Collegati con noi

Tecnologia

Google: nel 2018 bloccati 2,3 mld di annunci ingannevoli

Avatar

Pubblicato

del

Nel 2018 Google ha bloccato 2,3 miliardi di annunci pubblicitari ingannevoli o pericolosi, oltre 6 milioni al giorno. Quasi 207.000 erano annunci per la rivendita di biglietti, oltre 531.000 di prestiti per cauzioni e circa 58,8 milioni legati ad attivita’ di phishing. Lo rende noto la societa’ nel report periodico Trust and Safety Ads. “Continuiamo ad essere impegnati nella lotta alla disinformazione e ai siti di bassa qualita’”, spiega Scott Spencer, Director of Sustainable Ads di Google. Nel rapporto, Google spiega anche di aver sventato una grande operazione di frode pubblicitaria in collaborazione con Fbi e la societa’ di cybersecurity White Ops. Con il nome in codice ‘3ve’, l’operazione usava tattiche sofisticate per sfruttare data center, pc infettati, domini fraudolenti e siti falsi. In totale, ha prodotto piu’ di 10.000 domini contraffatti e generato oltre 3 miliardi di richieste di annuncio al giorno. Sono state denunciate otto persone per reati che includevano il furto di identita’ aggravato e il riciclaggio di denaro.

“Nel 2018 – aggiunge Scott Spencer – abbiamo affrontato nuove sfide legate a situazioni in cui la pubblicita’ online avrebbe potuto danneggiare gli utenti offline”. Per esempio, puntualizza, Google ha creato una nuova policy che vieta la pubblicita’ a chi propone prestiti per le cauzioni (bail bond) perche’ si e’ resa conto che in questo settore “c’era chi si stava approfittando di utenti piu’ vulnerabili”. Allo stesso modo, “quando abbiamo visto un aumento di annunci ingannevoli rivolti a utenti che cercavano servizi di riabilitazione per le dipendenze ci siamo consultati con esperti del settore e abbiamo limitato l’uso della pubblicita’ alle sole organizzazioni certificate”. In totale, nel 2018, Google ha introdotto 31 nuove policy pubblicitarie “per contrastare abusi in aree quali il supporto tecnico di terze parti, i rivenditori di biglietti online, le criptovalute e alcuni servizi locali, le cauzioni e le strutture di riabilitazione per le dipendenze”. Nel 2018, inoltre, Google ha rimosso gli annunci da circa 1,2 milioni di pagine, da oltre 22.000 app e da quasi 15.000 siti nella sua rete pubblicitaria “per violazione delle policy che riguardano contenuti inappropriati, di scarsa qualita’ o che promuovono messaggi d’odio”. Google, infine, ribadisce il suo impegno a segnalare siti che diffondono fake news ma anche ad indagare sulle identita’ dell’inserzionista di un annuncio politico. Negli Usa, per le elezioni di meta’ mandato, sono stati controllati quasi 143.000 annunci elettorali. In generale i controlli, sottolinea la societa’, sono fatti con un misto di revisioni manuali e un sistema di machine learning, cioe’ la tecnologia di apprendimento automatico. Grazie a quest’ultima Big G e’ stata in grado di “identificare e chiudere quasi un milione di account malevoli, quasi il doppio rispetto agli account bloccati nel 2017”.

Advertisement

In Evidenza

Cern, meno misterioso il duello tra materia e antimateria dopo il Big Bang

Avatar

Pubblicato

del

Diventa un po’ meno misterioso il duello fra materia e antimateria, che le ha portate ad annullarsi a vicenda dopo il Big Bang lasciando misteriosamente prevalere la prima sulla seconda e dando cosi’ origine all’universo che conosciamo. Questa stessa asimmetria che porta la materia ad avere la meglio e’ stata adesso osservata nelle particelle chiamate quark charm, in uno degli esperimenti condotti nel Cern di Ginevra con l’acceleratore piu’ grande del mondo, il Large Hadron Collider (Lhc). Chiamato Lhcb, l’esperimento e’ coordinato dall’Italia, con il gruppo di Bologna dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn), e ha richiesto quasi dieci anni di lavoro. Il risultato e’ stato presentato in Valle d’Aosta, nella conferenza Rencontres de Moriond e in un seminario al Cern dai ricercatori italiani Federico Betti e Angelo Carbone, della Sezione dell’Infn dell’Universita’ di Bologna.

“L’osservazione di questo fenomeno, previsto dalla teoria ma sfuggito fino ad oggi alla conferma sperimentale, rappresenta per la fisica delle particelle il raggiungimento di una nuova pietra miliare”, ha detto Vincenzo Vagnoni, responsabile del gruppo Lhcb della sezione dell’Infn di Bologna. “Aver contribuito alla realizzazione di questa misura e’ stata per me un’esperienza entusiasmante”, ha affermato Betti. “Abbiamo realizzato una misura di altissima precisione che ha richiesto un lunghissimo lavoro”, ha rilevato Angelo Carbone. La scoperta contribuisce a fare un po’ di luce in uno dei piu’ complessi rompicapo della fisica contemporanea, quello dell’asimmetria nel comportamento fra materia e antimateria chiamata violazione di carica e parita’ (Cp), descritto per la prima volta nel 1963 da Nicola Cabibbo e osservato nel 1964. In precedenza lo stesso fenomeno era stato visto in altri due tipi di quark (chiamati strange e beauty) dei sei noti. Se da un lato la nuova osservazione e’ un’ulteriore conferma della validita’ della teoria di riferimento della fisica contemporanea, chiamata Modello Standard, dall’altro spinge a nuove indagini. L’entita’ del fenomeno osservato finora dei tre tipi di quark e’ infatti troppo piccola per spiegare l’asimmetria che ha portato la materia a prevalere sull’antimateria e si ritiene che debbano esistere altri processi ancora sconosciuti. Il prossimo passo sara’ andare a cercare un fenomeno analogo nei quark di tipo up, ha detto il responsabile dell’esperimento Lhcb, Giovanni Passaleva dell’Infn di Firenze. La ricerca prosegue cosi’ a caccia di nuove prove che permettano di superare il Modello Standard e aprire nuove frontiere nella conoscenza dell’universo.

Continua a leggere

Tecnologia

Google cambia Shopping e Android in Ue, più libertà di scelta

Avatar

Pubblicato

del

Google ha deciso di modificare in Europa alcune funzionalità del servizio Shopping e di Android per meglio rispondere alle richieste dell’antitrust europeo. “Dal 20017, quando abbiamo adattato Google Shopping per rispondere alle direttive della Commissione Ue, abbiamo fatto numerose modifiche”, ha detto Kent Walker, vicepresidente di Google, annunciando una nuova modifica introdotta recentemente. “Abbiamo iniziato a testare un nuovo formato, che dà link diretti ai siti che confrontano i prezzi, assieme ad offerte specifiche dei venditori”. Un’altra innovazione riguarda Android: chi possiede un telefono con il sistema operativo sviluppato da Google può già scegliere se installare un browser diverso da Google, ma nei prossimi mesi all’utente verrà esplicitamente chiesto quale browser o app di ricerca vuole utilizzare.

Continua a leggere

Tecnologia

Dagli asteroidi gli ingredienti della vita sulla Terra

Avatar

Pubblicato

del

Hanno portato l’acqua negli oceani e i materiali ricchi di carbonio, indispensabili per ottenere i mattoni della vita: dopo tanti anni di ricerche e di sospetti, e’ arrivata la conferma ufficiale di come gli asteroidi siano stati importanti nella storia della Terra e del Sistema Solare. I dati che raccontano questa storia affascinante sono una quantita’ straordinaria e sono raccolti in ben dieci articoli, pubblicati sulla rivista Science e sulle riviste del gruppo Nature. Importante il contributo dell’Italia alle ricerche di entrambe le missioni, con l’Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf). La conferma di quanto gli asteroidi siano stati importanti per la Terra e’ arrivata da due missioni: Osiris Rex (Origins, Spectral Interpretation, Resource Identification, and Security – Regolith Explorer) della Nasa, che dal 31 dicembre scorso sta orbitando intorno all’asteroide Bennu per studiarne le caratteristiche e raccogliere un campione da portare a Terra nel 2023; Hayabusa-2, dell’agenzia spaziale giapponese Jaxa, diretta all’asteroide Ryugu.

Scoperte come queste indicano che gli asteroidi “contengono il ‘Dna’ del nostro passato perche’ ci permettono di conoscere i passi primordiali che hanno dato origine alla vita e alla formazione dei pianeti”, ha detto John Brucato, dell’Osservatorio di Arcetri dell’Inaf e che e’ fra gli autori di una delle ricerche pubblicate sull’asteroide Bennu. Sono dati preziosi, ha aggiunto, capaci di raccontare “la nostra storia e quella del sistema Solare perche’ tutto cio’ che e’ avvenuto prima che i pianeti di formassero e’ stato ormai cancellato dalla Terra con i suoi stravolgimenti geologici. Gli asteroidi, invece, preservano il materiale originario”. I dati relativi a Bennu confermano che gli asteroidi sono i primi responsabili dell’apporto di acqua sulla Terra e che l’asteroidepotrebbe essere molto piu’ antico del previsto, con un’eta’ compresa fra 100 milioni e un miliardo di anni. “le immagini e altri dati raccolti nei primi tre mesi trascorsi studiando Bennu hanno rilevato alcune sorprese”, si legge nel profilo Twitter della sonda Osiris Rex. Il riferimento e’ alla superficie costellata da grandi massi. Una cosa, questa, che suggerisce come nel corso della sua storia l’asteroideabbia inglobato frammenti di altri asteroidi di altre epoche, diventando cosi’ una sorta di testimone unico della storia del Sistema Solare. L’asteroide Ryugu potrebbe essere invece la ‘chiave’ per svelare il mistero dell’origine dell’acqua sulla Terra. Il suo primo identikit indica che e’ una trottola porosa e arida, formata 100 milioni di anni fa per aggregazione dei detriti generati dall’impatto di un asteroide ‘madre’ in cui era presente una modesta quantita’ di acqua: questo dato inatteso potrebbe modificare le teorie attuali sulla composizione degli asteroidi che avrebbero portato l’acqua sulla Terra.

Continua a leggere

In rilievo