Collegati con noi

Cronache

Difficile trovare camerieri, ristoranti con più robot e menu touchscreen

Avatar

Pubblicato

del

E’ il crepuscolo del cameriere pronto a prendere la comanda col tovagliolo al braccio. In sala, al ristorante, con le sempre piu’ diffuse tecnologie self-service dall’ordinazione al piatto pronto sembra tutto piu’ veloce. Almeno quando il target di clientela e’ digital-friendly, come in numerosi sushi-bar della Capitale. E abbattere i costi del lavoro in sala permette di far tornare i conti dell’impresa, ma anche di proporre listini prezzi piu’ democratici. Menu low cost. “Oggi come oggi la cosa piu’ difficile e’ trovare personale di sala adeguato” sottolinea il ristoratore romano Antonello Colonna. “Sto investendo molto – continua – per un nuovo villaggio della ristorazione a Labico, in provincia di Roma, analogico e digitalizzato. Non più camerieri per la comanda, ma un totem con interfaccia touchscreen dove i clienti posso prendere visione del menu e fare l’ordinazione. Quando un segnale luminoso lo segnala, possono quindi ritirare il piatto pronto direttamente nella cucina dove e’ a vista ogni preparazione da parte dello chef”. E’ il futuro prossimo della nuova impresa di ristorazione di Antonello Colonna, che a dicembre aprira’ un “Open bistrot” alla Stazione Termini di Roma in collaborazione con Chef Express e col Gruppo Cremonini. Un caso quella dell’automazione al posto dei camerieri non isolato in Italia, dove i robot hanno preso piede in uno dei locali piu’ cari allo scrittore Hemingway, Gran Caffe’ di Rapallo. E ancor meno negli Usa e in Giappone. Catene come McDonald’s stanno installando corner self-service, permettendo ai clienti di ordinare in piena autonomia. Starbucks negli usa incoraggia i clienti a ordinare sulla propria app mobile; “queste transazioni – secondo quanto riporta il think tank O1net. – rappresentano il 10% delle vendite”. Secondo il Boston Consulting Group, il costo delle macchine, anche sofisticate, e’ diminuito significativamente negli ultimi anni, scendendo del 40% dal 2005. Mentre il lavoro di un addetto alla sala, nel frattempo, sta diventando costoso per alcune normative sul salario minimo, e in Italia per la difficolta’ lamentata da molti operatori di trovare personale adeguatamente formato e multilingue. Anche le gelaterie italiane diventano cashless con l’adozione del POS mobile: SumUp, l’azienda fintech leader nel settore dei pagamenti digitali, ha individuato cinque tra le migliori gelaterie in Italia (a Domodossola, a Ruvo di Puglia, a San Giovanni Lupatoto (Verona), a San Valentino in Abruzzo Citeriore, e a Reggio Emilia) dove e’ possibile pagare cashless, senza tirare fuori gli spicci dal portafoglio mentre si e’ gia’ con il cono in mano. “I piccoli esercenti si stanno attrezzando non soltanto per allinearsi alle nuove normative italiane e europee in termini di pagamenti digitali, ma anche per offrire ai clienti un’esperienza soddisfacente e veloce anche in cassa”, spiega Marc-Alexander Christ, Co-Founder di SumUp. Nel caso delle gelaterie, SumUp offre una tecnologia mPOS semplice e conveniente: si acquista online, si collega allo smartphone ed e’ compatibile con tutte le carte di credito o debito e con i principali metodi di pagamento digitale, come ApplePay o Google Pay”. Gli imprenditori sostengono che i robot assumeranno il controllo del lavoro sporco, pericoloso o semplicemente noioso. Zume Pizza, a Mountain View, California, ha – come riferisce ancora O1net. – una linea di montaggio di robot che spalmano salsa sulla pasta e sollevano le torte in forno. Grazie ai suoi investimenti iniziali nell’automazione, Zume spende solo il 10% del suo budget per la manodopera, contro il 25% di un tipico ristorante. E i dipendenti sono sopra la media per quanto riguarda salari e benefit. Le paghe partono da 15 dollari l’ora e la societa’ offre anche il rimborso delle lezioni per il coding e data science.

Advertisement

Cronache

Massacrarono un carabiniere che cercava di sedare una rissa e lo derubarono: arrestati gli ultimi due della banda

Avatar

Pubblicato

del

Identificati e arrestati due responsabili dell’aggressione e del pestaggio dell ‘appuntato scelto dei Carabinieri Giovanni Ballarò, aggredito una settimana fa mentre filmava nel centro di Castellammare alcuni giovani coinvolti in una rissa: si tratta di pregiudicati stabiesi ritenuti responsabili di violenza aggravata a pubblico ufficiale e di lesioni personali pluriaggravate ai danni del militare.
I carabinieri del reparto operativo di Castellammare di Stabia coordinati dalla Procura di Torre Annunziata hanno analizzato le immagini girate dal carabiniere aggredito e quelle stravolta dal sistema di videosorveglianza della zona ed hanno identificato l’aggressore più violento, quello che aveva preso il militare a pugni e calci e l’ultimo arrivato in ordine di tempo che, arrivato a bordo di un motociclo, si era pure lui scagliato sul carabiniere e lo aveva preso ripetutamente a calci mentre era per terra. Con questi arresti sono stati identificati tutti gli aggressori ed assicurati alla giustizia.

Massacrano un carabiniere che prova a sedare una lite e lo derubano del borsello, il video delle bestie in branco che picchiano: 4 sono già in galera

Continua a leggere

Cronache

Mozzicone sigaretta incastra omicida dopo 14 anni

Avatar

Pubblicato

del

Svolta nelle indagini sull’omicidio di Altagracia Corcino Gil, la prostituta dominicana uccisa ad Alessandria nel 2006. Quattordici anni dopo il ritrovamento del cadavere della donna, all’epoca trentenne, i carabinieri hanno arrestato Andrea Casarin, 47enne originario di Alessandria ma residente in provincia di Pavia. Sono sue le impronte e il dna trovati nell’alloggio della vittima, legata e strangolata e con la giugulare recisa da due coltellate. Un delitto efferato sui cui ora proseguono le indagini, coordinate dalla magistratura, per chiarire ogni aspetto di questo cold case rimasto irrisolto per tanti anni. Era il 29 giugno 2006 quando i carabinieri trovarono la vittima nuda in un bilocale ammobiliato di via Parma, al secondo piano del civico 24, dove si prostituiva da un paio di mesi. La giovane vittima, che si era trasferita li’ dal Pavese, aveva le caviglie legate e la mano destra avvolta da nastro adesivo. Era stata una amica, che da due giorni non riusciva a mettersi in contatto con lei, a far scoprire l’omicidio. Dopo aver bussato alla porta dell’appartamento, senza ricevere risposta, si era decisa a chiamare i carabinieri. La dominicana era supina sul letto, nuda, distesa di traverso. Vicino al corpo un grosso coltello da cucina e, poco lontano, la custodia di cartone. L’alloggio era in ordine, il televisore acceso in soggiorno e la porta d’ingresso chiusa dall’esterno. Nessuna traccia delle chiavi di casa, come dei suoi tre cellulari. Le indagini, a tutto campo, non portarono a individuare l’assassino, e dopo tre anni il caso venne archiviato. A riaprirlo sono state l’intuizione di un maresciallo, che indagando su vecchie questioni si e’ ritrovato in mano il fascicolo dell’omicidio, e le moderne banche dati informatiche delle forze dell’ordine. Inserendo nel computer le impronte trovate sul luogo del delitto e’ emerso infatti che appartenevano a Casarin, arrestato nel 2013 all’aeroporto di Malpensa mentre aspettava un corriere proveniente da Santo Domingo con sei chili di cocaina. Il resto l’ha fatto l’abilita’ degli investigatori dell’Arma, agli ordini del colonnello Michele Angelo Lorusso, che durante un pedinamento hanno recuperato un mozzicone di sigaretta abbandonato dall’indagato. Il materiale genetico ricavato dal reperto e’ risultato compatibile alle tracce biologiche trovate sulla scena del delitto. E l’uomo e’ stato arrestato. Dopo 14 anni.

Continua a leggere

Cronache

Foggia, assalto a furgone portavalori: i banditi bloccano l’A14, sparano e incendiano ma fuggono senza bottino

Avatar

Pubblicato

del

Hanno organizzato una rapina da film ma poi alla fine sono scappati a mani vuote. È accaduto sull’autostrada A14, due chilometri dopo l’uscita di Cerignola Est, direzione Sud: un commando armato ha assaltato un furgone portavalori, esploso numerosi colpi di arma da fuoco e lasciato chiodi sull’asfalto. Per bloccare l’autostrada hanno messo di traverso tre auto e le hanno dato fuoco. Sul posto sono intervenute le pattuglie della Polizia stradale e del Commissariato di Cerignola, che hanno deviato il traffico sull’A14 nel tratto interessato, poi i Vigili del fuoco, Guardia di Finanza e Carabinieri. I malviventi erano almeno 8, a bordo del furgone portavalori della Sicuritalia c’erano tre guardie giurate, ma qualcosa ha disturbato il commando. Il colpo non è stato portato a termine, i banditi – forse disturbati- sono poi fuggiti scavalcando il guardrail ed hanno fatto perdere le loro tracce.

 

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto