Collegati con noi

Economia

Fmi, la guerra frena il mondo, Italia ‘ferma’ al 2,3%

Pubblicato

del

La guerra frena l’economia mondiale andando a “peggiorarne significativamente” le prospettive. L’invasione dell’Ucraina si va infatti a sommare a una pandemia ancora in corso e a un’inflazione in aumento, dando vita a un mix che costringe il Fondo Monetario Internazionale a un taglio deciso delle sue stime di crescita. Il pil mondiale e’ atteso quest’anno salire solo del 3,6%, quasi un punto percentuale in meno rispetto alle previsioni di gennaio. Ad eccezione di Ucraina e Russia, che sperimenteranno contrazioni rispettivamente del 35% e dell’8,5% quest’anno, e’ Eurolandia a pagare il prezzo piu’ salato della guerra, con una crescita che si ferma al 2,8% nel 2022, ovvero 1,1 punti percentuali in meno su gennaio, e al 2,3% nel 2023 (-0,2). A pesare sul rallentamento dell’area euro sono soprattutto Italia e Germania, i due paesi piu’ dipendenti dall’energia russa. Per il Belpaese il Fondo rivede al ribasso le stime per il 2022 e il 2023, con il pil atteso crescere quest’anno del 2,3%, -1,5 punti percentuali in meno rispetto alle previsioni di gennaio e 0,8 punti in meno rispetto al 3,1% indicato dal governo italiano nel Def. Poi il prossimo anno la crescita si ridurra’ ancora all”1,7% (-0,5 punti sulle stime precedenti, 0,7 su quelle del governo italiano). Un rallentamento che continuera’, con una crescita che pian piano scende e si attesta alla fine ad un +0,5% nel 2027. Nonostante la frenata il tasso di disoccupazione italiano e’ previsto scendere dal 9,5% del 2021 al 9,3% del 2022, una cifra con la quale il paese resta comunque sopra la media europea. In calo anche il deficit, previsto quest’anno al 6% dopo aver toccato il 7,2% nel 2021. Il debito pubblico e’ invece atteso al 150,6% del pil nel 2022 e al 148,7% nel 2023. L’Italia comunque non e’ la sola a frenare. Lo fanno tutte le altre grandi economie europee, inclusa la Gran Bretagna, e lo fanno anche Stati Uniti e Cina, dove la crescita e’ stata rivista al ribasso a causa del Covid e dei lockdown imposti. Negli States il rallentamento e’ in parte dovuto alla mancata approvazione di parte dell’agenda economica di Joe Biden e alla galoppata dell’inflazione, che ha spinto la Fed ad aprire un aggressivo ciclo di rialzi del tassi. Strette che, secondo il Fondo, sono “necessarie” e piu’ “urgenti” a causa della guerra. Il conflitto ha accelerato la corsa dei prezzi e ormai, ammettono gli esperti di Washington, l’inflazione e’ un “pericolo chiaro” che complica l’azione delle banche centrali impegnate e cercare il delicato equilibrio fra contenimento dei prezzi e crescita. “L’inflazione restera’ elevata piu’ a lungo delle attese”, osserva il Fmi senza nascondere la propria preoccupazione per la corsa dei prezzi dell’energia e dei prodotti alimentari. Una galoppata quest’ultima che rischia – avverte il segretario al Tesoro americano Janet Yellen – di far scivolare 10 milioni di persone in poverta’. L’emergenza alimentare cosi’ come le altre ricadute economiche della guerra saranno uno dei temi al centro del G20 dei ministri finanziari e dei governatori delle banche centrali, previsto nelle prossime ore a Washington. Yellen boicottera’ alcuni incontri del G20 dove e’ presente la Russia, evitando pero’ il rischio che Mosca detti e condizioni i lavori. Dal G20 e’ atteso un messaggio chiaro alla Russia, ovvero che e’ la sola responsabile delle ricadute economiche della guerra. Gli effetti economici dell’invasione sono, secondo il capo economista del Fmi Pierre-Olivier Gourinchas, come “onde sismiche emanate dall’epicentro di un terremoto”. Onde che rischiano di causare una “frammentazione dell’economia” in blocchi geopolitici. Questo, avverte il Fondo, sarebbe uno “spostamento tettonico” che rappresenterebbe la maggiore sfida alle regole che governano le relazioni internazionali ed economiche da 75 anni. Un’ipotesi questa che agita il direttore del Fondo convinto che una frammentazione impoverirebbe tutti. Quindi ricorre alle parole di uno dei fondatori di Bretton Woods per chiarire il suo concetto: “La prosperita’ e la pace sono indivisibili”.

Advertisement

Economia

Vola il prezzo del gas, chiusura record ad Amsterdam

Pubblicato

del

La guerra tra Russia e Ucraina e la siccita’ in Europa hanno determinato una sorta di inversione delle stagioni tra l’estate e l’inverno. E in pieno agosto si registra il nuovo record del prezzo del gas, che ha segnato ad Amsterdam un aumento del 6% a 241 euro al MWh. Il massimo di sempre in chiusura di seduta, anche se nel corso delle contrattazioni il valore era stato superato piu’ volte, come ad esempio lo scorso 16 agosto a 251 euro al MWh. Un vero paradosso, in quanto il prezzo estivo, solitamente piu’ basso, ha superato le quotazioni invernali, quando aumenta la richiesta di metano. Lo scorso 7 marzo, ad esempio, la seduta si chiuse ad Amsterdam con un prezzo di 227,2 euro al MWh, superando in giornata anche la soglia dei 345 euro. Chiusura sprint anche a Londra, dove la soglia delle 5 sterline per unita’ termica (Mbtu) toccata due giorni fa e’ stata superata oggi con un rialzo del 6% a 519 penny. Alla base di questi prezzi impensabili fino allo scorso 24 febbraio, giorno dell’attacco russo in Ucraina, c’e’ la corsa agli approvvigionamenti in vista dell’inverno e dei minori flussi dalla Russia, da cui l’Europa si vuole completamente staccare per le forniture di metano. L’Italia prevede di arrivare alla stagione fredda con il 90% delle scorte in magazzino, che allo scorso 16 agosto hanno raggiunto il 78,19% a 151,26 TWh, pari a 1,62 miliardi di metri cubi circa, secondo le rilevazioni della piattaforma internazionale Gie-Agsi. In Europa la media degli stoccaggi e’ al 75,55% con 839,7 TWh di gas naturale. Davanti all’Italia c’e’ solo la Germania, con 189,3 TWh, che corrispondono al 77,79% della capacita’ complessiva d’immagazzinaggio di Berlino. Supera l’87% di capacita’ immagazzinata la Francia, che pero’ dispone di una quota di stoccaggi limitata a 114,52 TWh. Una situazione pesante, che sta mettendo in ginocchio le principali economie europee, come nel caso della Germania, dove il Governo ha annunciato la riduzione dell’Iva sul gas al 7% per sostenere i cittadini e compensare i costi determinati dalla ‘Gasumlage’, il supplemento gas salva-aziende di 2,419 centesimi per kilowattora che i tedeschi troveranno in bolletta da ottobre. Gas pero’ e’ sinonimo anche di energia elettrica, con cui viene prodotta, che due giorni fa ha superato la soglia dei 540 euro al MWh sulla piazza di Lipsia, dove ha sede la Borsa Europea dell’Energia (Eex). Per la Svizzera il prezzo e’ stato di 545,84 euro al MWh in condizioni normali e di 562,49 euro al MWh per le condizioni di picco. In Austria si sono toccati i 555,13 euro in condizioni normali e i 575,33 euro nelle ore di picco, mentre in Germania il prezzo per MWh e’ stato di di 551,95 euro a condizioni normali e di 569,9 euro nei picchi. Livelli simili si sono registrati in Francia, roccaforte del nucleare, dove sono stati chiesti 552,85 euro al MWh in condizioni normali e 577,42 euro in condizioni di picco, mentre in Italia il prezzo medio fissato per la giornata di ieri e’ stato di e’ di 537,99 euro al MWh. In lieve calo la quotazione per domani a 501,34 euro, ma sempre su valori allarmanti per la tenuta delle imprese e delle famiglie.

Continua a leggere

Economia

L’Unione europea cresce piano, l’Italia corre e doppia la Francia

Pubblicato

del

Eurozona e Ue ancora in crescita nel secondo trimestre, con un passo che appare decisamente piu’ brillante per l’Italia, mentre resta ferma la Germania, ‘locomotiva d’Europa’. E’ la fotografia dell’ufficio di statistica dell’Unione, Eurostat, che stima in crescita dello 0,6% nel secondo trimestre dell’anno il prodotto interno lordo sia nei Paesi dell’euro e sia nell’Ue (nel primo trimestre il Pil era cresciuto dello 0,5% nell’Eurozona e dello 0,6% nell’Unione). Per l’Eurozona si tratta comunque di una revisione al ribasso rispetto alla prima stima flash fatta lo scorso 29 luglio da Eurostat, che aveva stimato una crescita dello 0,7% per i soli Paesi dell’euro. L’occupazione e’ salita invece dello 0,3% (+0,6% nel primo trimestre nell’eurozona e +0,5% nell’Ue). Nel confronto con gli altri Paesi europei, dunque, il Pil dell’Italia appare decisamente sopra la media europea, con una crescita dell’1% nel secondo trimestre rispetto al progresso dello 0,1% dei tre mesi precedenti (+1% nel secondo trimestre e’ la stima del Pil italiano data gia’ dall’Istat il 29 luglio). Il prodotto interno lordo della Germania ha segnato uno zero tondo, dopo il +0,8% di gennaio-marzo. Ha fatto invece +0,5% il Pil della Francia e, tra gli Stati membri piu’ grandi, e’ salito dell’1,1% quello della Spagna. I mercati hanno letto i dati con attenzione e non solo per la limatura della crescita dell’Eurozona fatta rispetto alla prima stima del Pil. I timori per la crescita e il caro prezzi hanno dominato i listini e influenzato i rendimenti dei titoli di Stato, soprattutto dopo la diffusione del dato sull’inflazione nel Regno Unito, balzata a luglio oltre le stime, a nuovi massimi da 40 anni e al 10,1% (il dato era atteso al 9,8% dopo il balzo del 9,4% segnato gia’ a giugno). Anche in scia all’avvio in calo a Wall Street – in attesa delle minute della Fed – i mercati europei hanno cosi’ tutti perso terreno. Milano ha chiuso in calo dell’1,04%, mentre lo spread ha allargato di quasi 7 punti il divario tra Btp e Bund tedesco con il rendimento dei titoli decennali italiani salito di 18 punti al 3,304%. Decisamente peggio ha fatto la Borsa di Francoforte che ha terminato in ribasso del 2,05%. Parigi ha chiuso in calo dello 0,97%, mentre ha registrato una flessione contenuta allo 0,27% Londra. La fotografia di Eurostat sui Paesi Ue mostra grandi divari, quasi un andamento a pelle di leopardo. Appare in testa la crescita del Pil dei Paesi Bassi (+2,6%, dopo +0,5% nel primo trimestre), seguiti da Romania (+2,1% dopo +5,1% nel primo trimestre) e Svezia (+1,4% dopo il -0,7% del primo trimestre). In deciso calo, invece, il pil della Polonia (-2,3% dopo il +2,5% del primo trimestre), seguita dalla flessione di Lettonia (-1,4%, dal +3,4% del primo trimestre) e Portogallo (-0,2%, dopo un +2,5%). Le stime di Eurostat sul secondo trimestre confermano un quadro poi per gli Usa in recessione tecnica, con il Pil in calo dello 0,2% (-0,4% nel primo trimestre), rispetto al dato stimato a -0,9% per il secondo trimestre dal dipartimento del Commercio Usa negli ultimi giorni di luglio. Eurostat ha anche diffuso in giornata il dato sulla registrazione di nuove imprese, ancora in calo nel secondo trimestre dopo gia’ un avvio d’anno negativo, con una flessione del 2% nell’Eurozona e dell’1,2% nell’Ue. Le dichiarazioni di fallimento sono invece aumentate nell’Unione per il quarto trimestre consecutivo, salendo del 2,2% tra aprile e giugno. In Italia si e’ visto un calo del 5,2% della registrazione di nuove imprese nel secondo trimestre (-3,5% nel primo trimestre). Rispetto allo stesso trimestre del 2021 le richieste di bancarotta in Italia nel secondo trimestre di quest’anno si sono ridotte del 14,7% (manca il confronto con il primo trimestre ’22; il dato e’ cresciuto del 6,4% nell’Eurozona, +6% nell’Ue). Anno su anno, poi, nel trimestre le nuove registrazioni sono calate del 7% in Italia (-4,9% nell’eurozona, -3,1% nell’Ue).

Continua a leggere

Economia

Debito: nuovo record a giugno, sale 11 miliardi a quota 2.766 miliardi

Pubblicato

del

Cresce di 11,2 miliardi il Debito pubblico a giugno e tocca quota 2.766,4 miliardi di euro, raggiungendo una nuovo record in valori assoluti. E’ quanto emerge dai dati riportati dal Supplemento Finanza Pubblica del bollettino della Banca d’Italia. Dall’inizio dell’anno, quando il Debito si attestava a 2.714,2 miliardi la crescita e’ stata dell’1,9%.

L’aumento mensile del debito – spiega Bankitalia – e’ dovuto all’incremento delle disponibilita’ liquide del Tesoro (4,9 miliardi, a 86,2), al fabbisogno (4,2 miliardi) e all’effetto complessivo di scarti e premi all’emissione e al rimborso, della rivalutazione dei titoli indicizzati all’inflazione e della variazione dei tassi di cambio (2,2 miliardi). Con riferimento alla ripartizione per sottosettori, il debito delle Amministrazioni centrali e’ aumentato di 12,5 miliardi mentre quello delle Amministrazioni locali e’ diminuito di 1,3 miliardi; il debito degli Enti di previdenza e’ rimasto pressoche’ invariato. Alla fine di giugno sia la quota del debito detenuta dalla Banca d’Italia sia la vita media residua del debito sono rimaste stabili, rispettivamente al 25,8 per cento e a 7,7 anni.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto