Collegati con noi

Esteri

Ecco il nuovo Parlamento di Spagna, non c’è una maggioranza di governo

Avatar

Pubblicato

del

Dalle elezioni di ieri in Spagna emerge un nuovo parlamento che ribalta le proporzioni di forza tra i due principali partiti, quello socialista di Pedro Sanchez e quello popolare di Pablo Casado. I risultati segnano anche un balzo in avanti di Ciudadanos di Albert Rivera e una lieve flessione della sinistra di Podemos di Pablo Iglesias. Ma la novità è l’ingresso al Congresso, per la prima volta nella storia democratica del Paese, del partito di ultradestra Vox di Santiago Abascal. Tuttavia nessuno dei due schieramenti, di sinistra e destra, riesce a formare la maggioranza assoluta di 176 seggi.

Pablo Iglesias. Leader di Podemos

La distribuzione dei seggi nel nuovo parlamento infatti ne attribuisce al Psoe 123 (erano 84 nella precedente legislatura con Sanchez che ha guidato il Paese con un governo di minoranza, dopo le drammatiche dimissioni del premier popolare Mariano Rajoy in giugno) e 42 al suo possibile alleato Podemos: quest’ultimo ha conquistato 35 seggi su base nazionale piu’ i 7 degli alleati catalani Ecp. Totale: 165. Peggior risultato invece della storia del Partido popular che dimezza i suoi seggi, passando da 137 a 66. Ai centristi di Ciudadanos, a cui guardava Casado per eventuali alleanze, vanno 57 seggi (ne aveva 32). Insieme arriverebbero a un totale 123 seggi, insufficienti a formare un nuovo governo anche se si alleassero con Vox, che fa il suo debutto in parlamento con 24 seggi.

 

Pablo Casado. Il neo leader del partito popolare spagnolo (partito sconfitto)  assieme al presidente dell’Europarlamento Tajani

Un’eventuale coalizione tra i tre partiti si fermerebbe a 147 seggi. A fare la differenza potrebbero essere i partiti indipendentisti, che hanno gia’ aiutato Sanchez a rimuovere Rajoy dalla Moncloa ma che poi lo hanno costretto a indire elezioni anticipate bocciando la sua manovra finanziaria. L’Erc di Oriol Junqueras, uno dei leader secessionisti oggi in carcere, balza da 9 a 15 seggi, attirando probabilmente quei catalani delusi dall’ex president Carles Puigdemont rifugiatosi in Belgio. La sua coalizione Junts per Cartalunya, nata per le elezioni regionali del 2017, ha raccolto solo 7 seggi. Il partito nazionalista basco Pnv, che ha finora sostenuto il governo Sanchez, ha invece ottenuto 6 seggi. I baschi di sinistra dell’Eh Bildu 4. Infine, tra le piccole formazioni regionali, i nazionalisti delle Canarie (CCa-Pnd) e la coalizione di centrodestra della Navarra (Na+) hanno ottenuto 2 seggi ciascuno. Il Compromis di Valencia avrà un solo deputato (su cui potrebbe contare Sanchez), così come il Partito regionalista di Cantabria (Prc).

Advertisement

Esteri

Attacco al greggio saudita, colpita una maxi raffineria con i droni degli Houthi

Avatar

Pubblicato

del

Gli Houthi alzano il tiro. Con un attacco di droni destinato inevitabilmente a fare aumentare ulteriormente le tensioni fra l’Iran da una parte e Arabia Saudita e gli Usa dall’altra, i ribelli yemeniti alleati di Teheran hanno colpito due delle strutture della compagnia petrolifera saudita Aramco, tra le piu’ importanti non solo per Riad ma per l’industria energetica globale. Giganteschi incendi si sono sprigionati quando gli ordigni sganciati dai velivoli senza pilota – una decina secondo la rivendicazione degli stessi Houthi – si sono abbattuti nelle prime ore di sabato sulla raffineria di Abqaiq, la piu’ grande del mondo, e sul giacimento di Khurais. La prima con una capacita’ di raffinazione di 7 milioni di barili al giorno, il secondo con estrazioni di 1 milione di barili al giorno. Secondo le autorita’ saudite le fiamme sono ora sotto controllo e la televisione Al Arabiya ha detto che non si registrano vittime. Un tentativo di Al Qaida di colpire la raffineria di Abqaiq con attentatori suicidi era stato sventato dalle forze di sicurezza saudite nel 2006. In una dichiarazione trasmessa dalla televisione dei ribelli Al Masirah, un portavoce militare degli Houthi ha minacciato altri attacchi simili in futuro, se le forze saudite continueranno il loro intervento militare in Yemen, dove dal 2015 Riad e’ impegnata nell’ambito di una coalizione araba nei bombardamenti contro le milizie filo-iraniane e a sostegno del governo internazionalmente riconosciuto del presidente Abd Rabbo Mansur Hadi. Quest’ultimo e’ fuggito nel 2014 dalla capitale Sanaa, occupata dagli Houthi, e ora vive in Arabia Saudita. Martin Griffiths, l’inviato speciale delle Nazioni Unite per lo Yemen, si e’ detto “estremamente preoccupato” per l’attacco e ha esortato tutte le parti a “impedire ulteriori atti di questo tipo”. “L’unica opzione per il governo saudita e’ smettere di attaccarci”, ha tuttavia intimato il portavoce dei ribelli sciiti, una cui delegazione di alto livello e’ stata recentemente ricevuta a Teheran dalla Guida suprema, Ali Khamenei, con una manifestazione di sostegno senza precedenti dall’inizio della guerra. Una conferma che la Repubblica islamica intende utilizzare fino in fondo tutti i mezzi a sua disposizione nel braccio di ferro che la vede opposta a Riad e agli Usa. Il portavoce degli Houthi, tra l’altro, ha detto che gli attacchi sono stati effettuati “con la collaborazione di persone rispettabili all’interno del Regno” saudita. E la raffineria di Abqaiq si trova nella Provincia Orientale del Paese, la piu’ ricca di greggio e dove e’ piu’ forte la presenza della minoranza sciita, che Riad vede come una quinta colonna di Teheran. Altri attacchi missilistici o con i droni erano stati effettuati in precedenza dagli Houthi in Arabia Saudita, anche se non di questa portata. Nel maggio scorso i ribelli yemeniti avevano in particolare rivendicato un raid con velivoli senza pilota contro una stazione di pompaggio ad Al Dawadmi, lungo l’oleodotto di vitale importanza che attraversa il Paese da est ad ovest. Negli stessi giorni quattro petroliere, due delle quali saudite, erano state danneggiate da esplosioni nelle acque degli Emirati arabi uniti, nel Golfo dell’Oman. Azioni per le quali gli Usa e Riad hanno accusato l’Iran, che da parte sua ha definito tali affermazioni “ridicole”. Gli osservatori attendono ora la riapertura dei mercati lunedi’ per sapere se ci saranno ripercussioni in seguito agli ultimi attacchi contro l’Aramco, la piu’ grande compagnia petroliera al mondo, che prossimamente dovrebbe fare la sua prima offerta pubblica di azioni. Un passo fondamentale nel quadro delle ambiziose riforme economiche volute dal principe ereditario Mohammad bin Salman.

Continua a leggere

Esteri

Inondazioni nel Sud-Est della Spagna, 5 morti e 3.500 evacuati

amministratore

Pubblicato

del

Cinque persone sono morte a causa delle piogge torrenziali e delle inondazioni che hanno colpito il sudest della Spagna. Lo rendono noto i servizi d’emergenza spagnoli, citati dai media locali. Colpite le comunita’ autonome di Valencia, Alicante, Almeria e Albacete. A Orihuela per l’esondazione del fiume Segura sono state evacuate almeno 3.500 persone.

Continua a leggere

Esteri

Molestie, il procuratore del Missouri: indaghiamo su 163 preti cattolici

amministratore

Pubblicato

del

L’attorney general del Missouri Eric Schnitt trasmettera’ gli atti ai competenti procuratori locali per perseguire decine di preti o membri del clero cattolico di quattro diocesi accusati di abusi sessuali o condotta inappropriata nei confronti di minori. Lo scrive il New York Times. Dei 163 religiosi individuati, circa 80 sono morti mentre altri 16 erano gia’ stati portati all’attenzione dei procuratori locali. Le presunte vittime sarebbero centinaia.

Continua a leggere

In rilievo