Collegati con noi

Cronache

È l’Italia la “rotta del terrore”, bufera su Lamorgese dopo l’eccidio di Nizza

Avatar

Pubblicato

del

“Se per l’attentatore di Nizza sono confermati lo sbarco a Lampedusa a settembre, il passaggio da Bari e poi la fuga chiediamo le dimissioni del Ministro dell’Interno Lamorgese”. Matteo Salvini da’ voce a un centrodestra che torna a compattarsi contro il governo e, soprattutto, contro il ministro Lamorgese, dopo l’attacco jihadista in una chiesa di Nizza il cui bilancio e’ di tre morti e un ferito grave. Il killer, ed e’ questo che scatena la veemente reazione dell’opposizione, prima di giungere in Costa Azzurra ha percorso quella che il vicepresidente del Copasir, Adolfo Urso (Fdi), ha definito una “rotta del terrore” che troverebbe le porte d’Europa a Lampedusa e l’anticamera su tutto il nostro territorio nazionale. Sotto le ceneri, del resto, ancora covano i rancori politici per la cancellazione dei decreti Sicurezza siglati da Salvini che, a detta del centrodestra, avrebbero potuto costituire almeno uno scudo agli ingressi e alla circolazione degli immigrati clandestini, cui si iscriverebbe l’omicida di Nizza.

“Il governo deve chiarire come sia stato possibile una cosa del genere”, tuona la leader di Fdi Giorgia Meloni che parla di una notizia di “una gravita’ inaudita” che puo’ esporre “la nostra Nazione al rischio di isolamento. E’ uno scenario – aggiunge poi Meloni su Facebook – che Fdi da tempo denuncia e che potrebbe concretizzarsi a causa della furia immigrazionista di questo esecutivo”. Non e’ forse un caso che, in mezzo al coro di chi chiede una immediata informativa parlamentare di Conte e Lamorgese, ci sia anche chi “suggerisce” al governo di “scusarsi con la Francia e Macron”. Edmondo Cirielli – Questore della Camera e membro della commissione Affari esteri – accusa senza mezze misure il Pd e i Cinque Stelle – “con la loro politica dell’accoglienza indiscriminata” – di “corresponsabilita’ morale della strage di oggi”. La presidente dei senatori di Forza Italia Anna Maria Bernini, chiedendosi come sia stato possibile che “un migrante sbarcato in Italia in piena pandemia abbia raggiunto impunemente la Francia per compiere una strage”, legge nella vicenda “una precisa responsabilita’ politica che non puo’ essere sottaciuta”. Per il centrodestra, insomma, “ci vuole un’immediata inversione di rotta sull’accoglienza indiscriminata: e’ paradossale che il ministro dell’interno che difendeva i confini sia sotto processo, e chi ha sempre sostenuto che i terroristi non arrivano sui barconi possa restare al suo posto come se nulla fosse accaduto”.

Advertisement

Cronache

Antonio De Iesu commissario del Comune di Eboli

Avatar

Pubblicato

del

A seguito delle dimissioni dalla carica del sindaco di Eboli (Salerno) Massimo Cariello, il prefetto di Salerno Francesco Russo ha disposto la sospensione del Consiglio comunale e la nomina del commissario prefettizio per la provvisoria gestione del Comune. Il commissario sarà Antonio De Iesu, già vice capo della Polizia e questore di Napoli e Milano. A De Iesu sono attribuiti i poteri spettanti al sindaco, alla Giunta e al Consiglio. Lo scorso 8 ottobre Cariello è stato arrestato nell’ambito di un’inchiesta della Procura di Salerno su presunti casi di corruzione. Il 9 novembre Cariello ha comunicato le sue dimissioni dalla carica, diventate irrevocabili dopo 20 giorni.

Continua a leggere

Cronache

Campania, da domani allerta arancione per 24 ore

Avatar

Pubblicato

del

La Protezione civile della Regione Campania ha emanato un avviso di avverse condizioni meteo su tutta la Campania a partire dalle ore 12 di domani e fino alla stessa ora di giovedi’. Si prevedono precipitazioni sull’intero territorio regionale. La criticita’ idrogeologica e’ di colore Arancione sulle zone 1, 2, 3 (Zona 1: Piana campana, NAPOLI, Isole, Area Vesuviana; Zona 2: Alto Volturno e Matese; Zona 3: Penisola sorrentino-amalfitana, Monti di Sarno e Monti Picentini), Gialla sul resto della regione. Il bollettino evidenzia “precipitazioni da sparse a diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale, localmente di moderata o forte intensita’”. Previste anche raffiche di vento nei temporali. Il dissesto idrogeologico sara’ “diffuso” nelle zone in cui l’allerta e’ Arancione; “localizzato” nei settori in cui il livello di allerta e’ Giallo. Sono possibili fenomeni come instabilita’ di versante, localmente anche profonda, frane superficiali e colate rapide di detriti o di fango; significativi ruscellamenti superficiali, anche con trasporto di materiale, possibili voragini per fenomeni di erosione; allagamenti di locali interrati e di quelli a pian terreno; innalzamento dei livelli idrometrici dei corsi d’acqua minori, con fenomeni di inondazione delle aree limitrofe, anche per effetto di criticita’ locali (tombature, restringimenti, occlusioni delle luci dei ponti); scorrimento superficiale delle acque nelle strade e possibili fenomeni di rigurgito delle acque piovane con tracimazione e coinvolgimento delle aree urbane depresse; occasionali fenomeni franosi e possibili cadute massi per condizioni idrogeologiche fragili, per effetto anche della saturazione dei suoli.

Continua a leggere

Cronache

Castellammare di Stabia, arrestato un geometra dell’ufficio tecnico del Comune

Avatar

Pubblicato

del

La Guardia di Finanza di Torre Annunziata, ha arrestato un dipendente dell’ufficio tecnico del Comune di Castellammare di Stabia, e due coniugi, accusati di “induzione indebita a dare o promettere utilita’”. Le indagini hanno consentito di acertare che il geometra del Comune incaricato di eseguire sopralluoghi nei cantieri edili, si sarebbe reso responsabile di due distinti episodi di indebita induzione, entrambi commessi nel 2019, avendo indotto gli autori degli abusi edilizi accertati a corrispondergli indebitamente somme di denaro ed altri benefici, per poter proseguire i lavori abusivi e non incorrere in una sentenza di condanna. Disposto il sequestro, per equivalente, di denaro e di altri beni per un ammontare complessivo di 14.000 euro pari all’importo del prezzo del reato, nei confronti dei tre destinatari della misura cautelare. La Guardia di Finanza ha proceduto al sequestro della somma di 2.000 euro rinvenuta sui conti correnti bancari dei coniugi nonche’ della somma di 950 euro in contanti e di un ciclomotore del valore di circa 1.000 euro rinvenuti nella disponibilita’ del tecnico comunale.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto