Collegati con noi

Sport

Euro 24: Germania 5-1 all’esordio, travolta la Scozia

Pubblicato

del

Basta un tempo alla Germania per risolvere la pratica Scozia nella partita di apertura degli Europei 2024 e scacciare i fantasmi di un clamoroso flop nel torneo di casa: finisce 5-1 dopo un primo tempo chiuso già sul 3-0 per i padroni di casa. La squadra di Julian Nagelsman gioca bene, convince e diverte i 66mila dell’Allianz Arena di Monaco.

Un segnale inviato a tutte le pretendenti al titolo: ci siamo anche noi. Ma la festa allo stadio inizia ancora prima con l’emozionante ricordo di Franz Beckenbauer, morto a 78 anni lo scorso 7 gennaio. Poco prima dell’ingresso delle squadre l’omaggio al Kaiser Beckenbauer: la vedova Heidi ha portato in campo il trofeo dell’Europeo insieme ai due capitani tedeschi vincitori del campionato europeo, Bernard Dietz (1980) e Jurgen Klinsmann (1996).

Sullo sfondo un video molto emozionante. Ma la febbre di Euro 2024 aveva invaso le strade di Monaco già nel tardo pomeriggio. In un’atmosfera amichevole, l’imponente Tartan Army, il soprannome dei tifosi scozzesi (la stima è di circa 200.000 in Germania per tutta la durata della competizione), ha occupato la Marienplatz nel centro di Monaco. Mentre la fan zone del Parco Olimpico (35.000 posti) era già esaurita alle 18.00, tre ore prima del calcio d’inizio. L’atmosfera ha caricato i tedeschi. Neanche il tempo di battere il calcio d’inizio che la squadra di casa sfiora l’1-0: è il segno di tutta la gara. Wirtz è implacabile e apre le danze al 10′: sua la prima rete di Euro 2024.

Dopo 9′ è il turno di Musiala. In venti minuti il punteggio è già sul 2-0 con la Germania che non concede nulla alla squadra di Clark incapace di avvicinarsi all’area difesa da Neuer. Ci si attende una reazione scozzese ma nel finale della prima frazione arriva il 3-0 realizzato dal Havertz grazie ad un calcio di rigore concesso per un brutto fallo in area di Porteous su Gundogan. Intervento scomposto che costa anche il rosso (dopo il consulto al Var) al difensore ospite.

Nella ripresa con la Scozia in 10 la partita non cambia. Al 23′ arriva il quarto gol. Fullkrug recupera un pallone a ridosso dell’area e conclude splendidamente in rete con una fucilata sotto la traversa. E’ poker per la Germania con i tifosi che festeggiano sugli spalti. La Germania continua a spingere, mentre la Scozia appare impotente. Sul finale, però, la squadra di Nagelsman appare rilassarsi in fase difensiva. E al 42′ puntuale arriva il conto: punizione della Scozia, colpo di testa di McKenna che viene deviato involontoriamente da Rudiger che supera un incolpevole Neuer.

Si va sul 4-1. Il ct tedesco ha un gesto di stizza in panchina, irritato dalla leggerezza dei suoi. Suona come un richiamo all’ordine. I padroni di casa tornano a macinare gioco e a farsi pericolosi dalle parti di Gunn. Al 48′ nell’ultimo minuto di recupero arriva il 5-1: destro dal limite di Can che fissa il punteggio e chiude l’incontro. Il pubblico celebra la propria squadra: finalmente sono messe da parte le critiche degli scorsi mesi. Ma soprattutto sembrano allontanati i timori di un debutto negativo nel torneo casalingo. Le prossime prove saranno certo più impegnativa per i tedeschi che se la vedranno con Svizzera ed Ungheria per il primato nel Gruppo A. Domani elvetici e magiari si affronteranno in un match che potrebbe già essere decisivo in chiava qualificazione agli ottavi.

Advertisement
Continua a leggere

Sport

Conte vede un buon Napoli per un tempo, Mantova battuto

Pubblicato

del

Primo tempo positivo per il Napoli che batte 3-0 il Mantova nella seconda amichevole nel ritiro di Dimaro. Antonio Conte prova una formazione di 3-4-2-1, con Cheddira centravanti, con Politano e Lindstrom alle spalle, e un centrocampo con Anguissa e Iaccarino centrali e Mazzocchi e Spinazzola sulle fasce, mentre in difesa una chance per mostrarsi a Natan, con Rahmani e con Rafa Marin. Restano invece in fuori dalla squadra Osimhen, che aspetta la fine della trattativa con il Psg per salutare l’azzurro, e l’infortunato Cajuste. In campo Conte è conscio della stanchezza dei suoi ma vuole vedere, anche se a momenti, la pressione del Napoli sulla costruzione del Mantova, con Anguissa e Spinazzola che comandano bene contro la squadra di Possanzini, ex vice di De Zerbi e che lo scorso anno ha portato il Mantova alla promozione dalla C alla B. Il Napoli è determinato per mostrare che gli allenamenti di Dimaro stiano già facendo funzionare gli schemi del nuovo tecnico e trova il vantaggio dopo 4′, quando Iaccarino ruba palla al Mantova e passa a Politano, che vede subito Lindstrom che si inventa un preciso diagonale dell’1-0.

Il Napoli pressa, ha un bel dialogo a centrocampo tra Anguissa e Iaccarino, pronto a mostrarsi protagonista, e trova il raddoppio al 10′ quando Cheddira gira bene l’assist per Spinazzola che trova il tiro del 2-0, nella gioia dei 1600 tifosi. La partenza forte vede anche il 3-0 al 16′, quando Cheddira segna raccogliendo bene palla su angolo ed esulta in un match in cui si mostra, cercando posto anche sul mercato per un club in cui sia protagonista. In avvio di ripresa Conte inserisce Simeone per Cheddira, Rui per Spinazzola, Ngonge per Politano, Zerbin al posto di Mazzocchi, Ostigard al posto di Rafa Marin e Juan Jesus per Natan. In attacco Simeone entra con voglia, ha un paio di occasioni ma sbaglia e dopo un quarto d’ora soffre per un problema all’inguine ed esce, lasciando posto ad Ambrosino, poco prima che Conte inserisca Gaetano per Lindstrom. Nella ripresa le sostituzioni continuano, il ritmo cala e il risultato resta 3-0. Domani per il Napoli ultima giornata con doppio allenamento a Dimaro e partenza in serata per Napoli in vista dell’inizio il 25 luglio della seconda parte di ritiro a Castel di Sangro, in Abruzzo, dove Conte accoglierà anche i nazionali.

Continua a leggere

Sport

Tennis: Tsitsipas battuto, Berrettini in finale a Gstaad

Pubblicato

del

Matteo Berrettini ha raggiunto la finale del torneo Atp 250 di Gstaad (Svizzera) dopo aver battuto sulla terra rossa il greco Stefanos Tsitsipas, n.12 del mondo e primo favorito del seeding. Il romano ha vinto in due set (7-6, 7-5) una partita dominata dal servizio. Tsitsipas si era imposto in tutte e quattro le sfide precedenti. Domani Berrettini – che proprio a Gstaad, nel 2018, aveva vinto il suo primo titolo Atp – affronterà il francese Quentin Halys che nell’altra semifinale ha superato il tedesco Jan-Lennard Struff.

Continua a leggere

Sport

Su Tivusat le dieci partite del campionato di calcio di Serie A

Pubblicato

del

La nuova stagione del campionato di calcio di serie A si apre con una novità: tutte le 10 partite si potranno seguire su Tivusat con un abbonamento a Dazn. Si potrà seguire il campionato tramite il satellite da ogni parte d’Italia, anche nelle zone (come le comunità montane o le isole) dove internet e il digitale terrestre hanno difficoltà ad arrivare. Aumenta la scelta rispetto allo scorso anno, quando su Tivusat erano visibili solo 7 partite e diminuisce il costo.

L’accordo, sottoscritto da Dazn con Tivùsat, permetterà a tutti gli utenti della piattaforma satellitare italiana, che sono, o che diventeranno, abbonati Dazn, di assistere agli altri eventi trasmessi sui due canali dedicati (214 e 215:) una selezione di partite de La Liga Ea Sports, della serie A di basket e del volley. Oltre al grande calcio l’offerta gratuita di Tivusat comprende otto canali tematici in Hd: film cult, produzioni originali, serie di tendenza, cinema d’autore e fiction; i grandi film nazionali e internazionali, dai classici del passato ai successi di oggi e ai grandi broadcaster, fino a opere inedite di registi emergenti e a veri e proprio tesori restaurati; e infine i classici dell’investigazione e dell’erotismo all’italiana. E naturalmente teatro, musica, documentari e tante rubriche. Nel menu di tivùsat ci sono poi, sempre in alta definizione, 38 canali d’intrattenimento, 22 canali di news e sport, tre canali per bambini e ragazzi e tre per lo shopping. A tutto questo va aggiunto il bouquet esclusivo con sette canali in 4K.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto