Collegati con noi

Economia

Fortune Global 500, solo 2 italiane in fondo alla lista delle prime 100 maggiori aziende al mondo

Pubblicato

del

La rivista Fortune ha pubblicato l’annuale classifica delle 500 società più grandi a livello globale. La classifica si compila sulla base del fatturato dei maggiori gruppi industriali, bancari e assicurativi del mondo nel corso del 2021. Per figurare nella lista, bisogna avere ricavi superiori a 28,6 miliardi di dollari. L’anno scorso, il fatturato totale dei 500 colossi ha totalizzato la cifra record di 37,8 mila miliardi di dollari, un volume di affari corrispondente a circa il 40% del Pil mondiale. Interessante come pure i profitti complessivi cumulati (che tengono conto anche delle 24 società in perdita) abbiano raggiunto il valore più alto di sempre: 3 mila 100 miliardi di dollari, grazie a una crescita media dell’88% rispetto all’anno pandemico 2020. In termini ponderati, questo si traduce in una significativa profittabilità media dell’8,2% per il 2021. Infine, le top 500 impiegano 69,6 milioni di addetti in tutto il mondo, ma le loro centrali di comando sono localizzate in soli 33 Paesi, prevalentemente quelli del cosiddetto “Nord Globale” a medio-alto reddito (con la notevole esclusione della Cina).
In cima alla classifica ininterrottamente dal 2014 si trova Walmart (572,7 miliardi di fatturato). Il gigante Usa del retail è anche il principale datore di lavoro “industriale” al mondo con oltre 2,3 milioni di occupati. Segue in entrambe le misure Amazon (470 miliardi di fatturato, 1,6 milioni di dipendenti), che agli attuali tassi di crescita raggiungerà il primo posto in un paio d’anni (nel 2014 era al 112°), sorpasso simbolico della distribuzione “online” rispetto a quella “fisica”. La prima società europea nella lista è Volkswagen, all’ottava posizione.
Fra quelle con i maggiori profitti primeggiano Saudi Aramco (105 miliardi), Apple (95 miliardi) e Berkshire Hathaway (90 miliardi) del miliardario Warren Buffet, con margini superiori al 25%.
Ma al di là dei singoli casi, la classifica Fortune permette di tracciare alcune tendenze che pervadono la competizione tra i sistemi economici. In primo luogo, il 2021 ha certificato il primato delle 136 imprese cinesi presenti nella lista, che per la prima volta superano le 124 degli Stati Uniti anche in termini di fatturato complessivo (31% del totale delle top 500).
Questo perché le società cinesi sono anche fortemente concentrate nelle prime posizioni: fra le prime 100 ve ne sono ben 34, di cui 28 sono imprese statali o a controllo pubblico. Il confronto rispetto ad appena 20 anni fa è impressionante: nella lista nel 2002 le società cinesi erano solo 11 nei primi 500 posti (3 nei primi 100). La lista Fortune cattura così una delle più imponenti trasformazioni dell’economia mondiale di questo secolo, ovvero l’ascesa nel panorama competitivo globale del capitalismo di Stato cinese in settori chiave come l’energia, i sistemi ingegneristici, le banche, la siderurgia, le telecomunicazioni, l’elettronica e i veicoli a motore.
Secondo, i 124 grandi gruppi Usa mantengono una posizione di rilievo nel contesto internazionale, anche rispetto al Giappone, che ormai vede ridotto a 47 il numero di imprese in classifica (erano 149 nella lista del 1995, due sole in meno rispetto agli Usa). Al tempo stesso, si conferma ulteriormente la tendenza al superamento del tradizionale modello di capitalismo americano del secolo scorso, dominato dai giganti manifatturieri fra cui General Motors, Ford, Ibm, Du Pont, General Electric, Us Steel. Oggi le principali imprese per fatturato, ma anche per profitti e spesa in ricerca e sviluppo, sono le cosiddette Big Tech: Amazon (2°), Apple (7°), Alphabet-Google (17°), Microsoft (33°), Meta-Facebook (71°). Da notare anche l’andamento in crescita dei grossi gruppi legati alla sanità privata: Cvs Health (10°), UnitedHealth (11°), McKesson (16°), AmerisourceBergen (21°) sono nomi poco noti che però demarcano le dimensioni di quel settore messo a mercato.
Il terzo elemento riguarda l’Italia, con 5 società nella lista (contro le 28 della Germania e le 25 della Francia): Generali (72°), Enel (90°), Eni (111°), Intesa Sanpaolo (298°) e Poste Italiane (378°). Nessuna impresa manifatturiera, se si escludono Stellantis (29°) e il Gruppo Exor (293°), che sono tuttavia multinazionali registrate in Olanda con produzioni in Italia sempre più marginali. Il nostro Paese non ha mai disposto di un nucleo cospicuo di gruppi con dimensioni globali: nella lista dei primi anni 90 se ne contavano 7, contro le 30 di Francia e Germania. Nondimeno, a quei tempi i grandi complessi industriali italiani si collocavano nelle primissime posizioni: nel 1990 l’Iri era al 7° posto (oggi ci sta Apple), la Fiat al 13° (dove oggi c’è Toyota), l’Eni al 18° (oggi troviamo Samsung), Pirelli al 156° (davanti all’attuale leader mondiale Continental), Olivetti al 179° (oggi sarebbe circa al pari di Lenovo). Il declino economico italiano è anche rappresentato dall’arretramento nell’oligopolio internazionale delle sue più grandi imprese (manifatturiere), causato in larga parte dallo smantellamento dei grossi gruppi pubblici e dall’indifferenza per la rovina di quelli privati (come Montedison e Olivetti).

Advertisement

Economia

Effetto Meloni, la Borsa di Milano regge ma lo spread sale ai massimi da 2 anni

Pubblicato

del

Bene la Borsa, male i titoli di Stato. Questo il ‘verdetto’ dei mercati dopo il voto politico in Italia, con Piazza Affari di qualche frazione miglior mercato azionario europeo mentre lo spread ha sofferto, toccando i massimi dal maggio 2020. Un giudizio a due facce spiegato da analisti e operatori in modo semplice: in Borsa le vendite sui titoli italiani avevano anticipato il voto e ora un risultato chiaro aiuta i mercati, mentre i titoli di Stato a causa dell’enorme debito strutturale hanno accusato piu’ di altri il forte nervosismo sui timori sempre piu’ concreti di recessione. In questo clima Piazza Affari ha chiuso in aumento dello 0,6%, con Amsterdam che e’ salita dello 0,1%, mentre Londra ha concluso piatta nel pieno della crisi della sterlina e Parigi ha registrato un calo dello 0,2%. Piu’ deboli i listini azionari di Francoforte, che ha ceduto lo 0,4%, e di Madrid, in calo dello 0,8%. A Milano tra i titoli principali bene Fineco (+3,5%) e giu’ Enel, che ha perso due punti percentuali, ma e’ stata una seduta senza scosse particolari. Molto piu’ caldo il mercato dei titoli di Stato: lo spread tra Btp e Bund tedeschi a 10 anni ha infatti toccato un massimo di 243 punti base e nel finale il tasso del bond italiano e’ arrivato al 4,53%, correggendo ancora il livello piu’ alto dal 2013. Il rendimento del prodotto del Tesoro e’ aumentato di 21 punti base, contro i 9 del bond tedesco e gli 11 di quelli francesi e spagnoli. Importante la corsa anche dei prodotti a scadenza piu’ breve: +20 ‘basis point’ per i Btp a 5 anni, +15 per quelli a due anni. Secondo gli analisti ora molto dipendera’ dai rapporti che il prossimo governo, alla prova della legge di Bilancio e del Pnrr, avra’ con la Ue, e di conseguenza dalle capacita’ della Bce, che va oltre l’esito delle elezioni italiane, di intervenire sugli spread. “L’assenza di grandi sorprese dalle elezioni dovrebbe ridurre il rischio di un cambiamento importante nell’approccio del mercato ai Btp, almeno come prima reazione”, affermano gli analisti della spagnola Bbva, secondo i quali “le prospettive di medio termine non sono cambiate dopo le elezioni: a nostro avviso gli spread sono ancora leggermente orientati verso l’alto”. Il problema e’ che i mercati temono chiaramente l’arrivo della recessione. A partire dal calo della fiducia delle imprese in Germania, che in settembre vedono l’indice Ifo a 84 punti rispetto agli 88 di agosto, una flessione superiore alle attese. Per S&P Global poi “e’ imminente un netto rallentamento della crescita dell’eurozona”, con “due o tre trimestri di attivita’ debole o addirittura in calo”. L’agenzia di rating vede infatti un 2023 ‘tragico’, con un taglio delle previsioni di crescita dell’Eurozona e il Pil italiano rivisto per l’anno prossimo da un aumento del 2,1% a un calo dello 0,1%. E infine e’ arrivata anche la presidente della Bce, Christine Lagarde, che in audizione al Parlamento europeo disegna il 2023 come “un anno difficile, di cui molto probabilmente il primo trimestre sara’ negativo poiche’ riteniamo che anche il quarto trimestre del 2022 sara’ negativo”. Lagarde prevede anche nuovi rialzi dei tassi di interesse, non interpretando lo ‘scudo’ della Bce come “uno strumento inteso per un Paese specifico”. E comunque il Tpi “non e’ l’unico strumento: abbiamo una varieta’ di strumenti che abbiamo usato da luglio”, spiega Lagarde. Tutte prospettive alle quali guardano i mercati, con l’euro ancora molto debole sceso a quota 0,962 contro il dollaro, il petrolio che fatica a tenere quota 77 dollari al barile e anche il gas in discesa (-6%) a 173 euro al Megawattora.

Continua a leggere

Economia

Ocse: la guerra pesa sul pil, Italia +0,4% nel 2023

Pubblicato

del

Arrivano segnali via via piu’ preoccupati e preoccupanti sul rallentamento dell’economia globale a causa della recessione e del prolungarsi del conflitto in Ucraina che potrebbe avere anche ripercussioni serie sulla sicurezza alimentare in molti paesi del mondo. L’ultimo istituto di previsione a provocare una gelata nelle prospettive di crescita e’ l’Ocse che in qesto contesto inserisce la frenata dell’Italia ovviamente, dove la crescita calera’ dal 3,4% atteso per il 2022 allo 0,4% stimato per il prossimo anno. L’agenzia di rating S&p vede ancora peggio e taglia la crescita italiana del prossimo anno dal +2,1% a -0,1%, indicando per quest’anno una crescita del 3,1%, comunque inferiore al precedente 3,4% stimato qualche mese fa. Il taglio dell’Ocse e’ meno profondo. Nel 2023, si legge nelle prospettive economiche intermedie dell’Organismo internazionale presentate oggi a Parigi, il dato dello 0,4% rappresenta un taglio di 0,8 punti rispetto alle precedenti stime sul mese pubblicate dall’Ocse lo scorso giugno. Nell’Eurozona, e’ scritto nel documento intitolato ”il prezzo della guerra”, il Pil frenera’ dal 3,1% del 2022 allo 0,3% del 2023 (-1,3 punti rispetto all’economic outlook dello scorso giugno). L’inflazione nel nostro paese calera’ invece dal 7,8% del 2022 al 4,7% del 2023. Nel complesso dell’Eurozona, il tasso di crescita dei ressi al consumo dovrebbe invece passare dall’8,1% di quest’anno al 6,2% del prossimo anno. Per il G20, la stima e’ di 8,2% per il 2022 e 6,6% per il 2023. Le ricadute della guerra russa in Ucraina restano nel frattempo “una minaccia per la sicurezza alimentare globale, in particolare se combinate con altri eventi meteorologici estremi causati dai cambiamenti climatici. La cooperazione internazionale e’ di conseguenza necessaria per mantenere i mercati agricoli aperti, affrontare i bisogni d’urgenza e rafforzare l’offerta.”I governi – sottolinea l’Ocse – devono garantire che gli obiettivi della sicurezza energetica e della mitigazione dei cambiamenti climatici siano allineati”. L’economia globale, spiegano i tecnici Ocse, ha perso slancio quest’anno dopo essersi ripresa con forza dalla pandemia da COVID-19: “un ritorno a una situazione economica piu’ normale sembrava prospettarsi prima che la Russia provocasse una guerra di aggressione ingiustificabile e illegale contro l’Ucraina”, sottolinea l’Ocse nell’Interim Economic Outlook aggiungendo che “gli effetti della guerra e il protrarsi dell’impatto del COVID-19 in alcune parti del mondo hanno intaccato e messo a dura prova la crescita, con ulteriori pressioni al rialzo sui prezzi, soprattutto energetici e alimentari. Il Pil globale ha ristagnato nel secondo trimestre del 2022 e la produzione e’ diminuita nelle economie dei paesi del G20”. “L’economia mondiale ha perso il suo slancio in seguito alla guerra di aggressione non provocata” ha afferma il segretario generale dell’Ocse, Mathias Cormann, sottolineando come “le pressioni inflazionistische gia’ presenti quando l’economia mondiale stava uscendo dalla pandemia sono state pesantemente aggravate dalla guerra”. “Questo – aggiunge – ha causato ulteriormente l’innalzamento dei prezzi dell’energia e delle derrate alimentari che minacciano il livello di vita degli abitanti del mondo intero”. La crescita globale rallentera’ dal 3% nel 2022 al 2,2% nel 2023, “ben al di sotto del ritmo previsto prima della guerra” russa in Ucraina. Il dato del 2,2% rappresenta un taglio di 0,6 punti rispetto alle precedenti stime pubblicate dall’Ocse lo scorso giugno. Nel G20, la crescita passera’ dal 2,8% del 2022 al 2,2% del 2023 (-0.6% rispetto alle precedenti previsioni).

Continua a leggere

Economia

Per gas bollette mensili, più facile spalmare spesa

Pubblicato

del

Le bollette del gas potranno arrivare ogni mese e non piu’ ogni due come avviene oggi. Una sorta di rateizzazione che permettera’ di spalmare piu’ facilmente le spese nell’arco del tempo e di non gravare troppo sui bilanci familiari, ora che il prezzo del metano e’ letteralmente alle stelle. E’ con questo intento che l’Autorita’ per l’energia ha previsto la nuova possibilita’ di fatturazione mensile per le famiglie che ancora accedono al mercato tutelato (circa 7,3 milioni di clienti domestici, pari ad oltre un terzo dei 20,4 milioni totali). Modificando la recente delibera dello scorso luglio con cui ha disposto le nuove modalita’ di aggiornamento del costo della materia prima, l’Autorita’ ha tenuto conto “dell’esigenza di prevedere una maggiore periodicita’ di fatturazione nell’ambito del servizio di tutela, cosi’ da permettere ai clienti finali di conoscere piu’ frequentemente la propria spesa e di redistribuire i pagamenti delle bollette su piu’ mesi”. Una decisione presa dopo apposita consultazione su suggerimento dell’Unione nazionale consumatori e che va ad integrare proprio quella arrivata in estate, in piena esplosione dei prezzi, con lo scopo di rendere piu’ sicure le forniture. In vista della partenza, il primo ottobre, del prossimo anno termico, si stanno infatti acuendo le criticita’ per i venditori nel reperire sui mercati all’ingrosso il gas necessario a soddisfare i propri clienti, anche domestici. Di fronte all’impennata delle quotazioni del gas (oggi in calo sotto i 180 euro, ma arrivate ad agosto ben oltre i 300), per intercettare in modo immediato le eventuali iniziative nazionali ed europee di contenimento dei prezzi, l’Arera aveva gia’ deciso di sganciarsi totalmente dal Ttf di Amsterdam, non utilizzando piu’ come riferimento le quotazioni a termine del mercato all’ingrosso internazionale, ma la media dei prezzi effettivi del mercato PSV italiano. Anche l’aggiornamento delle tariffe diventera’ quindi da quest’autunno mensile, non piu’ trimestrale e sara’ ex post e non piu’ ex ante come avvenuto finora, disgiungendo cosi’ le variazioni di prezzo relative all’elettricita’ da quelle sul gas. Alla fine di questo mese, saranno quindi aggiornate solo le tariffe della luce per i consueti tre mesi, mentre per stabilire il prezzo del gas del solo mese di ottobre bisognera’ aspettare i primi giorni di novembre. Allo stesso tempo le imprese potranno, se pronte, fatturare con cadenza mensile e non piu’ bimestrale. L’apertura dell’Arera viene giudicata un importante passo avanti dall’Unc, che l’ha proposta, ma non da altre associazioni dei consumatori. Il Codacons intravede possibili nuovi aggravi e preannuncia un ricorso al Tar. Consumerismo no-profit teme invece “una valanga di maxi-conguagli”.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto