Collegati con noi

Cronache

Facebook e le chiusure arbitrarie dei profili social: ne parliamo a Juorno Live Interview con l’avvocato Giovanni Mastroianni

Avatar

Pubblicato

del

Ospite di Juorno Live Interview, stasera giovedì 27 maggio alle 18:30, è l’avvocato casertano Giovanni Mastroianni, con cui affronteremo un tema che coinvolge un numero sempre più grande di utenti online: la chiusura arbitraria dei profili da parte di Facebook. Un tema che Mastroianni ha già affrontato a più riprese, portando il social nelle aule dei tribunali e riuscendo ad ottenere la riattivazione dei profili oscurati. Col fine ultimo di difendere gli utenti dall’arbitrarietà dei social, Mastroianni ha creato il comitato Tutela Utenti Online. Spiegheremo come funzionerà questo organismo e cercheremo di comprendere in che modo il legislatore potrebbe intervenire per regolamentare il comportamento dei colossi digitali.

Quando è chiamata a gestire la segnalazione di un account o di un contenuto ritenuto inappropriato, Facebook non offre diritto di replica, non spiega all’utente i motivi del blocco. Ad un certo punto può decidere la chiusura definitiva dell’account e informa l’utente con un messaggio generico che recita: “Non puoi usare Facebook perché il tuo account, o le attività al suo interno, non hanno rispettato i nostri Standard della community. Abbiamo già controllato questa decisione e non può essere annullata”. Ma quale di questi standard è stato violato? Non è dato saperlo. La vittima a quel punto non può far altro che adire le vie legali per ottenere la riattivazione del profilo, con tutti i costi e le incertezze derivanti da una scelta del genere.

Le responsabilità sono scaricate su un algoritmo che stabilisce cosa è giusto o meno pubblicare, e analizza parole e frasi incriminate senza considerare il contesto del discorso in cui sono inserite. In questo modo è facile che vengano colpiti post e profili che non hanno in realtà violato alcuno standard, mentre troppo spesso post contenenti fake news o che inneggiano alla violenza restano lì dove sono. In molti casi a generare il ban sono vere e proprie segnalazioni di massa, ordite per colpire in modo scientifico chi diffonde notizie scomode o opinioni distanti dalle proprie posizioni. Il nocciolo della questione è che i social network sono aziende private, ma, coinvolgendo ormai miliardi di persone, svolgono un servizio pubblico. È quindi necessario che inizino a darsi norme eque e trasparenti, in grado di tutelare i diritti dell’enorme platea che li frequenta.

Advertisement

Cronache

Ginecologo Stefano Ansaldi sgozzato, si va verso l’archiviazione: la famiglia non ci sta

Avatar

Pubblicato

del

Mentre le indagini sulla strana morte del ginecologo campano Stefano Ansaldi, trovato sgozzato il 19 dicembre vicino alla stazione Centrale di Milano, non sono ancora chiuse e potrebbe arrivare, pero’, una richiesta di archiviazione, i legali della famiglia del medico hanno predisposto una consulenza di parte. Consulenza dalla quale si configurerebbe l’ipotesi dell’omicidio, come alternativa a quella del suicidio, confermata dagli esiti finali dell’autopsia nelle indagini della Procura e dei carabinieri. L’inchiesta, di cui era titolare il pm Adriano Scudieri (dal primo giugno alla Procura Europea), e’ stata riassegnata dall’aggiunto Laura Pedio al pm Cecilia Vassena, che nelle prossime settimane dovra’ trarre le conclusioni.

L’ipotesi prevalente e’ quella del dramma personale, dopo che inquirenti e investigatori hanno lavorato per accertare ogni elemento su un possibile omicidio in una vicenda piena di particolari strani. La consulenza, che al momento non e’ ancora stata depositata agli inquirenti milanesi, e’ stata richiesta dall’avvocato Francesco Cangiano e affidata al medico legale Fernando Panarese. Un pool di esperti nominati dalla Procura aveva concluso per l’ipotesi del “gesto autolesivo”, mentre la famiglia e’ sempre stata convinta che il 65enne sia stato ucciso e, secondo la consulenza, da una persona che aggredendolo alla spalle gli ha reciso la gola. Dalle indagini, pero’, e’ emerso che i testi, che hanno visto cadere a terra il medico sotto un’impalcatura in via Macchi, non hanno visto il presunto aggressore scappare. Le stesse telecamere di sorveglianza della zona non hanno inquadrato persone sospette in fuga. Vicino al corpo sono stati ritrovati il Rolex di Ansaldi (aveva difficolta’ finanziarie ed era arrivato quel giorno col treno da Napoli) e una valigetta con pochi oggetti personali. Ansaldi indossava guanti in lattice e sul coltello non sono state trovate impronte. Si e’ cercato di capire se il ginecologo avesse un appuntamento, ma dalle indagini non sono arrivate conferme. Se i pm chiederanno l’archiviazione, la famiglia si opporra’ e la parola a quel punto passera’ al gip.

Continua a leggere

Cronache

Carceri, Fico pensa ad altre migliaia di scarcerazioni: il Parlamento trovi misure alternative

Avatar

Pubblicato

del

“Resto convinto dell’esigenza di apprestare soluzioni strutturali al problema del sovraffollamento carcerario che attualmente si configura per i detenuti come una pena aggiuntiva rispetto a quella cui sono stati condannati. Credo che il Parlamento debba valutare con attenzione, per un verso, interventi legislativi che consentano la riduzione della popolazione carceraria, favorendo in particolare il ricorso a misure alternative”. Lo afferma il presidente della Camera Roberto Fico intervenendo, a Montecitorio, alla Presentazione della relazione 2021 del Garante Nazionale dei diritti delle persone private della libertà personale. “Per altro verso, occorre assicurare la possibilità di svolgere in carcere le attività finalizzate al recupero e al reinserimento sociale del condannato, imposte dal valore rieducativo previsto dalla Costituzione”, conclude. E questo Fico lo dice a distanza di pochi mesi da altre migliaia di scarcerazioni causate dal covid e dal rischio contagio.

 

Nelle carceri italiane sono attualmente presenti 53.661 detenuti, una presenza che “commisurata alla capienza effettiva di posti disponibili, limitata a 47.445 (anche se formalmente attestata a 50.781 posti regolamentari) indica la necessita’ di interventi che riducano la pressione”. Lo mette in evidenza il Garante delle persone private della liberta’ personale, Mauro Palma, nella Relazione annuale al Parlamento. Sono 1.801 i condannati all’ergastolo. Piu’ di un terzo delle persone detenute – sottolinea Palma – hanno una previsione di rimanere in carcere per meno di tre anni e “ben 1.212 sono quelle che sono state condannate a una pena inferiore a un anno”: secondo il garante “una immagine plastica della fragilita’ sociale che connota gran parte della popolazione detenuta, perche’ indica coloro che non accedono a misure che il nostro ordinamento prevede, spesso anche perche’ privi di fissa dimora”. La relazione di Palma mette in luce da una parte, un dato positivo, la presenza in carcere di 1.034 persone iscritte all’universita’, dall’altra quello negativo di 854 persone analfabete e di 6.052 che non hanno la licenza media inferiore.

Continua a leggere

Cronache

Uccide la moglie, il pm di Milano: deve restare in carcere

Avatar

Pubblicato

del

Il pm di Milano Giovanni Tarzia ha inoltrato stamani all’ufficio gip la richiesta di convalida dell’arresto e di custodia cautelare in carcere con le accuse di omicidio e tentato omicidio, aggravate dai rapporti di parentela, per Jaime Moises Rodriguez Diaz, il 41enne messicano arrestato sabato scorso ad Arese, nel Milanese, per aver ucciso la moglie, Silvia Susana Villegas Guzman, 48 anni, e per aver, poi, tentato di ammazzare anche uno dei figli, che ha 18 anni. Stando alle indagini dei carabinieri di Rho e della Procura, l’uomo ha soffocato all’alba la moglie, probabilmente con un cuscino (l’autopsia disposta potra’ chiarire meglio le cause). Con lei aveva spesso, a dire dei vicini, litigi violenti perche’ credeva che avesse una relazione. Rodriguez Diaz, poi, sempre nell’abitazione in cui la famiglia arrivata dal Messico era andata a vivere da circa un mese, avrebbe anche cercato di assassinare il suo primogenito con cui discuteva e si scontrava. Il ragazzo, ancora nel dormiveglia, si e’ trovato il padre seduto vicino che chiedeva di parlare con lui e al suo rifiuto l’uomo ha preso una cintura di nylon per strangolarlo. “Ho ucciso tua madre e ora tocca a te”, ha detto al 18enne, che fortunatamente e’ riuscito a opporre resistenza e a salvarsi. Dalle indagini e’ emerso il carattere “dispotico” e “autoritario” del 41enne, che dovrebbe essere interrogato dal gip tra domani e dopodomani, mentre davanti al pm non ha risposto alle domande. I tre figli della coppia (il piu’ piccolo ha 10 anni) sono stati affidati al momento al Comune di Arese.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto