Collegati con noi

Esteri

Egitto: incendio in una chiesa a Giza, almeno 41 morti

Pubblicato

del

– E’ di almeno 41 morti il bilancio ufficiale dell’incendio divampato all’interno della chiesa copta-ortodossa di Abu Sifin, nel popolare quartiere di Imbaba nel governatorato di Giza nella capitale egiziana del Cairo. Lo riferisce il ministero della Salute egiziano in un comunicato stampa, in cui precisa che sono almeno 12 i feriti che stanno ricevendo assistenza medica negli ospedali della capitale egiziana. Nella nota, il dicastero precisa che il fumo denso e la calca dovuta alla fuga precipitosa dal complesso della chiesa dedicata a San Mercurio di Cesarea sono stati le principali cause dei morti e dei feriti. Il ministero ha inoltre affermato che 37 ambulanze sono state inviate sul luogo e hanno trasportato negli ospedali di Imbaba e Agouza 55 persone, di cui 41 sono in seguito decedute. Secondo la nota, due persone intossicate sono state dimesse dall’ospedale dopo aver ricevuto le cure necessarie, mentre 12 restano negli ospedali, di cui quattro in condizioni critiche. Intanto, il ministero dell’Interno egiziano ha riferito in una nota che l’incendio sarebbe stato provocato da un cortocircuito nell’impianto di aria condizionata. Nella nota, il ministero ha precisato che il rogo avrebbe inizialmente interessato il secondo piano del complesso che ospita la chiesa dedicata a San Mercurio di Cesarea. Nella nota, il ministero dell’Interno egiziano precisa che l’incendio ha provocato anche “l’intossicazione di due ufficiali di polizia e di tre membri membri delle forze della Protezione civile”. In una dichiarazione sul suo profilo Facebook, il presidente egiziano, Abdel Fattah al Sisi, ha affermato di aver assicurato al patriarca della Chiesa copta-ortodossa Tawadros l’impegno a fornire tutti i mezzi a disposizione per estinguere l’incendio e prestare soccorso alle persone colpite dall’incendio. “Sto seguendo da vicino gli sviluppi del tragico incidente nella chiesa di Abu Sifin nel governatorato di Giza e ho ordinato alle agenzie e istituzioni statali competenti di prendere tutte le misure necessarie e immediate per far fronte a questo incidente”.

I copti sono la piu’ grande comunita’ cristiana del Medio Oriente, con stime che parlano di almeno 10 milioni di persone su una popolazione totale di 103 milioni di egiziani. La minoranza religiosa ha subito in questi anni attacchi e denunciato discriminazioni nel Paese nordafricano a maggioranza musulmana, il piu’ popoloso del mondo arabo. La comunita’ copta-ortodossa e’ stata oggetto di attentati e episodi di discriminazione in particolare durante la presidenza di Mohamed Morsi, affiliato alla Fratellanza musulmana, e nei mesi successivi al suo rovesciamento nel 2013, con assalti contro chiese, scuole e abitazioni sia al Cairo che nell’Alto Egitto da parte di militanti islamisti. Il 9 aprile del 2017 la minoranza e’ stata anche vittima di due attentati suicidi rivendicati dallo Stato islamico che hanno colpito durante la Domenica delle palme la chiesa di San Giorgio a Tanta, nel nord dell’Egitto e la cattedrale di San Marco, ad Alessandria d’Egitto, sede ufficiale del patriarcato copto-ortodosso, uccidendo almeno 45 persone.

 

Con la salita al potere di Al Sisi, la comunita’ copta ha assistito a un miglioramento delle sue condizioni e un aumento della protezione sia sul piano della sicurezza che legale. Il 7 gennaio 2015, Al Sisi e’ stato il primo presidente egiziano a prendere parte alla messa di Natale nella cattedrale copta-ortodossa di San Marco ad Abassiya, al Cairo, in segnale di unione tra cristiani e musulmani. Ex capi di Stato egiziani hanno visitato la cattedrale tra cui Gamal Abd el Nasser e il presidente ad interim Adly Mansour, ma Al Sisi e’ stato il primo a partecipare ad una messa.

Advertisement

Esteri

Ue in allerta, ‘prepararsi a un attacco nucleare russo’

Pubblicato

del

Se addestrasse militarmente gli ucraini, l’Ue diventerebbe di fatto parte del conflitto. L’ultimo avvertimento della Russia agli alleati occidentali di Kiev prende di mira direttamente Bruxelles. Dopo aver affermato di considerare come un coinvolgimento diretto degli Usa l’eventuale fornitura di missili a lungo raggio all’esercito di Volodymyr Zelensky, le minacce di Mosca si concentrano ora sulla possibile iniziativa di formazione europea delle truppe ucraine, anticipata dall’Alto rappresentante per la politica estera Josep Borrell. “Al prossimo Consiglio Affari Esteri del 17 ottobre spero che potremo lanciare formalmente la nostra missione di addestramento”, aveva scritto sul suo blog. Per il ministero degli Esteri russo, poi, le “nuove forniture di missili Himars a Kiev – altri quattro lanciatori e munizioni per un valore di 625 milioni di dollari, aggiunti ai 16 sistemi forniti in precedenza – evidenziano l’odio di Washington per Mosca”. Lo scontro tra Bruxelles e Mosca trova alimento anche a Strasburgo. In una relazione sull’escalation decisa dal Cremlino, approvata a larghissima maggioranza, il Parlamento europeo ha chiesto alla Commissione di preparare una risposta in caso di attacco nucleare russo. Nelle stesse ore, l’Ue ha esteso le sanzioni anche al filosofo e politologo ultranazionalista Alexander Dugin, considerato tra i principali ispiratori di Vladimir Putin, la cui figlia Darya era stata uccisa ad agosto in un attentato a Mosca che per la Cia sarebbe opera di Kiev. Tensioni certificate anche dalla convocazione dell’ambasciatore francese a Mosca per le forniture di armi all’Ucraina. Sul terreno, intanto, non si fermano i massacri di civili. Nel mirino dei raid, hanno denunciato le autorita’ ucraine, e’ finita nuovamente l’oblast di Zaporizhzhia, appena annessa ma solo parzialmente controllata dalla Russia. Almeno sette gli attacchi missilistici contro edifici residenziali, che hanno provocato esplosioni e diversi incendi, con tre vittime e diversi feriti accertati, tra cui un bambino, e “decine di persone” che potrebbero trovarsi sotto le macerie. Nella stessa regione, la tensione resta alta anche intorno alla centrale nucleare piu’ grande d’Europa, che Putin ha inserito con un decreto tra gli asset della Federazione russa. Una mossa subito bollata come priva di valore da Kiev – come del resto le annessioni territoriali – e respinta anche dall’Agenzia internazionale per l’energia atomica (Aiea), che ha ribadito di considerare l’impianto di Energodar proprieta’ ucraina. Il direttore generale dell’agenzia Onu, Rafael Grossi, ha incontrato Zelensky a Kiev prima di recarsi a Mosca per lavorare al progetto sempre piu’ complicato di una ‘safe zone’ nell’area della centrale, su cui comunque ha detto di vedere “progressi”. L’Aiea intanto continuera’ il monitoraggio della struttura, raddoppiando da due a quattro il numero degli ispettori permanenti. Nel frattempo, continua l’avanzata della controffensiva nel nord-est e anche a sud. Nella regione di Kherson, l’esercito di Kiev ha rivendicato la riconquista in meno di una settimana di 400 km quadrati e 29 insediamenti, anche se, ha precisato, “il nemico sta cercando di contrattaccare”. Le forze di Mosca appaiono sempre piu’ in difficolta’ e crescono anche le critiche interne. Dopo le dure critiche del leader ceceno Ramzan Kadyrov agli alti comandi, il numero due dell’amministrazione filorussa regionale, Kirill Stremousov, si e’ spinto ad attaccare direttamente il ministro della Difesa Serghei Shoigu. “Molte persone – ha affermato – dicono che, come ufficiale, potrebbe semplicemente spararsi per essere colui che ha lasciato che le cose arrivassero a questo punto”.

Continua a leggere

Esteri

Missili e caccia in volo, Kim sfida ancora Usa e Seul

Pubblicato

del

Kim Jong-un ha lanciato altri due missili a corto raggio e ha mobilitato 12 aerei militari nordcoreani, otto caccia e 4 bombardieri, tutti schierati in formazione per manovre di tiro sulla linea di confine della zona demilitarizzata (Dmz). Un’inconsueta contromossa alle recenti esercitazioni militari di Corea del Sud e Usa, in base all’interpretazione del Comando di stato maggiore congiunto di Seul che, a sua volta, ha replicato con una “risposta travolgente”. Circa 30 caccia sudcoreani sono stati immediatamente schierati nell’area, per un’iniziativa “mai vista nell’ultimo anno”, con l’obiettivo di seguire i jet nordcoreani che si spostavano a sud della Special reconnaissance line, la linea di sicurezza tracciata da Seul appena a nord del confine lungo il 38esimo parallelo. La tensione nell’area continua pericolosamente ad aumentare e Kim ha continuato per tutta la giornata a tenere sotto pressione Seul, Tokyo e Washington, a due giorni dal lancio del missile balistico intermedio – il primo dal 2017 – che martedi’ ha scosso la regione e dato al leader supremo diversi motivi di soddisfazione. Innanzitutto Kim e’ balzato con prepotenza sulla scena internazionale malgrado la guerra in Ucraina scatenata dalla Russia, seminando insicurezza – se non paura – nei Paesi vicini “ostili” con il suo Hwasong-12 che ha volato per oltre 4.500 chilometri sopra il Giappone prima di finire nel Pacifico. E ha avuto la conferma del pieno sostegno di Cina e Russia nella seduta di mercoledi’ del Consiglio di Sicurezza dell’Onu, convocata d’urgenza sulle vicende nordcoreane e conclusasi con un nulla di fatto. Gli Usa hanno accusato Pechino e Mosca di favorirlo, proteggendolo dai tentativi di sanzioni piu’ aspre. “La Corea del Nord ha goduto della protezione totale di due membri di questo Consiglio”, ha tuonato l’ambasciatrice americana al Palazzo di Vetro Linda Thomas-Greenfield. Secca la risposta cinese: il Consiglio “deve svolgere un ruolo costruttivo invece di affidarsi esclusivamente alla retorica o alle pressioni”, ha replicato il numero due della rappresentanza Geng Shuang, puntando il dito contro Washington perche’ “i recenti lanci del Nord sono strettamente legati alla serie di esercitazioni militari nella regione”. Gli Usa devono “affrontare le ragionevoli preoccupazioni di Pyongyang” sulla sicurezza, ha aggiunto Geng. Mentre per la vice ambasciatrice russa Anna Evstigneeva, “l’introduzione di nuove sanzioni porta ad un vicolo cieco e a zero risultati”. Kim, inoltre, si e’ visto consegnare un regalo ben confezionato: il ritorno della portaerei Uss Ronald Reagan nei mari intorno alla Corea del Sud per nuove esercitazioni con Seul e Tokyo, a marcare l’unita’ degli alleati contro l’aggressivita’ del Nord. Se le esercitazioni “ostili” sono state la motivazione dei lanci di missili, la presenza della Reagan – definita “una grave minaccia alla stabilita’ della regione” da un funzionario del ministero degli Esteri nordcoreano – puo’ valere come giustificazione per il settimo test nucleare, se Kim decidesse di procedere. Una nota stonata, infine, e’ stata la telefonata odierna di 25 minuti tra il presidente sudcoreano Yoon Suk-yeol e il premier nipponico Fumio Kishida, utile a superare gli ultimi anni di gelo diplomatico in favore di una difesa comune contro le minacce di Pyongyang. Per Kim si tratta di rischi accettabili di fronte ai suoi piani per strappare concessioni ai vicini ostili brandendo l’arma nucleare.

Continua a leggere

Esteri

Ucraina: Grossi, centrale Zaporizhzhia appartiene a Kiev

Pubblicato

del

L’Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica considera la centrale nucleare di Zaporizhzhia una struttura ucraina. Lo ha dichiarato ai cronisti a Kiev, riporta Reuters, il direttore generale dell’organismo Onu, Rafael Grossi, dopo che un decreto presidenziale russo ha affermato la sovranita’ di Mosca sul sito, che continua a essere gestito da personale ucraino. “Questa e’ una questione che ha a che fare con il diritto internazionale”, ha affermato Grossi, “vogliamo che la guerra finisca immediatamente, e ovviamente la posizione dell’Aiea e’ che questa struttura sia una struttura ucraina”.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto