Collegati con noi

Musica

Gloria Gaynor, i 70 anni della regina della disco music

Avatar

Pubblicato

del

La regina della disco music, degli anni Settanta-Ottanta e delle luci stroboscopiche, ha abbandonato ormai da tempo i capelli cotonati e i lustrini, ma non la sua musica. Gloria Gaynor, nata il 7 settembre 1949 (o due anni prima, secondo alcune fonti) a due passi da New York, nel New Jersey, e’ pronta a soffiare sulla torta delle sue 70 candeline. Il titolo indiscusso di “regina della disco music” se lo e’ conquistato a suon di hit. Di una in particolare, che ha segnato la sua carriera e le playlist di ogni festa degna di questo nome: I Will Survive, del 1978. Sopravvivro’, cantava a squarciagola. E in qualche modo e’ riuscita a mantenere la promessa. Il mondo e’ cambiato, la disco music e’ passata di moda, la sua stella scintillante ha perso brillantezza, ma lei e’ ancora li’ con le sue canzoni. Solo qualche giorno fa ha fatto tappa in Italia, esibendosi in un centro commerciale in provincia di Gorizia (anche i palchi sono cambiati), portando live il suo ultimo album gospel “Testimony”. La sua carriera come cantante inizia a meta’ degli anni Sessanta, ma e’ nel decennio successivo che riesce a sprigionare il ritmo e le atmosfere che diventano il suo marchio di fabbrica. Il primo successo arriva nel 1974 con la cover di Never Can Say Goodbye, un preludio all’esplosione solo un paio di anni dopo del fenomeno della disco music che scala le classifiche. L’anno dopo e’ la volta della cover di Reach Out I’ll Be There, dei The Four Tops.

Un altro successo. Ma il brano che la proiettera’ nell’olimpo delle star arrivera’ nel 1979: I Will Survive, incluso nell’album Love Tracks del 1978. E’ il grido di dolore e di speranza di una donna che sa di poter sopravvivere alla fine di un amore. Nelle sue mille vite, il brano diventera’ simbolo dell’emancipazione femminile e poi inno ufficioso della comunita’ gay. Ancora oggi, a distanza di 40 anni, la canzone sopravvive a se stessa. La carriera della Gaynor ruota tutta intorno a questo pugno di canzoni, riproposti all’infinito e in mille versioni diverse in film, serie, sigle. Il declino della disco music, e la sua incapacita’ di rinnovarsi e di evolversi, segnera’ inevitabilmente anche la carriera della cantante afroamericana. L’ultimo exploit nel 1983 con I Am What I Am. A meta’ degli anni Novanta decide di dedicarsi alla recitazione e compare nelle fiction The Wayans Bros., That ’70s Show, e Ally McBeal prima di esordire in uno spettacolo di Broadway dal titolo Smokey Joe’s Cafe. Si riavvicina poi agli studi di registrazione e nel 2002 pubblica un disco dopo oltre vent’anni: I Wish You Love. Entrambi i singoli estratti dall’album, Just Keep Thinking About You e I Never Knew, scalano le classifiche dance fino al primo posto. Il 19 settembre 2005 Gloria Gaynor e’ stata inserita nella Dance Music Hall of Fame, sia come cantante che per il singolo I Will Survive.

Advertisement

Musica

Edoardo Bennato ha scelto: Maria Elena Boschi è la fatina giusta per il mio musical Pinocchio

Edoardo Bennato

Pubblicato

del

Continua a leggere

Musica

Gigi D’Alessio torna con “Noi Due”, un album con molti duetti: spazzati via anni di razzismo culturale e ghettizzazioni

amministratore

Pubblicato

del

Gigi D’Alessio è felice. Esce “Noi due”, il suo nuovo album. La data prevista è venerdì 18 ottobre. Un disco nuovo dopo 27 anni di carriera e 26 milioni di dischi già venduti”. Questo lavoro discografico è però una novità assoluta. Molti artisti italiani entrano nel suo mondo. Nel disco, infatti, ci sono i duetti con Fiorella Mannoia, Giusy Ferreri e gli esponenti del rap Guè Pequeno, Emis Killa e Luchè. Il tutto, “rimodernando le mie sonorità”. Il tutto, senza snaturarsi ma cimentandosi in autentiche sfide. La prima, quella con Fiorella Mannoia: “Lessi un’intervista nella quale diceva che aveva sempre cantato brani di grandi cantautori, ma se pure le avessero portato una bella canzone D’Alessio l’avrebbe eseguita. L’ho presa come sfida. Ho scritto ‘L’ammore’ in macchina fra Roma e Milano. Sono andato da Fiorella, gliel’ho fatta sentire e si è commossa. A quel punto ho voluto anche cantarla con lei”. Con il mondo del rap, invece, la sfida è stata di un altro tipo: “Volevo far entrare i rapper nel mio mondo. L’esperimento è stato aprirmi per farli entrare. Io sono sempre stato molto aperto alle collaborazioni, ma era più facile all’estero perchè in Italia dovevo combattere un pregiudizio nell’ambiente. Con questo disco, finalmente, riesco ad aprirmi al mondo. E’ sempre stato più semplice all’estero, per questo per me questo album è una dimostrazione di affetto dei miei colleghi italiani. E’ la prima volta che posso permettermi di dire: hai visto quante persone hanno cantato con me?”.

La domanda che tutti gli fanno è scontata, quasi banale: perchè nell’album non c’è Anna Tatangelo, sua compagna nella vita? “Altrimenti ce la cantiamo e ce la suoniamo sempre noi. Rischi di diventare come Al Bano e Romina. Noi non siamo nati come coppia nella musica. Se ti vedono sempre insieme rischi di diventare un duo e non vogliamo”. Anche per evitare un altro pregiudizio, visto che tanti già D’Alessio ne ha subiti in passato: “Se nasci da Roma in su sei un cantautore, se nasci a Napoli sei neomelodico. È razzismo culturale, è ghettizzare quel mondo. Venti anni fa a Sanremo fu quasi uno scandalo una mia frase in napoletano in ‘Non dirgli mai’. Me la volevano far togliere, ma poi in diretta la cantai lo stesso. E ora, dopo 20 anni, mi chiedono perchè non canto di più in napoletano. Sono contento che la lingua sia stata sdoganata anche nella musica pop”. Tanto che i concerti di Gigi D’Alessio con Nino D’Angelo ‘Figli di un re minore’ sono stati un tale successo da portare a tre repliche: Napoli il 26 dicembre, Milano il 20 gennaio e Roma il 24 gennaio. In attesa, dal 29 novembre il cantautore sarà su Rai1 per tre settimane con il programma, insieme a Vanessa Incontrada, ‘Vent’anni che siamo italiani’.

Continua a leggere

Musica

Niccolò Fabi: ho girato in tondo, ora torno alla musica

Avatar

Pubblicato

del

“Ho provato a fare un altro tipo di canzoni, semplicemente belle ma senza tanti pensieri. Poi ho capito che non era quello che volevo fare”. Comincia a raccontarlo in questo modo, Niccolo’ Fabi, il nuovo album ‘Tradizione e tradimento’, in uscita domani e che riporta in scena il cantautore romano a tre anni e mezzo dal disco precedente. “Pensavo che un album come ‘Una somma di piccole cose’ – ha detto Fabi a proposito dell’ultimo lavoro da studio dato alle stampe – avesse chiuso un cerchio. Ho preso le distanze dalla musica per un anno, lasciando la chitarra chiusa nel suo fodero e dedicandomi a tutto quello che per me puo’ essere extra musicale”.

L’esigenza di scrivere, a quanto pare, e’ pero’ stata piu’ insistente e la penna di Fabi ha ricominciato a scrivere, anche se le intenzioni iniziali sul nuovo album erano ben diverse da quelle poi adottate. “L’idea era di staccarmi da quanto fatto in precedenza – ha spiegato la voce delle nuove ‘Scotta’, ‘Amori con le ali’ e ‘Prima della tempesta’ – dedicandomi anche a sonorita’ elettroniche. Ci ho provato davvero, ma il risultato non e’ stato quello che mi ero aspettato. Ho deciso quindi di ricominciare da capo e alla fine sono uscite le canzoni di questo album”. Le tracce in scaletta sono un totale di nove e Fabi le ha prodotte artisticamente assieme a Roberto Angelini e Pier Cortese, storici amici del cantautore, nonche’ compagni di viaggio musicale e spesso di palcoscenico.

“Spesso le cose che davvero vogliamo le abbiamo gia’ in tasca – ha commentato Fabi – ma per accorgercene ce ne dobbiamo allontanare. Io l’ho fatto e alla fine ho girato in tondo fino a tornare dal punto da cui sono partito. Non ho doti musicali particolari e se mi mettessi a fare qualcosa che non mi appartiene sarei uno dei tanti. Nel mio modo di fare canzoni, magari, ho invece qualcosa di speciale da dire e raccontare”. Con quello che il cantautore definisce “un disco piu’ estroverso del solito, ma a modo mio”, Fabi tornera’ anche ad esibirsi dal vivo per un tour teatrale, in programma dal prossimo mese di novembre e con data zero a La citta’ del teatro di Cascina (Pisa). Poi sara’ la volta dei teatri di alcune delle principali citta’ italiane, tra le quali Ravenna, Milano e Vicenza i cui biglietti sono gia’ andati esauriti. “Continuano a piacermi le canzoni sussurrate – ha detto Fabi – perche’ spesso i messaggi piu’ forti non sono quelli che vengono urlati, ma quelli che necessitano di essere ascoltati da vicino, detti all’orecchio”.

Continua a leggere

In rilievo