Collegati con noi

Politica

Dieci anni a Cinquestelle, Di Maio è il leader indiscusso ma Grillo resta il padre nobile altro che comico

Avatar

Pubblicato

del

Dieci anni non sono tanti per una forza politica. Il M5S è ancora un Movimento civico di base, che risente degli umori della base. È una forza politica ancora tutta da costruire, strutturare. C’è una classe dirigente diffusa da formare, alleanze da consolidare, obiettivi vecchi da riprogrammare, nuove mete da affrontare. Del M5S si può dire quello che si vuole, non gli si potrà mai imputare però la mancanza di vitalità e originalità nella proposta politica. Bastava girare tra gli stand della festa per i dieci anni di Napoli, alla Mostra d’Oltremare, per sentire articolare ragionamenti su temi ambientali, energetici, difesa del territorio, partecipazione democratica digitale, acqua pubblica, rifiuti da trasformare in ricchezza, patrimonio edilizio privato e pubblica da mettere in sicurezza e tanti altri temi per convincersi che c’è bisogno di questa novità politica, di questo virus per contagiare il Palazzo. Non basta la riduzione dei costi della politica, ci vuole il rispetto delle istituzioni, il rispetto dei beni comuni, la capacità di creare partecipazione. Su questi temi il M5S a dieci anni dalla nascita e con l’ingresso nelle istituzioni, deve fare un primo bilancio del lavoro svolto e cercare nuovi orizzonti. Questo è il momento giusto. Dopo il fallimento dell’esperienza con la Lega e l’alleanza con il Pd, il MoVimento torna centrale nelle istituzioni. Ha fatto poco? Ha fatto tanto? Non importa. Ha fatto. Deve continuare a fare quello che ha promesso di fare. Deve continuare a parlare a quegli 11 milioni di italiani che l’hanno votato per convinzione o perchè (tanti), quando si votò nel marzo del 2018 non sapevano a chi dare il loro consenso e scelsero di affidarsi alla novità, non vollero votare il partito in cui credevano perchè s’erano sentiti traditi.

Il M5S ha commesso anche tanti errori? Certo, tantissimi. Solo chi lavora rischia di sbagliare. Nella storia recente, poi, analizzare errori veri o presunti, non è facile. Forse se ne incaricheranno più gli storici che i giornalisti. Il giornalismo può parlare di paure,  ricordare gli errori,  trovare presunti colpevoli degli errori che hanno fatto dimezzare i consensi del M5S alle europee è compito più delicato.

Fatto sta che Matteo Salvini, per il Movimento 5 Stelle, è diventato un brand messo alle spalle. Alla Festa di Napoli c’erano tanti attivisti e simpatizzanti del Movimento che senza essere offensivi e beceri, mettevano alla berlina il leader legista. Al punto che ci hanno fatto una maglietta. “Per quale Mojito?”, c’era scritto sopra la T-shirt. Così riprendendo il finto strafalcione che il capogruppo alla Camera Francesco D’Uva pronunciò in aula interrogandosi sulle ragioni che avevano spinto la Lega a mollare il governo ad agosto. Salvini l’hanno evocato Luigi Di Maio, Giuseppe Conte e perfino Davide Casaleggio. Ma il nome di Salvini, a dire il vero, non lo fa nessuno. Salvini è il passato per i Cinquestelle, anche se il Pd non è detto che sia il presente o il futuro. Si guarda “avanti”, ripetono tutti in coro, e in effetti anche  la festa dei dieci anni del Movimento, ha poco o nulla di celebrativo. Nei vari luoghi di dibattito, ai vari panel in cui s discute di futuro del Paese, non c’è nessuno che parla di passato. La parola d’ordine è futuro. La parola d’ordine è “cambiare”. Beppe Grillo quando ha parlato, a lungo, con Dalila Nesci, Nicola Morra, Carla Ruocco, non l’ha fatto per farli cambiare. No, il padre del MoVimento prova a far ragionare tutti sul futuro. E per Grillo il futuro non sono le poltrone ma le conquiste future. Il padre del Movimento ne parlava mica solo con Di Maio in questi giorni. Ne parlava con chiunque. In questa foto sotto, ad esempio, per mezz’ora s’è messo a discutere di futuro e innovazione con Emilio Carelli, deputato del MoVimento.

Innovazione. Grillo che discute fitto fitto con Carelli di futuro del Movimento e di nuove proposte da portare nelle Istituzioni

E con Di Maio alcuni cavalli di battaglia del Movimento, in 16 mesi, non sono più promesse elettorali ma leggi: Reddito di Cittadinanza, Pensione di Cittadinanza, taglio di 345 poltrone in Parlamento, abolizione die vitalizi e altre cose ancora.  E se tutto ciò s’è fatto, Luigi Di Maio ne avrà qualche merito. Brillo ha ragionato con lui dinuove regole che servono al Movimento. Grillo stima e vuole bene Di Maio come se fosse un suo figlio. Ed ogni volta lo riempie di “cazziate”, lo tormenta di critiche, lo inonda di idee e consigli. Insomma Di Maio non ha una musa ispiratrice ma un musone genovese che lo ispira in ogni scelta. Con una particolarità: Grillo apprezza Di Maio. E lo supporta soprattutto quando sbaglia. Come farebbe ogni padre con un figlio.
È soddisfatto, Grillo, del governo con il Partito democratico. A Grillo  piace anche Giuseppe Conte anche se ha “quel difetto delle adenoidi da stappare”.

Dentro e fuori il Movimento c’è chi prova a creare tensione tra Di Maio e Conte, sottolineando differenze, evidenziando l’esistenza addirittura di un testa a testa tra i due leader. Ma sono troppo diversi per contrapporli. E nel M5S Di Maio non ha competitor. Bastava seguire Di Maio in questi giorni dentro la Mostra d’Oltremare, tra la gente, negli stand. Ma chi sono questi grillini oggi, dieci anni dopo, quando sono entrati nelle istituzioni, stanno amministrando il potere. “Siamo cambiati, non siamo cambiati, chi siamo? Inutile che pensiamo di avere la stessa identità di dieci anni fa. Dovete percepirlo come un momento straordinario: è giusto che siamo cambiati!”.

Advertisement

In Evidenza

Elisabetta Trenta non molla la casa, il M5S dà l’avviso di sfratto: lasci o sarà fuori dal Movimento

amministratore

Pubblicato

del

Sono molto arrabbiata. Questa storia mi porterà dei danni. E’ evidente che ormai sono sotto attacco”. Sono le parole che usa la ex ministra della Difesa Elisabetta Trenta per difendersi dall’inchiesta de “Il Corriere della Sera” sulla casa a San Giovanni che ha conservato pur non essendo da mesi al ministero. Ricordiamo, perchè è utile, che Elisabetta Trenta è stata “bocciata” dal M5S che non l’ha voluta nella delegazione ministeriale del Conte II. Lei al Corriere della Sera dice che quanto accade “è tutto regolare”. E dice che “ormai la casa è stata assegnata a mio marito e in maniera regolare. Per quale motivo dovrebbe lasciarla?”. Dice anche altre cose appendendosi sugli specchi, ma va bene così. Non è importante quello che dice Elisabetta Trenta. È chiaro che l’ex  ministra è convinta che è nel giusto, ben sapendo che quella casa è un privilegio che non sta in piedi. È importante invece quello che dice il M5S. Di Maio da due giorni dice che la Trenta deve lasciate la casa. Oggi il M5S prende ufficialmente, nella sua interezza, posizione. “Le spiegazioni di Elisabetta Trenta, a proposito dell’assegnazione dell’appartamento al marito, non sono sufficienti. I nostri valori sono incompatibili con l’intenzione di mantenere l’appartamento. Ci sono soldati e militari che hanno davvero bisogno di un alloggio e non è il caso di Elisabetta Trenta e del marito.

Questa situazione e’ inaccettabile anche per il lavoro che i nostri parlamentari e attivisti portano avanti da anni in tema di Difesa. Luca Frusone, nostro portavoce in commissione Difesa, ha presentato proprio in questi giorni una risoluzione che chiede la riorganizzazione degli alloggi militari. Quella degli alloggi militari è una questione di cui ci siamo occupati, perchè spesso prevalgono amicizie e clientelismi, a danno dei soldati che, appunto, hanno davvero bisogno” scrive il M5S sul blog. “Non sono concessi sconti – sostiene – Questa è una guerra a una mentalità molto radicata nel nostro Paese. O la trasformiamo noi, o non c’e’ nessuno che lo farà al posto nostro. Questa vicenda non danneggerà il grande lavoro di tutto il MoVimento, come dimostra la risoluzione di Luca Frusone. L’animo delle persone non si può cambiare, che il singolo sbagli puo’ accadere, ma i nostri valori sono intoccabili e li facciamo rispettare. Sempre. Questo e’ cio’ che ci distingue dai partiti. Quindi ci auguriamo che Elisabetta Trenta lasci la casa e se il marito, in quanto militare, ha diritto ad un alloggio puo’ fare domanda e lo otterrà”. Si vedrà. Qualche dubbio che questo comportamento della Trenta non danneggi il M5S però lo nutriamo.

Intanto che la signora Trenta decida se e come andarsene da un alloggio che le fu assegnato da ministra, la Procura militare della Repubblica di Roma ha aperto un fascicolo d’indagine per accertare eventuali profili di sua competenza in relazione alla vicenda della casa dell’ex ministra della Difesa Elisabetta Trenta. Si tratta, per ora, di atto dovuto dopo l’inchiesta di Fiorenza Sarzanini che ha beccato in fallo la ex ministra e le decine di denunce pubbliche di politica e sindacalisti sulla vicenda della casa di San Giovanni dove ancora vive la ex ministra.

Continua a leggere

Napoli

Borrelli, l’eroe normale dei giorni nostri: contro camorre, degrado e parcheggiatori abusivi ci metto il corpo e la faccia perchè a Napoli o si vince o si muore

Avatar

Pubblicato

del

Consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli combatte in prima persona le battaglie in cui crede: legalità, senso civico, decoro urbano. Il suo smartphone è la lama affilata brandita contro cialtroni, incivili e delinquenti. Per la sua incessabile attività di denuncia, ha subito ritorsioni ed aggressioni fisiche. A Juorno racconta il florido business dei parcheggiatori abusivi e commenta le ultime vicende della politica locale, a pochi mesi dalle elezioni regionali in Campania.

Borrelli, lei si ribella a tutto ciò che un normale cittadino trova insopportabile subire, ma che troppo spesso subisce senza denunciare. Ha mai pensato che molti dei cittadini che si rivolgono a lei siano in realtà corresponsabili dei problemi della città?

Quando le persone mi chiamano per interventi pretestuosi, magari contro il vicino di casa che non fa la differenziata, non mi muovo, chiedo di denunciarli in prima persona, perché bisogna metterci la faccia. Altre volte mi arrivano segnalazioni valide e allora mi mobilito in prima persona.

Parliamo di una delle sue battaglie storiche, quella contro i parcheggiatori abusivi. Come si è evoluto questo fenomeno nel corso del tempo?

Dagli anni sessanta e fino agli anni ottanta, era un fenomeno di dimensioni modeste e prevalentemente di accattonaggio. Negli ultimi quindici anni è diventato un fenomeno estremamente diffuso, delinquenziale ed estorsivo. Non si tratta più di un’offerta a piacere, ma di un sistema di militarizzazione del territorio, spesso anche di vedette della camorra e di spacciatori. Con l’ultimo blitz i carabinieri hanno sequestrato 36mila euro ad 80 parcheggiatori abusivi, credo che in quella somma fossero inclusi anche i proventi dell’attività di spaccio.

 

C’è chi afferma che vada fatta una distinzione fra parcheggiatori estorsori e gente per bene che si arrangia come può. Che ne pensa?

Ho chiesto di vederle queste persone per bene, vorrei andare a casa loro e verificare di persona. Molti avrebbero potuto smettere diventando beneficiari del reddito di cittadinanza, ma hanno iniziato a percepirlo e nel contempo hanno proseguito l’attività. Altri non l’hanno ottenuto perché condannati per reati gravi.

Per le sue denunce è stato spesso aggredito e ha subito ritorsioni. Ha mai pensato che la sua fosse una guerra persa in partenza?

Nessuna guerra è persa in partenza, se la combatti credendoci. D’altronde, se Gandhi è riuscito a liberare l’India dal dominio inglese, e Martin Luther King ha ottenuto la parificazione fra bianchi e neri in America, non vedo per quale motivo noi non possiamo vincere la battaglia contro i parcheggiatori abusivi.

Quanto le costa in termini di serenità la sua attività di denuncia?

Mi costa tanto in termini di serenità e rapporti personali. Più volte persone a me care sono state minacciate per il solo fatto di essere state avvistate insieme a me. Per me è una limitazione, temo in alcuni casi di farmi vedere con la mia fidanzata, perché è già successo che subisse ritorsioni. Stesso discorso per mia madre. 

Cosa prevede l’attuale normativa in materia, integrata dal decreto sicurezza dell’allora ministro Salvini? Quale invece la sua ricetta?

L’unica vera forma di repressione fu quella dell’allora ministro Minniti, che istituì i Daspo. Non risolsero il problema, ma fu la prima reale forma di contrasto ai parcheggiatori. Con Salvini, il numero dei parcheggiatori nel napoletano è aumentato da 2400 a 3600. Il suo decreto prevede la reclusione per sei mesi, un provvedimento inutile perché per sei mesi non si va in galera. Ci vuole l’arresto in flagranza di reato.

Dal suo osservatorio privilegiato, quanto vale il business dei parcheggiatori abusivi e quanto è esteso il controllo della camorra?

Facciamo due conti. Parliamo di 3600 abusivi nel napoletano, 10000 circa in tutta la regione. Il loro introito mensile varia dai 1500 ai 6000 euro al mese. Facendo una media di 3000 euro a persona, stiamo parlando di un business da 360 milioni di euro all’anno. Molti di loro sono legati ai clan, si dividono le piazze come se fossero piazze di spaccio. Coroglio in una notte può valere 4-5mila euro, lo stadio San Paolo nel giorno della partita 5-6 mila euro. La camorra gestisce indirettamente, tramite i suoi uomini, almeno il 70% delle aree di sosta abusive.

Molti cittadini denunciano però anche l’inerzia della polizia municipale. Che opinione ha in merito?

Ho pieno rispetto per tutte le forze di polizia, ma quando il prefetto di Napoli deciderà di affrontare in modo organico i problemi di microcriminalità del territorio, allora avremo un tipo di intervento molto più efficace. Se noi portiamo avanti tutte le nostre attività, è perché da una parte ci sono violenza ed inciviltà diffuse, dall’altra un lassismo insopportabile da parte delle istituzioni.

Se fosse il Sindaco di Napoli, come si muoverebbe per contrastare la microcriminalità?

Non so se sarò mai sindaco di Napoli, è difficile quando non rispondi a lobby e poteri precostituiti, però non bisogna mai mettere limiti alla provvidenza, perché in passato sono stati eletti sindaci che non rispondevano a poteri forti, si veda lo stesso De Magistris. Tolleranza zero e massimo della pena: questo farebbe il sindaco di Napoli Borrelli.

Come giudica l’operato dell’esecutivo regionale a guida De Luca e della giunta comunale a guida De Magistris? Ha pesato l’incomunicabilità fra questi due attori?

Penso siano due grandi personalità che in modo diverso rappresentano il nostro territorio. De Magistris è stato capace di interpretare un momento di moto e di rivalsa dei napoletani; De Luca è oggi probabilmente il miglior amministratore che abbiamo in Campania. Forse sono stati troppo presi da se stessi per comprendere che il dialogo era un obbligo e non una possibilità.

Avrà sentito l’audio dei due consiglieri comunali dei Verdi intenti ad orchestrare la mozione di sfiducia a De Magistris. Cosa ne pensa della vicenda e come si comporterà il gruppo dei Verdi quando si voterà la mozione di sfiducia?

Trovo ignobile registrare le conversazioni; è tipico di persone che si muovono nel sottobosco della politica. In quella riunione però non avrebbero dovuto esserci esponenti dei Verdi. Condivido la presa di distanza dell’esecutivo nazionale e so che ci sono dei provvedimenti duri in atto. Penso che non voteranno la sfiducia al sindaco, un provvedimento che va fatto per motivi politici e non di tornaconto personale, per ottenere più potere. 

Un giudizio sull’ultimo rimpasto nella giunta comunale con Eleonora De Majo assessore alla cultura.

Sono un grande estimatore di Nino Daniele, un galantuomo ed un ottimo assessore alla cultura. Di certo non sono un fan della De Majo e non condivido le sue idee, però è giusto che il sindaco si sia assunto la responsabilità di apportare determinate modifiche, e lei dovrà essere giudicata alla prova dei fatti. La De Majo sta verificando sulla sua pelle quanto siano pesanti, quando li si subisce, i metodi aggressivi e violenti utilizzati dagli estremisti che si riconoscono nelle sue idee. Sta subendo aggressioni verbali e per questo le sono solidale; spero che in futuro non ricorra più a tali metodi nei confronti dei suoi avversari politici.

A breve si voterà alla Regione. Lei sarà candidato? In che coalizione vedremo i Verdi?

Noi auspicavamo una coalizione di centrosinistra insieme ai 5 Stelle, un percorso che ad oggi appare compromesso. Il mio auspicio è che ci sia la capacità di rimetterlo in piedi. Se così non sarà, valuteremo. Siamo ovviamente favorevoli ad alleanze col PD e con i 5S. L’unico soggetto che non prendiamo in considerazione è il centrodestra e in particolare la Lega. Io sarò candidato.

Continua a leggere

Politica

Casa alla ex ministra della Difesa, Trenta scrive una lettera per spiegare ma Di Maio dice: lasci quella casa

Avatar

Pubblicato

del

La ex ministra della Difesa del M5S Elisabetta Trenta prova a spiegare le ragioni per cui è ancora in un alloggio di servizio di prima fascia a Roma, pur possedendo una casa nella Capitale. E lo fa scrivendo una lettera al Corriere della Sera che però pubblica su Fb.   “Da ministro ho chiesto l’alloggio di servizio perchè più vicino alla sede lavorativa, nonchè per opportune esigenze di sicurezza e riservatezza”. E’ quanto scrive l’ex ministro della Difesa Trenta su Facebook. “Quando ho lasciato l’incarico, avrei avuto, secondo regolamento, tre mesi di tempo per poter lasciare l’appartamento; termine ancora non scaduto (scadenza tre mesi dal giuramento del nuovo governo, vale a dire 5 dicembre 2019). Come è noto, mio marito è ufficiale dell’Esercito Italiano con il grado di maggiore e svolge attualmente un incarico di prima fascia, incarico per il quale è prevista l’assegnazione di un alloggio del medesimo livello di quello che era stato a me assegnato, è stato riassegnato lo stesso precedentemente concesso a me, previa richiesta e secondo la medesima procedura. Pertanto, avendo mio marito richiesto un alloggio di servizio, per evitare ulteriori aggravi economici sull’amministrazione (a cui competono le spese di trasloco, etc.), è stato riassegnato lo stesso precedentemente concesso a me, previa richiesta e secondo la medesima procedura di cui sopra. Tanto per doverosa informazione”, aggiunge. “Questa è la lettera da me inviata alla giornalista (Fiorenza Sarzanini è la giornalista che da sempre di occupa di giudiziaria e lo fa da sempre con bravura, onestà e correttezza), strumento di qualcuno che da due giorni mi attacca. Mi chiedo il perchè ma intanto credo che sia giusto chiarire. Buona domenica a tutti!”, conclude la Trenta. Insomma la signora Trenta, alla fine non chiarisce un bel nulla e se la prende, ovviamene, con la giornalista. Per lei il problema è la giornalista, non il fatto che lei sia ancora in una casa del ministero della Difesa.

E infatti l’ex ministero non convince nessuno. Si sicuro non ha convinto il capo politico del M5S, Luigi Di Maio, che da Salerno, con diplomazia dice alla Trenta cose nette. “Sulla questione dell’ex ministra Trenta – dice Di Maio – penso che sicuramente il marito avrà diritto a quell’alloggio. Ma è opportuno che in questo momento la ministra, dopo aver avuto tre mesi di tempo per lasciarlo, lasci quell’alloggio. Poi il marito farà la richiesta per ottenere l’alloggio come tutti gli ufficiali dell’Esercito seguendo la normale graduatoria. È la cosa più corretta da fare”. Ed è quello che la ministra farà, ha tempo fino al 5 dicembre per lasciare la casa.

Continua a leggere

In rilievo