Collegati con noi

Sport

Follie Barcellona, compra tanto per non affondare

Pubblicato

del

La competitivita’ ha un prezzo e, mai come di questi tempi, il Barcellona se ne sta rendendo conto. E’ assai complicato, nel calcio moderno, tenere a posto i conti e contestualmente mettere insieme un organico di assoluta eccellenza, in grado di sfidare le corazzate d’Europa. Con Juan Laporta tornato alla guida del club catalano, sono venuti fuori i buchi di bilancio che poi sono diventate voragini se rapportate al monte-ingaggi della squadra. Primo step del risanamento il ‘salary cap’, che ha permesso al club blaugrana di abbassare il monte-stipendi, quindi di ridurre i costi. Il problema e’ stato risolto solo in parte e non e’ bastata questa mossa per fermare le perdite della societa’ che ammontano a svariate decine di milioni. Non e’ bastata nemmeno la fuoriuscita di scena di Sua Maesta’ Leo Messi, colonna portante, fuoriclasse indiscusso e protagonista di tante conquiste, che e’ passato al Psg. L’emorragia non e’ stata fermata e adesso il Barcellona si ritrova a dover fare i conti col blocco della Liga, che gli impedisce di ratificare i contratti dei nuovi arrivati di quest’estate. Non solo mancano i requisiti, economici, per le nuove operazioni (saltata quella di Azpilicueta dal Chelsea, mentre Bernardo Silva resta un’illusione), ma anche la possibilita’ di schierare Raphinha, Kounde’, Christensen, Lewandowski o Kessie’, quest’ultimo arrivato a parametro zero dal Milan. ‘Congelati’ anche i rinnovi di Dembele’ e Sergi Roberto. Per rientrare nei parametri, il Barcellona dovra’ abbassare ancora il monte-ingaggi e cedere altri calciatori. A correre al capezzale del club, ancora una volta, e’ stato Gerard Pique’. Il pluridecorato difensore, nato e cresciuto calcisticamente nel club catalano, ha deciso di abbassare nuovamente i parametri economici del proprio ingaggio. Il centrale, che in carriera ha vinto di tutto e piu’ volte, si sarebbe dichiarato disposto anche a giocare gratis. Un anno fa sempre Pique’ si era abbassato lo stipendio, per permettere la registrazione degli acquisti di Eric Garcia e di Memphis Depay. L’olandese dovrebbe lasciare il Camp Nou per trasferirsi alla Juve che gli avrebbe proposto un biennale a cinque milioni a stagione. In uscita dal Barca c’e’ anche Pierre-Emerick Aubameyang, finito nel mirino del Chelsea. Difficile che Laporta possa trattenere i due. Oggi, intanto, sono stati assegnati i numeri di maglia e appunto Aubameyang ha lasciato la maglia 25 per tornare alla 17. Il 9 di Depay andra’ sulle spalle di Lewandowski, sempre ammesso che LaLiga ratifichi il suo ingaggio dopo il trasferimento dal Bayern Monaco.

Advertisement
Continua a leggere

Sport

Juventus, l’accusa: club impose silenzio sull’accordo stipendi

Pubblicato

del

Tutti i calciatori bianconeri coinvolti nelle ‘manovre stipendi’, nelle ricostruzioni che fecero mesi fa, sentiti dai magistrati di Torino che indagano sui conti Juventus, confermarono quello che ufficialmente non si doveva sapere. E cioè che in realtà la prima squadra si era ridotta un solo stipendio e non quattro (marzo, aprile, maggio e giugno 2020) come annunciato durante l’emergenza sanitaria Covid. E la società aveva imposto ai calciatori di non parlarne con la stampa, nelle ‘direttive’ che aveva dato. A parlarne è la Procura di Torino nel passaggio della richiesta di misure cautelari, avanzata a giugno. Al pool di magistrati, composto dai sostituti procuratori Ciro Santoriello, Mario Bendoni e dal procuratore aggiunto Marco Gianoglio, che un anno fa ha aperto le indagini, chiuse il 24 ottobre, due calciatori Matthijs De Light (oggi al Bayer Monaco) e Mattia De Sciglio hanno consegnato le conversazioni intercorse tra capitan Chiellini e la squadra, sul gruppo Whatsapp denominato ‘JuventusTeam’, di cui fanno parte i giocatori della prima squadra.

Ed è qui che Chiellini aggiorna i suoi compagni sull’accordo stretto con il presidente Andrea Agnelli “per cercare di aiutare il club e tutti i dipendenti in questo momento di difficoltà” derivato dalla pandemia. “Ci mancano 4 mesi di salario: 3 mesi pagati nel caso riusciamo a finire il campionato, 2 mesi e mezzo in caso di stop – spiegava Chiellini – Il presidente ha garantito il pagamento di una mensilità il 1 luglio ed il resto nella stagione 20/21”. Infine la ‘direttiva’: “Per questioni legislative di Borsa la comunicazione che uscirebbe è solo della rinuncia ai 4 mesi, è chiesto di non parlare nelle interviste sui dettagli di questo accordo”. “Il comunicato doveva uscire così e non si doveva parlare con la stampa”, affermò Daniele Rugani. Ma Chiellini negò ai pm le raccomandazioni sul silenzio con i media. “Paratici mi ha proposto di rinunciare a 3 stipendi, che però comunque avrei recuperato nella stagione successiva”, sottolineò Federico Chiesa. Anche Maurizio Sarri, l’allenatore dei bianconeri 2019-2020 confermò l’accordo.

“Ne parlai al telefono con Paratici e mi disse che c’era già l’accordo con i calciatori e che sarebbe stato opportuno che anche io mi accodassi”, disse ai magistrati sulle ‘manovre stipendi’ si sono focalizzati gli interventi per la ri-approvazione del bilancio consolidato al 30 giugno, con una perdita aggiornata a 239,3 milioni di euro. Nei ‘dati storici’ del progetto di bilancio 2021/22 il rosso era di 253,1 milioni poi diventati 193 con i dati pro-forma riscritti nella comunicazione data il 20 novembre accogliendo la richiesta contenuta nella direttiva Consob. La società bianconera aveva riportato gli adeguamenti pro-forma che illustrano gli effetti che avrebbe prodotto la contabilizzazione secondo le indicazioni dell’autorità dei vigilanza della Borsa. Nel nuovo progetto di bilancio, diffuso nella tarda serata di ieri, la Juventus, “in via di adozione di una prospettiva di accentuata prudenza, ha ritenuto di rivedere alcune stime e assunzioni che comportano rettifiche delle stime di oneri di competenza a fine giugno 2020, fine giugno 2021 e fine giugno 2022”.

Continua a leggere

Sport

Sci: super Goggia a Lake Louise, è bis in discesa

Pubblicato

del

Doppietta di Sofia Goggia che ha vinto in 1.28.96 anche la seconda discesa di cdm di Lake Louise. Per lei è il successo n.10, il 14/o in discesa che la catapulta tra le grandissime di questa disciplina. Alle sue spalle nella libera bis l’olimpionica si è lasciata alle spalle l’austriaca Nina Ortlieb in 1.29.30 e la svizzera Corinne Suter in 1.29.33. Goggia – come aveva annunciato – si è imposta con una gara solida ma più aggressiva di quella di ieri. Soprattutto ha avuto un finale furioso sulla parte piu’ filante e meno tecnica della pista dove ha recuperato abbondantemente il pur minimo ritardo che aveva ai primi intermedi . Per l’Italia in classifica 7/o posto di Nicol Delago in 1.30.01. Poi ci sono anche Elena Curtoni 12/a in 1.30.42 e Nadia Delago 22/a in 1.31.11. Anche Marta Bassino (1.31.08) e Federica Brignone (1.31.39) ci hanno positivamente provato in vista del superG che domani chiude la tappa di Lake Louise.

“Sono molto soddisfatta – le parole della Goggia- perche’ ho sciato esattamente come volevo, infilando le linee volute e ho preso le rampe in maniera perfetta. Sicuramente il vento mi ha dato fastidio in uscita dal piano, ma nel complesso ho condotto una gara molto più concreta rispetto a venerdì, disponevo di un set up vincente”. Per cui – ha aggiunto – ”sono molto felice perchè ho vinto due discese su due ed era l’obiettivo che mi ero posta. A pensarci bene sono praticamente due anni che indosso il pettorale rosso, credo sia una cosa incredibile. Adesso però non c’è tempo per distrarsi, il focus deve andare sul supergigante di domani”. Niente soddisfazioni per l’Italia invece nella discesa uomini di Beaver Cree. C’è’ stata infatti la vittoria n. 15 per il norvegese Aleksander Kilde che aveva gia’ vinto la libera di Lake Louise. Kilde si è imposto in 1.42.09 lungo la famosa pista ‘Bird’s of Prey’, molto tecnica ma anche con lunghi tratti filanti, con neve e vento in quota, cielo coperto e visibilita’ non ottimale. Secondo lo svizzero Marco Odermatt in 1.42.15: ennesima podio per lui che rafforza il primato in classifica generale con 340 punti dopo quattro gare. Terzo il canadese James Crawford in 1.42.88.

L’Italia invece non ha davvero brillato visto che Matteo Marsaglia, 16/o in 1.43.58, e’ stato il migliore. Non bene in particolare Dominik Paris che, probabilmente anche per il vento sulla parte alta della pista, ha chiuso solo 20/o in 1.43.82. Poi piu’ indietro si sono piazzati Mattia Casse, 22/o in 1.43.93 , Nicolo’ Molteni in 1.44.10, Guglielmo Bosca in 1.44.45 mentre Christof Innerhofer, che stava facendo una buona gara, per un erroraccio e’ invece finito addirittura 37/o in 1.44.65. Domani a Lake Louise si chiude con il superG e Goggia punta alla terza vittoria consecutiva in tre giorni in questa localita’ come era riuscita a fare l’anno scorso. SuperG Anche per gli uomini a Beaver Creek, sperando in qualche segnale di miglioramento.

Continua a leggere

Sport

Mondiali: Messi a mille, fa gol e ora l’Argentina sogna

Pubblicato

del

Mille volte Messi, nel senso di partite giocate da professionista, e primo gol del sette volte Pallone d’Oro in una partita della fase ad eliminazione diretta dei Mondiali. A farne le spese è stata l’Australia, che si è svegliata troppo tardi, inserendo solo nel finale alcuni suoi uomini migliori, come il veronese Hrustic e Goodwin, e quindi torna a casa, come da pronostico, ma senza aver demeritato.

Il fatto è che il fuoriclasse stava dalla parte dell’Albiceleste, e quando il numero 10 è ispirato mette sempre l’impronta sulla partita, anche quando gli avversari tentano, come stavolta, di fermarlo tra marcature e ‘gabbie’ varie. Per bloccare il Messi di oggi all’Australia sarebbe servito un difensore come Gentile di Spagna ’82, ma il calcio del nuovo millennio è diverso e figure del genere probabilmente non esistono più. Oltretutto la Pulce sembra aver trovato un partner all’altezza in quell’Alvarez di scuola River Plate e ora molto considerato da Guardiola al Manchester City, visto che il ragazzo ha segnato anche in questa sfida, con la collaborazione del portiere australiano Ryan, confermando che Scaloni fa bene a puntare su di lui anziché su Lautaro Martinez, relegato al ruolo di subentrante e oggi capace di sprecare una grossa chance nel finale che avrebbe potuto trasformare nella terza rete dei suoi.

Adesso, nei quarti di finale di Qatar 2022, si rinnoverà il duello della semifinale di Brasile 2014 tra il genio di Messi e le alchimie tattiche del Profeta Van Gaal, in una partita tutta da godere. Intanto l’Argentina si gode il successo di misura sugli australiani, a segno con una conclusione di Goodwin modificata dall’impatto del pallone con Fernandez e recriminano sulle due chances che hanno avuto nel finale per pareggiare, prima con Behich e poi con Kuol. Ma va detto che in quest’ultimo caso è stato bravo il portiere della ‘Scaloneta’ Emiliano Martinez. Così l’Argentina ha vinto col minimo scarto in un match che sostanzialmente dominato, con l’onnipresente De Paul migliore dei suoi insieme a Messi, quasi a voler dar ragione a quei club italiani che, l’estate scorsa, hanno tentato invano di riportarlo in Serie A: ma l’Atletico Madrid non lo molla, e fa bene Simeone anche se non lo fa sempre giocare, a differenza di Scaloni che non gli concede neppure un minuto per rifiatare.

Quanto all’Australia, nel primo tempo non ha mai tirato in porta pensando solo a contenere. Nella ripresa, essendo sotto, ha provato a spingersi in avanti ma di un Graham Arnold, a suo tempo attaccante di razza (almeno per gli standard ‘aussie’), ci sarebbe stato bisogno in avanti e non in panchina nel ruolo di ct. L’Argentina del ‘Messi a mille’ ha sbloccato il risultato al 35′, con una bella conclusione dopo il passaggio di Otamendi: per la Pulce è stato il nono gol ai Mondiali (ne ha disputati cinque), cifra che gli permette di staccare Diego Maradona nella classifica dei migliori marcatori argentini in Coppa del Mondo: davanti all’attuale n.10 ora c’è solo Batistuta. Al 12′ della ripresa raddoppio dell’Albiceleste: pasticcio di Ryan che prova un improbabile dribbling su De Paul, pallone che finisce a Julian Alvarez, ed è 2-0. I ‘Socceroos’ trovano poi il 2-1 con una conclusione dalla distanza di Goodwin deviata in modo decisivo da Fernandenz, poi non concretizzano più e alla fine l’Argentina pensa già all’Olanda: quella di venerdì 9 sarà una sfida da non perdere.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto