Collegati con noi

Esteri

Elicottero della Agusta Westland cade in Nigeria, illeso il vicepresidente del Paese

Pubblicato

del

Un elicottero AgustaWestland AW139 in versione VVIP è caduto a Kabba, in Nigeria. A bordo si trovava il vicepresidente del Paese africano, Yemi Osinbajo. Fortunatamente il politico nigeriano e l’equipaggio sono illesi. Le cause dell’incidente non sono ancora chiare. Non è la prima volta che lo stesso elicottero, in dotazione al vicepresidente, ha un incidente: nel giugno 2018 è stato costretto a un atterraggio d’emergenza subito dopo il decollo.  L’AW139 fa parte della flotta di tre macchine VVIP vendute dall’azienda italiana del gruppo Leonardo, ex Finmeccanica, all’operatore nigeriano Caverton nel 2011. Tra il 2000 e il 2011 l’elicotterista lombardo ha ottenuto numerosi contratti nell’Africa subsahariana in maniere talvolta discutibili, ricostruite attraverso testimonianze e documenti inediti dal libro di Alessandro Da Rold “Pecunia non olet. La mafia nell’industria pubblica, il caso Finmeccanica”  pubblicato dall’editore Chiarelettere nel gennaio 2019. La notizia dell’incidente nigeriano è stata ripresa dalla BBC e dai maggiori media inglesi, americani e africani.

Oltre che in Nigeria, gli elicotteri AgustaWestland in versione VVIP sono stati venduti a diversi Governi nel mondo, tra cui quello indiano dove il contratto è stato tuttavia annullato in ragione della supposta mega-tangente versata ad alcune autorità militari del Paese asiatico, che è ancora oggetto di un processo in India.

Advertisement

Esteri

Netanyahu, maturano condizioni per rilascio degli ostaggi

Pubblicato

del

“Le condizioni per liberare gli ostaggi a Gaza stanno maturando”. Lo ha detto il premier Benyamin Netanyahu incontrando a Washington le famiglie dei rapiti. “Questo – ha spiegato – si deve alla fortissima pressione esercita su Hamas da Israele”. “Stiamo assistendo – ha aggiunto – a un certo cambiamento e penso che diventerà ancora maggiore. Quindi ci stiamo avvicinando”. “Credo – ha proseguito – che se continuiamo così potremo raggiungere un accordo. Premetto che si tratta di un processo, purtroppo non avviene tutto in una volta, ci saranno delle fasi, ma credo che possiamo portare avanti l’accordo”.

Continua a leggere

Esteri

La Cina benedice il possibile accordo di Pechino tra 14 fazioni palestinesi per un governo di riconciliazione

Pubblicato

del

La Cina, ormai affermata come potenza politica e militare globale, sta consolidando la sua influenza anche nel tumultuoso scenario del Medio Oriente, attualmente devastato dalla guerra nella Striscia di Gaza. In un’importante svolta diplomatica, il ministro degli Esteri cinese Wang Yi (nella foto in evidenza) ha accolto con favore l’intesa raggiunta tra 14 diverse fazioni palestinesi per l’istituzione di un “governo di riconciliazione nazionale ad interim” a Gaza nel periodo successivo alla guerra.

La Dichiarazione di Pechino

Nei primi commenti seguiti alla firma della ‘Dichiarazione di Pechino’, Wang Yi ha sottolineato l’importanza dell’accordo per formare un governo di riconciliazione nazionale provvisorio attorno al governo di Gaza del dopoguerra. L’incontro, ospitato da Pechino, ha visto la partecipazione di alti funzionari di Hamas e Fatah, le due fazioni rivali che competono per il controllo di Gaza e Cisgiordania.

L’impegno della Cina per la pace

La Cina ha fortemente sostenuto e organizzato questo incontro con l’obiettivo di rafforzare la sua reputazione di “costruttore di pace” in Medio Oriente, ruolo che ha già svolto con successo nella mediazione tra Iran e Arabia Saudita. Musa Abu Marzuk, un alto funzionario di Hamas, ha descritto l’intesa come un passo cruciale verso l’unità nazionale, sottolineando l’impegno delle fazioni per perseguire e realizzare tale unità.

Le delegazioni palestinesi a Pechino

Ismail Haniyeh, ex premier della Palestina a Gaza e leader politico di Hamas, ha guidato la delegazione di Hamas. Da parte di Fatah, il vicepresidente Mahmoud al-Aloul e altri due funzionari hanno partecipato ai colloqui nella capitale cinese. Azzam al-Ahmad, figura di spicco del Comitato centrale di Fatah, aveva chiarito che il ministro Wang Yi avrebbe incontrato le fazioni palestinesi il 21 e il 23 luglio, auspicando un confronto diretto tra le due delegazioni.

Implicazioni per il futuro

L’accordo siglato a Pechino rappresenta un significativo passo avanti per la stabilità nella regione, con la Cina che si posiziona come mediatore chiave in uno dei conflitti più complessi del mondo. L’impegno cinese nel facilitare il dialogo tra le fazioni palestinesi non solo rafforza la sua posizione geopolitica, ma potrebbe anche aprire la strada a ulteriori iniziative di pace e cooperazione nel Medio Oriente.

La Cina, con la sua crescente influenza e capacità di mediazione, continua a svolgere un ruolo cruciale nella promozione della pace e della stabilità globale, dimostrando il suo potenziale come leader diplomatico anche nelle regioni più tormentate del mondo.

Continua a leggere

Esteri

Sandra, 43 anni in carcere per un omicidio commesso da altri

Pubblicato

del

Non bastava rubarle 43 anni di vita, condannarla ingiustamente per l’omicidio di una bibliotecaria, coprire le responsabilità del vero assassino in divisa e permettergli di farla franca. Anche quando un tribunale ha riconosciuto l’errore e disposto la sua scarcerazione, Sandra Hemme è rimasta chiusa nel carcere di Chillicothe.

Il 14 giugno scorso, un giudice d’Appello e la Corte Suprema del Missouri avevano approvato il rilascio di Hemme con poche scuse. Tuttavia, il procuratore generale dello Stato, Andrew Bailey, ha stabilito che la sessantaquattrenne non aveva diritto alla libertà. Bailey ha tirato in ballo due condanne sopraggiunte durante la detenzione, già ampiamente scontate, dichiarando che Hemme rappresentava un pericolo per sé e per gli altri. Illegittimamente, ha chiamato il carcere ottenendo che Sandra rimanesse dietro le sbarre. Solo il 18 luglio, il giudice Ryan Horsman ha dato un ultimatum al procuratore: liberare Hemme o finire davanti a una corte.

Venerdì scorso, Sandra Hemme è finalmente uscita all’aria aperta. Con una maglietta bianca, in un parchetto vicino alla prigione, ha abbracciato la sorella e la nipote. Non ha parlato con la stampa, non ha recriminato, non ha urlato di gioia. Con un sorriso disarmante e un’aria serena, è andata a trovare il padre, gravemente malato e ricoverato in hospice.

La tragica vicenda di Sandra Hemme inizia il primo novembre 1980, quando Patricia Jeschke, bibliotecaria, viene trovata morta nella sua casa di Saint Joseph, Missouri. Nell’aprile dell’anno successivo, la ventenne Hemme viene condannata al carcere a vita. Niente la legava alla vicenda, se non una traballante confessione di colpevolezza ottenuta mentre era in un ospedale psichiatrico sotto l’effetto di potenti farmaci. Un detective testimoniò all’epoca: «Non era pienamente cosciente, rispondeva in modo assente».

Grazie all’Innocence Project, un’organizzazione non profit che riapre casi di ingiustizie, è emerso che indizi cruciali puntavano verso un’altra direzione, precisamente all’interno del dipartimento di polizia. L’agente Michael Holman aveva usato la carta di credito della vittima il giorno dopo l’omicidio. Gli orecchini d’oro di Patricia furono trovati a casa di Holman e la sua auto fu vista nei pressi dell’abitazione della donna nelle ore in cui veniva uccisa. Holman è morto nel 2015, e ora il dipartimento di polizia di Saint Joseph rimane senza parole di fronte a questa ingiustizia.

Sandra Hemme è la donna che ha passato più anni ingiustamente in carcere negli Stati Uniti. Nonostante ciò, non perde tempo a recriminare. Certamente ci sarà un risarcimento da chiedere, ma per ora è concentrata sul presente e su ciò che resta del suo futuro. Ogni istante è cruciale per lei, per il padre morente, per chiunque incontrerà domani. La sua storia non è solo un esempio di ingiustizia, ma anche di resilienza e speranza.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto