Collegati con noi

In Evidenza

Elezioni Comunali: vince il Pd, Lega-M5s scivolano, sale Fdi

Pubblicato

del

Il primo turno delle comunali 2021 fa registrare un netto vincitore, in termini di voti di lista, il Pd di Enrico Letta, e due sconfitti, Lega e M5s, con Fdi che si regala un balzo in avanti generalizzato e Fi che al contrario, scivola ovunque, tranne in Calabria, trascinata dal suo Roberto Occhiuto. E’ quanto emerge dai dati definitivi del ministero dell’Interno, in base ai quali sembrerebbe essersi concluso il ciclo delle politiche 2018, quando M5s (32,68%) e Lega (17,35%) superarono complessivamente il 50% dei voti. Il vincitore, il Pd, e’ andato male solo a Roma dove ha portato in cascina 166.130 voti (16,38%), mentre cinque anni fa con Roberto Giachetti furono 204.637 pari al 17,19%. Parte dell’astensionismo nella Capitale ha quindi colpito anche Il partito di Enrico Letta che a Roma e’ dietro alla Lista Calenda (219.807) e a Fdi (176.698). Diversa la musica in tutte le altre citta’, dove il Pd e’ il primo partito, anche laddove il candidato sindaco e’ arrivato secondo, come a Trieste.

 

A Torino i voti per i Dem sono stati 85.890 (28,56%). A Milano i suffragi sono stati 152.200 (33,86%). Infine il laboratorio di Bologna (una coalizione che va da Italia Viva a M5s) e’ guidato da un Pd al 36,50%. Anche Napoli regala il sorrido al Pd dopo tanti anni: i Dem sono il primo partito della coalizione con il 12,20% davanti alla civica di Gaetano Manfredi (9,94%) e al 9,73% di M5s. In Calabria invece il Pd registra una flessione rispetto alla regionali di gennaio 2020, passando da 118.249 voti (15,19%) a 100.437 (13,18%). Per M5s e’ inevitabile il paragone con il picco delle politiche 2018, rispetto al quale e’ “profondo rosso”. L’unica citta’ dove non va male e’ Roma, con il 19,09% ma Virginia Raggi e’ solo quarta e su una linea politica diversa da quella di Giuseppe Conte, di contrasto col Pd. Il crollo avviene sia dove il Movimento ha corso da solo sia dove era alleato con il Pd. A Napoli si precipita dal 54,13% delle politiche al 9,73% che comunque fa respirare; il Calabria dal 43,37% al 6,48%. Anche a Torino, dove nel 2016 vinse con Chiara Appendino, oggi si ferma all’8%.

 

In tutto il Nord, inoltre fa segnare cifre insignificanti: 2,73% a Milano; 3,43% a Trieste; 3,37% a Bologna, irrilevanti per la vittoria di Lepore. Dall’analisi dei flussi risulta una fuga nell’astensione. Nel centrodestra all’arretramento della Lega si affianca un rafforzamento di Fdi, su cui si travasano in parte i voti del partito di Salvini, mentre altri finiscono nell’astensione o nelle liste civiche piu’ centriste come quella di Damilano a Torino e Dipiazza a Trieste. Anche per la Lega il paragone piu’ con con il 2016 (era ancora Lega Nord, con questa dicitura nel simbolo) e’ inevitabile con le politiche 2018. Ebbene il calo e’ marcato a Torino dal 32,59% al 9,84%; a Milano dal 22,09% al 10,74%; a Bologna dal 13,14% al 7,74%; a Trieste dal 20,93% al 10,27%; a Roma dall’ 11,62% al 5,93%. Viceversa il partito di Giorgia Meloni “ruba” parte dei voti in uscita dalla Lega e diventa il primo partito della coalizione persino in varie citta’ del Nord, finora avare con lei. Fdi e’ primo a Torino dove passa dall’1,47% del 2016, al 3,62% delle politiche 2018 all’odierno 10,46%. Anche a Trieste e’ il primo partito con l’11,14% (4,33% nel 2016), come a Bologna col 12,63% e a Roma con il suo 17,42%. Anche a Milano con il 9,76% e’ a un solo punto dalla Lega. Forza Italia scivola ovunque tranne in Calabria dove ottiene il 17,31% (12,23% alle precedenti regionali): a Torino ha il 5,30%, a Milano il 7,08%, a Bologna il 3,79%, a Roma il 3,59%, a Napoli il 6,63%, a Trieste l’8,48%.

Advertisement

Guerra Ucraina

Draghi dice “Putin non verrà al G20” ed è scontro col Cremlino

Pubblicato

del

 Vladimir Putin non sara’ a Bali a novembre per il G20. Al massimo fara’ “un intervento da remoto”. E su questo punto “il presidente Widodo e’ stato categorico: non verra’”. Poche parole di Mario Draghi, pronunciate quando era appena finito il vertice del G7 di Elmau, sono bastate a scatenare le ire del Cremlino, che giusto lunedi’ aveva annunciato che il presidente russo ha invece “accettato l’invito” al summit in autunno. Probabilmente in presenza, Covid permettendo. Altrimenti in collegamento, come gia’ successo all’ultimo G20 di Roma a ottobre. Quando ancora non c’era la guerra. In ogni caso “non decide lui”, e’ stata la secca replica arrivata dai russi, mentre l’ambasciatore a Roma Sergey Razov alimentava l’ennesimo cortocircuito diplomatico tra Mosca e Roma sostenendo che “molte aziende italiane”, nonostante “pressioni e minacce di sanzioni secondarie, continuano a lavorare nel mercato russo”. I 7, ha raccontato il premier in conferenza stampa, hanno concordato di aiutare il presidente indonesiano – che peraltro ha invitato anche il presidente ucraino Volodymyr Zelesnky – per rendere il summit “un successo”. Fatto per niente “scontato alla luce degli eventi”, ha sottolineato Draghi, ricordando che al G20 i leader raccoglieranno il testimone di un G7 che si e’ mostrato ancora una volta “unito” nella condanna dell’invasione russa dell’Ucraina. “Questi sono i temi che il G7 difendera’ nel corso del G20”, ha incalzato Draghi dopo avere, di fatto, ridimensionato la portata della partecipazione del capo del Cremlino al vertice. Il premier, hanno indicato i suoi consiglieri, si e’ solo limitato a riportare le parole di Joko Widodo, non ha espresso una sua posizione ne’ degli altri leader che, in Baviera, hanno avuto modo di incontrare non solo il presidente indonesiano ma anche di Argentina, Sudafrica, Sudan e India. Tutti Paesi, ha osservato Draghi, che in qualche modo finora si sono tenuti equidistanti, che hanno avuto “un atteggiamento abbastanza neutrale tra Russia e Ucraina”, probabilmente anche perche’ non sono stati coinvolti abbastanza. Questa guerra – uno dei temi che sottotraccia ha accompagnato la tre giorni al castello di Elmau – rischia insomma di sembrare un problema dei Paesi ricchi, quelli del G7 appunto, e non toccare davvero gli altri. Pero’ “quando gli elefanti lottano e’ l’erba che soffre”, ha detto Draghi ricordando un proverbio africano “che veniva citato a meta’ degli anni ’80, quando ero alla Banca mondiale”, auspicando un maggiore “avvicinamento” con i Paesi fuori dal club dei Grandi, oramai consapevoli di rappresentare “una minoranza” e impegnati ad allargare il consenso attorno “ai propri temi, che sono la difesa delle democrazie, l’avversione alle autocrazie”. In attesa delle scelte dei vari Paesi sulla presenza o meno a Bali a novembre, intanto, il G7 “e’ stato veramente un successo” nell’analisi del premier. Intanto si e’ registrata “grande coesione e unita’ di vedute” a partire dall’Ucraina, con l’impegno a sostenere Kiev fino a quando servira’ con armi e sanzioni. Anche perche’ desta “preoccupazione”, anche nel presidente Usa Joe Biden, la riuscita della controffensiva ucraina dopo l’avanzata russa delle ultime settimane. Ma Zelensky, ha riferito ancora Draghi, “si e’ detto fiducioso che possa riuscire”. Per l’Italia rientra tra gli “ottimi risultati” anche il paragrafo dedicato al price cap nelle dichiarazioni finali. A questo punto l’Ue, sulla spinta delle dichiarazioni finali di Elmau, “accelerera’” lo studio del tetto al prezzo del gas che magari potra’ portare ad un risultato “prima di ottobre”. Nel frattempo le forniture potrebbero continuare ad essere ridotte, “non sappiamo cosa fara’ Putin con il gas”, ha ammesso il presidente del Consiglio. Per questo bisogna continuare a “prepararsi, aumentando gli stock e gli investimenti nelle rinnovabili. Anche nei Paesi in via di sviluppo”.

Continua a leggere

Esteri

Svezia e Finlandia nella Nato, Erdogan ritira il veto

Pubblicato

del

Il summit Nato a Madrid si apre sotto i migliori auspici. La mediazione in extremis del segretario generale dell’Alleanza Jens Stoltenberg ha portato infatti buoni frutti e la Turchia ha ritirato il veto all’ingresso di Svezia e Finlandia, dopo settimane d’impasse. I tre Paesi hanno firmato un memorandum d’intesa sulle richieste turche e Ankara puo’ davvero dirsi soddisfatta: “Abbiamo avuto quello che chiedevamo, piena cooperazione” contro i curdi del PKK e i loro alleati, ha fatto sapere la presidenza turca. “Con l’ingresso di Stoccolma e Helsinki nell’Alleanza saremo tutti piu’ sicuri”, ha esultato Stoltenberg. Non solo. Il presidente americano Joe Biden e’ arrivato nella capitale spagnola con un bel dono per la sicurezza euroatlantica: un rafforzamento “a lungo termine” dell’impegno militare Usa nel vecchio mondo, in particolare “nei Paesi Baltici, nei Balcani” e in generale “sul fianco orientale dell’Alleanza”. Ovvero il fronte piu’ delicato della nuova guerra fredda. Che appare pero’ gia’ sufficientemente calda. Gli annunci precisi verranno nel corso del vertice ma appare chiaro che un blocco importante di quei 260mila effettivi in piu’ a disposizione del comando supremo saranno a stelle e strisce. Un boccone amaro da mandar giu’ per Mosca (e in parte anche per Pechino). Unita’ e’ la parola chiave di questi giorni. Lo era al Consiglio Europeo, lo e’ stata al G7 e lo sara’ al summit di Madrid, gia’ definito come “storico” da molti leader, incluso Biden, perche’ avviene in tempo di guerra in Europa e perche’ segnera’ una profonda trasformazione della Nato, non solo in termini di uomini e mezzi schierati sul campo. Ma dicevamo di Mosca e Pechino. “Il ministero della Difesa sta elaborando piani per irrobustire i nostri confini occidentali alla luce delle nuove minacce che le azioni della Nato stanno generando”, ha tuonato il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, battendo il tasto sulla “natura aggressiva” dell’Alleanza Atlantica. La Cina, sul punto, si schiera con Mosca. Per il Dragone, la Nato “e’ diventata da tempo uno strumento dei singoli alleati per mantenere l’egemonia” e il prossimo Concetto Strategico viene definito come “vecchio vino travasato in una bottiglia nuova”, in continuita’ con la mentalita’ della guerra fredda “di creare nemici immaginari e impegnarsi in scontri sul campo”. Non e’ una sorpresa che Putin e Xi si ritrovino molto vicini sulla questione. Nel documento-bussola della Nato, che vede la luce ogni dieci anni circa, la Russia verra’ definita come la “principale minaccia” per la sicurezza euroatlantica e la Cina – che nello Strategic Concept di Lisbona del 2010 nemmeno era menzionata – verra’ probabilmente indicata come una “sfida” da prendere in seria considerazione, tant’e’ vero che a Madrid, in una prima assoluta per la Nato, ci saranno i leader dei partner orientali (Australia, Nuova Zelanda, Sud Corea e Giappone). Non solo. La special relationship tra Russia e Cina, sbandierata da Putin e Xi, verra’ espressamente analizzata. Insomma, siamo quasi all’asse delle autocrazie contro il sistema del diritto rivendicato dalle democrazie liberali – e l’assalto russo in Ucraina sarebbe parte di questo disegno. Biden lo ha detto senza fronzoli al fianco del re Felipe VI: “Tra autocrazie e democrazie e’ in corso una gara e dobbiamo vincere”. Ecco perche’ l’ok a Svezia e Finlandia, che permette ai leader di formalmente dichiarare i due Paesi come “invitati” nel corso del summit, era tanto importante. Un risultato che e’ stato salutato molto positivamente anche da Palazzo Chigi. Il memorandum con la Turchia prevede una maggior cooperazione da parte delle due nazioni scandinave sulla lotta al terrorismo, la rimozione delle restrizioni sull’export di armi e accordi sulle estradizioni (che comunque avverranno nel rispetto degli standard europei, ha spiegato Stoltenberg). Madrid, ad ogni modo, e’ un summit ad ampio raggio. Oltre al sostegno da dare all’Ucraina e al riassetto generale delle forze Nato, con l’arrivo del “nuovo modulo”, c’e’ ad esempio l’aspetto del fianco sud, caro a Spagna e Italia ma non solo: una sessione specifica e’ prevista giovedi’ mattina. In piu’, per la prima volta, la Nato si occupera’ anche di cambiamento climatico, perche’ ormai inizia ad avere implicazioni sulla sicurezza. Il futuro passa anche da qui.

Continua a leggere

Cronache

Sgozzato nel giardino di casa Pierangelo Repanati, aveva 57 anni ed era un giornalista

Pubblicato

del

L’uomo trovato morto sgozzato nel giardino di casa sua a Corte Palasio, nel Lodigiano, è Pierangelo Repanati, 57 anni, giornalista professionista che dal 2004 al 2009 ha ricoperto anche il ruolo politico di sindaco proprio a Corte Palasio. Il giornalista viveva da solo e attualmente lavorava come consulente in uno studio di Lodi.

Le prime ipotesi degli inquirenti non escludono che  Repanati possa essere stato aggredito dopo aver scoperto dei ladri nella sua abitazione. “Era una brava persona, viveva fino a qualche tempo fa con l’anziana madre poi venuta a mancare – ricordano i concittadini che stanotte si sono ritrovati davanti a casa sua, increduli di quanto accaduto -. Recentemente aveva insistito affinche’ nell’abbazia di Abbadia Cerreto, a pochi chilometri da dove abitava, tornasse la celebrazione della Messa in latino. Era molto credente, cattolico praticante”.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto