Collegati con noi

In Evidenza

Gran Premio della Cina, vince Hamilton con la Mercedes davanti al suo “rivale” Bottas: Vettel porta la Ferrari sul podio ma Le Clerc…

Avatar

Pubblicato

del

Solita partenza regolare bellissima di Lewis Hamilton nel Gp della Cina, la prova n.1000 del Mondiale di Formula 1 e terza della stagione.  Hamilton, scattato dalla prima fila, anticipa il pole man Valtteri Bottas nella prima curva e chiude in testa il primo giro con la sua Mercedes, prendendo via via un vantaggio considerevole. Anche Charles Leclerc, partito quarto prende la posizione al compagno di squadra della Ferrari, Sebastian Vettel, che è inseguito dalle Red Bull di Max Verstappen e Pierre Gasly. Nelle posizioni di rincalzo, contatto per la McLaren di Lando Norris, costretto a rientrare ai box. Vettel alle spalle di Le Clerc sembra più veloce e lo passa.  Le Mercedes restano in testa nel Gp della Cina. Dopo 28 dei 56 giri previsti e gli stop ai box di tutti i principali protagonisti i protagonisti restano sempre Lewis Hamilton con un lieve vantaggio su Valtteri Bottas, che si era fermato una tornata prima di lui e ha compiuto una serie di giri veloci, mentre più staccati restano Sebastian Vettel con la Ferrari e Max Verstappen con la Red Bull. Charles Leclerc fa un grande lavoro e al giro 39, dopo un doppio pit stop delle Mercedes, Hamilton resta davanti a Bottas, Le Clerc al 43esimo giro viene superato da Vettel che si prende il terzo posto. Il campione tedesco della Ferrari va forte e prova a insidiare almeno la seconda posizione per evitare l’ennesima doppietta Mercedes.  Ma a fine gara, alla bandiera a scacchia, ecco la griglia di arrivo al traguardo:

  1. Lewis Hamilton
  2. Valterri Bottas
  3. Sebastian Vettel
  4. Max Verstappen
  5.  Charles Le Clerc

Advertisement

In Evidenza

Difesa e Viminale, ora i dispetucci sono sugli straordinari ai militari di Strade sicure

Avatar

Pubblicato

del

 

Il Viminale intende dire no ad un emendamento al Decreto sicurezza bis che stanzia 7 milioni di euro per gli straordinari dei militari di Strade sicure e il ministro della Difesa, Elisabetta Trenta, si infuria: “voglio una spiegazione di questa ingiustizia, i nostri militari meritano rispetto”, scrive su Facebook. “I nostri ragazzi di Strade Sicure – scrive il ministro della Difesa su Fb – vigilano ogni giorno per la nostra sicurezza. Sono uomini e donne che meritano rispetto. E lo ripeto: rispetto! Fanno turni stancanti, pesanti e solo una piccolissima parte di straordinari possono essergli riconosciuti. Sono 7 milioni di euro, la Difesa ce li ha e io ho deciso, attraverso un emendamento al Dl Sicurezza bis, di metterli sul piatto per riconoscere a questi ragazzi quello che, piu’ semplicemente, rappresenta un loro diritto. Se ti spacchi la schiena e lavori il doppio per la sicurezza del Paese, rischiando a volte la vita stessa, lo Stato non si puo’ girare dall’altra parte”.

“Ma proprio in questo momento dal Viminale, che ha competenza in materia, ci e’ stato comunicato – continua Trenta – che c’e’ l’orientamento ad esprimere parere negativo sull’emendamento, che tra l’altro ha gia’ avuto il parere positivo di altri dicasteri dopo essere stato rivisto dal Mef. Ed ora voglio capire il perche’. Lo esigo! Voglio capire se esistono figli e figliastri, visto che nemmeno due giorni fa ho sentito alzare la voce sulla presunta inammissibilita’ di altri emendamenti per i corpi di polizia civile, fortunatamente poi passati. Mi aspetto una risposta chiara. Io i miei ragazzi non li lascio soli. Io voglio una spiegazione a questa ingiustizia. Il Viminale spieghi”.

Continua a leggere

Cronache

Rubli russi col petroli per finanziare la Lega, l’unico indagato per corruzione internazionale per ora fa scena muta davanti ai pm

Avatar

Pubblicato

del

Gianluca Savoini, primo e principale indagato con l’accusa di corruzione internazionale nell’inchiesta sui presunti rubli alla Lega attraverso la commercializzazione di petrolio russo, nel corso del suo primo interrogatorio in Procura a Milano si è avvalso della facoltà di non rispondere. Nel corso l’interrogatorio davanti ai pm Sergio Spadaro e Gaetano Ruta, titolari della delicata inchiesta, avrebbe fatto scena muta. Lo si apprende da fonti investigative. Il presidente dell’associazione culturale Lombardia Russia al momento risulta essere l’unico indagato nell’inchiesta per corruzione internazionale maturata secondo l’accusa nell’incontro dello scorso 18 ottobre al Hotel Metropol di Mosca durante la trattativa sulla presunta compravendita di petrolio russo a prezzo scontato per far arrivare dei fondi alla Lega. Siamo ancora in una fase embrionale dell’inchiesta. Ma, stando sempre a fonti investigative degne di fede, i pm hanno chiesto alcuni accertamenti alla polizia giudiziaria che nelle prossime ore potrebbero portare ad un primo show down dell’inchiesta e ad una prima discovery degli atti.

Continua a leggere

Cronache

L’orso M49 è in fuga in Trentino? Il ministro dell’ambiente Costa: nessuno osi provocarne la morte con la scusa della cattura

Avatar

Pubblicato

del

Una diffida affinche’ non si dia nessun ordine di abbattimento dell’orSo M49 é stata inviata dalla Direzione generale del ministero dell’Ambiente agli uffici della Provincia di Trento. “Nessuna istruttoria fin qui elaborata dagli uffici, in collaborazione con Ispra, ha mai valutato il tema dell’uccisione dell’esemplare – sottolinea il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa. Il fatto che sia scappato dall’area attrezzata per ospitarlo, non puo’ giustificare un intervento che ne provochi la morte. Il presidente Fugatti moduli legittimamente il suo intervento”. “Le inefficienze mostrate nella cattura, che non mi vedono e mai mi hanno visto concorde, reclamano professionalita’ e attenzione massima – ha proseguito il ministro -. Cosa che invece fin qui non e’ stata mostrata. E adesso si parla di abbattimento? Assurdo e paradossale”.

 

Il ministro dell’Ambiente. La diffida di Costa a non fare del male all’orso M49

“Ho chiesto a Ispra – ha concluso Costa – di mandare subito una squadra che, congiuntamente ai tecnici della Provincia autonoma di Trento, faccia chiarezza sulla fuga di M49. E poi si intervenga con la cautela del caso, senza minare la vita dell’animale”.

 

Continua a leggere

In rilievo