Collegati con noi

Spettacoli

Gomorra in classifica NY Times tra serie top internazionali 2021

Pubblicato

del

Gomorra di nuovo nella prestigiosa classifica di fine anno del New York Times sui migliori show. La serie prodotta da Cattleya gia’ nel 2016 era stata inserita al 3 posto nella stessa classifica dell’autorevole quotidiano americano e nel 2019 al 5 posto tra le migliori produzioni internazionali (non US) degli ultimi 10 anni, sempre per il New York Times. Tutto questo mentre in Italia sta andando in onda con grande successo la stagione conclusiva, con gli attesissimi episodi finali in programma il prossimo 17 dicembre. Ultimo atto che gli americani vedranno prossimamente su HBO Max, mentre hanno da poco potuto godersi le stagioni 3 e 4. In questa recente classifica del NYT Gomorra e’ una delle pochissime produzioni non in lingua inglese ad essere stata selezionata dal quotidiano USA. Una nuova attestazione per Gomorra che, dal debutto nel 2014, ha collezionato riconoscimenti di pubblico e critica e ha conquistato piu’ di 190 territori nel mondo, ottenendo numerosissimi premi e contribuendo in maniera decisiva a ridefinire gli standard della serialita’ italiana. Un racconto ancora oggi in grado di competere ad altissimo livello con numerose e acclamate serie internazionali lanciate sul mercato, grazie alla qualita’ produttiva, di scrittura e di un cast di talenti straordinari. Ora la serie di Sky, nata da un’idea di Roberto Saviano e tratta dal suo omonimo romanzo edito da Mondadori, si avvia all’atto conclusivo, con i nuovi dieci nuovi episodi girati fra Napoli, Riga e Roma, scritti dagli head writer Leonardo Fasoli e Maddalena Ravagli, che firmano anche il soggetto di serie con Roberto Saviano e con gli sceneggiatori Valerio Cilio e Gianluca Leoncini. I primi 5 episodi e il 9 sono diretti da Marco D’Amore, gli episodi 6, 7, 8 e 10 da Claudio Cupellini, al timone fin dagli esordi della serie. Entrambi sono anche supervisori artistici. Nel cast Salvatore Esposito con una epica interpretazione di Genny Savastano, costretto alla latitanza, in un bunker, alla fine della quarta stagione. Accanto Marco D’Amore per il grande ritorno in scena di Ciro Di Marzio, creduto morto alla fine della terza stagione e – come svelato dal film L’immortale – clamorosamente tornato in scena, redivivo, in Lettonia. Con loro Ivana Lotito nei panni di Azzurra, che abbandonata da Genny fara’ di tutto per tenere il piccolo Pietro al sicuro, lontano da suo padre e da tutto cio’ che rappresenta, e Arturo Muselli che torna a interpretare Enzo Sangue Blu, l’ex re di Forcella divorato dai sensi di colpa per aver visto troppi compagni morire per colpa sua. Nel cast anche Domenico “Mimmo” Borrelli (5 e’ il numero perfetto, L’equilibrio) e’ Don Angelo detto ‘O Maestrale, Tania Garribba (Il Primo Re, Tutto il mio folle amore) interpreta Donna Luciana, la moglie di ‘O Maestrale, nei panni di ‘O Munaciello, uno dei capipiazza di Secondigliano, Carmine Paternoster (Gomorra, L’intervallo), e ancora Antonio Ferrante (Preferisco il rumore del mare, Tutti i soldi del mondo) e Nunzia Schiano (Dogman, Reality, Benvenuti al Sud), a interpretare rispettivamente Vincenzo Garignano detto ‘O Galantommo, anziano boss di un piccolo paese alle pendici del Vesuvio, e Nunzia, donna fiera e infaticabile, da quasi cinquant’anni sua devota moglie.

Advertisement

Spettacoli

Achille Lauro: ma mia forza? Sono divisivo…

Pubblicato

del

Da aprile a settembre si e’ ripreso la sua vita (“ho viaggiato, preso aerei, mi sono divertito”), per altri quattro mesi si e’ ritirato su un’isola deserta con il suo team per dare nuovo vigore alla sua creativita’ e pensare alla sua musica, ora Achille Lauro e’ pronto a tornare, e lo fa tra i 25 Big in gara a Sanremo, con il brano Domenica e l’Harlem Gospel Choir (e per la serata cover ha scelto Sei bellissima con Loredana Berte’). La quarta partecipazione consecutiva (tre in gara – la prima folgorante con Rolls Royce, seguita da Me ne frego “che e’ stato un evento dirompente”, una da superospite fisso l’anno scorso), una sorta di record festivaliero per l’istrionico artista che sul palco dell’Ariston ha suscitato sempre interesse, e attirato anche qualche critica. “Ma non e’ la competizione ad attrarci – Lauro, il suo nome all’anagrafe, parla rigorosamente in prima persona plurale e dribbla qualunque domanda politica -, in questo caso avrei portato un brano tipo ’16 marzo’. Invece utilizziamo Sanremo come una vetrina, uno dei cento progetti che abbiamo. La consideriamo una trasmissione nella quale ho i miei 4 minuti per cinque sere per far arrivare la mia creativita’. Andiamo la’ a portare qualcosa che nessuno ha mai fatto. Per me la musica si guarda, si percepisce, e’ un mondo che spazia ovunque”, aggiunge non mostrando la minima incertezza sulla potenza evocativa del suo lavoro. Del resto i suoi “quadri”, i suoi trucchi, i suoi costumi hanno stupito e sono diventati un segno distintivo della sua opera. “Ma e’ riduttivo parlare di travestimenti. Per me e’ una messa in scena della canzone stessa e una mia proiezione. Cerco sempre di andare oltre, che non vuol dire trasgredire, ma fare sempre qualcosa di diverso e di piu’, per non ripetersi e ristagnare nella propria zona comfort. In questo senso – scherza – sono anni che cerco di distruggere la mia carriera, ma ancora non ci sono riuscito. Sono divisivo e credo che questa sia la nostra forza”. E poi approfondisce il nesso tra arte e distruzione: “Non e’ arte se non suscita qualcosa, se non smuove qualcosa, se non divide. E non parlo di cio’ che faccio io, sarebbe presuntuoso, ma qualunque gesto che ha un fine di smuovere qualcosa e’ un gesto nobile. E gli artisti hanno piu’ opportunita’ di farlo”. “Se la mia arte fosse un quadro? L’Urlo di Munch: susciterebbe emozioni diverse in ogni persona”. Nel tentativo di andare sempre oltre, Achille Lauro pubblica l’11 febbraio “Lauro – Achille Idol Superstar”, una nuova edizione dell’ultimo album, con sette brani nuovi (compreso il brano sanremese), naturale prosecuzione evolutiva del percorso fatto con 1969 e che si presenta come crossover tra diversi generi, “ma l’anima rimane la stessa: sono coerente con quello che sono. E’ anche un album totalmente fuori moda, contro tendenza ma cercare di fare moda. Sto seguendo la mia strada unica. Quando ho lasciato l’urban e cambiato, l’ho fatto perche’ non era piu’ il mio. Cerco di portare in scena qualcosa che non esiste”. Non rifiuta gli accostamenti con David Bowie o Billy Idol: “Tutti gli artisti che sono passati nella nostra vita hanno avuto un’influenza sia a livello estetico che discografico: sei un milk-shake di tutto quello che hai ascoltato”. L’album e’ solo il primo di una serie di appuntamenti di Lauro per il 2022: il tour con l'”Electric Orchestra” al via il 27 maggio a Roma con tre date prima di attraversare tutta l’Italia (“sara’ molto rock and roll, ma anche un crossover con il musical. Qualcosa che non si e’ mai visto prima e che magari potra’ prendere vita autonoma e andare in giro per il mondo”) e la collaborazione con Amazon Prime Video che lo portera’ a scrivere colonne sonore ma anche a recitare in piccoli camei. E sara’ anche il primo artista in Europa a tenere un evento-concerto nel mondo del metaverso e del gaming.

Continua a leggere

Cronache

Gigi D’Alessio é papà, la compagna Denise Esposito ha dato alla luce un bimbo bellissimo

Pubblicato

del

Denise Esposito ha dato a Gigi D’Alessio un altro figlio. Il piccolo erede di Gigi D’Alessio é nato alla clinica Ruetsch a Napoli. Alla pop star napoletana e alla sua compagna gli auguri di felicità e salute dalla redazione di Juorno.it.
Gigi D’Alessio é  padre per la quinta volta. L’ultimo nato si chiama Francesco. La sua nuova compagna é Denise Esposito, di 28 anni. 54 candeline spente nell’ultimo compleanno, quattro figli, un matrimonio finito male e una relazione importante – quella con Anna Tatangelo, sono le cose peraltro risapute e pubbliche del cantante napoletano.

Niente altro scriviamo su questa lieta notizia per rispetto della privacy della coppia.

Continua a leggere

Spettacoli

Sanremo, Amadeus: Fiorello? Ho prenotato stanza vicino alla mia

Pubblicato

del

A una settimana dall’inizio del festival di Sanremo, il 1 febbraio, c’e’ ancora il punto interrogativo sulla presenza di Fiorello: “Ci conosciamo da 35 anni, siamo come fratelli. Ormai non mi sopporta piu’: lo marco stretto come Gentile con Maradona ai Mondiali, mordo alle caviglie… Ho prenotato la camera di fronte alla mia: in questo momento e’ vuota, speriamo che qualcuno venga a posare le valigie e ad aprire la porta”, dice Amadeus durante il collegamento con Non Stop News su Rtl 102.5. “Il festival della ripartenza? Chiamiamolo il festival della gioia: speriamo di trascorrere cinque serate di divertimento e musica, che e’ terapeutica. In un momento drammatico – sottolinea il direttore artistico – il festival dell’anno scorso fu importante sul piano musicale”.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto