Collegati con noi

Economia

Forbes, 400 Paperoni americani piu’ ricchi del 40% in pandemia

Pubblicato

del

 Nonostante la pandemia, i 400 americani piu’ ricchi hanno aggiunto lo scorso anno 4.500 miliardi di dollari alla loro ricchezza, un aumento del 40%, secondo l’ultima classifica di Forbes sui ‘Paperoni’ del Paese. Il fondatore di Amazon, Jeff Bezos, resta in cima per il quarto anno consecutivo con un patrimonio netto di 201 miliardi di dollari, seguito da Elon Musk (Tesla) e Mark Zuckerberg (Facebook), con una fortuna rispettivamente di 190,5 miliardi e 134,5 miliardi. I ranghi dei super ricchi si sono ingrossati con 44 new entry, il numero piu’ alto dal 2077. Tra loro – dopo il divorzio – Melinda French Gates, co-presidente della fondazione Gates, i miliardari in versione bitcoin Cameron e Tyler Winklevoss e Noubar Afeyan, co-fondatore di Moderna, l’azienda che ha prodotto uno dei vaccini anti Covid. Miriam Adelson, moglie del defunto re dei casino’ Sheldon Adelson, e’ la piu’ ricca tra i ‘newcomer’, con 30,4 miliardi di dollari. Il Paperone piu’ giovane invece e’ il 29enne miliardario delle criptovalute Sam Bankman-Fried, che e’ anche il secondo piu’ facoltoso degli ultimi arrivati, con beni per 22,5 miliardi. Per entrare nella lista, da cui e’ uscito Donald Trump, e’ necessario avere una ricchezza netta di 2,9 miliardi, 800 milioni in piu’ rispetto a un anno fa.

Advertisement

Economia

Parte il riordino degli incentivi, obiettivo Sud

Pubblicato

del

Semplificazione e tempi certi. E’ con questi obiettivi che il governo si prepara a riordinare la selva degli incentivi alle imprese, un sistema stratificato anno dopo anno, diventato ormai troppo complesso e caratterizzato da misure disomogenee spesso di difficile accesso: attualmente circa 1.500 interventi di incentivazione. A questo fine, in linea con i target fissati nel Pnrr, il consiglio dei ministri ha approvato un disegno di legge, proposto dai ministri Giancarlo Giorgetti e Mara Carfagna, che delega il Governo ad adottare uno o piu’ decreti legislativi per l’attuazione della riforma che punta anche ad aumentare l’efficacia degli interventi agevolativi per le imprese del Mezzogiorno. “L’approvazione di questo provvedimento rappresenta un concreto passaggio per una vera semplificazione nel mondo degli incentivi spesso inaccessibili per troppa burocrazia”, sottolinea il titolare dello sviluppo economico Giorgetti, che ha fortemente voluto il provvedimento e fin dal suo insediamento insiste sull’esigenza, poi prevista anche nel Pnrr e nella legge di bilancio 2022, di procedere ad una riduzione degli oneri per le imprese, con una semplificazione e velocizzazione delle procedure amministrative per l’accesso alle agevolazioni, garantendo cosi’ ai beneficiari la certezza dei tempi. La revisione consentira’ di riorganizzare profondamente un sistema “farraginoso”, “in modo che ogni singolo imprenditore possa accedere con facilita’ alle misure a cui ha diritto ‘sulla carta’ ma che spesso risultano impraticabili nella realta’”, aggiunge la ministra del Sud Carfagna, precisando che nel Mezzogiorno “le agevolazioni concesse dallo Stato ‘valgono’ circa il 30 per cento del totale” ma non hanno avuto effetti significativi sulla “riduzione dei divari produttivi”. Incentivi piu’ semplici e veloci potranno invece assicurare vantaggi importanti soprattutto alle piccole e medie imprese insediate nelle aree meno sviluppate. Tra i criteri che verranno seguiti nella delega, su proposta del ministro del lavoro Andrea Orlando, c’e’ peraltro anche il rispetto della normativa in materia di salute e sicurezza sul lavoro da parte delle imprese che accedono agli incentivi, con l’obiettivo di “rafforzare e incentivare la responsabilita’ delle imprese nel garantire il lavoro sicuro”. E ci sara’ anche “maggiore attenzione all’inclusione lavorativa delle persone con disabilita’”, evidenzia la ministra per le Disabilita’ Erika Stefani. Un altro criterio, su indicazione della ministra per le pari opportunita’ Elena Bonetti sono poi gli incentivi per la certificazione e per promuovere lavoro e imprenditoria femminile. Prevista anche l’introduzione di tecnologie gestionali innovative per l’interoperabilita’ dei dati e funzionali ad evitare la duplicazione e la sovrapposizione degli interventi previsti. Nel provvedimento viene infine indicata l’importanza di facilitare la conoscenza da parte delle imprese degli strumenti disponibili, favorendo il potenziamento e una maggiore sinergia tra il Registro nazionale degli aiuti di Stato e il portale incentivi.gov.it che il Mise rendera’ operativo a partire dal prossimo 2 giugno. I decreti legislativi per l’attuazione della riforma, uno o piu’, dovranno essere adottati entro 12 mesi dall’entrata in vigore del disegno di legge. “Ci impegniamo nei prossimi mesi a tradurre la delega in decreti legislativi per avviare una approfondita ricognizione del sistema. – ha aggiunto Carfagna – Consegneremo questo lavoro al prossimo governo: costituira’ un tassello importantissimo e permanente del lavoro avviato per dare all’Italia uno sviluppo piu’ certo e all’impresa un futuro piu’ solido”.

Continua a leggere

Economia

Oscar fragranze 2022, i profumi premiati

Pubblicato

del

 I vincitori del Premio Accademia del Profumo assegnati oggi, per le dieci categorie in gara dell’edizione 2022, sono: – Miglior profumo dell’anno: Narciso Rodriguez For Her Musc Noir Eau de Parfum (femminile) e Dior Sauvage Elixir (maschile). – Migliore creazione olfattiva: Savane di Seta Salvatore Ferragamo Storie di Seta, dei nasi Emilie Coppermann e Alie’nor Massenet (versione femminile) e Laura Biagiotti Roma Uomo Green Swing, che porta la firma di Daphne’ Bugey (maschile). – Miglior profumo made in Italy: Lily of the Valley Acqua Di Parma (femminile) e Bulgari Man Terrae Essence (maschile). – Miglior packaging: Tom Ford Ombre’ Leather Parfum (per lei) e Herme’s H24 (per lui). – Miglior profumo collezione esclusiva grande marca: 1921 Gucci The Alchemist’s Garden. – Miglior profumo artistico marca affiliata: L’Heure Verte By Killian. – Miglior profumo artistico marca indipendente; Aphe’lie Maison Trudon. – Migliore profumazione ambiente: Green Tomato Vines Jo Malone London The Townhouse Diffuser. – Miglior Comunicazione: Miss Dior Eau de Parfum (femminile) e Phantom Paco Rabanne (maschile). – Riconoscimento all’innovazione responsabile del profumo: Collezione Rivie’res de Cartier – Alle’gresse, Insouciance, Luxuriance. Uno speciale riconoscimento e’ stato assegnato anche ai nasi creatori del profumo piu’ venduto, sia a valore che a volume, nei primi sei mesi dal lancio sul mercato italiano: sono Honorine Blanc e Alberto Morillas per Gucci Flora Gorgeous Gardenia.

Continua a leggere

Economia

Auto: Codacons, per bonus criteri da rivedere

Pubblicato

del

 ll bonus auto “ha fatto registrare una corsa alle prenotazioni da parte dei cittadini, al punto che oggi, nel giorno in cui e’ stata aperta la piattaforma online messa a disposizione dal Mise, in poche ore i fondi a disposizione per le auto endotermiche a bassa emissione e per le ibride senza spina si sono dimezzati, mentre quelli per le moto termiche sono praticamente terminati”. Lo scrive il Codacons. La corsa alle prenotazioni lascera’ fuori una fetta di cittadini che non faranno in tempo ad avvalersi del bonus – spiega il Codacons – In meno di 24 ore i fondi per le auto a basse emissioni si sono dimezzati, terminati quelli per le moto, a dimostrazione che i criteri con cui e’ stato studiato l’incentivo sono da rivedere. Il sussidio non e’ legato all’Isee e chiunque puo’ farne richiesta, indipendentemente dalle proprie condizioni economiche, circostanza che svantaggia le famiglie meno abbienti – afferma l’associazione – La ripartizione dei fondi, poi, andrebbe riprogrammata andando incontro alle richieste dei cittadini, in modo da evitare che una parte della platea di soggetti interessati al bonus rimanga a bocca asciutta, mentre una fetta degli stanziamenti (vetture elettriche e ibride plug-in) resta inutilizzata.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto