Collegati con noi

Cronache

Golfo di Napoli spazzato dal vento e dalla pioggia, aliscafi fermi ed isole non collegate

amministratore

Pubblicato

del

Mare forza 5 tendente al peggioramento. Vento fortissimo. Con difficoltà serie ad ormeggiare anche nei porti nel riparati come quelli di Napoli ed Ischia. Tutte sospese le corse di aliscafi dirette da Napoli a Ischia e Procida (e viceversa) per effetto del maltempo. Caremar, Snav e Alilauro hanno fermato in mattinata i mezzi veloci.

Solo l’Alilauro ha effettuato un’ultima partenza diretta da Napoli a Ischia alle 10,50, sopprimendo la destinazione finale prevista nel porto di Forio per evitare il braccio di mare più esposto ai venti. A seguire anche l’Alilauro ha fermato tutte le corse per tutto il giorno. Regolari, al momento, i collegamenti marittimi con traghetti da e per le isole del Golfo, dunque non solo Ischia ma anche Capri e Procida.

Advertisement

Cronache

Il sindaco di Venezia ha bloccato Stefano Accorsi che voleva girare in piazza San Marco allagata

amministratore

Pubblicato

del

Il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro, durante l’acqua alta di oggi, ha bloccato l’attore e regista Stefano Accorsi che voleva girare alcune scene di un suo film in lavorazione in citta’ proprio in Piazza San Marco. A renderlo noto sui social e’ l’assessore al Sociale di Venezia Simone Venturini che dice “bene ha fatto il sindaco Luigi Brugnaro a far allontanare Accorsi”. Il provvedimento sarebbe scattato – tra l’altro – quando, per disposizione del sindaco, Piazza San Marco era preclusa al pubblico. Nei giorni scorsi la presenza di Accorsi a Venezia aveva raccolto critiche perche’ si era filmato e postato sui social mentre conduceva una imbarcazione leggera a motore apparentemente oltre i limiti di velocita’ imposti per limitare il moto ondoso.

Continua a leggere

Cronache

Avvelena il figlio di 15 mesi e tenta il suicidio, salvati entrambi dai carabinieri

Avatar

Pubblicato

del

Era depressa. Assai depressa. E questa grave forma di depressione ha portato una madre di 42 anni,   in un comune alle porte di Torino, a commettere una follia. Ha cercato di avvelenare il figlio piccolo di 14 mesi con una sostanza diluita nel biberon e poi di togliersi la vita. Per questi motivi i carabinieri l’hanno sottoposta a fermo di indiziato di delitto con l’accusa di tentato omicidio. È ricoverata all’ospedale Maria Vittoria di Torino. Il bimbo, invece, è stato trasportato dal 118 all’ospedale infantile Regina Margherita. Sveglio e cosciente, non è in pericolo di vita. Sotto osservazione nel reparto di pediatria, nelle prossime ore verrà sottoposto ad alcuni esami. Da una prima ricostruzione degli investigatori dell’Arma, la madre ha cercato di avvelenare il bambino diluendo nel biberon candeggina e psicofarmaci. Poi, dopo essersi stordita con un intruglio di medicine, ha tentato di tagliarsi le vene con un coltello a serramanico. A dare l’allarme è stato il marito, che, rincasando dopo il lavoro, intorno alle 15, ha trovato la donna e il figlio privi di sensi. Sul tavolo un biglietto di scuse e di addio, scritto a penna.

A quanto si apprende, la 42enne, casalinga, soffriva di depressione e da due anni era in cura al Centro di salute mentale. Dopo la nascita del bambino, nel settembre 2018, le sue condizioni si erano aggravate. Si sentiva incapace di prendersi cura del figlio, inadeguata a ricoprire il ruolo di madre. Ora è in ospedale, sotto choc, piantonata dai militari. I carabinieri del Comando provinciale di Torino, coordinati dal pubblico ministero Anna Maria Loreto, hanno sequestrato l’alloggio in cui si è consumata la tragedia, un appartamento al secondo piano di un palazzone del quartiere Altessano, zona popolare della città, il biberon, il coltello e due cellulari. Una storia brutta che per fortuna non è finita in tragedia. Ma questa donna ha bisogno di aiuto, non solo di psicofarmaci. Questa donna va aiutata da psicologi. In questo articolo abbiamo cercato in tutti i modi di tutelare sia la mamma che il figlio, cioè la donna che avrebbe tentato di uccidere il suo bambino. Perchè la speranza è che in un futuro non molto lontano questa che abbiamo raccontato possa essere solo un ricordo. E che questo ricordo non sia associabile a nomi, cognomi, luoghi e volti.

Continua a leggere

Cronache

Ilaria Cucchi querela Salvini: mio fratello Stefano non è morto per droga, c’è una sentenza

Avatar

Pubblicato

del

– Finiti i dibattimenti in tribunale, la battaglia di Ilaria Cucchi “contro i pregiudizi” prosegue ora a suon di querele. E dopo l’ultima sentenza al processo Cucchi, in cui i giudici hanno condannato due carabinieri per omicidio preterintenzionale, riemergono annose polemiche. La sorella di Stefano annuncia l’intenzione di querelare Matteo Salvini dopo le dichiarazioni rese dall’ex ministro poco dopo il verdetto della Corte D’Assise. Il leader leghista aveva detto di rispettare la famiglia, aggiungendo pero’ che il caso “dimostra che la droga fa male”. All’indomani della sentenza e’ arrivata secca la replica di Ilaria: “Che c’entra la droga? Salvini perde sempre l’occasione per stare zitto – dice in diretta su Radio Capital – Contro questo pregiudizio e contro questi personaggi ci siamo dovuti battere per anni. Tanti di questi personaggi sono stati chiamati a rispondere in un’aula di giustizia, e non escludo che il prossimo possa essere proprio Salvini”. A schierarsi con Ilaria e’ stata la sindaca di Roma, Virginia Raggi, che definisce “vergognose” le parole del numero uno del Carroccio. Ma anche il leader del Movimento Cinque Stelle e ministro degli Esteri, Luigi Di Maio e’ stato molto critico. “Salvini, non puoi dire che la sentenza su Cucchi dimostra che la droga fa male. Cosa significa? Che se uno sbaglia nella vita deve essere pestato a morte? Credo che sarebbe meglio porgere le scuse…”, scrive Di Maio su Facebook, che poi aggiunge: “Nessuno provi a criminalizzare i carabinieri: questa sentenza dimostra che lo Stato e’ in grado di processare se stesso ed espellere chi sbaglia”. Esprime vicinanza alla famiglia Cucchi, e al contempo riconoscenza all’Arma, il ministro della difesa Lorenzo Guerini. A proposito della sentenza pronunciata ieri dalla Corte d’Assise di Roma, Guerini ha aggiunto: “intendo confermare la mia riconoscenza all’Arma, ai suoi 108 mila uomini che ogni giorno sono esempio di servizio alle istituzioni e a tutti i cittadini italiani. Come ha detto il Comandante Generale il loro impegno e la loro dedizione non puo’ essere messa in discussione dall’agire disonorevole e deplorevole di alcuni”. Aldila’ di polemiche e vicende giudiziarie, si sono susseguiti i commenti sui social per il gesto, gia’ diventato per molti un simbolo, del baciamano fatto da un carabiniere a Ilaria Cucchi in aula subito dopo le lettura della sentenza da parte dei giudici. “Una giornata difficilissima. Questa per me e’ stata una carezza. Mi ha scaldato il cuore. Questo per me e’ un carabiniere vero”, ha commentato la sorella di Stefano postando la foto del gesto. “E’ stato un atto spontaneo – ha replicato il militare dell’Arma, maresciallo maggiore regolarmente in servizio nella cittadella giudiziaria romana – . Non si e’ trattato affatto di esibizionismo. Ma devo dire che non mi aspettavo tutto questo clamore”.

Continua a leggere

In rilievo