo – Gagini Restaurant
Palermo – Mec Restaurant N
Ragusa – Locanda Don Serafino
Riposto – Zash
Salina (Isola) – Signum
Taormina – La Capinera
Taormina – Otto Geleng
Taormina – Principe Cerami N
Terrasini – Il Bavaglino
Vulcano (Isola) – I Tenerumi N
Vulcano (Isola) – Il Cappero

Toscana:

Arezzo – Octavin
Capolona – Terramira N
Casanova di Terricciola – Cannavacciuolo Vineyard N
Castelnuovo Berardenga – La Bottega del 30
Castelnuovo Berardenga – L’Asinello
Castelnuovo Berardenga – Poggio Rosso
Castiglione della Pescaia – La Trattoria Enrico Bartolini
Cortona – Il Falconiere
Firenze – Borgo San Jacopo
Firenze – Chic Nonna di Vito Mollica N
Firenze – Gucci Osteria da Massimo Bottura
Firenze – Il Palagio
Forte dei Marmi – Bistrot
Forte dei Marmi – Il Parco di Villa Grey
Forte dei Marmi – Lorenzo
Forte dei Marmi – Lux Lucis
Gaiole in Chianti – Il Pievano
Lamporecchio – Atman a Villa Rospigliosi
Lucca – Butterfly
Lucca – Giglio
Marina di Bibbona – La Pineta
Marina di Grosseto – Gabbiano 3.0
Marina di Pietrasanta – Franco Mare
Montalcino – Campo del Drago N
Poggio alle Mura – La Sala dei Grappoli
Porto Ercole – Il Pellicano
Prato – Paca N
San Casciano dei Bagni – Castello di Fighine
San Gimignano – Linfa
Scarperia – Virtuoso Gourmet – Tenuta Le Tre Virtù
Seggiano – Silene
Tavarnelle Val di Pesa – La Torre
Tavernelle Val di Pesa – Osteria di Passignano
Viareggio – Lunasia
Viareggio – Romano

Trentino-Alto Adige:

Appiano sulla Strada del Vino – Osteria Acquarol
Appiano sulla Strada del Vino – Zur Rose
Arco – Peter Brunel Ristorante Gourmet
Bolzano – In Viaggio – Claudio Melis
Bressanone – Apostelstube
Castelbello – Kuppelrain
Cavalese – El Molin
Corvara in Badia – La Stüa de Michil N
Dobbiaco – Tilia
Falzes – Schöneck
Lagundo – Luisl Stube N
Madonna di Campiglio – Il Gallo Cedrone
Madonna di Campiglio – Stube Hermitage
Merano – Prezioso
Merano – Sissi
Moena – Malga Panna
Nova Levante – Johannesstube
Ortisei – Anna Stuben
Rovereto – Senso Alfio Ghezzi Mart
Selva di Val Gardena – Alpenroyal Gourmet
Selva di Val Gardena – Suinsom N
Soprabolzano – 1908
Tesimo – Zum Löwen
Trento – Locanda Margon
Vigo di Fassa – ‘L Chimpl

Umbria:

Perugia – L’Acciuga
Norcia – Vespasia
Baschi – Casa Vissani

Valle d’Aosta:

Aosta – Paolo Griffa al Caffè Nazionale N
Aosta – Vecchio Ristoro

Veneto:

Veneto Altissimo – Casin del Gamba
Arzignano – Damini Macelleria & Affini
Asiago – La Tana Gourmet
Barbarano Vicentino – Aqua Crua
Borgoricco – Storie d’Amore
Cavaion Veronese – Oseleta
Cortina d’Ampezzo – SanBrite
Cortina d’Ampezzo – Tivoli
Malcesine – Vecchia Malcesine
Malo – La Favellina
Oderzo – Gellius
Oppeano – Famiglia Rana N
Pieve d’Alpago – Dolada
Pontelongo – Lazzaro 1915
Puos d’Alpago – Locanda San Lorenzo
Romagnano – La Cru
San Pietro in Cariano – Amistà
Schio – Spinechile
Scorzè – San Martino
Venezia – Local
Venezia – Oro Restaurant
Venezia – Quadri
Venezia – Venissa
Venezia – Wistèria
Verona – 12 Apostoli
Verona – Il Desco
Vicenza – Matteo Grandi

Advertisement

Ben'essere

C’è anche il Sushi Wine per il food asiatico a Gustus, expo dei sapori mediterranei

Pubblicato

del

La novità assoluta è il Sushi Wine, un prodotto giusto per accompagnare il food asiatico: lo ha presentato ‘Cantine Mediterranee”, azienda napoletana presente a ‘Gustus’, expo dei sapori mediterranei anche quest’anno.

Oltre agli ottimi vini tradizionali, rossi e bianchi,  e al Sushi Wine, Cantine Mediterranee ha portato a ‘Gustus’ anche le bevande aromatizzate, cioè Sangria, Percoca, Fragola e lo Spritz già pronto da bere.

Una presenza ormai abituale: “Tre giorni intensi di business di alta qualità – ha detto Vincenzo Napolitano, titolare di Cantine Mediterranee- dove esserci è indispensabile”.

 

Continua a leggere

Ben'essere

Agro-food Italia, primo al mondo per ‘medaglie’ Unesco

Pubblicato

del

 All’Italia il primato mondiale dei riconoscimenti Unesco nel settore dell’agro-food: con 5 sui 68 totali assegnati a livello globale, il nostro Paese si posiziona al primo posto nella classifica. A seguire il Marocco con 4 riconoscimenti Unesco, 3 a Turchia e Azerbaigian, 2 a Belgio, Francia, Spagna, Tunisia, Giappone, Corea e Messico. I rimanenti sono 1 a testa nei vari altri Paesi. Questi i dati del rapporto su cibo e cultura presentato in occasione della conferenza a New York sul futuro della Dieta Mediterranea promossa dalla rappresentanza d’Italia presso le Nazioni Unite.

“L’Italia, da questo punto di vista, è una potenza mondiale”, ha detto il presidente dell’organo degli esperti mondiali dell’Unesco Pier Luigi Petrillo, professore di Cultural Heritage alla Luiss Guido Carli e direttore della Cattedra Unesco dell’Università Unitelma Sapienza. Bilancio che arriva nella giornata in cui alla Farnesina si festeggia la cucina italiana nel mondo che durante questi giorni ha avuti eventi in tantissimi Paesi con “i cuochi – dice la Federazione – principali ambasciatori del made in Italy nel mondo”.

E il Governo, con i ministri degli Esteri, Antonio Tajani, dell’ Agricoltura e Sovranità alimentare, Francesco Lollobrigida, e della Salute, Orazio Schillaci, blinda la tradizione italiana a tavola contro il cibo sintetico (di ieri la notizia dell’ok dalla Food and Drug Administration Usa) e contro sistemi di etichettatura, come quella a semaforo del Nutriscore, che rischia di piegare uno strumento che nasce per la salute dei cittadini “alle logiche di marketing”, le parole di Schillaci.

“Il Nutriscore – dice poi Tajani – è un colossale errore che è parte di un attacco alla cucina mediterranea”. Non può essere “un semaforino a fermare le potenzialità benefiche di un modello come quello che abbiamo conosciuto”, rincara Lollobrigida sottolineando che la missione è quella di mettere al centro la produzione di qualità e attuare la difesa da modelli “che non sposano la tutela dei nostri prodotti”.

Sul cibo sintetico ribadisce che “l’Italia non si arrende”. Non possiamo mettere “nei piatti dei nostri figli bistecche realizzate in laboratorio che desertificano i territori di produzione”. In tal senso Coldiretti e Filiera Italia ricordano la petizione nazionale contro il “cibo in provetta”. E dal 2023 partirà un progetto che il ministero della Salute sta portando avanti con la Farnesina e riguarda la creazione di un Osservatorio sulla Dieta Mediterranea presso la Fao “come presidio a costante difesa di tutte le diete tradizionali e salutari presso uno snodo multilaterale strategico”.

A dare forza al percorso, il successo ottenuto con i riconoscimento Unesco. Il settore agro-alimentare, dice l’esperto Unesco, Petrillo, “è divenuto altamente sfidante, specialmente se si pensa che il cibo è sempre di più uno strumento di dialogo e di diplomazia. Proprio puntando sulla dimensione culturale del cibo, tra l’altro, si può battere l’assurda politica del ‘semaforo’ sugli alimenti che è altamente diseducativa e dannosa per le nostre produzioni tipiche”. Le 5 ‘medaglie’ Unesco dell’Italia nel settore agro-food (su 15 totali in varie categorie) riguardano Dieta Mediterranea, arte dei pizzaiuoli napoletani, cava e cerca del tartufo, transumanza, pratica agricola della coltivazione della vite ad alberello di Pantelleria.

E sulla Dieta Mediterranea: “Il riconoscimento Unesco segna un punto di svolta assoluto – dice Petrillo – perché da allora il cibo è stato percepito dalla comunità mondiale non solo come prodotto ma come fenomeno culturale ed identitario di uno stile di vita, di un modo di essere”. Il primo riconoscimento di sempre nella storia Unesco in ambito di cibo e pratiche alimentari. In ambito internazionale, dal 28 novembre al 2 dicembre prossimi, a Rabat, in Marocco, si riunirà il Comitato Unesco del Patrimonio Culturale Immateriale che dovrà decidere, tra l’altro, sulla baguette francese e il tè cinese.

Continua a leggere

Ben'essere

Stati Uniti, mozzarella e prosciutto per la settimana della cucina italiana

Pubblicato

del

Mozzarella di Bufala Campana Dop e Prosciutto di Parma Dop rappresentano le eccellenze del Made in Italy negli Usa in occasione della “Settimana della Cucina italiana nel mondo”, in programma dal 14 fino al 20 novembre.

Promossa dal Ministero degli Esteri, la “Settimana della Cucina Italiana nel Mondo” è dedicata quest’anno al tema “Convivialità, sostenibilità e innovazione: gli ingredienti della cucina italiana per la salute delle persone e la salvaguardia del pianeta”.

I Consorzi di Tutela dei due prodotti simbolo dell’Italia nel mondo sono a Washington dove hanno preso parte ieri, 14 novembre, all’evento di celebrazione nella sede dell’ambasciata italiana negli Usa. “Innovation & Technology for Sustainable food production” è il titolo del workshop, incentrato su come migliorare le produzioni nel settore agrifood in ottica sostenibile.

Al convegno, aperto dall’Ambasciatrice italiana negli Usa Mariangela Zappia, hanno partecipato Stefano Fanti, direttore del Consorzio del Prosciutto di Parma; Pier Maria Saccani, direttore del Consorzio di Tutela Mozzarella di Bufala Campana Dop; Shawna Morris, senior vice President, Trade Policy – Us Dairy e Nick Gardner, Us Meat Institute.

“I produttori del nostro sistema agroalimentare, che coniugano in perfetto equilibrio tradizione e innovazione, con un uso responsabile delle risorse naturali e l’attenzione all’ambiente e alla minimizzazione dell’impatto climatico, sono dei modelli di ispirazione anche per gli Stati Uniti, i cui consumatori apprezzano sempre di più la qualità delle nostre eccellenze alimentari”, ha evidenziato l’Ambasciatrice Zappia.

“La tradizione ha bisogno di innovazione per poter affrontare le sfide del mondo globale anche in cucina. La cucina italiana si basa su prodotti di straordinaria qualità. Il nostro impegno deve essere volto a promuovere il modello della dieta mediterranea e parallelamente a far conoscere la qualità e versatilità in cucina delle nostre eccellenze, così che possano entrare nelle abitudini dei consumatori all’estero. Ad esempio, per restare negli Usa, sarebbe interessante preparare i loro classici macaroni cheese con la Bufala Campana Dop e la Pasta di Gragnano Igp”, ha sottolineato il direttore Saccani e ha aggiunto: “Siamo arrivati negli Usa subito dopo le elezioni di Midterm, il cui esito ci indica cosa potrà succedere nei prossimi mesi anche in tema di economia mondiale, al di là degli schieramenti politici”.

“L’impegno più sfidante che il Consorzio del Prosciutto di Parma si trova ad affrontare a quasi sessant’anni dalla sua fondazione – ha dichiarato Stefano Fanti, direttore del Consorzio del Prosciutto di Parma – è quello di portare avanti un modello operativo capace di coniugare sostenibilità ambientale, sociale ed economica, rispettando le norme di autenticità del prodotto e il legame inscindibile con il territorio in cui nasce la nostra DOP. Condividiamo con i nostri produttori una missione ben precisa: gestire responsabilmente l’intero processo produttivo e promuovere prestazioni ambientali con il minor impatto possibile, senza perdere mai di vista il benessere animale, la ricerca sui packaging alternativi e la valorizzazione di comportamenti virtuosi in tutta la filiera. In questo modo intendiamo consolidare, su questi temi così attuali, un’impronta etica riconoscibile e garantire ulteriormente la tutela imprescindibile del consumatore, sia nel mercato domestico che in quello internazionale”.

Nella sede dell’ambasciata i due Consorzi hanno dialogato con gli altri ospiti, portando oltreoceano le best practice adottate da due delle principali filiere agroalimentari nazionali. Sostenibilità (ambientale ma anche economica), benessere animale e tracciabilità sono i caratteri distintivi del lavoro portato avanti in questi anni dalla Bufala Campana e dal Prosciutto di Parma, tutti aspetti su cui si punta per rafforzare l’informazione e la comunicazione ai consumatori in merito ai valori che esprimono questi prodotti e anche al loro legame con il territorio.

Al centro del dibattito, durante la settimana americana promossa dalla nostra Ambasciata, ci saranno inoltre i temi della Dieta Mediterranea come modello di sostenibilità alimentare, il rapporto virtuoso tra uomo e natura, le caratteristiche organolettiche dei prodotti italiani e il contrasto all’Italian sounding, per favorire la tutela dell’autentico Made in Italy.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto