Collegati con noi

Uncategorized

Fca, a Pomigliano tutto pronto per la festa dei 40 anni della Panda

Avatar

Pubblicato

del

I ‘primi’ quaranta anni della Panda saranno festeggiati nello stabilimento Fca di Pomigliano d’Arco con un evento in programma il prossimo 25 febbraio al quale prendera’ parte Pietro Gorlier, Ceo Emea Region. “Una storia di successo e tecnologia a Pomigliano”, il titolo dell’evento, durante il quale Gorlier illustrera’ anche i progressi degli investimenti e i prossimi traguardi della fabbrica, nella quale sono in corso i lavori di riorganizzazione per consentire le nuove produzioni. A Pomigliano, dove dal 2011 si produce la sempre gettonatissima Panda, nonostante i suoi 40 anni, sara’ anche realizzata la versione ibrida dell’utilitaria. Grande attesa tra i sindacati, i cui esponenti sperano che l’occasione sia utile all’annuncio dell’avvio in tempi brevi delle nuove produzioni in modo da consentire la piena saturazione dell’organico, attualmente in regime di cassa integrazione per riorganizzazione.

Advertisement

Uncategorized

Andrea Cavalleri, il suprematista che progettava orrori e stragi con simboli nazi e antisemitismo

Avatar

Pubblicato

del

“Io una strage la faccio davvero… l’ unica cosa da fare è morire combattendo”. Lo scrive in un messaggio Andrea Cavalleri, savonese, 22 anni, arrestato ieri, fanatico della destra radicale.
Insieme con un minorenne indagato a Torino, avevano messo su un’ organizzazione chiamata “Nuovo Ordine Sociale” e poi ribattezzata “Gruppo Fascistone” che aveva come scopo, come scrive il Gip di Genova, “l’incitamento alla discriminazione e alla violenza per motivi razziali e religiosi, nonché il compimento di atti di violenza con finalità di terrorismo o di eversione dell’ ordine democratico, alla quale partecipavano almeno altre tre persone, in corso di identificazione”.
Una cellula che stava cercando di allargarsi anche attraverso colloqui e un questionario con 30 domande – piuttosto elementari: “Cosa pensi di Hitler o Mussolini?”; oppure: “Sei negazionista delle varie bugie sioniste?” – e alla ricerca di alleanze anche all’ estero (come i suprematisti americani della Atomwaffen Division e persino il Ku Klux Klan). Una rete che poteva passare all’azione, stando alle risultanze dell’ inchiesta coordinata dalla Procura di Genova e condotta dalla Digos di Genova e Savona e dal Servizio per il contrasto dell’ estremismo e del terrorismo interno della Polizia. Oltre all’arresto di Cavalleri, anche una dozzina di perquisizioni in diverse città italiane.

Continua a leggere

Spettacoli

Asia Argento e Fabrizio Corona: ritorno di fiamma o solo pubblicità?

Avatar

Pubblicato

del

Un bacio appassionato e tante foto e video, una specie di party per pochi, quello immortalato su Instagram che vede protagonisti Asia Argento e Fabrizio Corona. Un ritorno di fiamma oppure ‘solamente amici’ com’è scritto su uno dei post? E chi lo sa! Negli scatti i due fanno vedere i reciproci tatuaggi, fumano, ballano, cantano… L’occasione dell’incontro la presentazione del libro di lei “Anatomia di un cuore selvaggio”.

Asia Argento e Fabrizio Corona nella foto pubblicata su @Instagram

 

Fabrizio Corona però starebbe per sposarsi: a novembre a Milano sono state esposte le pubblicazioni per il suo matrimonio con la signorina Lia del Grosso, organizzatrice di eventi. Hanno 180 giorni di tempo per convolare a nozze, cioè più o meno fino agli inizi di maggio. Se questo bacio appassionato è solo un gesto di amicizia…

 

Continua a leggere

Uncategorized

Minacce mafiose per riavere denaro, vanno a processo due sacerdoti

Avatar

Pubblicato

del

Prendera’ il via il prossimo 12 aprile, davanti al Tribunale collegiale di Vibo Valentia, il processo a carico di due sacerdoti vibonesi, Graziano Maccarone, segretario particolare del vescovo di Mileto, e Nicola De Luca, reggente della chiesa Madonna del Rosario di Tropea, accusati di tentata estorsione con l’aggravante delle modalita’ mafiose. E’ la decisione assunta dal gup distrettuale di Catanzaro che ha accolto la richiesta avanzata dalla Dda nei confronti dei due sacerdoti assistiti dagli avvocati Giovanni Vecchio e Fortunata Iannello. Secondo la tesi accusatoria i due sacerdoti avrebbero minacciato un conoscente per avere indietro dei soldi che gli avevano prestato vantando amicizie con la cosca Mancuso di Limbadi. Maccarone avrebbe anche scambiato oltre 3.000 messaggi a sfondo sessuale con la figlia disabile del debitore. I fatti oggetto dell’inchiesta, condotta dalla squadra mobile di Vibo Valentia e coordinata dal procuratore di Catanzaro Nicola Gratteri e dal pm della Dda Annamaria Frustaci, risalgono al 2012. L’aggravante delle modalita’ mafiose viene contestata in quanto Maccarone, nel corso di un incontro, avrebbe specificato che “il cugino mio e’ Luigi, il capo dei capi”. Successivamente, sempre secondo l’accusa, il prete avrebbe contattato un parente di Nicotera, considerato legato al boss Pantaleone Mancuso detto “Scarpuni”, facendo poi recapitare al debitore il messaggio di stare attento “che avrebbe fatto una brutta fine”.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto