Collegati con noi

Sport

Giro d’Italia, Conti difende primato e resta maglia rosa nel giorno di Bilbao fuga per la vittoria

Avatar

Pubblicato

del

I ragazzi italiani, che pedalano e vincono, che sorridono alla fatica, oggi hanno sfiorato un altro colpaccio, sulla strada che s’inerpica verso L’Aquila, 10 anni e un mese dopo il terremoto che la sconvolse, seminando morte e disperazione. Quello che poteva essere non e’ stato e cosi’ la 7/a tappa e’ finita nelle mani (e nelle gambe) di Pello Bilbao, uno spagnolo che ha gia’ firmato una tappa al Delfinato e una al Tour of the Alps dell’anno scorso. Doveva essere la frazione di Ciccone, lo e’ diventata del corridore basco che a lungo ha duellato con Davide Formolo, Tony Gallopin e Mattia Cattaneo, prima di esultare sul podio situato a una manciata di metri dal duomo.

Valerio Conti ha rischiato, nel corso di 185 chilometri intensissimi, di perdere la propria maglia rosa, ma alla fine e’ riuscito a conservarla con l’aiuto della UAE Emirates al gran completo. La squadra dell’assente Fabio Aru ha perso Fernando Gaviria – che si e’ ritirato per problemi a un ginocchio – ma e’ rimasta compatta nella difesa del primato, portando a termine la missione. Il primo terzo del Giro e’ volato fra la pioggia e il freddo, che hanno imperversato e reso arduo il compito degli atleti. Oggi la corsa e’ stata illuminata dal sole, come non accadeva dei primissimi chilometri e la carovana ha tirato un sospiro di sollievo. Gruppo asciutto, ma con i primi sintomi di stanchezza. Piu’ pimpanti e vogliosi ragazzi italiani, pronti a dare battaglia e ad accendere la corsa, tra fughe, allunghi e slanci velleitari.

Il primo tentativo odierno ha visto protagonisti Rojas, Gallopin, Bilbao, Izagirre, Agnoli, Benedetti, Schwarzmann, Honore’, Modolo, Carthy, Madouas, Plaza, Sbaragli, De Buyst, Van der Sande, Juul Jensen, Narvaez, Hindley e Gogl: la fuga prometteva sconquassi e, per poco, non ha provocato un clamoroso ribaltone. Conti ha visto sfumare per una questione di secondi la maglia rosa, che e’ finita virtualmente addosso allo spagnolo Jose’ Joaquin Rojas, poi se l’e’ ripresa a tutti gli effetti e l’ha portata fino al traguardo. Il romano ha dato prova di grinta e determinazione in una tappa mai banale, nemmeno per un metro. I big sono rimasti a guardare, facendosi trainare dalle proprie squadre fino al traguardo, ma domani dovranno tenere gli occhi bene aperti, perche’ ci saranno da valicare una decina di ‘muri’ da Tortoreto Lido a Pesaro. Una tappa da imboscate li attende e non e’ detto che non ci scappi la sorpresa clamorosa. Il tutto alla vigilia di una crono che, senza Tom Dumoulin, sembra essere diventata – sulla carta – un affare a due tra Roglic e Simon Yates, con Vincenzo Nibali che sara’ costretto a difendersi nell’attesa delle grandi sfide in alta quota. Lo ‘Squalo’ affila i denti, ben consapevole di avere a disposizione una ghiotta occasione. E chissa’ che i ragazzi italiani non gli diano una mano.

Advertisement
Continua a leggere

Sport

Il record di Mancini, in 17 mesi fa rinascere l’Italietta che non andò ai mondiali

Avatar

Pubblicato

del

Chiamiamolo effetto Mancini. In 17 mesi di azzurro Roberto Mancini ha guidato gli azzurri dal flop alla rinascita. L’Italia si è qualificata all’Europeo con tre turni di anticipo. E questo non era mai riuscito a nessun ct. La vittoria sulla Grecia  all’Olimpico vale il pass ufficiale a Euro 2020. È l’ottavo successo di fila. Meglio di Trapattoni e Valcareggi (arrivati a 7) e solo uno di meno di un mito azzurro, Vittorio Pozzo. Che però Mancini può eguagliare e superare. Certo, i risultati di queste 16 partite (10 vittorie, 4 pareggi, 2 sconfitte) non garantisce i favori del pronostico per il torneo del prossimo giugno. Ma dall’azzurro sbiadito del novembre 2017, quando la nazionale mancò per la seconda volta nella sua storia la qualificazione al Mondiale, alla notte di festa dell’Olimpico sembra passata un’era. E invece e’ trascorso poco meno di un anno e mezzo, impiegato a ricostruire la nazionale sui giovani. Dei 47 giocatori impiegati, 18 sono stati gli esordienti. Barella e Sensi sono diventati con Mancini punti fissi della rinascita, Zaniolo il simbolo della fiducia in giovani non ancora esplosi, Biraghi o Piccini l’esempio di come anche nelle pieghe del grande calcio si possano trovare soluzioni utili.

Continua a leggere

In Evidenza

Gli azzurri da Papa Francesco dopo la vittoria sulla Grecia e la qualificazione agli Europei

Marina Delfi

Pubblicato

del

“Anche con una palla di stracci si fanno dei miracoli” ha detto il Papa ai calciatori della Nazionale italiana ricevendoli in udienza dopo la vittoria sulla Grecia per 2 a 0, una vittoria dedicata ai bambini  dell’ospedale Bambin Gesù dove gli azzurri si erano recati prima della partita. Al papa la delegazione ha portato una maglia con i nuovi colori con il numero 10 sulle spagli e scritto ‘Bergoglio.

La delegazione dell’Italia era guidata dal presidente Federale Gravina, dal vicepresidente vicario Cosimo Sibilia, con il CT Roberto Mancini, tutto lo staff azzurro e i calciatori. “Essere ricevuti dal Papa è sempre un’emozione di quelle che non si cancellano. Qualche mese fa avevamo celebrato i 60 anni della lega Dilettanti e adesso con la Nazionale abbiamo avuto nuovamente l’onore di essere ricevuti in Vaticano da Papa Francesco. Grazie”

Nell’udienza Gravina ha sottolineato l’impegno del calcio italiano nel sociale, la volontà di dare una sorriso a chi è meno fortunato ed ha ricordato come poco prima di Italia Grecia gli azzurri abbiano fatto visita nell’ospedale Bambin Gesù, per andare a trovare i bambini ammalati di tumori. Ha anche annunciato Gravina la donazione di un’apparecchiatura per la quantificazione delle cellule tumorali nel sangue. Il presidente della Federcalcio ha ringraziato il Pontefice per l’attenzione riservata ed ha ricordato come “il bello di giocare al calcio è quello diptero fare con gli altri”.

 

 

Continua a leggere

In Evidenza

Calcio, Nazionale che rottura! Lussazioni, stiramenti e fratture: ecco il report degli infortuni

Marina Delfi

Pubblicato

del

La partita più sfigata in assoluto per le squadre italiane è stata Cile-Colombia, un’amichevole… Alexis Sanchez e Gary Medel da una parte, Duván Esteban Zapata Banguero dall’altra parte. Lo staff medico della squadra nazionale cilena informa che il giocatore Alexis Sánchez ha rimediato nel secondo tempo della partita con la Colombia la lussazione del tendine peroneo della caviglia sinistra dopo un fallo commesso su di lui da Cuadrado, per cui, d’accordo con lo staff medico del suo club, è stato lasciato libero dal ritiro della nazionale cilena per fare rientro a Milano, dove si sottoporrà a degli esami per capire quale terapia dovrà seguire. Non si sa quanto tempo dovrà star fuori ma la notizia certo non è delle migliori per Antonio Conte per la sua Inter.

Anche Gary Medel nel corso del test tra Cile e Colombia è stato costretto a lasciare il campo dolorante per un infortunio muscolare alla coscia nella gamba destra e, non potendo partecipare a Cile – Guinea, ha lasciato il ritiro con la Nazionale ed è tornato in Italia. Il Bologna dovrà fare a meno di lui sicuramente per la prossima partita.
Tempi di recupero da definire anche per Zapata, il forte attaccante colombiano in forza all’Atalanta ha avuto un problema muscolare, sembra uno stiramento all’adduttore ma soltanto gli esami ai quali verrà sottoposto potranno far capire l’entità dell’infortunio.

Anche Italia – Grecia conta le sue ‘vittime’: Federico Chiesa è stato costretto a lasciare il campo nel corso del primo tempo a causa di un problema muscolare: stava scendendo sulla fasci a destra quando ha avvertito un forte dolore alla coscia, si è fermato e Mancini lo ha sostituito. Anche in questo caso non sarà inciampo nel prossimo match della Fiorentina. Nella stessa partita problemi per Danilo D’Ambrosio, Inter, che alla fine è uscito dal campo con un forte dolore: “Temo di essermi fratturato il mignolo del piede sinistro”, ha detto all’uscita dagli spogliatori. I due giocatori tornano a casa, saranno i rispettivi club a valutare l’entità dei loro infortuni.

Altra amichevole di lusso, fra Brasile e Singapore, altro infortunio eccellente: i verdeoro hanno giocato senza Neymar per quasi 80 minuti. Il calciatore del PSG al 12′ è uscito dal campo toccandosi la coscia sinistra. L’entità dell’infortunio, anche in questo caso, la si potrà valutare soltanto dopo gli esami di rito. Certo per i francesi non è una bella notizia visto che già Cavani e Mbappé sono out per infortuni vari.

Neymar

Anche per l’Atletico Madrid brutte notizie: con ogni probabilità il 26 novembre prossimo per la partita contro la Juventus in Champions League dovrà rinunciare ad aver in campo Stefan Savic. Il difensore montenegrino ha infatti accusato un infortunio muscolare durante Montenegro-Bulgaria, gara disputata per lesiva, ex Fiorentina, ha lasciato il campo per un problema alla coscia sinistra.


È andata meglio a El Chucky: uno scontro fortuito tra Lozano e l’arbitro ha fatto preoccupare il Napoli e i napoletani. Lozano durante l partita con la nazionale delle Bermuda ha prima subito un fallo, è caduto e quando stava per rialzarsi, il direttore di gara lo ha colpito con il fischietto che aveva in mano al volto, una specie di dito nell’occhio per capirci… Si è trattato di un incidente fortuito ovviamente ma il povero Lozano è rimasto intontito per qualche attimo lasciando i tifosicon il fiato sospeso. Poi si è ripreso, ha segnato un gran gol e ha fatto pure un assist.

Continua a leggere

In rilievo