Collegati con noi

Tecnologia

È l’ora del tech italiano, s’investe di più

Pubblicato

del

Anche in Italia crescono le start up e gli investitori scommettono di piu’ sulle loro potenzialita’. Uno dei settori principali e’ quello legato alla transizione energetica, dove John Elkann, amministratore delegato di Exor, vede “molto fermento” al punto da ipotizzare in questo ambito la nascita di una nuova Tesla, “una societa’ da un trilione di dollari (1.000 miliardi)” Il mondo dell’innovazione va in scena per due giorni alle Ogr di Torino dove si tiene l’Italian Tech Week, organizzata dal gruppo Gedi. E’ il luogo adatto per ospitare l’evento visto che qui in soli tre anni sono arrivati da investitori sia italiani sia esteri 200 milioni e sono oltre 120 le startup supportate nell’arco di 12 mesi. L’evento e’ molto apprezzato come dimostrano i 5.000 iscritti e le lunghe code all’ingresso di giovani. Exor, la holding della famiglia Agnelli, attraverso la societa’ Exor Seeds, ha investito un miliardo in 70 start up in cinque anni, con particolare attenzione al settore della transizione energetica, dal nucleare di nuova generazione (newcleo) all’unicorno americano Crusoe. “Con l’industria della mobilita’ che sta vivendo la trasformazione piu’ radicale dell’ultimo secolo abbiamo iniziato a essere piu’ coinvolti nel settore tech e a lavorare con il mondo del venture capital. Non posso escludere che a un certo punto in futuro Exor realizzi un grande investimento nel tech, ma al momento non e’ il nostro obiettivo: preferiamo un approccio diverso, accompagnando passo a passo la crescita delle startup” dice Elkann che domani dialoghera’ con il superospite Patrick Collison. Proprio all’Italian Tech Week lo scorso anno Vento – Venture Originator il programma di venture building durato quattro mesi, durante i quali 30 aspiranti imprenditori hanno affrontato e superato tutti gli step necessari per la realizzazione di una startup. Alle Ogr, tra i tanti innovatori, sara’ ospite Alberto Dalmasso, founder & ceo di Satispay, l’innovativo circuito di pagamento di origini cuneesi che a oggi vanta oltre 3 milioni di utenti. L’incontro di Dalmasso, dal titolo A New Italian Unicorn, sara’ il primo talk pubblico dopo l’investimento che l’ha reso un unicorno. Dalmasso parlera’ di come Satispay abbia superato la valutazione di un miliardo di euro con un round di finanziamento da 320 milioni di euro.

Advertisement
Continua a leggere

In Evidenza

Musk ringrazia Tim Cook per la visita alla sede di Apple

Pubblicato

del

Elon Musk ringrazia l’amministratore delegato di Apple Tim Cook per avergli fatto visitare la “bella” sede di Cupertino. Lo twitta Musk allegando un breve filmato. Nei giorni scorsi Il patron di Tesla ha criticato Apple per aver ridotto la pubblicità su Twitter e riferito che Cupertino ha minacciato di rimuovere il social dal suo App Store.

Continua a leggere

Tecnologia

Social spingono video: sarà 80% traffico dati nel 2028

Pubblicato

del

I video sui social e lo streaming stanno contribuendo alla rapida crescita del traffico dati ‘mobile’ mondiale. Si prevede che il video costituirà circa il 70% del totale nel 2022, per arrivare all’80% nel 2028. La spinta arriva da TikTok, YouTube, Facebook e Instagram. Lo evidenzia il nuovo Mobility Report di Ericsson, che sottolinea come gli abbonamenti 5G sono destinati a superare il miliardo entro la fine di quest’anno e i cinque miliardi entro la fine del 2028, “nonostante le sfide economiche che si delineano in molte parti del mondo”.

“Il traffico dati delle reti mobili sta praticamente raddoppiando ogni due anni. Gli operatori stanno intraprendendo azioni per implementare hardware e software radio di ultima generazione per gestire in modo intelligente le infrastrutture e ridurre l’impatto ambientale”, afferma Fredrik Jejdling, Executive Vice President e Head of Networks di Ericsson. Le misurazioni del traffico in un campione di reti mostrano come lo streaming video dalle piattaforme social costituisca la maggior parte del traffico video in Europa, Asia e in America. In pratica quello proveniente dalle principali quattro piattaforme di social media rappresenta il 40-95%, mentre . il 10-30% è rappresentato da streaming di video-on-demand, cioè quei servizi che permettono agli utenti di fruire, gratuitamente o a pagamento, di un prodotto di intrattenimento in qualsiasi momento.

Secondo il rapporto Ericsson, stare sui social network (al netto dei video) ha generato nel 2022 una quota di circa il 9% del traffico globale. L’adozione di dispositivi e applicazioni XR, cioè quelli per la realtà aumentata e virtuale che ci traghetteranno nel metaverso, ha invece “il potenziale per modificare in modo significativo i volumi relativi ai diversi tipi di traffico mobile”. Il Mobility Report prevede inoltre, nonostante la crisi economica, la crescita degli abbonamenti 5G con in testa il Nord America e il Nord Est Asiatico.

A livello globale sono destinati a superare il miliardo entro la fine di quest’anno, due anni più velocemente di quanto abbia fatto il 4G dopo il suo lancio, e i cinque miliardi entro la fine del 2028. Nello stesso arco di tempo, si prevede che la copertura della popolazione con il 5G raggiungerà l’85%, mentre le reti di quinta generazione dovrebbero gestire circa il 70% del traffico mobile. Ad oggi quasi 230 operatori hanno lanciato servizi 5G e più di 700 modelli di smartphone che supportano le reti di quinta generazione sono stati annunciati o lanciati sul mercato. Il rapporto sottolinea anche una crescita degli abbonamenti 4G che si prevede raggiungeranno un picco di circa 5,2 miliardi nel 2022. Quelli alla telefonia mobile arriveranno a 8,4 miliardi e 9,2 miliardi entro la fine del 2028. La maggior parte è associata agli smartphone. L’analisi sottolinea infine come il settore delle telecomunicazioni abbia “un ruolo chiave nel raggiungimento degli obiettivi globali di sostenibilità, sia attraverso la riduzione delle proprie emissioni sia grazie al suo potenziale di riduzione delle emissioni di CO2 in altri settori”.

Continua a leggere

Tecnologia

Esa, nasce in Italia il gemello digitale della Terra

Pubblicato

del

Sta prendendo forma dall’Antartide, il gemello digitale della Terra che nasce combinando l’incredibile mole dei dati rilevati dai satelliti con la potenza dei supercomputer. Il risultato sarà una copia fedele del pianeta, che permetterà di comprenderne meglio i cambiamenti. Promosso dall’Agenzia Spaziale Europea (Esa), il progetto Digital Twin of the Earth è uno dei progetti più innovativi nel settore dell’Osservazione della Terra, forte del grande riconoscimento avuto nella Conferenza Ministeriale dell’Esa che si è conclusa il 23 novembre.

Nella Ministeriale “c’è stato un forte riconoscimento per lo spazio in generale in questi tempi di crisi, e una forte attenzione al programma di Osservazione della Terra, con il finanziamento di 2,7 miliardi sui tre proposti inizialmente, pari al 90% della cifra proposta”, dice all’Ansa Simonetta Cheli, a capo del direttorato dell’Esa per l’Osservazione della Terra e responsabile del Centro dell’Esa in Italia, l’Esrin.

“E’ il budget più importante mai avuto nel settore, un ottimo risultato”. Digital Twin of the Earth “è un modello digitale della Terra, che utilizza i dati dei satelliti e li integra con tecnologie digitali per capire come saranno modelli di evoluzione”, osserva Proprio all’Esrin è nato il nuovo centro scientifico che ospita il progetto. Accanto al modello dell’Antartide, con il delicatissimo equilibrio dei suoi ghiacci, si sta delineando quello dei corsi d’acqua delle aree che si affacciano sul Mediterraneo. “Abbiamo anche cominciato ad acquisire infrastrutture di calcolo con nell’ambito del progetto europeo Destiny, in collaborazione con il Centro Meteorologico Europeo, istituto in Italia con competenze come quelle di Cineca e Istituto Nazionale di Fisica Nucleare”, dice ancora Cheli.

Il nuovo cuore delle attività europee per l’Osservazione della Terra è il programma Future EO, con missioni che studieranno gli oceani e le foreste, fino alla gestione dell’agricoltura. Per il 2028 sono attese i due satelliti Harmony che analizzeranno gli oceani con una risoluzione mai vista, studiando in particolare l’interazione fra atmosfera, l’acqua e il ghiaccio grazie a radar ad apertura sintetica (Sar) e uno strumento a infrarossi. In programma c’è anche la missione Nggm (NextGeneration Gravity Mission) Magic, che studierà la gravità terrestre, la circolazione delle correnti oceaniche e i corsi d’acqua, e poi missioni per studiare la deforestazione, la gestione dell’agricoltura e la sicurezza del cibo.

“Sul tavolo – osserva Cheli – ci sono molte altre proposte”, alle quali si aggiungono la continuità con i programmi in corso, a partire da Copernicus, che l’Esa gestisce con la Commissione Europea e che si basa sulle Sentinelle, i satelliti progettati per studiare suolo, acque, ghiacci e vegetazione. Luce verde, quindi ai satelliti Sentinel 1 Next generation Sentinel 3 Next generation. C’è poi Aeolus 2 in collaborazione con l’organizzazione europea Eumetsat, “che migliorerà in modo drammatico le previsioni meteo, con strumento costruito in Italia”.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto