Collegati con noi

Politica

Di Maio invita Di Battista a smetterla di destabilizzare il M5s: non giochiamo a risiko

Pubblicato

del

Non c’è una dichiarazione di guerra ma sulla mappa di un ipotetico risiko interno ai 5 Stelle e che vede contrapposti il capo politico Luigi Di Maio e il ‘movimentista’ Alessandro Di Battista sta per accadere qualcosa. Forse un chiarimento. “Non mi interessa se in buona fede o in mala fede, ma se qualcuno in questa fase destabilizza il Movimento con dichiarazioni, eventi, libri, destabilizza anche la capacità del Movimento di orientare le scelte di governo”. Di Maio lo scrive in un lungo post su Facebook e insiste: “Stiamo governando la Nazione Italia, non stiamo giocando a risiko”. Senza citarlo, insomma, chiama in causa l’ex deputato e autore del libro “Politicamente scorretto”. Lo stesso che per una frase sui 5 Stelle diventati in un anno ‘burocrati chiusi nei ministeri’, ha fatto arrabbiare il vicepremier. Ma l’ex deputato respinge le accuse (“Non c’è nessun tentativo di destabilizzazione”) e le ribalta su Matteo Salvini: “Ieri ho visto il ministro dell’Interno annunciare che intende convocare i sindacati, questo è un modo di destabilizzare il governo”, scandisce a “1/2 h in più”. Intanto, tra i due big 5S non e’ pace fatta e i chiarimenti ancora in sospeso. Dibba non lo nasconde. “Non dico che e’ tutto a posto”, ammette e aggiunge: “Quando uno e’ arrabbiato, si chiarisce”. Quindi annuncia: “Ci vedremo presto e chiariremo screzi e incomprensioni” con Luigi, “a cui voglio bene e lo stimo”, conferma. Da parte sua, e prima di lui, il numero uno del M5s è netto nel chiedere di deporre le armi: “Si rimettano i carriarmatini nella scatola e ognuno porti avanti il ruolo che è chiamato ad assolvere nella società: ministro, parlamentare, attivista, cittadino”.

In attesa di vedersi, l’attuale attivista pronto a ricandidarsi se cadesse il governo, continua a segnare le differenze con il socio di maggioranza: “La Lega sta provando a sondare per trovare un incidente. Se poi mi sbaglio, sarò il più felice”, punzecchia. Che il partito di Salvini voglia far saltare il banco, l’ex parlamentare non lo esclude da giorni (“Se fosse così, sono affari suoi”, aveva detto intervistato da Lilli Gruber mercoledì). Divisioni come da copione anche sulla Tav. Di Battista ripete di essere “contrarissimo” al progetto e aggiunge, quasi rispondendo al leghista: “Tutte balle che siamo il popolo del no”. Quindi argomenta: “E’ un’opera che costa tanti denari e non è utile”.

Ma aggiunge, fiducioso: “Sono convinto che Conte possa trovare una soluzione”. E butta sul tavolo anche l’ipotesi di una nuova agenda per il futuro del Movimento: “Ne ho parlato con Casaleggio e credo sia d’accordo anche Di Maio. Un movimento ha bisogno continuamente di rigenerarsi e io immagino una nuova agenda”. In casa 5 Stelle, intanto, si apre un’altra crepa. Anche se era nell’aria da tempo. La senatrice ‘dissidente’ Paola Nugnes annuncia al Manifesto che dira’ addio al Movimento, virando probabilmente al gruppo Misto (come gia’ l’ex capitano della Marina Gregorio De Falco, espulso dal M5s).

Advertisement

Politica

Ranucci: non andrò alla presentazione dei palinsesti Rai, Report merita più rispetto

Pubblicato

del

“Non parlo della Rai, vorrei evitare un procedimento disciplinare… posso dire che per la prima volta a distanza di 30 anni non andrò alla presentazione dei palinsesti”. Lo spiega, rispondendo ai giornalisti, Sigfrido Ranucci, coautore e conduttore di Report protagonista di un incontro con il pubblico sul suo volume La scelta (Bompiani) alla 23/a edizione del Libro Possibile, il festival sostenuto da Pirelli, che chiude la prima parte a Polignano a Mare e poi sarà dal 23 al 27 luglio a Vieste.

A chi gli chiede se questa decisione sia anche legata all’ipotesi di spostamento d’orario (dall’autunno l’inizio dovrebbe essere anticipato) per la trasmissione d’inchiesta su Rai 3 commenta: “Credo che Report, una risorsa interna, essendo stata premiata come la migliore trasmissione di informazione, quella che incarna di più il servizio pubblico, meriti in assoluto più rispetto”. Nel libro il giornalista parla della libertà d’informazione, dei rischi che corre e del suo lavoro e di Report.

“In Italia mi sono sempre sentito libero, anche in questi anni – aggiunge – Bisogna mettersi d’accordo su quanta energia devi impiegare per difendere questa libertà di stampa, per renderla più divulgabile, su quanta forza hai ancora per difendere questo e il diritto dei cittadini di essere informati”. Al termine “di diversi tour per la presentazione del libro, l’affetto della gente che ho trovato non ha prezzo – sottolinea -. Mi ha fatto riconciliare con le scelte fatte in questi anni di privilegiare il pubblico come unico editore di riferimento, senza avere nessun padrino politico, dei poteri forti, L’aver scelto di rimanere me stesso. Credo che l’indipendenza sia uno stato dell’anima”.  m

Continua a leggere

Politica

Pomicino: chi toglie libertà al Parlamento la toglierà al Paese

Pubblicato

del

“Chi toglie la libertà al Parlamento prima o poi la toglie anche al Paese. Come fece Mussolini”. Lo spiega Paolo Cirino Pomicino in un’intervista al Corriere della Sera rispondendo alla domanda se gli piace la premier Giorgia Meloni. “Una volta si diceva ‘gratta il cosacco e troverai il russo’. Qua gratti i Fratelli d’Italia e trovi i post-fascisti”, prosegue Pomicino secondo cui Meloni non comanda, “ma che deve comandare? Comanda la finanza”. E aggiunge, “dirò una cosa che darà un dispiacere ai suoi tanti detrattori.

Andreotti aveva un grande senso dello Stato ed è stato un grandissimo statista. Ma di politica non ci capiva nulla”. Inoltre per quanto riguarda la storia del presunto bacio con Totò Riina, “bacio e Andreotti non possono stare nella stessa frase: se solo gli stringevi la mano, la ritraeva schifato. Figuriamoci un bacio”. Di Pomicino si dice che sia stato uno degli artefici del debito pubblico italiano. “Sciocchezze. Certo, non si ha idea di quanti soldi abbia portato io a Napoli negli anni 80… ma per cose concrete: la metropolitana, il centro direzionale. È dimostrato, ad esempio dall’economista della Bocconi Tommaso Nannicini – conclude -, che è stato senatore del Pd e non è di certo un mio amico, che l’esplosione del debito pubblico non fu dovuta all’aumento della spesa pubblica ma alla bassa pressione fiscale”.

Continua a leggere

Politica

Von der Leyen si gioca le ultime carte per il bis

Pubblicato

del

L’ultimo fine settimana a perfezionare il programma di governo, poi ancora un giro di faccia a faccia cruciali per conquistare il bis. Tra promesse e rassicurazioni, Ursula von der Leyen si avvicina allo scrutinio segreto del 18 luglio al Parlamento europeo indaffarata a tessere una tela che nei giorni scorsi ha toccato tutte le forze europeiste e a volte anche i singoli deputati. I suoi popolari, i socialisti e i liberali sono pronti a darle di nuovo, cinque anni dopo la prima volta, la loro fiducia. Accompagnati anche dai verdi. Gli ultimi dettagli saranno però definiti a inizio settimana tra i corridoi di Strasburgo, quando la presidente incontrerà anche la sinistra di The Left e i conservatori di Giorgia Meloni delineando il cammino politico che intende perseguire. E sul voto, già adombrato dal rischio dei franchi tiratori, si aggiunge anche un’incognita legale: il verdetto della Corte di giustizia Ue – in arrivo alla vigilia della conta – sui ricorsi contro la tedesca e il suo esecutivo per la mancanza di trasparenza nei contratti sui vaccini anti-Covid. Una sentenza che potrebbe contribuire a spostare il pallottoliere in un senso o nell’altro. L’obiettivo di von der Leyen resta quello di blindare il sostegno di circa 400 deputati di Ppe, S&D e Renew: abbastanza per superare quota 361, la maggioranza necessaria.

Le grane però in casa però non mancano: i popolari francesi e sloveni (11 nel complesso) hanno già annunciato i loro malumori nei confronti della tedesca. E, allo stesso modo, i liberali irlandesi (4 del Fianna Faíl e 2 indipendenti) sono orientati alla bocciatura mossi dalla contrarietà alle sue posizione sul Medio Oriente, nonostante l’estremo tentativo del premier Simon Harris – di famiglia popolare che governa con loro a Dublino – di convincerli a ripensarci. In via ufficiale soltanto un socialista ha annunciato che, per le stesse ragioni, voterà no: lo sloveno Matjaz Nemec. Ma lo scontento è diffuso e per Ursula sarà allora importante il sì in blocco dei 21 europarlamentari del Pd che chiedono “maggior chiarezza su alcuni temi” – dall’agenda sociale allo stato di diritto -, ma hanno fatto sapere che “le premesse sono buone”. In soccorso della presidente uscente arriveranno con ogni probabilità anche i 53 eurodeputati dei Greens che puntano a esprimere un voto “di gruppo” e “coerente” a patto di ottenere un documento scritto che certifichi il loro ingresso nell’orbita della maggioranza. E che non vi sia quella “cooperazione strutturale” tanto temuta con i Conservatori di Giorgia Meloni. Nessuno di loro finora, ad eccezione del premier ceco Petr Fiala che può portare in dote i 3 eurodeputati del suo Ods, le ha assicurato il sì. Ed è con loro che von der Leyen parlerà martedì in un colloquio decisivo soprattutto per l’orientamento di Fratelli d’Italia. Dopo l’incontro “si vedrà”, ha ribadito Nicola Procaccini facendo eco alla premier italiana, impegnato a portare avanti la battaglia di una Commissione europea che – comunque vada il voto su Ursula – nei prossimi cinque anni sia di “centrodestra” perché “i commissari sono espressione dei governi e la maggior parte” nei Ventisette “è di centrodestra”.

La plenaria si aprirà martedì con la riconferma invece quasi scontata di Roberta Metsola alla guida dell’Eurocamera per altri due anni e mezzo. Per lei ci sarà il sostegno anche di tutte le delegazioni italiane in blocco, dalla Lega a Fratelli d’Italia, dal Pd al Movimento 5 Stelle. Mentre la scelta – sempre a scrutinio segreto – dei suoi 14 vice offrirà una primo test per la tenuta del cordone sanitario che l’arco europeista punta a stringere intorno all’estrema destra dei Patrioti di Viktor Orban – alle prese a loro volta con il caso Vannacci – e della neonata Europa delle nazioni sovrane a guida AfD per escluderli da tutti i ruoli istituzionali. Poi giovedì, alle 13, la suspense della conta per Ursula. Un’eventuale bocciatura sarebbe una prima storica. E, stando ai Trattati, imporrebbe ai leader Ue di proporre un nuovo nome entro un mese, in piena estate.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto