Collegati con noi

In Evidenza

Federer spiega l’addio, avevo smesso di crederci: ultima partita in doppio con Nadal

Pubblicato

del

“Ho smesso di credere di poter continuare a giocare dopo una serie di infortuni”. Eccola qui la ragione principale che ha portato Roger Federer ad annunciare il suo addio al tennis, dopo una carriera irripetibile che lo ha portato per anni nell’Olimpo del tenni-, A spiegarlo e’ lo stesso 41enne campione svizzero in una intervista alla Bbc a poche ore dal suo ultimo match, probabilmente un doppio nella Laver Cup a Londra con il rivale di sempre Rafael Nadal. “Gli ultimi tre anni sono stati a dir poco difficili – ha aggiunto Federer, il cui ultimo Slam vinto risale al 2018 agli Open d’Australia – Sapevo di essere su una lastra di ghiaccio molto sottile in quest’ultimo anno, da quando ho giocato a Wimbledon. Ho provato a tornare ma c’era un limite a quello che potevo fare. E ho smesso di crederci, a dire il vero”. Federer sperava di tornare a giocare a tempo pieno nel 2022, ma ha detto che non e’ andata come pensava. “Molto rapidamente ci siamo resi conto che era cosi’. Poi la domanda diventa: come si annuncia e quando si annuncia? Sono state settimane dalle forti emozioni per poter passare attraverso quelle parole e cercare di farlo bene, in modo da ringraziare tutte le persone che mi hanno aiutato in questo lungo percorso”. L’evento a squadre della Laver Cup a Londra da venerdi’ dara’ a Federer un’ultima possibilita’ di giocare in modo competitivo come parte dei “Big Four” che hanno dominato il tennis negli ultimi due decenni. Rafael Nadal, che detiene il record di titoli del Grande Slam con 22, Novak Djokovic, che ne ha vinti 21, e il due volte campione di Wimbledon Andy Murray giocheranno tutti insieme come parte del Team Europe. “Sono abbastanza sorpreso di come sto giocando bene negli allenamenti qui – assicura lo svizzero – Ma era gia’ chiaro in anticipo che avrei giocato solo in doppio, probabilmente venerdi’ sera. Ecco perche’ arrivare fino a giocare agli Swiss Indoors a Basilea non era piu’ un’opzione praticabile. L’addio? Ho sempre respinto i miei pensieri sul ritiro – ha poi ammesso Federer – Ho sempre detto, piu’ ci penso, piu’ sono gia’ a meta’ pensione e questo non e’ il modo di andare a lavorare, per me come tennista: quindi no, mi dicevo, lo affrontero’ quando arrivera’”. E ora che il momento e’ arrivato lo svizzero pensa alla sua seconda vita fuori da campo da tennis: “Non avrei mai pensato di dire una cosa del genere ma sei mesi fa all’improvviso ho pensato: perche’ non commentare il tennis un giorno, chissa’? Anche se ho sempre detto che non l’avrei mai fatto. Ma magari alcune partite di Wimbledon..”,

Advertisement

In Evidenza

Quirinale attento: strada tracciata, comportamenti saranno lineari

Pubblicato

del

Il voto del 25 settembre disegna una maggioranza ampia ed anche, ad oggi, coesa sul nome del premier, quindi l’esito e’ tracciato. E i comportamenti saranno lineari rispetto al risultato elettorale e alla costituzione. Con questo dato acquisito Il Colle sta gia’ elaborando i risultati delle elezioni politiche. Sembrano lontani anni luce gli interrogativi della primavera 2018 quando i risultati delle urne non diedero numeri chiari costringendo il Quirinale ad un uso compulsivo del pallottoliere e a consultazioni che di fatto durarono quasi tre mesi. Per poi arrivare alla coalizione gialloverde, tra la Lega e M5s, che nessuno aveva neanche ipotizzato durante la campagna elettorale di 4 anni fa. Oggi e’ tutto piu’ semplice e il temibile Rosatellun ha dato una maggioranza incredibilmente omogenea anche al Senato, tallone d’Achille di ogni esecutivo. Per questo Sergio Mattarella, naturalmente silente durante la campagna elettorale, ora si prepara ad entrare in scena in un palcoscenico dove ogni cosa sembra in ordine: i numeri di maggioranza; la convinzione che la coalizione di centrodestra non gli indichera’ come premier nessun altro se non Giorgia Meloni; e, last but not least, l’eredita’ del passato gia’ consegnata alle forze politiche del modo di pensare ed agire del presidente Mattarella. In primis i paletti inderogabili di atlantismo ed europeismo. Non ci sara’ bisogno questa volta, o almeno c’e’ una ragionevole convinzione che non accadra’, di dover segnalare l’inopportunita’ di inserire nella lista dei ministri qualche nome inappropriato rispetto alle scelte fondamentali di politica estera ed economica dell’Italia. Come successe, ad esempio, proprio in quelle settimane concitate di fine primavera del 2018 quando i Cinque Stelle proposero Paolo Savona all’Economia – considerato troppo anti-europeista – aprendo un braccio di ferro istituzionale con il presidente della Repubblica. Che ha voce in capitolo nella formalizzazione dei ministri come spiega con chiarezza l’articolo 92 della Costituzione: “il Governo della Repubblica e’ composto del Presidente del Consiglio e dei Ministri, che costituiscono insieme il Consiglio dei Ministri. Il Presidente della Repubblica nomina il Presidente del Consiglio dei Ministri e, su proposta di questo, i Ministri”. Si tratta quindi del necessario incontro di due volonta’ e poteri, nella cornice Costituzionale. Non c’e’ dubbio che questa regola vale anche per il futuro esecutivo, almeno per i ministeri che il presidente considera di garanzia, cioe’ al minimo Esteri, Difesa ed Economia. La tempistica porta a cerchiare in rosso le giornate di fine ottobre come inizio delle consultazioni. Il presidente come di consueto sentira’ i gruppi parlamentari che si saranno appena formati, e i nuovi presidenti delle Camere. Se l’indicazione sara’ chiara, come appare oggi, e’ probabile un incarico diretto a Giorgia Meloniche poi si ripresenterà al Quirinale con la lista dei ministri.

Continua a leggere

Esteri

Sono 261mila gli uomini arruolabili fuggiti dalla Russia per non andare in guerra

Pubblicato

del

Secondo l’Fsb, i servizi di sicurezza russi, 261 mila uomini in età di chiamata alle armi avrebbero lasciato la Russia tra mercoledi’ e sabato scorso, dopo l’annuncio sulla mobilitazione parziale. Lo riporta un tweet di Meduza, citando la Novaya Gazeta Europe. Un esodo che – scrive il media russo – sarebbe alla base della discussione all’interno dell’amministrazione presidenziale sulla chiusura dei confini agli uomini in età arruolabile.

Continua a leggere

Economia

Effetto Meloni, la Borsa di Milano regge ma lo spread sale ai massimi da 2 anni

Pubblicato

del

Bene la Borsa, male i titoli di Stato. Questo il ‘verdetto’ dei mercati dopo il voto politico in Italia, con Piazza Affari di qualche frazione miglior mercato azionario europeo mentre lo spread ha sofferto, toccando i massimi dal maggio 2020. Un giudizio a due facce spiegato da analisti e operatori in modo semplice: in Borsa le vendite sui titoli italiani avevano anticipato il voto e ora un risultato chiaro aiuta i mercati, mentre i titoli di Stato a causa dell’enorme debito strutturale hanno accusato piu’ di altri il forte nervosismo sui timori sempre piu’ concreti di recessione. In questo clima Piazza Affari ha chiuso in aumento dello 0,6%, con Amsterdam che e’ salita dello 0,1%, mentre Londra ha concluso piatta nel pieno della crisi della sterlina e Parigi ha registrato un calo dello 0,2%. Piu’ deboli i listini azionari di Francoforte, che ha ceduto lo 0,4%, e di Madrid, in calo dello 0,8%. A Milano tra i titoli principali bene Fineco (+3,5%) e giu’ Enel, che ha perso due punti percentuali, ma e’ stata una seduta senza scosse particolari. Molto piu’ caldo il mercato dei titoli di Stato: lo spread tra Btp e Bund tedeschi a 10 anni ha infatti toccato un massimo di 243 punti base e nel finale il tasso del bond italiano e’ arrivato al 4,53%, correggendo ancora il livello piu’ alto dal 2013. Il rendimento del prodotto del Tesoro e’ aumentato di 21 punti base, contro i 9 del bond tedesco e gli 11 di quelli francesi e spagnoli. Importante la corsa anche dei prodotti a scadenza piu’ breve: +20 ‘basis point’ per i Btp a 5 anni, +15 per quelli a due anni. Secondo gli analisti ora molto dipendera’ dai rapporti che il prossimo governo, alla prova della legge di Bilancio e del Pnrr, avra’ con la Ue, e di conseguenza dalle capacita’ della Bce, che va oltre l’esito delle elezioni italiane, di intervenire sugli spread. “L’assenza di grandi sorprese dalle elezioni dovrebbe ridurre il rischio di un cambiamento importante nell’approccio del mercato ai Btp, almeno come prima reazione”, affermano gli analisti della spagnola Bbva, secondo i quali “le prospettive di medio termine non sono cambiate dopo le elezioni: a nostro avviso gli spread sono ancora leggermente orientati verso l’alto”. Il problema e’ che i mercati temono chiaramente l’arrivo della recessione. A partire dal calo della fiducia delle imprese in Germania, che in settembre vedono l’indice Ifo a 84 punti rispetto agli 88 di agosto, una flessione superiore alle attese. Per S&P Global poi “e’ imminente un netto rallentamento della crescita dell’eurozona”, con “due o tre trimestri di attivita’ debole o addirittura in calo”. L’agenzia di rating vede infatti un 2023 ‘tragico’, con un taglio delle previsioni di crescita dell’Eurozona e il Pil italiano rivisto per l’anno prossimo da un aumento del 2,1% a un calo dello 0,1%. E infine e’ arrivata anche la presidente della Bce, Christine Lagarde, che in audizione al Parlamento europeo disegna il 2023 come “un anno difficile, di cui molto probabilmente il primo trimestre sara’ negativo poiche’ riteniamo che anche il quarto trimestre del 2022 sara’ negativo”. Lagarde prevede anche nuovi rialzi dei tassi di interesse, non interpretando lo ‘scudo’ della Bce come “uno strumento inteso per un Paese specifico”. E comunque il Tpi “non e’ l’unico strumento: abbiamo una varieta’ di strumenti che abbiamo usato da luglio”, spiega Lagarde. Tutte prospettive alle quali guardano i mercati, con l’euro ancora molto debole sceso a quota 0,962 contro il dollaro, il petrolio che fatica a tenere quota 77 dollari al barile e anche il gas in discesa (-6%) a 173 euro al Megawattora.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto