Collegati con noi

Cronache

Estate: ripartono gli italiani, in viaggio il 54,5%

Pubblicato

del

Sara’ ancora “un’estate al mare” quella degli italiani ma “lo stile balneare” dovra’ fare inevitabilmente i conti con la pandemia. Ecco allora che pur non tradendo la preferenza per le localita’ marine, si viaggia principalmente in Italia preferendo l’auto come mezzo di trasporto, oltre al relax ci si dedica a passeggiate ed escursioni, non si rinuncia a serate al ristorante o in casa di amici ma ci si tiene alla larga dalle notti in discoteca per paura dei contagi. Almeno secondo l’indagine di Federalberghi sull’estate 2021 secondo cui circa il 54,5% della popolazione, pari a 32,5 milioni di persone, tra maggiorenni (25,8 milioni) e minorenni (6,7 milioni), ha gia’ fatto una vacanza nel mese di giugno o si appresta a farla nei mesi di luglio, agosto e di settembre. Se e’ vero che, rispetto all’anno scorso, gli italiani sembrano aver ripreso confidenza con le vacanze estive, rispetto all’estate 2019, quando gli italiani in vacanza furono 34,6 milioni, mancano ancora all’appello 2,1 milioni di persone. Il 93,3% degli italiani che ha effettuato o effettuera’ una vacanza nel corso dell’estate rimarra’ in Italia, per un totale di 30,1 milioni di persone. Il mare si conferma la meta preferita, seppur in leggera flessione rispetto allo scorso anno (75 contro il 77%), seguito dalla montagna (9,7%). La sensazione di ripresa non si avverte ancora nelle citta’ d’arte e nelle altre localita’ che costituiscono la meta tradizionale dei turisti stranieri. Basti considerare che nei primi mesi del 2021 a Venezia, Roma e Firenze il tasso di occupazione delle camere e’ crollato di oltre il 70% rispetto al 2019. “Che il movimento turistico degli italiani in questa estate 2021 stia riprendendo quota non puo’ che essere una buona notizia – commenta Bernabo’ Bocca, presidente di Federalberghi – e questo e’ un passaggio essenziale che ci da’ la misura di quanto sia stata significativa la campagna vaccinale messa in atto dal nostro Governo in modo radicale. Con la percentuale sempre crescente di vaccinati, la paura di nuovi contagi sembra infatti diminuire rispetto allo scorso anno, malgrado il manifestarsi delle nuove varianti”. “Le ultime norme sul green pass – continua Bocca – hanno tuttavia generato qualche incertezza che potrebbe ripercuotersi sull’andamento della stagione in corso. A fronte di queste impreviste restrizioni che prevederebbero il controllo della certificazione verde nei ristoranti interni all’hotel anche per gli alloggiati, si teme che vi possano essere cancellazioni. Ricordiamo che gli albergatori hanno gia’ posto in essere con la clientela contratti di mezze pensioni che nessuno vorrebbe assolutamente disattendere”. Nella valutazione di una possibile ripresa, e’ importante notare che la durata media della vacanza principale degli italiani si attesta sulle 10 notti rispetto alle 9 del 2020 e conseguentemente la spesa pro capite raggiunge gli 876 euro, contro i 673 euro dello scorso anno. “Gli italiani in sostanza – aggiunge Bocca – stanno tornando a ragionare per se’ e per la propria famiglia in termini di vacanze piu’ lunghe. La maggior parte di coloro che si negheranno una vacanza invece, lo fara’ principalmente per motivi economici. Questo e’ un dato che non avremmo mai voluto rilevare”. Secondo l’indagine, cio’ che verra’ prodotto in termini di giro d’affari (includendo le spese di viaggio, vitto, alloggio e divertimenti) tocchera’ i 22,7 miliardi di euro contro i 14,3 miliardi di euro dello scorso anno (+58,7% circa). Di questi, pero’, solo il 21,4% e’ destinato ad essere speso per il pernottamento, quindi in sostanza arriveranno alle imprese ricettive meno di 5 miliardi. “In tempi normali canteremmo vittoria – conclude Bocca – ma sfortunatamente troppe ferite sono ancora aperte nel nostro comparto. Abbiamo pagato piu’ di altri le conseguenze dovute al dramma della pandemia: non possiamo dimenticare che nei primi 6 mesi dell’anno nel settore ricettivo sono gia’ andati persi 6,7 miliardi di euro in termini di fatturato”.

Advertisement

Cronache

Percepivano Reddito cittadinanza senza titolo, 95 denunciati

Pubblicato

del

Non si fermano gli accertamenti dei Carabinieri del Comando Provinciale di Roma, mirati alla verifica del possesso dei requisiti utili alla concessione del “Reddito di Cittadinanza”. Infatti, le denunce di oggi seguono quelle dei Carabinieri del Nucleo Investigativo di Roma, a conclusione di un’ampia attività di riscontro e verifica, che avevano già portato alla denuncia a piede libero di 23 soggetti – tre dei quali cittadini stranieri – che risultano indagati in operazioni di servizio più articolate: nel caso specifico, le posizioni prese in esame dai Carabinieri di via In Selci furono perlopiù quelle degli indagati nell’operazione “Tritone”- a seguito della quale 65 persone finirono agli arresti, alcune delle quali gravemente indiziate di far parte di un’associazione per delinquere di stampo mafioso per aver costituito una “locale” di ‘ndragheta con base tra Anzio e Nettuno, riuscendo ad infiltrarsi anche nelle pubbliche amministrazioni e gestendo operazioni di narcotraffico internazionale – e altre recenti operazioni. Le nuove verifiche, eseguite con il supporto del Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro e l’analisi dell’anagrafe, della Banca Dati Motorizzazione Civile e INPS, che permettono di avere un quadro ampio ed esaustivo circa la regolarità o meno delle istanze presentate per ottenere il sussidio, hanno portato alla denuncia a piede libero di 95 persone – 52 cittadini stranieri e 42 italiani – gravemente indiziati di falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico e truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche. In particolare, i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Roma Piazza Dante hanno accertato che 60 persone, appartenenti a 33 nuclei familiari, a vario titolo, hanno prodotto mendaci dichiarazioni e/o omesso di comunicare all’ente erogatore informazioni rilevanti circa la sussistenza o permanenza dei requisiti per la percezione del reddito di cittadinanza e/o del reddito di emergenza, relativamente al possesso di beni immobili (appartamenti o terreni seminativi) regolarmente intestati e non dichiarati, alla composizione del nucleo familiare ed effettiva residenza, simulando ad arte l’esistenza di più persone nel nucleo familiare per ampliare il diritto di percezione, ai procedimenti giudiziari a loro carico, nell’ambito dei quali alcuni sono stati destinatari di misure precautelari e cautelari, con restrizioni agli arresti domiciliari e in carcere. I Carabinieri del Nucleo Operativo Roma Centro, invece, hanno riscontrato che 35 cittadini stranieri – provenienti dal continente africano – hanno percepito, nell’ultimo triennio, il reddito di cittadinanza ottenuto dopo aver dichiarato falsamente di risiedere nel territorio italiano da almeno 10 anni, producendo autocertificazioni non veritiere. Dai calcoli effettuati, le 95 persone avrebbero percepito, in assenza dei requisiti di Legge, la somma complessiva di 564.724 euro.

Continua a leggere

Cronache

Sgominata la banda ‘terrore’ dei tabaccai del Napoletano

Pubblicato

del

Erano perfettamente organizzati. Una squadra operativa in grado di compiere rapine in pochi minuti. Passamontagna, armi in pugno e violenza inaudita. Ognuno aveva un compito preciso e gli obiettivi sempre gli stessi: le tabaccherie della provincia di Napoli. Questa notte sono stati arrestati in sei dai carabinieri della compagnia di Casoria (Napoli), coadiuvati nella fase esecutiva da militari del gruppo di Castello di Cisterna e dalle aliquote di Primo intervento del comando provinciale di Napoli. Hanno eseguito un decreto di fermo che sara’ convalidato domani firmato dalla procura di Napoli Nord. Sono gravemente indiziati di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di rapine aggravate e detenzione e porto abusivo di armi.

Tre le violente rapine dalle quali e’ partita l’indagine. Tutte nel comune di Afragola, tutte a settembre – il 7, il 15 e il 28 – e tutte ai danni di tabaccherie. Armati di pistola e fucile e con volti travisati, sotto la minaccia delle armi, si sono scagliati con violenza contro i proprietari degli esercizi commerciali, in alcune occasioni colpendoli a piu’ riprese con calci e pugni e asportando denaro contante presente nelle casse, tabacchi e gratta e vinci. Fondamentale e’ risultata l’attivita’ investigativa dopo la rapina del 28 settembre, perche’ sono stati ritrovati gli abiti, le armi e i passamontagna utilizzati dai rapinatori, che, dopo il colpo, erano stati nascosti nelle aree comuni di una palazzina in cui abitano alcuni degli indagati. Le attivita’ tecniche successive hanno consentito di rafforzare il grave quadro indiziario.

Continua a leggere

Cronache

Studente morto in incidente, auto si è schiantata contro un muro

Pubblicato

del

Il 18enne morto stamani in ospedale dopo essere rimasto coinvolto in un incidente stradale a Forcola (Sondrio), come ogni mattina stava andando a scuola, al liceo scientifico Carlo Donegani di Sondrio. Renè Sottocornola, che viveva con la famiglia in un paese della Valtellina, era in auto con due compagni. All’improvviso la vettura si è schiantata contro un muro che costeggia la strada provinciale delle Orobie, la numero 16, a ridosso della montagna. Nello scontro sono rimasti feriti anche i due coetanei (uno era alla guida della Panda) che erano a bordo. Uno è in gravi condizioni. Per cause ora al vaglio dei carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Sondrio la Panda, la vettura ha iniziato a sbandare finendo subito dopo contro il muro di contenimento della strada. All’arrivo dei soccorritori, allertati da un automobilista di passaggio, il 18enne è stato stabilizzato e trasportato all’ospedale civile di Sondrio dove è morto. Gli altri due studenti sono stati trasportati in elicottero all’ospedale di Lecco. La prognosi, per entrambi, è riservata.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto